Categorie
Curiosità

Olanda batte Italia: è il paese dove si mangia meglio

Secondo una recente ricerca, e con buona pace dei cultori della gastronomia di casa nostra, l’Olanda è il paese in cui si mangia meglio al mondo.

cucina-olandeseSulla base dell’ultimo rapporto dell’associazione umanitaria internazionale, Oxfam, l’Olanda risulta essere il Paese dove si mangia meglio al mondo seguito da Francia e Svizzera, mentre l’Italia occupa solo l’ottavo posto.

I ricercatori hanno valutato la quantità, la qualità, l’accessibilità e le malattie legate all’alimentazione in 125 Paesi. L’Olanda ha ottenuto il primo posto perché ha prezzi alimentari relativamente bassi, minori livelli di diabete e una migliore diversità nutrizionale rispetto ai suoi rivali europei.

Nella top 12 sono presenti anche Austria, Belgio, Danimarca, Svezia, Australia, Irlanda, Lussemburgo e Portogallo. Mentre al primo posto della classifica dei paesi dove si mangia peggio appare il Ciad, dove gli alimenti hanno scarso valore nutritivo, sono costosi e trattati con limitate condizioni igieniche. Seguono Etiopia e Angola.

La ricerca ha rivelato, inoltre, che negli Stati Uniti i prezzi degli alimenti sono più accessibili, mentre in Angola sono meno convenienti. La qualità del cibo è più elevata in Islanda e più bassa in Madagascar. Il più alto livello di diabete è presente in Arabia Saudita, mentre il paese dove è diffuso maggiormente il problema dell’obesità è il Kuwait. Inoltre il rapporto Oxfam dimostra che la malnutrizione è più diffusa nel Burundi, dove il 67 % delle persone sono denutrite e il 35 % dei bambini sono sottopeso.

Categorie
Costume & Società

Amati di Marzio Nocchi, sfida Eataly di Farinetti: parola d’ordine mangiar bene

Vengono entrambi da esperienze lontane dal food e dalla ristorazione, eppure, hanno deciso di puntare tutto sul cibo di qualità, perché la cosa più importante è mangiare bene; così Marzio Nocchi fonda la linea di ristoranti Amati, competitor diretto di Eataly di Farinetti.

L’Italia è nota come la patria della buona cucina e sembra che anche imprenditori che non hanno in passato avuto a che fare con la ristorazione e il cibo, abbiano compreso quanto sia importante mangiare cibo di qualità, perché molti dei problemi (pressione alta, diabete, ictus, infarti…) di salute più comuni dipendono dalla cattiva alimentazione e dal poco tempo che dedichiamo alla tavola, soprattutto a pranzo quando si ha una pausa pranzo “molto compressa” e gustare qualcosa di qualità può richiedere troppo tempo o un prezzo troppo alto.

Così, dopo Eataly “il centro commerciale” del buon cibo made in Italy (già presente in diverse città del Mondo e molte regioni d’Italia), ecco arrivare i ristoranti Amati, prima a Milano e Londra e poi in altre città, che già dal nome invitano a volersi bene e a scegliere cibo di qualità. Insomma, la direzione è quella di un ritorno alla dieta mediterranea, abbandonando i fast food, ma con tempi più rapidi, prodotti più pratici e se possibili gustosi e di stagione. Perché mangiare bene mette di buon umore, consente di lavorare meglio e fa bene alla salute. Cosa da non dimenticare di certo…

Categorie
Bellezza & Salute

Dimagrire spendendo poco? Bere almeno un litro d’acqua al giorno

Dimenticate le costose iscrizioni in palestra o le pillole “miracolose” per la dieta – i ricercatori hanno trovato il modo più conveniente, per perdere peso: semplicemente bevete!!! Uno studio ha provato che gli adulti, che hanno bevuto due bicchieri d’acqua, prima di un pasto, hanno perso circa un 1 kg in più, rispetto ad un gruppo, che non ha bevuto abbastanza acqua.

La ricerca si è basata su una revisione di 11 studi diversi, esaminando l’impatto dell’acqua potabile sulla dieta – e tre studi mostrano chiaramente che bere più acqua aiuta ad incrementare la perdita di peso.bere acqua

Brenda Davy, professoressa presso il Virginia Tech negli Stati Uniti, che ha assistito alla revisione, ha dichiarato che l’acqua potrebbe aiutare a “soffocare” le sensazioni di fame e a ridurre l’apporto calorico nella dieta.

Rebecca Muckelbauer, ricercatrice presso la Scuola di Berlino della Salute pubblica, Charité University Medical Center di Berlino, in Germania, che ha guidato la nuova revisione degli studi d’acqua, ha offerto anche un’altra spiegazione degli effetti benefici dell’acqua sulla dieta; ha suggerito la possibilità di “termogenesi indotta dall’acqua”: bere l’acqua incrementa la spesa energetica dell’organismo. Ha un effetto che porta a consumare energia..ma non è stato molto studiato”.

L’Istituto di Medicina raccomanda agli adulti di bere almeno 2,5 litri di liquidi al giorno, ed essi possono provenire da alcuni alimenti o altre bevande, diverse dall’acqua.

Categorie
Bellezza & Salute

Alimentazione: i cibi che “uccidono” l’intelligenza

Quando si parla di nutrizione, bisogna ricordare che ci sono tanti tipi di alimenti: alcuni sono i vostri più grandi alleati, contro i chili di troppo, mentre altri stimolano la funzione cognitiva e aiutano a migliorare la memoria.

cibo sano stare bene cucina benessereD’altra parte, alcuni alimenti sono noti per avere un effetto devastante sul corretto funzionamento del cervello, e molti nutrizionisti consigliano di consumarli, moderatamente, al fine di limitare il loro impatto negativo. Detto questo, ecco i primi 10 alimenti, che “uccidono” la vostra intelligenza, lentamente, ma inesorabilmente:

1. prodotti dolci: zucchero e prodotti dolci sono un male, non solo per il vostro girovita, ma anche per la funzione del cervello. Un grande e costante consumo di zucchero può causare problemi neurologici, e persino influenzare, negativamente, la capacità di imparare e memorizzare. Per questo motivo, si sconsiglia di evitare lo zucchero, sciroppo di mais e prodotti, con alto contenuto di fruttosio;

2. alcol: è noto per i suoi effetti dannosi al fegato, ma causa anche, ciò che è noto come “annebbiamento del cervello”. Il nome suggerisce una sensazione di confusione mentale, che porta a non pensare con chiarezza e a non ricordare. Fortunatamente, questi sintomi sono reversibili, a condizione che si cessi il consumo di alcol o si limiti l’assunzione di uno o due drink, a settimana;

3. cibi spazzatura: un recente studio, che è stato eseguito presso l’università di Montreal, ha rivelato che il cibo spazzatura può modificare le sostanze chimiche nel cervello determinando, in tal modo, i sintomi associati alla depressione e all’ansia. Inoltre, gli alimenti che sono ricchi di grassi, possono anche innescare alcuni sintomi, che sono simili a quelli di astinenza, quando si smette di consumarli. Questi cibi influenzano la produzione di dopamina, una sostanza chimica importante che dona una sensazione generale di benessere. Inoltre, la dopamina supporta anche la funzione cognitiva, la capacità di apprendimento, l’attenzione, la motivazione e la memoria. Questo è il motivo per cui è importante evitare tutti gli alimenti, che contengono grassi eccessivi;

4. cibi fritti: quasi tutti gli alimenti trasformati contengono sostanze chimiche, coloranti, additivi, aromi artificiali, conservanti e questi possono influenzare il comportamento e il funzionamento cognitivo, dovuto alla sostanza chimica che provoca iperattività, sia nei bambini che negli adulti. I cibi fritti o trasformati distruggono, lentamente, le cellule nervose situate nel cervello. Tuttavia, alcuni oli sono più pericolosi di altri – l’olio di semi di girasole è considerato tra i più tossici;

5. alimenti trasformati o precotti: proprio come i cibi fritti, gli alimenti trasformati o precotti hanno anche un impatto sul sistema nervoso centrale, aumentando il rischio di sviluppare una malattia degenerativa del cervello più avanti (come il morbo di Alzheimer);

6. cibi molto salati: tutti sanno che i cibi salati influenzano la pressione sanguigna e fanno maleal cuore. Tuttavia, come suggerisce la ricerca, gli alimenti che contengono elevate quantità di sale (sodio) possono influenzare la funzione cognitiva e compromettere la capacità di riflettereIl consumo di cibi salati e nicotina ha dimostrato di avere gli stessi effetti delle droghe, creando astinenze;

7. cereali: tutti i tipi di cereali hanno un impatto sul funzionamento del cervello e sulla salute generale, fatta eccezione dei cereali integrali, che sono ricchidi fibre e prevengono l’invecchiamento delle arterie. Se si consumano cereali normali, il corpo rischia di invecchiare più velocemente di quanto si crede e si può anche sperimentare la perdita di memoria. Detto questo, tutto quello che dovete fare è optare per il pane integrale!

8. proteine trasformate: le proteine sono i “mattoni” dei muscoli e sono molto importanti, per il corretto funzionamento dell’organismo. La carne è la più ricca fonte di proteine di alta qualità, ma bisogna evitare il consumo di proteine eccessivamente elaborate, come hot dog, salumi, salsicce e simili;

9. dolcificanti artificiali: solitamente, quando le persone cercano di perdere peso, sostituiscono lo zucchero con dolcificanti artificiali. È vero che i dolcificanti artificiali contengono meno calorie, ma, effettivamente, fanno più male che bene! Se consumati, per un lungo periodo di tempo, i dolcificanti artificiali possono causare danni al cervello e interferiresulle capacità cognitive;

10. nicotina:non provoca solo l’invecchiamento precoce, l’alito cattivo e un aumentato rischio di cancro ai polmoni, ma influisce anche sulla produzione e funzione dei neurotrasmettitori, serrando i capillari, che sono vasi sanguigni molto piccoli, che giocano un ruolo fondamentale, quando si tratta della funzione del cervello.

 

 

 

 

 

Categorie
Cucina

Cucina pratica: ecco il gadget spray che spruzza il succo di limone sul cibo

Uno spray, munito di piccole punte, che viene inserito direttamente all’agrume ed estrae subito il succo fresco, per poi spruzzarlo sul cibo e nelle bevande, è stato lanciato sul mercato. Il gadget di plastica “Stem” viene collegato direttamente al limone, arancia o lime e rilascia  uno spruzzo sottile di succo, per insaporire ogni pietanza.

Lo spray da 7,99£ è utilissimo per i consumatori; a quanti di voi sarà capitato di fare un pasticcio, nel momento in cui si spreme un limone e cola più succo tra le mani, che sul cibo? O quando, per sbaglio, cadono i semini del limone sulla pietanza? O quando il succo acido del limone va su piccoli tagli delle dita e si sente un dolore assurdo?

Un altro beneficio dell’atomizzatore, lungo circa 6 cm,  è la sua rapidità nel condire un’insalata o un gin tonic; il gadget sostituisce il coltello, per tagliare il frutto, e il processo della spremitura manuale.

E dopo un rapido risciacquo, lo spray, disponibile per stem spruzza limone sprayl’acquisto online, può essere utilizzato più volte.  L’invenzione è stata già criticata, in maniera positiva, dai compratori online; un recensore ha affermato: “lo spremiagrumi Stem è facile da pulire e funziona perfettamente”.

“Stem” è stato progettato da un imprenditore statunitense Tim Houle e sviluppato da American Company Quirky. Jaime Yandolino, portavoce di Quirky, ha affermato: “Stem è un intelligente gadget da cucina; ciò significa che non è più necessario tagliare i limoni e spremerli per ottenere i loro succhi. È sufficiente collegare Stem direttamente al frutto, senza nessun problema e nessun disordine. É ottimo per spruzzare il succo sul cibo o nelle bevande. Quando Stem ci è stato presentato, abbiamo subito capito che era una buona idea”.

Categorie
Bellezza & Salute

Gli esperti di Women’s Heatlh rispondono alle vostre domande

Dubbi sull’alimentazione, stile di vita e capelli? Ecco le risposte dagli esperti di Women’s Heatlh

La soia è un cibo che ha aspetti controversi. É salutare o no?

La dietologa Susan Levin afferma che gli alimenti di soia meno trattati, come il miso, latte di soia e tofu, sono salutari. I prodotti più trattati potrebbero non avere gli stessi benefici. Alcuni alimenti contengono proteine concentrate di soia e gli esperti non sono sicuri se hanno lo stesso beneficio contro il cancro, come i primi.

Cali di zucchero e ti senti affaticata? Ecco la soluzione:

“Il segreto è avere pasti regolari. Se si saltano dei pasti, è facile sentirsi apatici. Bisogna mangiare almeno ogni tre ore”, afferma Lila Bruck di Lila Bruck and Associates. “è importante fare sempre la colazione. Se si sente una fatica continua, bisogna controllare i livelli di ferro, vitamina B12 e la tiroide”.

Come si può aumentare l’energia, senza caffeina?Cambiare-stile-di-vita

Il nutrizionista Dr. Melina Jampolis afferma: “per una ripresa fisica, che dura dalle due alle tre ore, bisogna mangiare uno snack ricco di carboidrati ( per l’energia) e proteine (per un miglior funzionamento cerebrale). Oppure si può consumare uno yogurt greco, a basso contenuto di grassi, con frutti di bosco e cereali. Un’altra opzione semplice è ascoltare un pezzo musicale, per solo tre minuti, o guardare un video divertente su YouTube”. Come afferma lo psichiatra Dr. Sudeepta Varma, la musica e le risate stimolano il cervello.

C’è un rimedio per riparare le punte, senza il bisogno di tagliare i capelli?

Lo stylist per i capelli, Marios Atzemoglio, proprietario di Marios Company For Hair, afferma: “per  risultati istantanei, bisogna tagliare le punte. Per trattare il problema, è consigliabile fare una spuntatina ogni 5-6 settimane e usare trattamenti idratanti. Evitare troppo calore dagli strumenti per i capelli e prodotti chimici (coloranti)”.

Lo stress può causare la comparsa dei capelli bianchi?

Il tricologo Erma Titus afferma: “lo stress come anche il diabete, l’anemia o problemi della tiroide, fattori nutrizionali e ormonali potrebbero causare la crescita prematura di capelli bianchi. È possibile che quando si è sotto stress, i follicoli non producano più melanina e la vitamina B va  ad esaurirsi. Bisogna, a quel punto, prendere degli integratori di vitamina B”.

Categorie
Cucina

Da Women’s Own arrivano i dieci supercibi anti-età

Il guru della dieta, Angela Dowden, di Women’s Own consiglia dieci alimenti semplici per un aspetto sano e più giovane:

  1. crescione d’acqua: offre benefici protettivi contro il cancro. È un’eccezionale fonte di calcio, ferro, vitamina K, che rafforza le ossa, e vitamina A per una vista migliore. CONSIGLIO: usalo con patate, brodo di pollo, latte, cipolle e aglio per ottenere una minestra nutriente e con poche calorie;
  2. fagioli rossi: sono una buona fonte di flavonoidi, una famiglia degli antiossidanti, che possono mantenere l’invecchiamento sotto controllo. Il loro basso indice glicemico e l’alto contenuto di fibre aiutano a mantenere stabili i livelli del glucosio nel sangue;
  3. pomodori: il colore rosso dei pomodori proviene da un pigmento naturale chiamato licopene, che è uno dei più potenti antiossidanti. È stato dimostrato che il pomodoro agisce dall’interno all’esterno, per proteggere la pelle contro i raggi ultravioletti;
  4. salmone: Dr. Nicholas Perricone afferma: “l’infiammazione è associata a molti processi dell’invecchiamento”. Il salmone è ricco di omega-3, che agiscono contro l’infiammazione;cibo anti età
  5. carote: queste verdure, apparentemente semplici, sono ricche di beta-carotene, che contrasta i radicali liberi. Per di più, le carote aiutano a migliorare il sistema immunitario;
  6. prugne: hanno un’alta percentuale di anti-ossidanti e sono molto efficaci, anche se mangiate con lo yogurt;
  7. cavoli ricci: sono super ricchi di luteina, che aiuta a proteggere contro i raggi ultravioletti. Gli oculisti lo raccomandano, perché previene la degenerazione maculare;
  8. olio di oliva: è dimostrato che la dieta mediterranea, ricca di olio di oliva, è la più salutare tra le diete. Gli studi comprovano che l’olio aiuti a sviluppare meno rughe;
  9. latte di soia: due bicchieri di latte di soia, al posto del latte normale, potrebbero essere un grande aiuto, durante i problemi della menopausa, e per mantenere la pelle soda;
  10. frutti di bosco: gli antociani nei frutti di bosco sono fonte di vitamina C, che stabilizza il collagene e permette di avere una pelle più giovane.
Categorie
Bellezza & Salute

