Categorie
Bellezza & Salute

Tre bicchieri di champagne a settimana aiutano a migliorare la memoria

Ecco una ragione perfetta per stappare lo champagne – una nuova ricerca suggerisce che tre bicchieri di champagne, a settimana, possono migliorare la memoria. Gli scienziati sono convinti che un regolare bicchierino di champagne può aiutare a prevenire i disturbi cerebrali come la demenzia o l’ Alzheimer.

Gli intenditori hanno a lungo sostenuto i suoi benefici. Un esempio è l’avvocato e scrittore sulla criminalità, John Mortimer; egli beveva un bicchiere di champagne ogni mattina e affermò, prima di morire all’età di 85 anni, che questo era il segreto della sua lunga vita. Ma lo studio condotto dagli scienziati all’università di Reading è il primo che identifica i benefici salutari dello champagne.

Il composto che aiuta a contrastare la smemoratezza è stato trovato nell’uva nera, nel Pinot noir e Pinot meunier, usati per lo champagne.

Jeremy Spencer, professore di biochimica che ha guidato la ricerca, ha affermato: “questi grappoli vengono usati nel vino rosso e molte ricerche hanno evidenziato i benefici del vino rosso, così ero curioso di scoprire, se c’erano dei benefici attribuiti allo champagne”.

Il vino rosso, se consumato moderatamente, può aiutare ad abbassare la pressione del sangue e proteggere il cuore. Ciò è dovuto ai composti chimici nel vino, conosciuti come flavonoidi. Nello champagne, un diverso composto aiuta nella memoria ed è l’acido fenolico.

Il professor Spencer ha suggerito alle persone champagne aiuta memoria 3 settimanaultra 40enni di bere due o tre bicchieri di spumante a settimana. Ha dichiarato: “la demenzia potrebbe avere inizio all’età di 40 anni fino agli 80; è una malattia graduale e per prevenirla basterebbe trarre beneficio dallo champagne”.

Gli esperimenti sono stati condotti sui ratti, ma Spencer è sicuro che anche il cervello umano potrebbe avere gli stessi benefici. Ai ratti è stato dato champagne ogni giorno, mescolato con il mangime, per sei settimane. Ad ogni topo, è stato permesso di correre in un labirinto, per trovare il trattamento commestibile.

Cinque minuti dopo, l’esercizio è stato ripetuto per vedere se il topo avrebbe ricordato il punto dove recuperare il cibo e dove ne avrebbe trovato altro. Senza champagne, i ratti hanno avuto un tasso del 50 % di successo, ma dopo un bicchierino, il loro successo è arrivato al 70 %.

Il Prof Spencer ha dichiarato:

I risultati sono stati strabilianti. Dopo che i topi hanno consumato champagne regolarmente, c’è stato un incremento del 200 % delle proteine correlate alla memoria. Questo è successo ai topi dopo sei settimane. Pensiamo che per l’uomo ci vogliano tre anni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *