Categorie
Musica & Spettacolo

Le conclusioni sanremesi di Geppi Cucciari: non dimentichiamo Rossella Urru

Domenica, “The Day after”. Sanremo ancora nell’aria, tutti critici musicali, Celentano, farfalle, fiori e farfalloni. Ma soprattutto, in lettere maiuscole: IL PODIO DI SOLE DONNE. Una conclusione che riconcilia tutti. Un vero Happy End. I sorrisi si allargano, paterni e compiaciuti, dalle casalinghe agli intellettuali. Ultimamente ogni scusa è buona per rincalzare l’orgoglio femminile. E San Remo non poteva non contribuire a modo suo, dopo le gaffes machiste delle prime serate.

geppi cucciari sanremoE poco importa, qualcuno fa notare, se si vocalizza di notti a vomitare, di incomunicabilità amorosa o dell’inferno di una novella Cenerentola. Non questiono sulle canzoni, assolutamente, non mi chiamo Luzzatto Fegiz, e nemmeno Al Bano. E – confesso – ho passato il pomeriggio a cantare a squarciagola “Sono solo paroleeee” pulendo il bagno. Era dai tempi di Alice e “Per Elisa” che non mi succedeva. Però questo, da qualunque parte lo si prenda, è stato fino ad un certo punto un vero festival panoramico sull’Essere Donna Oggi (ma non è la canzone di Elio e le Storie Tese). Un po’ triste, molto rassicurante e pure necessario. Come i pranzi festivi in famiglia: tutti si lamentano ma alla fine ogni anno suonano alla porta con le pastarelle, per tornarsene poi a casa ben pasciuti e soddisfatti.

Quindi passo a volo d’uccello su tutti i partecipanti per atterrare in fretta e furia vicino al finale. Sotto i riflettori Geppi Cucciari, donna nota più per i suoi furti dal frigo della Marcuzzi (spropositate quantità di quello yogurt che aiuta nei momenti di incomprensione con il proprio gonfiore) piuttosto che per il suo programma G’day, su La 7. Un leggio, il palco è suo e sue le conclusioni. Drappeggiata in un coraggioso blu in tinta con i gradini (non ci vedo bene, devo rifare gli occhiali), tranquilla come Valentino Rossi, all’improvviso si esibisce in una curva a radicchio e chiede alla telecamera: “Che fine farà Rossella Urru?” Silenzio. “Voi sicuramente non sapete chi è, perché non se ne parla tanto sui giornali“. E continua, più o meno, “Rossella è una volontaria italiana, gente che ci rende orgogliosi di essere qui. Lavora per aiutare le donne e i bambini in Algeria. Da 117 giorni è prigioniera. L’hanno rapita nel deserto insieme a due cooperanti spagnoli. Io spero che il suo futuro sia qui a casa sua, libera e presto. E intanto spero che se ne parli. E che siano anche queste le donne in Italia che fanno notizia”.

http://www.youtube.com/watch?v=5X7dnCnRX_Q&feature=player_embedded

Non aggiungo altro. Se non che forse ci siamo chiesti un po’ tutti chi fosse quella Rossella, il cui manifesto è appeso a Palazzo Marino a Milano, ma anche sulla facciata di altri palazzi di amministrazioni comunali. Non voglio sapere che effetto fa venire dimenticata, nel proprio paese, dopo un paio di notizie al telegiornale, tra il 23 ottobre scorso e la rivendicazione di dicembre.

Poi mi sono anche chiesta come mai Geppi Cucciari parlasse di Rossella Urru e senza nulla togliere, anzi probabilmente aggiungendo merito a merito, ho trovato questo appello del 17 febbraio sul blog del Popolo Viola. Geppi e i suoi autori lo hanno raccolto e lo hanno rilanciato.

Napolitano oggi (lunedì 20 febbraio) incontrerà i genitori di Rossella nel primo dei suoi due giorni di visita in Sardegna. Servisse a qualcosa. E non fossero “Solo parole”.

Qui lo spazio dedicato a Rossella sul web: www.rossellaurru.it.

Qui la pagina speciale che il TG3 ha deciso di mantenere attiva fino alla soluzione della ricerca.

 

Una Signorina Silvani più seria del solito.

Categorie
Musica & Spettacolo

Sanremo 2012: la classifica finale ragionata di PinkDNA

Il Festival di Sanremo è terminato, come tutti saprete ormai, con il trionfo di Emma Marrone e della sua Non è l’inferno. Oggi sarà per stanchezza, sarà perché Celentano alla fine ha fatto il bravo bimbo e perché le tre finaliste hanno dato anima e corpo trasmettendo alle proprie canzoni quell’intensità che nelle prime serate non avevamo ancora percepito, ma di polemiche neanche l’ombra.

Emma vince Sanremo 2012Certo a Domenica In, tramutata per l’occasione, in una sorta di estensione delle serate Sanremesi c’è stato qualche scossone, come quello che riguardava “il non voto dell’orchestra”, che sembra non aver gradito nessuna canzone delle 10 finaliste, ma la giornata è passata liscia tra il solito Libero che spara contro Celentano e la Rai, ormai nemica giurata e gli altri giornalisti che parlavano per lo più di musica. Per questo a bocce ferme, ma ancora imbevute della stanchezza che cinque giorni di Sanremo soltanto sanno regalare, ecco la nostra personalissima classifica ragionata sui protagonisti dell’Ariston, che potete anche tranquillamente chiamare pagellona sanremese:

Emma Marrone: 10
Sarà pure arrivata dal trionfo di un talent show, ma la ragazza sa come farsi valere. Il suo festival è un crescendo di grinta, convinzione e voce, la serata finale con la sua interpretazione si mette dietro Arisa e Noemi, grazie soprattutto al carattere e a quella emozione che la fa arrivare a cantare in lacrime. Non sbaglia nulla e anche se la canzone non è eccelsa ha meritato questa vittoria e questo dieci! Da qui per lei comincia il paradiso… altro che inferno

Arisa e Noemi: 9
Cominciamo con la seconda classificata: Arisa canta maluccio per tutte le sere del festival, poi arriva in finale e tira fuori un’esibizione da manuale della musica, ci mette creatività e quella “versatilità” che solo la sua voce riesce ad avere. La notte si illumina, ma non basta l’amore della Basilicata per portarla al successo finale, resta comunque una grande interpretazione. Tocca a Noemi aprire la finale tutta al femminile, lei sa che deve dare il massimo viste le due rivali, canta in maniera impeccabile, gioca con la sua voce e riempie l’Ariston quando va su di tono. Discorso a parte per i look delle due, davvero discutibili… Almeno Emma nell’ultima serata da questo punto di vista è stata impeccabile! 

Pier Davide Carone: 8
La sua Nanì, guidata da Lucio Dalla, se fosse stata cantata da un volto più noto avrebbe quanto meno raccolto il premio della critica, finito inspiegabilmente a Bersani. Il ragazzo ha talento e buone doti vocali, sicuramente saprà farsi valere sin da subito in radio e poi in futuro. Ha patito l’handicap di essere davvero un volto nuovo senza “zoccolo duro” pronto a far di tutto pur di portarlo alla vittoria. 

Nina Zilli: 7
Sì, sette… a noi è piaciuta e come questa giovane cantante dall’anima black. Cerca di emulare Amy Winehouse e forse ogni tanto si scorda chi è, ma tutte le sere che è salita sul palco ha messo in mostra doti vocali uniche ed eccezionali, tanta grinta e serenità. La canzone non è un’opera d’arte, ma resta sopra la media per “l’irriverente eleganza” che Nina ci mette sempre.

Dolcenera: 6
Sufficiente per come canta, per come è maturata e per il duetto del giovedì sera in cui dimostra di avere coraggio e voce per osare ben oltre quanto forse lei stessa pensa. Sta diventando donna e di questo dovrebbe ricordarsi ogni volta che esce a fare shopping per rifornire il suo guardaroba, troppo dark e mascolino.

Eugenio Finardi e Samuele Bersani: 5
Alla pari con un bel 5 pieno, ma con motivazioni differenti… Finardi ha fatto il salto della quaglia e canta da guru spirituale, ma le sue corde “forti” sono altre a nostro avviso, troppo soft per essere riconoscibile e apprezzabile. Samuele Bersani, invece, porta esattamente una delle sue canzonette degli esordi, ma non ci mette quella verve giovanile che l’ha portato al successo. Insomma, per entrambi l’età si fa sentire ed impone un netto cambio di rotta.

Gigi D’Alessio e Loredana Berté: 4
Escluso il 10 per Loredana quando canta Almeno tu nell’universo, pensando alla sorella scomparsa Mia Martini, la coppia non funziona. La canzoncina ha anche il ritornello giusto che ti entra in testa e lo canticchi mentre gironzoli per Sanremo in attesa di veder cominciare la serata successiva, ma questo non basta per Sanremo e nemmeno per noi.

Francesco Renga: sv
Impalpabile. Ho fatto persino fatica a ricordare chi fosse il decimo finalista. Canticchia, gorgheggia, si muove… ma non convince, non emoziona, sa un po’ di 100% acrilico. Mentre alla gente piacciono quelle emozioni naturali, vere che lui ha saputo raccontare spesso con canzoni che toccavano il cuore e provocavano la pelle d’oca.

Artisti internazionali: 10 e lode
Su cinque serate, solo una è memorabile quella dei duetti! Da Patti Smith a Noa, passando per Brian May, la musica si fa largo e non ha bisogno di interruzioni per conquistare il pubblico. Se Sanremo è Sanremo, questa è la serata simbolo della buona musica, quella che piace e che ti lascia qualcosa dentro.

 

Presentatori, comici e altre presenze all’Ariston

Geppi Cucciari: 10
La cosa migliore che si è vista sul palco dell’Ariston che non fosse un/una cantante. Entra conquista il pubblico con la sua brillantezza, mai scontata, mai fuori posto; sempre pungente ed efficace come dovrebbe essere un comico che vuol fare satira. Scende con le scarpe in mano, in punta di piedi, esce dall’Ariston come un’eroina e un’artista che arrivata in silenzio graffia e lascia un segno indelebile. Geppi sei grande!

Rocco Papaleo: 9
Ha fatto tanta gavetta, ricordo a mala pena la sua parte da secchione in “Classe di ferro” nei lontani anni ’90. Da lì è cresciuto, così come si è evoluto e adeguato in queste cinque sere, chiude con all’attivo splendidi monologhi, qualche battuta davvero indovinata e qualche muscolo in più, visto che non disconosce le sue origini e se c’è da spostare un pianoforte si “muove” in prima persona. Rocco è l’emblema di cosa l’Italia deve inseguire: il talento e la qualità, perché alla fine il successo arriva. Stupenda la sua spontaneità quando davanti ai miti della musica, si comporta come uno qualsiasi di noi!

Luca e Paolo: 8
Hanno fatto cominciare il festival con buone battute, ma troppe ovvietà e in maniera insopportabilmente scurrile. L’anno scorso hanno dato quel tocco di pepe piacevole, quest’anno hanno steccato la prima sera. Poi nella serata conclusiva mettono su le maschere da pagliacci e fanno un monologo teatrale da antologia, con animo. Sono una grande coppia capace di passare da Camera Café a progetti ben più seri. Potrebbero condurre Sanremo con Geppi Cucciari, ci sarebbe da ridere davvero… di gusto.

Adriano Celentano: 7
Si può discutere un artista del genere? No… Quindi, si prende un bel voto perché non è un caso che quando in onda c’è lui gli ascolti salgono. E tra le tante cose che dici c’è sempre qualcosa da cui trarre spunto per riflettere, non è un santone, ne tanto meno un guru, ma quando è su un palco sa farsi valere anche da chi vorrebbe zittirlo e stizzirlo con urla e mugugni. Ieri sera ha dimostrato di avere ancora il pieno controllo di ciò che fa, per questo crediamo proprio che anche la prima sera non sia “scoppiato” a caso.

Gianni Morandi: 6
Trattasi di sufficienza “Honoris Causa“, cinque giorni di Festival stordirebbero un rinoceronte, figuriamoci dopo la tempesta di polemiche come ne uscirebbe un essere umano normale. Conferma di essere un maratoneta capace di resistere alle asperità del percorso, ma non chiedetegli di tirar tardi la sera dopo le 23 per lui c’è solo un bel letto caldo e niente di più. Altro tallone d’Achille l’inglese e la Rai ci mette troppo ad affiancargli un’interprete. 

Ivana Mrazova: da 0 a 100
Bella da far imbarazzare Barbie quando scende le scale con quel vestito rosa confettino, ma quando ride perde tutto lo charme, così come quando tenta di ballare e fa la figura del palo di lap dance. Insomma, è ancora giovanissima e sicuramente si farà, ma sul palco dell’Ariston non ha brillato poi molto la luce dell’est. Ha il fisico e la sincerità (imbarazzante) dalla sua, vedremo come crescerà…

PS Ma di ragazze italiane così possibile che proprio Morandi e gli altri autori non ne abbiano trovato?! No, perché un paio io le conosco!

Belen Rodriguez: 4
Infastidita dall’avvenenza e dalla “stazza” di Ivana, tenta di tirar fuori il meglio di se, mostra la farfalla e il C-String. La sfida la prima sera indossando il suo vestito e ne esce devastata alla seconda, quando la Mrazova le dice “Io ce l’ho più grosse”. Si comporta da prima donna, ma il talento latita e a parte culo (inesistente) e tette (rifatte) della Belen sanremese di quest’anno restano solo le macerie di chi ha osato troppo ed è rimasto scottato.

I Soliti Idioti: 3
Avranno fatto un film visto da milioni di persone, faranno pure una serie diverte che i ragazzi seguono. Ma sono l’antipasto prima della cena, non un primo piatto corposo. Risultano indigesti come la Nutella sull’osso buco. Prima di osare avvicinarsi ancora all’Ariston che trovino un autore in grado di creare una gag che regga!

Dirigenti Rai: 2
Tanto rumore per nulla… Commissari, dimissioni, sfuriate e alla fine Celentano torna sul palcoscenico, tira fuori una calma da far invidia e saluta tutti lasciando Morandi in lacrime e il pubblico zittito. Dovrebbero imparare qualcosa da questa lezione, ma sappiamo già che non succederà.

Elisabetta Canalis: sv
Voto a questo e allo scorso Sanremo, sarà che alla fine è una ragazza timida e che i sentimenti per lei contano. Ma dopo la scarna performance dello scorso anno e quella della prima serata del 2012, si sveglia la seconda sera e dà segni di vita e di vitalità. Protegge Ivana dalla furia ceca di Belen, sorride, scherza e indovina i tempi… Insomma, c’ha messo un po’ a carburare ma alla fine lascia un buon ricordo, ma un paio d’ore non possono essere giudicate con un voto positivo, per cui stiamo sul vago.

 

 

Categorie
Musica & Spettacolo

Ascolti record per la finale, Sanremo 2012 ringrazia Celentano e le donne

Guardando i dati Auditel, in merito allo share della serata finale di Sanremo c”è un dato inconfutabile; alla fine il Festival che piaccia o meno resta l”evento più seguito della televisione italiana (magari anche perché quando c”è le altre reti alzano bandiera bianca). I dati di ascolto della serata in cui Emma si è aggiudicata la vittoria finale su Arisa e Noemi, sono eccezionali, con percentuali quasi bulgare nella seconda parte. Ma leggiamo un po” il rapporto Auditel su Sanremo: la prima parte è stata seguita da 14 milioni e 456.000 telespettatori con uno share del 50,93%.

Adriano Celentano Sanremo 2012La seconda parte, e questa si è davvero una sorpresa ha tenuto incollati davanti al teleschermo ben dodici milioni di spettatori, con uno share pari al 68,73%. Insomma, cifre da capogiro che sicuramente avranno rincuorato i dirigenti Rai, che hanno dovuto ricorrere a Celentano per resuscitare uno spettacolo sin troppo monotono e troppo lungo: cinque giorni di Sanremo sono un”eternità difficile da reggere per gli addetti ai lavori, figuriamoci per i telespettatori.

Già Celentano, non possiamo ignorare che i risultati migliori per questo Festival, anche se paragonato a quello dello scorso anno sono state proprio quelle in cui il molleggiato ha fatto i suoi monologhi e cantato la sua musica. Sicuramente, Adriano Celentano è un one-man-show capace di attrarre fans e detrattori e di tenerli incollati allo schermo per poterlo, poi, il giorno dopo osannare o criticare. Così, casino come accaduto anche ieri sera durante la sua esibizione all”Ariston, da una parte fischi e mugugni; dall”altra persino chi, quando duetta con Morandi gli urla: “Siete un pezzo d”Italia“. Alla fine con il suo modo di fare da “profeta” in patria mette a nudo tutte le contraddizioni e le ipocrisie del nostro paese, mandando in crisi per qualche minuto persino il nostro sistema di valori cattolici e invitandoci a ragionare su tutto, perché il Paradiso non è qui e la vita prima o poi finisce per tutti.

Geppi Cucciari Sanremo 2012Ma ieri sera sul palco c”è stata la miglior comica degli ultimi 150 anni, capace di surclassare persino Luca e Paolo, che ieri hanno fatto uno splendido e serioso (oserei dire) monologo da pagliacci dell”opera. Geppi Cucciari non ha bisogno di mostrare farfalle, ne di ricorrere alle scurrilità, lei è intelligente e sagace, punzecchia, ricama, disintegra personaggi e canzoni con grande semplicità, ma senza mai scadere nel qualunquismo. Così, già dopo la sua prima apparizione c”è chi la vorrebbe l”anno prossimo a condurre sul palco con due bei maschioni al fianco; sicuramente sarebbe un Festival di Sanremo meno monotono di quello visto quest”anno. Quando si presente con il contratto di Celentano sul palco è l”apoteosi. Insomma, l”accento pink a questo festival non è mancato per fortuna. E ancor di più, grazie a Dio il talento di Geppi assieme alle voci di Emma, Arisa e Noemi ha fatto svanire in una serata la farfalla di Belen, che ci ha tormentato per tre giorni. Geppi e le altre ci hanno reso l”onore di essere donne, quelle con le palle che mandano avanti le proprie famiglie e questo Paese, abituato a pensar troppo alle farfalle per badare al nostro talento. Forse questa serata finale può essere un altro colpo agli stereotipi e ridare a noi donne la dignità che meritiamo per le nostre competenze e capacità.

Quindi, quando si leggono i dati auditel di questa serata c”è da sottolineare, che “oltre Celentano, c”è di più…“.

 

Categorie
Musica & Spettacolo

La classifica finale di Sanremo 2012: trionfa Emma

Serata finale di Sanremo 2012, totalmente in rosa quella di ieri sera all’Ariston, visto che in finale arrivano tre splendide donne: Emma, Arisa e Noemi. Tutte e tre si giocano la finale cantando al massimo delle proprie potenzialità, le emozioni corrono sulle note delle loro canzoni. Comincia Noemi con la sua Sono solo parole, interpretazione magistrale, perfetta. Noemi gioca con la sua voce ed entusiasma l’Ariston, ma subito dopo di lei arriva Emma Marrone sul palco, comincia cantare già visibilmente emozionata, come sottolinea anche Morandi, ma è quell’emozione che le fa dare tutto e così ecco un’Emma superlativa prendersi il teatro e lo spazio cantando Non è l’inferno, eh beh per lei da lì a poco si apriranno le porte del paradiso.

Infine, tocca ad Arisa che tramuta La notte in un’opera d’arte, canta canta e canta benissimo regala emozioni e forse la miglior versione della sua canzone ascoltata sinora… Poi passano i minuti, si fanno pronostici… Fino all’arrivo di Ivana con quella busta che conferma, che alla fine vince la predestinata Emma Marrone.

Ma vince anche una ragazza che si è emozionata ed ha emozionato tutti, ha una voce prorompente e un carattere forte, una sorta di Gianna Nannini riveduta e corretta. Vedremo se sarà una rosa che crescerà e stupirà tutti, oppure, se sarà solo un fuoco di fiamma da talent show.

Prima del premio ad Emma è stato consegnato il premio della critica, attribuito dai giornalisti a Samuele Bersani e al suo Pallone bucato; se ci fosse stata una vera critica forse il premio sarebbe dovuto andare a Pier Davide Carone e alla sua Nanì, un po’ alla De André. Ultima chicca poi, Nina Zilli porterà la musica italiana ad Eurosong una sorta di giochi senza frontiere della musica europea! E per questo Sanremo è davvero tutto…

Ed ecco la classifica con le prime sei posizioni del Festival di Sanremo quest’anno:
1) Emma

2) Arisa
3) Noemi
4) Gigi D’Alessio e Loredana Bertè
5) Pierdavide Carone e Lucio Dalla
6) Dolcenera

E non possiamo che concludere, con la fantastica ed emozionante interpretazione finale di Emma, dopo aver ricevuto il premio come vincitrice di Sanremo 2012:

httpv://www.youtube.com/watch?v=jjB6a76hqrU

Categorie
Musica & Spettacolo

Sanremo 2012 serata finale – In diretta dall’Ariston 18-02

Ore 01.25 – Grazie a tutti…
Siamo sopravvissuti a questo Festival! Grazie per essere state con noi! A presto e complimenti ad Emma! Buona notte.

Ore 01.15 – E’ l’ora della festa per… Emma
Vince Emma Marrone, come tutti prevedevano. Alla fine il talento nato ad Amici batte tutti. E’ lei la trionfatrice del Festival di Sanremo 2012.

Ore 01.15 – Ai giornalisti piace Bersani
Ivana in abito bianco, compare sul palco, con in mano la busta della vincitrice che è… Attendere prego. Prima il premio della critica “Mia Martini” che va a Samuele Bersani.

Ore 01.00 – Geppy saluta Sanremo e chiude il Festival
geppi cucciari sanremoLa Cucciari si presenta in una abito blu scollatissimo e poi comincia a distribuire frecciatine. Ce n’è per tutti da Morandi malato di morbo del gobbo elettronico, Ivana dovrà fare una puntata di medicina 33, Adriano Celentano si abbonerà a Famiglia Cristiana e all’Avvenire… e così via… Fino al ricordo della volontaria italiana rapita da 153 giorni, grandiosa Geppy!

Ore 00.55 – The winner is…
Sale la tensione… Televoto stoppato  tra poco sarà proclamata la vincitrice del Festival di Sanremo 2012.

Ore 00.45 – Canta Rocco Papaleo: Come vivere…
Rocco Papaleo Come Vivere Sanremo 2012E alla fine Rocco sembra proprio ce l’abbia fatta a cantare la sua canzone, ed eccolo apparire in vestito bianco a mo’ d’impresario di un circo. 

 

 

 

 

Ore 00.40 – Walter Chiari a Sanremo…
sanremo ospiti serata finale Walter ChiariSarebbe stato bello avere lui davvero qui… Dobbiamo accontentarci del cast che rappresenterà la sua vita in una fiction il 26-27 febbraio. Walter Chiari sarà interpretato da Alessio Boni e le donne della sua vita da Bianca Guaccero, Caterina Misasi, Dajana Roncioni.

Ore 00.25 – Tre regine delle emozioni
Le ultime tre interpretazioni sono state fantastiche, grandi donne, splendide voci e tante emozioni… Anche se quella che mi ha toccato di più è La notte di Arisa, che nei momenti topici tira fuori quel tocco da fuori classe, che le consente una voce capace di variare e trasformarsi in maniera sorprendente.

Ore 00.20 – Arisa si gioca la vittoria con l’ultima interpretazione
arisa sanremo 2012 finaleChiude il terzetto pink che si gioca Sanremo 2012 Arisa; la giovane lucana dopo il successo dello scorso anno, se supportata dai propri conterranei rischia di far saltare il banco dei bookmaker, che hanno dato per certo il trionfo di Emma. Vediamo se sarà La notte della gioia per lei…

 

 

 

Ore 00.15 – Emma dalle lacrime al trionfo?
Emma sanremo finale 2012La giovane fiorentina arriva al microfono visibilmente emozionata… Vediamo se riesce a ripetere la performance di poco fa. Non è l’inferno… 

 

 

 

 

Ore 00.10 – E risentiamoci le tre finaliste… Comincia Noemi
noemi sanremo 2012 finaleAdesso non resta che godersi queste tre canzoni, sorseggiando un buon té, in attesa del verdetto finale. La prima a salire sul palco è Noemi, balzata al primo posto dopo il voto dei giornalisti. 

 

 

 

 

Ore 00.05 – Wow… interpretazione teatrale…
Luca e Paolo fanno un monologo di sostanza dimostrando grande versatilità. E adesso balletto con la bella Ivana Mrazova, che come sempre dimostrerà le sue doti statiche. Morandi le fa i complimenti, a parte divertirsi come una bambina in un parco giochi, Ivana non ha di certo le doti di una ballerina o di una donna di spettacolo. Una valletta carina, dolce, che fa tenerezza, ma la bellezza ceca non buca, ne mostra doti straordinarie. Perché al suo posto non c’ una bellezza nostrana?

Ore 00.00 – Luca e Paolo di nuovo sul palco…
luca e paolo sanremo pagliacciVolti da pagliacci e monologo dei due comici, che si rivolgono al Dio dei comici che gli ha donato il loro pane quotidiano: il pubblico… Beh godiamoci questa loro esibizione, che sembra molto più elegante di quella della prima serata. 

Ore 23.55 – Post Golden Share al primo posto Noemi
Tre donne per la vittoria finale: Arisa, Emma e Noemi. Un vero piacere per noi di PinkDNA! Mentre ci giungono notizie che la Basilicata tutta è mobilitata per Arisa, quindi per Emma e Noemi sarà davvero dura batterla. Anche se messi fuori gioco D’Alessio e la Berté, la fiorentina Emma Marrone può recuperare un po’ di voti. Mi spiace moltissimo per Nanì rimasta fuori dal podio, ma stasera, come avevamo già detto, le donne hanno dato davvero il massimo, offrendo performace di alto livello. 

Ore 23.50 – La classifica prima della golden share e del salto della quaglia
classifica provvisoriaGianni ha in mano la busta con la classifica parziale, Mollica gongola in sala stampa per il potere assoluto della sala stampa.
Ma ecco la classifica: sesto posto – Dolcenera, quinto posto – Pier Davide Carone, al quarto posto – Noemi, al terzo posto – Gigi D’Alessio e Loredana Berté, secondo posto – Emma, al primo posto – Arisa. Si vota in sala stampa, per scegliere i primi tre, speriamo si punti su Carone e si scalzi il duetto più pericoloso degli ultimi 150 anni. 

Ore 23.40 – Amarcord
Cranberries sanremoCon i Cranberries sul palco sembra di tornare indietro di un bel po’ di anni… Dolores O’Riordan ha mantenuto intatta la sua voce da Zombie! Questa canzone anche a distanza di anni resta sempre un motivo da canticchiare con piacere e soddisfazione. 

Ore 23.35 – Stop al televoto!
I giochi sono fatti… chi saranno i tre finalisti?!

Ore 23.30 – Gianni, ma quando dormi?
A parte durante la serata… Mentre la nottata la passa pensando agli errori, questa la confessione di Morandi a Geppy. Dopo Sanremo il Gianni nazionale vuole anche il posto di Viale Mazzini, terrore nelle prime file… 

Ore 23.25 – Geppy for President
L’esilarante sarda adesso vuole presentare Morandi, visto che sono stati presentati tutti, eccetto lui. Benvenuti a questa rassicurante serata finale, sulle note della Signora in giallo, Geppy conquista l’Ariston. Lasciatemi salutare un ragazzo che amava i Beatles e i Rolling Stones, ma l’amore non è mai stato corrisposto. Il più grande conduttore degli ultimi 150 anni: Gianni Morandi

Ore 23.15 – Morandi è sfiancato…
vincitore festivalMorandi ansima ed è vistosamente provato dal duetto con Celentano e probabilmente dalla cinque giorni sanremese che ammazzerebbe un rinoceronte. Finalmente sul palco per il suo momento di gloria arriva Casillo, il Justin Bibier de no’artri. Uno che vince Sanremo giovani e non sa Azzurro andrebbe squalificato e privato della possibilità di cantare nei confini nazionali…

Ore 23.10 – Famiglia Cristiana rosica…
Sarà che si aspettavano delle scuse su tutta la linea, che puntualmente non sono arrivate, ma adesso fare i bambini dicendo che l’abbraccio tra i due sia una cosa stucchevole, beh… Forse Celentano non ha proprio tutti i torti! Evviva l’ipocrisia cristiana a questo punto!

Ore 23.10 – Abbracci e commozione
Lungo abbraccio tra Gianni Morandi e Adriano Celentano che scompare subito dietro le quinte. Morandi visibilmente commosso al centro del palco. 

Ore 23.05 – E giù con l’ovazione…
Ariston in brodo di giugiole… I due mattatori seduti sulle scale, continuano a cantare. Le facce dei dirigenti sono visibilmente più rilassate, mentre molti giornalisti si mangiano le mani, perché adesso tocca inventarsi qualcosa per riempire il paginone di domani che tutti avevano conservato, visto che stasera c’era il ritorno di Celentano. Tocca parlare di musica…

Ore 23.00 – Siete un pezzo d’Italia (si sente dal pubblico)
Scommettiamo che l’obiettivo di mamma Rai  è stato raggiunto? Share al top e tutti felici e contenti, persino Celentano è stato “morbido” più di quanto ci si sarebbe potuto aspettare. E Adriano e Gianni fanno un bel duetto… 

Ore 23.00 – Arriva Gianni sul palco…
morandi celentanoMorandi ringrazia Celentano… i due soli sul palco, il teatro sembra uno stadio con due tifoserie contrapposte. Oh no… un’altra scenetta preparata no… Non mi dite che rispunta pure Pupo

Ore 22.55 – Niente prediche… ma esempi quotidiani
Il molleggiato, continua sulla linea di smontare la linea editoriale di Famiglia Cristiana e Avvenire, sottolineando come non servano prediche ma esempi concreti, che ricordino la vita di Gesù. Di sicuro, lo share sta crescendo stasera. 

Ore 22.50 – E domani ci divertiamo
Ce n’è ancora per Famiglia Cristiana e Avvenire. Comunque, Celentano che spiega cosa fosse Gesù non è che sia proprio una cosa che ci si poteva aspettare stasera. Sembra quasi un’apologia, ma il pubblico rumoreggia e nel teatro si confrontano applausi e mugugni. Come andrà a finire?!

Ore 22.45 – La corporazione dei media!?
celentanoCelentano se li tira tutti contro parlando di corporazione dei media, che gli sono andati tutti contro neanche avesse fatto un attentato. Primo bersaglio Travaglio, che non ha capito niente e distoglie dal capire noi tutti, estrapolando frasi dal discorso fatto. Insomma, Celentano non si tira indietro e attacca a testa bassa, perché lui vuole solo chiacchierare con quei 16 milioni di italiani che lo stanno guardando. 

Ore 22.40 – Il ritorno del Noleggiato
Eh beh stasera chi subirà i colpi della corazzata Celentano? Prima cantatina all’ammerigana. E poi…

Ore 22.40 – Morandi tappa buchi per preparare la coreografia
Morandi si presta a riempire questo momento di empasse, coinvolgendo il pubblico e canticchiando la sua C’era un ragazzo che come me… Questo significa solo che sta arrivando Celentano II la vendetta!

Ore 22.35 – E c’è spazio anche per Montalbano junior
Più che la serata finale di Sanremo sembra una sorta di evento promozionale per le nuove serie Tv e per i programmi della Rai… Va bene sfruttare il fatto che c’è tanta gente davanti la TV, ma il troppo storpia…

Ore 22.25 – Chi manderà in finale il televoto?
cuccarini morandi papaleoConcluse le esibizione dei big non resta che attendere il responso del televoto, sommato a quello dell’orchestra, fratto quello dei giornalisti che fanno la regola del 3, insomma un metodo semplice per selezionare i tre finalisti… Evviva la trasparenza. E adesso arriva il “giovane” vincitore Casilllo che ieri sera come da previsioni non ha potuto festeggiare e cantare sul palco dell’Ariston. E sul palco anche la Cuccarini tira acqua alla sua Domenica in… 

Ore 22.2o – Chiude la serata Renga…
rengaArriva Francesco Renga con La tua bellezza a chiudere il giro dei 10 finalisti… quindi, tra poco arriva il ciclone Celentano

Ore 22.15 – Finardi… Finardi… ma non era stato eliminato?
Questa è una delle canzoni che sinora mi ha convinta meno… Finardi stupiscimi all’ultimo minuto! 

Ore 22.15 – E quando arriva la notte…
La cantante lucana non delude, anche lei stasera sembra avere le corde vocali in piena forma. Mancano ormai pochi minuti per vedere spuntare sul palco dell’Ariston Adriano Celentano, tutti sono ansiosi di scoprire cosa farà stasera il molleggiato. E invece, torna Geppy Cucciari (la migliore delle cinque giornate, rapida, efficace e geniale) che si prende in giro dicendo che lei ed Ivana sono le prove della creatività di Dio. Ivana è la valletta consigliata da nove dentisti su dieci (causa gengivite acuta). 

Ore 22.10 – Black Arisa…
Arisa finalmente non indossa un “sacco”, il vestito nero non è all’altezza di quello sfoggiato da Nina Zilli o di quello di Emma, speriamo almeno la voce accenda La Notte

Ore 22.05 – Barbie è invidiosa di Ivana
La Mrazova non sarà brillantissima e abile nella dialettica, ma con questo vestito da bambolina e con quel viso fa impallidire persino l’emblema della femminilità mondiale. Barbie stasera sta a rosicà davanti a questa “foca” (soprattutto quando sorride). 

Ore 22.00 – Sono solo parole, ma con una bella voce
Noemi non delude si gode questa serata e se la canta alla grande, più la si ascolta questa canzone più ti entra in testa. Per Emma non sarà così semplice vincere, stasera il Festival ha uno spessore diverso, forse il sale della finale ha alzato il ritmo

Ore 22.00 – Noemi tifa bologna?!
Capelli rosso fiammante e vestito blu elettrico stile Sabrina Ferilli potremmo dire, Noemi arriva così sul palco per giocarsi l’accesso alla finale. Vediamo se è all’altezza delle sue compagne di viaggio che stasera hanno dato davvero tutto. 

Ore 21.55 – Tocca alla canzone migliore Nanì
caronePier Davide Carone avrà pure un sorriso che non fa impazzire, ma la canzone e la sua voce legano in maniera eccellente. Eccetto le voci femminili che hanno dimostrato anche stasera di meritare la finale, questa è l’interpretazione maschile migliore, sempre che Renga non ci stupisca tra poco. Comunque è bello vedere Lucio Dalla far finta di dirigere non si sa cosa…

Ore 21.55 – Pronta per il ballo delle debuttanti
Parodia del duetto Celentano-Canalis, Ivana impersona la Basilicata, con un vestito color confettino, elegante con spacco centrale vertiginoso, meno male che non ci sono farfalle da far volare questa volta. 

Ore 21.50 – E’ arrivato il pacco dei pacchi…
Arriva sul palco dell’Ariston Max Giusti per promuovere il ritorno dei pacchi da domani sera su Raiuno con Affari Tuoi

Ore 21.40 – Dolcenera sembra quasi una vera donna

dolceneraStasera tutte le ragazze hanno fatto (finalmente) scelte stilistiche apprezzabili rispetto alle sere precedenti. Ci vediamo a casa, se cantata bene non è affatto male. Di sicuro lei non è seconda ad Emma per grinta, vediamo che tira fuori dal cilindro…

Ore 21.35 – Arriva il panino con la frittata…
Papaleo porta un bel panino con la frittata sul palco, poi arriva Samuele Bersani che piace a molti colleghi, ma non a me… Questa canzone è come il panino un po’ appiccicosa per essere la vincitrice del Festival. Il Pallone di Bersani però sicuramente avrà fortuna alla radio essendo un motivetto orecchiabile. 

Ore 21.30 – Emma domina l’Ariston
Potenza vocale oltre i canoni comuni e anche grande presenza scenica, Emma fa suo il teatro e non cede di un millimetro nella performance vocale, l’artista migliore capace anche di commuoversi alla fine dopo aver dato tutto. Una bella donna…

Ore 21.25 – Sarà lei a sbaragliare la Zilli e Carone?!
Una Emma in versione Marilyn Monroe con un lungo vestito nero e i capelli finalmente acconciati in maniera femminile. Una delle papabili vincitrici gioca anche sul look questa sera. 

Ore 21.25 – Arriva il contratto di Adriano Celentano
Su un carrellino arrivano i faldoni del presunto contratto di Celentano, con tutte le regole per il pubblico… Si passa dalla possibilità di duplicare il pane e il tonno a quella di invadere la Polonia. Geppy saluta e se ne va, la miglior esibizione comica del Festival… e non a caso la fa una donna. Speriamo di rivederla più tardi di nuovo!

Ore 21.20 – Chiudiamo Playboy, quelle donne non esistono
Saluta Mazza, Mazzi e quello che vi ha fatto il Vaticano questa settimana “Mazzo”, grande Geppy. La Fornero costringerà Morandi a condurre il Festival perché non può andare in pensione. Geppy vorrebbe che chiudesse Playboy perché quelle donne non esistono se non lì, su studio aperto e sul palco dell’Ariston. Sono cose che confondo i nostri poveri uomini… 

gianni morandi geppi cucciari in ginocchio da teOre 21.15 – Forza Geppy porta un po’ di vera intelligenza femminile
Scalza come nella migliore tradizione di chi esordisce al Festival, ma solo perché è tradizione che manchi qualcosa indosso alle donne che arrivano sul palco (grande)! Geppy Cucciari arriva ed è subito illuminante! Morandi l’aiuta ad infilare le scarpe, ovviamente subito diretta sulla farfallina al Velen 😉 Non perdetevi questo momento! Geppy ci sa fare meriterebbe programmi ben più importanti, dovrebbe rubare il posto alla Dandini, un po’ troppo stanca e statica. E non dice nemmeno le parolacce… 

Ore 21.15 – Ok il mood della serata saranno le tette di Ivana
La Mrazova fa delle pericolose flessioni del busto in avanti e l’abbondante decolleté straborda dal bel vestito, ma un po’ troppo “ridotto” soprattutto in zona seno. Sicuramente,quando appare la bella ceca sul palco gli ascolti stasera aumenteranno!

Ore 21.10 – Toto vincitore sui social network
Mina Zilli (e ci tengono a sottolineare che non è un refuso)  e Carone sulla breccia dell’onda, subito a ruota Emma supportata come un Dio dai suoi fedelissimi, Renga-Arisa e Noemi che per molti sono sullo stesso piano in fatto a qualità. Tra questi nomi probabilmente ci sono i tre finalisti di questo Festival 2012. 

Ore 21.10 – E adesso sale sul palco il fantastico duo
Gigi D’Alessio e Loredana Berté… saranno in playback anche stasera?!  La Berté mette il ricevitore del microfono in bella vista, cosa avrà voluto dire? Se ne sono accorti tutti che ieri faceva fatica a Respirare, figuriamoci a cantare mentre ballava (parola grossa). 

Ore 21.05 – Alla quinta serata hanno capito come far funzionare i microfoni
Finalmente, le canzoni si sentono in maniera degni… Le cose sono due o i cantanti hanno deciso di giocarsi la finale a piena voce, oppure, i tecnici Rai c’hanno messo cinque giorni a capire come far funzionare il sistema dell’Ariston e quello che invia l’audio alle TV di tutti gli italiani. 

Ore 21.00 – Apre le danze Nina Zilli
Cara Nina finalmente un look che lascia apprezzare quello che sei, un po’ sirenetta un po’ femme fatele, molto elegante. La sua Per sempre apre la finale per votarla codice televoto 14. 

Ore 20.55 – Obama chiama, Papaleo risponde…
Si continua a citare il Presidente degli Stati Uniti, che dovrà sfidare i Matia Bazar; un caro saluto ai quattro esclusi e un accenno al fatto che Casillo non abbia potuto cantare ieri dopo mezzanotte. La risata di Ivana è sempre più inquietante, potrebbe fare da effetto sonoro per un film dell’orrore. 

Ore 20.55 – Dopo i baci e le frasi storiche 
Chi romperà il ghiaccio?! Ma naturalmente Gianni Morandi, che ringrazia per l’apertura il corpo di ballo. Arrivano Rocco Papaleo e Ivana Mrazova fasciata in uno splendido vestito nude look che lascia ben poco all’immaginazione. Morandi è nfoiato proprio quest’anno… Papaleo confessa di essere un attore, visto che ha una lupetto nera da mimo direi, dicendo che è l’Al Pacino della Basilicata. Insomma, si fanno quattro chiacchiere in compagnia, giusto per non imprimere un po’ di ritmo alla serata…

Ore 20.45 – Comincia la finale di Sanremo 2012
Apertura con un nutrito corpo di ballo sul palcoscenico e con bandiere della pace e una accenno di inno nazionale. Love love love… coppie di tutte le età si baciano nell’Ariston, All you need is love… Forse i vertici Rai sperano che si intenerisca anche Celentano con questo inizio di serata. 

Ore 20.40 – Anteprima al gusto di… 
Solita clip dedicata al backstage, in particolare ai ragazzi del balletto e al coreografo Daniel Ezralow per passare al trucco utilizzato nella seconda serata di Sanremo. 

Ore 20.30 – Ultime anticipazioni sanremesi
Sul balconcino Ivana Mrazova e Rocco Papaleo, la Lei si gode l’Orso d’oro prima di godersi l’exploit di Celentano. Rocco Papaleo vincitore del Festival? Diciamo che è leggermente sulla mediocre media di quest’anno. 

Ore 20.20 – Evento storico per il cinema italiano
Beh diamo una bella notizia per il mondo dello spettacolo italiano, il film Cesare deve morire girato nel carcere di Rebibbia vince l’Orso d’Oro al 62ma edizione del Festival di Berlino. I fratelli Paolo e Vittorio Taviani riportano in Italia l’Orso berlinese dopo ben 21 anni. Il premio del pubblico va sempre ad un film italiano Diaz, Non pulire questo sangue di Daniele Vicari.  

Ore 20.15 – Sanremo: sostiene Mollica
Ed eccoci qui in attesa del solito collegamento illuminante al TG1 di Mollica dal balconcino sanremese. Vedremo di chi sarà in compagnia. C’è solo Gianni Morandi sul balconcino, ovviamente tutto l’intervento è imperniato su Celentano, con il batti e ribatti Mazzi-Lei sulle qualità intellettuali del molleggiato. Clip dedicata alla Celentano mania che si sta diffondendo a Sanremo. Per Morandi meglio questo Festival dell’anno scorso… sarà. E per finire, ecco un bel servizio sulle scommesse sul vincitore del Festival di Sanremo, un esempio molto edificante…

Ore 20.00 – Come funziona il sistema di voto per la finale di Sanremo
Stasera i 10 big finalisti che si esibiranno dovranno sottostare anche al voto dei giornalisti, infatti oltre al televoto e al voto dell’orchestra, stasera sarà valido il voto di tutti i giornalisti accreditati che potranno fare la guerra a chi vorranno, visto che saranno informati della classifica parziale e, dunque, potranno far pesare il loro voto per far salire quarto, quinto e sesto classificato sul podio. Infatti, in finale andranno solo tre artisti e l’ordine di apparizione sarà deciso con sorteggio alla fine del televoto. L’ordine delle esibizioni di stasera è stato invece già sorteggiato, rompere il ghiaccio la voce dirompente di Nina Zilli, poi Gigi D’Alessio e Loredana Berté, poi Emma, Samuele Bersani e Dolcenera; quindi, presumibilmente dopo il monologo di Celentano saliranno sul palco Pier Davide Carone con Lucio Dalla, Noemi, Arisa, Eugenio Finardi e Francesco Renga. Quindi, chiusura del televoto e finalina a tre. 

Ore 19.50 – Festival di Sanremo 2012, tutte le anticipazioni sulla serata finale
Oltre al ritorno di Adriano Celentano di cui abbiamo già parlato stasera torneranno anche Luca e Paolo per regalarci qualche sorriso, si spera con un linguaggio meno colorito di quello utilizzato lunedì. Poi sarà la volta dell’esordio di Geppi Cucciari, che porterà sicuramente il suo brio femminile e qualche battuta sagace, come finora non se ne sono viste. Poi spazio a Dolores O’Riordan e ai suoi Cranberries, di cui non si sente parlare da un po’ ma che sicuramente saranno all’altezza delle mediocre canzoni di quest’anno. 

Ore 19.45 – Cosa non si farebbe per un punto di share in più…
Addetto al gobbo di fiducia, prove top secret, ecco come sta preparando il suo monologo in questa serata finale Adriano Celentano. Visti gli ascolti in calo rispetto all’edizione dello scorso anno, i vertici Rai hanno deciso di mettere sul piatto le loro teste e di puntare tutto su un altro monologo del molleggiato, che alimenti un lungo strascico di polemiche che animi anche domenica, magari con un intervento del Papa durante l’Angelus, che scomunica Morandi e compagnia! Anche perché la scelta era se far tornare Celentano o dire a Belen di presentarsi nuda sul palco! Dopo le polemiche di martedì e le risposte dei direttori di Famiglia Cristiana e Avvenire, vedremo stasera quali bordate partiranno dal palco dell’Ariston, quello che è certo è che per 40 minuti buoni la Lei, Mazza e Marano staranno in prima fila con elmetto e giubbotto antiproiettile; oltre che con le cinture di sicurezza ben allacciate per restare attaccati alle rispettive poltrone!

Categorie
Musica & Spettacolo

Sanremo 2012 – Top 10 del peggio e del meglio (Video)

Abbiamo resistito a ben 4 nottate all’insegna del Festival di Sanremo ed escludendo la serata di giovedì, non è stato affatto semplice. In attesa che il buon Adriano Celentano torni sul palco del Teatro Ariston, per far rialzare gli ascolti, con un altro monologo causa polemiche (sarà poi vero???); forse ci si dovrebbe chiedere perché quest’anno ci sono stati meno spettatori davanti alla TV. Forse perché semplicemente le canzoni non erano all’altezza? Visto che la serata dedicata ai duetti cui hanno partecipato molte vere star della musica internazionale è piaciuta sia alla critica che al pubblico? Morandi ha già annunciato che l’anno prossimo non sarà del Festival, vedremo se sarà vero o meno, resta comunque una grande responsabilità della RAI che non ha saputo gestire questo evento reso pesante e monotono. L’attenzione è cresciuta solo per due momenti: il monologo di Celentano della prima serata che il giorno dopo ha scatenato un putiferio e l’ormai notissima domanda che ha scosso milioni di italiani, oltre la farfalla Belen aveva o no le mutande? Sembra un po’ poco per quello che ieri sera la Ferilli ha descritto come un evento di valore internazionale!

Proprio per questo in attesa di rimanere stupiti stasera da non si sa cosa, abbiamo fatto una piccola classifica dei 10 TOP e dei 10 FLOP del Festival di Sanremo 2012. A voi gli spezzoni più discussi di quest’anno…

TOP

10) Loredana Berté che canta Almeno tu nell’universo di Mia Martini (la sorella)
httpv://www.youtube.com/watch?v=4Dpi0nrRsNE

9) Adriano Celentano
httpv://www.youtube.com/watch?v=bxD6DmWTnwM

8) Emma Marrone
httpv://www.youtube.com/watch?v=sH86V8vu1zE

7) Luce e Paolo
httpv://www.youtube.com/watch?v=2G503UmrmRo

6) Rocco Papaleo nel monologo di venerdì sera
httpv://www.youtube.com/watch?v=GjjBGbr61gA

5) La Foca
httpv://www.youtube.com/watch?v=N0x4zzqvg9o

4) Patti Smith
httpv://www.youtube.com/watch?v=vZQKcb040x0

3) Pier Davide Carone con la sua Nanì
httpv://www.youtube.com/watch?v=qc4iwBwflHI

2) Brian May
httpv://www.youtube.com/watch?v=MlicJlsgQ0I

1) La Farfalla di Belen (ovviamente)
httpv://www.youtube.com/watch?v=KjCfBefIcWA

 

FLOP

10) Marlene Kuntz (ma che ci facevano a Sanremo?!)
httpv://www.youtube.com/watch?v=NI_gngyGMSQ

9) La risata di Ivana Mrazova
httpv://www.youtube.com/watch?v=Uoiz-S-7Grs

8) Celentano
httpv://www.youtube.com/watch?v=OIB2WFi33Yg

7) Platinette con i Matia Bazar
httpv://www.youtube.com/watch?v=PFyrReqGcm4

6) Morandi dopo le 23, completamente nel pallone…
httpv://www.youtube.com/watch?v=-UeiKa6NROc

5) Morandi e il suo inglese
httpv://www.youtube.com/watch?v=ql6CGhXD3qM

4) I Soliti Idioti
httpv://www.youtube.com/watch?v=JlhmvMqgddw

3) Gigi D’Alessio e Loredana Berté versione discoteca
httpv://www.youtube.com/watch?v=gLhZbORlLdY

2) Federica Pellegrini e i blocchi di partenza
httpv://www.youtube.com/watch?v=voNvy8bULPc

1) Ballando con le stelle sulle macerie di Sanremo
httpv://www.youtube.com/watch?v=-UeiKa6NROc

 

Categorie
Musica & Spettacolo

Sanremo quarta serata – In diretta gli aggiornamenti dall’Ariston 17-02

Ore 00.45 – La giustizia divina colpisce a metà…
Gli eliminati tra i big sono i Matia Bazar e la Civello (troppo sconosciuta ai più per essere salvata), insomma anche stasera dovremo sorbirci per la quinta volta il duo Berté D’Alessio… Speriamo non arrivi in finale, perché poi sarebbero possibili brutte sorprese. La Top 5 a mio avviso: Carone, Emma, Arisa-Nina Zilli-Noemi, e infine temo grazie al loro pubblico il diabolico duo. Buona notte e all’ultima diretta!

Ore 23.45 – Parte la gara dei giovani…
Adesso cinque minuti per sentire le canzoni dei giovani! Giusto il tempo per far vincere Casillo! Perché così sarà…

Ore 23.40 – Adesso sono nati per l’amicizia…
Ma Morandi ci fa?! O c’è proprio?! Perché dopo le 23 inizia a dare i numeri e a sbarellare alla grande. One Direction nati per l’amicizia? Certo così come i giornalisti dell’Inter in sala sono convinti che Ranieri stasera sarà riconfermato per amicizia da Moratti. 

Ore 23.35 – Mixa un po’ di BSB, un pizzico di Ultra e un po’ di colorante Blue
Ed ecco questi One Direction, una manica di bimbi belli made in Londra, che non fanno altro che replicare movenze e ritmi delle tante boyband succedutesi negli anni. Mi ricordano gli Ultra gruppo di fine anni ’90, e se non sapete chi siano, avete capito cosa voglio dire…

Ore 23.30 – Rocco Papaleo: “La vita è mettere la nota giusta in un’armonia”
Tocca dire, meno male che c’è Papaleo con i suoi monologhi “educati” e ricchi di passione e coscienza, tratti tipici di chi ha fatto tanta gavetta; e arrivato all’apice decide di non fare la star, ma di godersi tutto come un bambino che ha voglia solo di “recitare la sua parte”.

Ore 23.15 – E’ finita triplice fischio…
Francesco Renga chiude le performance dei 12 big, tra questi due verranno eliminati insindacabilmente incrociando il televoto aperto dalle 21 con il voto dell’orchestra. Solo quest’ultimo può salvarci dal far approdare alla finale D’Alessio e i Matia Bazar…

Ore 23.10 – Come farsi molto male…
Capisco che c’è bisogno di appoggi di peso, ma i Matia Bazar che cantano Sei tu con Platinette proprio no… Siamo al festival della canzone italiana, non ai Raccomandati; dove l’importante è avere amici influenti per fartelevotare tanta gente.

Ore 23.10 – Tutti in un’unica direzione quella del letto
Spalle pesanti, torcicollo, fame ecco i sintomi della sanremite acuta che colpisce tutti al quarto giorno di Sanremo. Speriamo gli One Direction portino un po’ di energia, sinceramente non li ho mai sentiti, ma se anche loro deludono, abbandono tutto e vado a nanna…

Ore 23.00 – #OccupySanremo in realtà sono gli Amici di Maria
Ecco chi doveva occupare Sanremo stasera, i ragazzi del talent targato Mediaset-De Filippi. Sul palco Emma con Alessandra Amoroso, insomma le punte di diamante della scuderia di Maria. Comunque, nel confronto almeno possiamo misurare la potenza delle due voci e sembra proprio che Emma domini incontrastata, anche perché alla voce abbina una carattere non indifferente. 

Ore 23.00 – Io non ho capito niente
La spontaneità di Ivana è disarmante…

Ore 22.15 – L’Italia per me è come il mare: indivisibile
Almeno la chiusura di Alessandro Siani è degna di un comico intelligente come lui sa essere: poi se scende nella sua essenza di napoletanità, beh esagera nu poco.

Ore 22.50 – Siani vai… vai… a casa
Non sentivo tutte queste ovvietà e queste battute scontate dal 1902, sono le undici ancora ci sono due ore di Festival, non si può continuare così. E soprattutto, adesso ci sarà l’accozzaglia dei giovani che essendo minorenni non possono cantare dopo mezzanotte? 

Ore 22.45 – Sadness…
Tutto ma non le battute sul nonno… Capisco che il Festival non deve “offendere” le diverse sensibilità, ma così è troppo anche per stomaci forti come i nostri!

Ore 22.40 – Forza Siani, siamo tutti con te: rianimaci
La sua parlata unica e il suo talento comico possono forse risvegliare il nostro spirito dal torpore, speriamo non cada in banalità e tiri qualche frecciatina avvelenate delle sue. Ottima la prima sugli italiani in mutande e Belen che non ha nemmeno quelle! 

Ore 22.35 – Arisa… non batte Nanì
Con Mauro Pagani e Mauro Ermano Giovanardi la canzone di Arisa acquista più corpo, ma non è in grado di avvicinare le emozioni che regala Nanì. Merita un buon voto, così come la sua scelta stilistica stasera, ma non l’eccellenza.

Ore 22.25 – Nina sotto una Palma a sorseggiar tequila
Nina Zilli non tradisce ennesimo abito fuori dagli schemi tradizionali e pettinatura total AmyWinehous, ma devo dire che le sta davvero bene. Si presenta sul palco con Giuliano Palma, speriamo che almeno loro ci regalino cinqur minuti di musica godibile.

Ore 22.20 – Il Napoli vince 2-0, il Bologna affonda l’Inter
Per farvi capire l’attenzione di tutti verso questa serata ci sono interisti in lacrime che attendono l’esonero di Ranieri e napoletani che si godono i goal di Cavani a Firenze… Tutto il resto è noia.

Ore 22.15 – Peppe Servillo ed Eugenio Finardi
Adesso mi metto ad urlare! Basta!!! Stasera Sanremo sta prendendo una piega davvero triste… :'( Ridateci Patti Smith, anche in registrata va bene1!