Benessere: sette alimenti che possono sollevare il nostro morale

L’HuffPost Healthy Living ha compilato una lista di alimenti, “amici” del nostro benessere, capaci di risollevarci il morale senza danneggiarci. Certo, ovviamente non parliamo di bomboloni alla crema o altri dolci grassi; ma di soluzioni che possono giovare al nostro umore e al tempo stesso al nostro benessere fisico. Ecco quali sono questi alimenti:

alimenti naturali: il blogger di Huffpost e psichiatra Dr. Drew Ramsey ha affermato: “la ricerca emergente, nel campo di neuroscienza e nutrizione, mostra che le persone che si alimentano di cibi trattati hanno più alti livelli di depressione, ansia , cambi di umore, iperattività e una vasta gamma di problemi mentali e emotivi”. Cucinare pasti con alimenti naturali può essere un buon modo, per prendersi cura del proprio corpo e della propria mente;

salmone: questo tipo di pesce, come tutti i pesci grassi, hanno un’alta quantità di acidi grassi omega 3, che sono importanti per il benessere dell’organismo. La ricerca mostra come questi grassi hanno un effetto protettivo contro la depressione e, in uno studio, è stato dimostrato che hanno ridotto l’ansia negli studenti;

mandorle: esse sono piene di un composto alimenti, allegria, cibo, morale, depressionechiamato tirosina, importante per la produzione di dopamina. Mangiare le mandorle significa, non solo, migliorare la salute cardiovascolare, grazie alle fibre e agli acidi grassi monoinsaturi e poloinsaturi, ma anche sollevare il morale;

mele: il CNN ha riportato che le mele sono ricche di quercetina, un composto, che difende le cellule cerebrali dai radicali liberi, che possono danneggiare il rivestimento dei neuroni;

cioccolata: tutti sappiamo che la cioccolata è buona e piena di antiossidanti. Ma può aiutare anche a ridurre l’ansia. In quelli che soffrono d’ansia, il cioccolato al latte può ridurre i sintomi;

semi di girasole: sono un’altra fonte di tirosina, vitamina E e selenio;

tofu: la salsa di semi di soia è una fonte ricca di tirosina, ma fornisce anche le giuste quantità di proteine, che hanno benefici sulla salute delle ossa, riducendo i sintomi della menopausa.

Categorie
Bellezza & Salute

Quando il cibo diventa un’ossessione: riconoscere i disturbi alimentari

Viviamo in una società e in una cultura che privilegia l’apparire piuttosto che l’essere. Siamo immersi in un clima nel quale respiriamo quotidianamente il richiamo ad essere belli, vincenti e a perseguire il successo. Le sollecitazioni dei media in queste direzioni sono martellanti e, per le ragazze, l’ideale di bellezza, omologato a quello di magrezza, è in primo piano. Di fronte agli strumenti deboli che molti giovani hanno a disposizione nel proprio bagaglio emotivo e psicologico, l’adesione a questi modelli appare loro l’unica modalità utile per sentirsi più proponibili e accettabili.

Le principali caratteristiche dei disturbi alimentari possono essere riassunte come segue:

  • Presenza di comportamenti alimentari anormali: digiuni, abbuffate, alimentazione incontrollata (binge-eating);
  • Altri comportamenti anormali quali: vomito indotto, abuso di lassativi o diuretici, eccessivo esercizio fisico;
  • Problemi di salute fisica dovuti ai comportamenti di cui sopra (amenorrea, aritmia cardiaca, ipocalemia, osteopenia, erosione dello smalto dei denti, ecc.);
  • Eccessive preoccupazioni per il peso, la forma e l’alimentazione.

Cibo e corpo sono diventati bersagli per le patologie legate al comportamento alimentare, strumenti alternativi per dimostrare di esserci e ricevere attenzione.

disturbi alimentariI disturbi dell’alimentazione sono diventati il punto di incontro di una serie di difficoltà che si presentano ai giovani d’oggi: dalle ricadute dei miti effimeri della nostra epoca, alla patologia delle relazioni familiari, alle esperienze traumatiche vissute nel corso della crescita, alle aspettative troppo grandi di cui si sentono fatti oggetto.

Non va mai sottovalutato il comportamento di un figlio che inizia a prestare un’attenzione eccessiva a quel che mangia; quando ci si accorge dell’instaurarsi di quella “mentalità da dieta” che avrà come conseguenza inevitabile la restrizione alimentare.

Oltre ai segnali alimentari, sono altri i segni che si possono scorgere nella vita dell’adolescente: l’eccessiva preoccupazione per il peso e per le forme del corpo mai vissuti con serenità e motivo, dunque, di continua critica e insoddisfazione; i rapidi cambiamenti dell’umore e l’irritabilità; i sintomi depressivi, come la perdita del desiderio per le amicizie e gli svaghi; i rituali ossessivi, come il lavarsi troppo spesso le mani, la necessità di un ordine perfetto e sempre secondo i medesimi schemi; un’ossessiva esigenza di mantenere un rendimento scolastico a livelli molto alti; l’eccesso di attività fisica.
Situazione indicativa della possibile presenza di bulimia potrebbe essere: una persona che mangia molto ma non aumenta di peso e magari si alza da tavola per andare in bagno dopo il pasto.

Il ruolo dei genitori è determinante nella presenza di patologie legate ai disordini alimentari. E’ necessario che essi rivolgano la propria attenzione alle prospettive dei loro figli: ai loro progetti, ai loro desideri, ma anche, e soprattutto, alle loro difficoltà e mancanza di autostima.

E’ importante che abbiano la consapevolezza che possono essere loro artefici del recupero dei loro figli, gli alleati fondamentali degli specialisti per la cura dei disturbi dell’alimentazione nel recupero da queste gravi patologie. Occorre che considerino quanto i sintomi dei figli altro non sono che la punta dell’iceberg di una condizione che ha radici molto più profonde. E’ a queste che va posta attenzione e non tanto a quello che una ragazza (o un ragazzo) mangia o non mangia. Inoltre, un costante atteggiamento di valorizzazione aiuta i figli a costruire un’immagine interiore di sé positiva, sulla quale trovare appoggio per far fronte ai falsi miti del tempo in cui viviamo.

Categorie
Bellezza & Salute

Sigaretta dopo i pasti, attenzione: facilita il reflusso e la risalita di cibo e acidi

Per coloro che finora hanno compiuto dei sacrifici in nome della line e del benessere, arriva il primo campanello dall’arme: le feste natalizie.

Infatti, questo è il periodo in cui pranzi e cene abbondanti si susseguono senza sosta. Fritture, piatti elaborati e dolci ipercalorici si mangiano a volontà; i vizi natalizi sono ormai alle porte e come una minaccia incombono sui sacrifici e sul sudato lavoro di chi rispetta un equilibrio in cucina.

Ma quello che più preoccupa sono le conseguenze di questo cibo sregolato con tutti i disturbi gastrici e intestinali che ne conseguono, almeno è quel che rivela un sondaggio condotto da Anifa su mille italiani tra i 15 e i 64 anni. Infatti, l’eccesso nel volume del pasto, la concitazione e la conseguente marcata velocità nell’assunzione del cibo, l’abitudine al fumo durate il pasto e la sedentarietà sono i veri nemici della digestione che frequentemente si osservano nel corso dei pranzi festivi e dei cenoni.

E’ quel che è emerso dallo studio secondo Attilio Giacosa, Direttore scientifico del dipartimento di Gastroenterologia del Gruppo Sanitario Politecnico di Monza. sigaretta fumo cena reflusso intestinaleQuindi, per evitare fastidiosi inconvenienti legati a questo genere di abitudini, basta limitare le porzioni, ricordare che i cibi ricchi di grassi richiedono più tempo per essere digeriti ma, soprattutto, al contrario di quello che si immagina, evitare la famosa sigaretta dopo pasto.

Questa abitudine, infatti, non rilassa i nervi, ma i muscoli della valvola posizionata tra stomaco ed esofago, facilitando così il reflusso e la risalita di cibo e acidi. Quindi meno cibo accompagnato da sigaretta questo Natale, per rendere un po’ tutti più felici.