Ore 22.10 – Ed ancora è presto…
Volti distrutti dopo tre giorni di Festival e ancora di più dopo l’intervista alla Ferilli. Confidiamo in una sfuriata comica di Siani, sperando che non venga anestetizzato dall’aria dell’Ariston.

Ore 22.00 – Un Bersani alla genovese, giusto per far male al PD
Samuele Bersani pagato da Feltri porta sul palco Un pallone in duetto con Paolo Rossi, il comico genovese. E se di questi tempi metti assieme Bersani e Genova, non è che sia proprio qualcosa di divertente per il Partito Democratico

Ore 22.00 – Ahhhhhhh era una telepromozione…
Ok scusatemi tutte! Non avevo capito che dovevano fare tutto sto panegirico per arrivare a fare la reclame della nuova serie in cui recita la Ferillona bella nostra! 

Ore 21.55 – Ahò anvedi a sociologa co’ e tette
Ecco l’esclamazione dei romani quando ascoltano le disamine della Ferilli sulla situazione sociale italiana, mentre esce da un negozio di via Condotti con in mano un cadeau di qualche migliaia di euro… e poi… Il Calendario del duemila, di cui vi mostriamo una diapositiva. E per finire: la televisione italiana è la migliore… per cosa??? Dimmi per cosa Sabrina!!! 

Ore 21.50 – Totò con le tette sarebbe stato troppo…
Allora lo dico chiaro e tondo, perché perdere 20 minuti di una serata dedicata alla musica per fare un’intervista sul vuoto pneumatico ad una bella donna, che però non è che abbia fatto dei capolavori nella sua vita! E’ la Ferilli non Sofia Loren. Vangate di populismo e di patriottismo spicciolo e un po’ di tetta morbida in bella mostra, giusto per non notare il viso tipo natura morta. 

Ore 21.45 – Beato chi so fa il sofà
Torna a Sanremo, Sabrina Ferilli, che ha partecipato sotto l’ala protettrice di Pippo Baudo al Sanremo del ’96 nei panni della bruna giunonica, affiancata dall’eterea Valeria Mazza. La performance di quell’anno non è che sia stata memorabile, speriamo che non faccia la fine della Pellegrini, fagocitata dal nulla intorno. Vestito blu elettricista con scollatura generosa, e ovviamente canzuncella romana per farla entrare, ma il microfono sembra non voler assecondare questo momento… Se ci vogliamo soffermare su altri dettagli, il viso della Ferilli non è che sia molto dissimile da quello della Berté o di Brigitte Nielsen, ha un liscio innaturale che la rende davvero “inguardabile”. Basterebbe accettare l’avanzare dell’età, più che farsi “tirare” il viso fino all’inverosimile, anche perché alla fine i maschi preferiscono le morbide e non badano tanto alle rughe… soprattutto se hai quasi 50 anni e lo charme della Ferilli. 

Ore 21.40 – Civello e Michelin due pianoforti e…
…qualcosa di già visto,  l’immagine dei due pianoforti posti di fronte si ripropone ad ogni Sanremo, non si può duettare in maniera elegante in un altro modo?! Sembra proprio di no… La Civello e Francesca Michelin alla prima apparizione importante dopo il successo di X-Factor, avvolgono il teatro con le loro voci suadenti e raffinate, ma è la canzone a non dir nulla e sprecare il talento di queste due belle voci made in Italy. 

Ore 21.35 – Re-re-re-remix…
Di solito il remix si fa qualche mese dopo l’uscita di una canzone per renderla più “appetibile”, ma Gigi D’Alessio e Loredana Berté hanno preferito risparmiare e fare in una sera remix, registrazione del video della canzone, visto il massiccio uso di effetti e di un corpo di ballo, oltre che di DJ Fargetta, capaci di dare una scossa all’Ariston: 10 alla coreografia e al balletto, 8 a Fargetta, 6 alla canzone, 2 allo stile di Loredana Berté, 0 a quello di Giggino che sembrava un membro dei Village People

Ore 21.25 – Momento di ghiaccio
Morandi “stimola” Ivana, ma la bella dell’est non ha certo l’acume e le capacità linguistiche per reggere un bel dialogo, così tutto finisce in un momento che lascia tutti impietriti e infreddoliti.

Ore 21.25 – Che Ivana Mrazova stasera…
Beh, che dire la luce dell’est come la chiama Gianni Morandi, non ha bisogno di spacchi esagerati per bucare lo schermo, camicia e pantalone e grande eleganza, ma si ostina a ridere mostrando le gengive ed emettendo lo stesso suono di un fon rotto! 

Ore 21.25 – 20 minuti “infocati
Il refrain di Morandi per la serata sono i 20 minuti tra Patti Smith e la Foca di Rocco Papaleo, che hanno raccolto 16 milioni di telespettatori. Come se il talento e il carisma di Patti Smith fosse una cosa intangibile, anche in sala stampa in quei 20 minuti nessuno scriveva ed erano tutti in estasi… così come a casa. 

Ore 21.20 – Look & Feel…
In questa quarta serata, finora almeno, sembra che tutti gli artisti abbiano acquisito maggior gusto nello scegliere il proprio abbigliamento, eccetto che per la cravatta di Max Gazzé e la camicia di Curreri… Ah questi duettanti che abbassano la media di charme delle due “big ladies del festival”.

Ore 21.15 – Senza note, sono solo parole…
Nanì me la sono voluta godere appieno per capire se fosse vero amore o un innamoramento temporaneo, ebbene, anche con l’intrusione di Gianluca Grignani, la canzone resta la mia preferita. La voce di Pier Davide Carone non è affatto male, il testo lascia un po’ a desiderare ma nel complesso è una canzone che ti lascia dentro qualcosa. Subito dopo una coppia davvero difficile da descrivere: Dolce Nera e Max Gazzé, potente come sempre la prima, impalpabile il romano…

Ore 21.00 – Sobrietà alla Monti…
Arriva sul palco Rocco Papaleo che porta cravatte azzurri e cappotti governativi a tutti in segno di sobrietà! Poi via al mantra alza lo share abbassa lo spread. Ma arriva subito un po’ di musica a risollevarci l’animo! Sul palco Noemi e Gaetano Curreri in Sono solo parole. Stasera la rossa scarlatta del Festival di Sanremo è vestita in maniera quasi “decente”, ma ci pensa la giacca mimetica anni ’70 di Curreri a rovinare il momento… 

Ore 20.55 – Perché rovinare tutto parlando degli ascolti?
Morandi si sofferma sugli ascolti, sottolineando che il momento più visto è quello de La foca di Rocco Papaleo. Il bello della scorsa serata non sono stati gli ascolti ma il contenuto, perché la qualità paga sempre!

Ore 20.50 – Comincia la quarta serata…
Una ballerina senza braccia un violinista rock ecco come si apre questa quarta serata, la scelta di far ballare questa ragazza sicuramente non passerà priva di strascici polemici, forse è una leggera forzatura, mostrare un’immagine così per i bambini che possono essere davanti alla TV a quest’ora… Si chiama Simona Atzori, e il coraggio che ha deve essere d’esempio per tutti coloro vivono momenti di difficoltà, uno schiaffo all’ipocrisia giustissimo questo, ma forse all’ora sbagliata…

Ore 20.40 – Comincia l’anteprima…
Tutto as usual…  Ma niente anteprima in realtà…

Ore 20.35 – Sostiene Mollica IV
Ivana Mrazova scoop vietato ariston kiss kiss facchinetti radioNessun accenno al possibile blitz di Occupy Sanremo, in rete il video sta girando parecchio e la “minaccia” sembra seria, anche se a me personalmente sa di bufala targata “ricerca di notorietà” (potrebbe essere una trovata di Mascia ex popolo viola). Vedremo se arriveranno i dipendenti de teatro di Roma, oppure, chi altri si presenterà a Sanremo per occupare l’Ariston. Sul balconcino con Mollica ci sono Ivana Mrazova e Gianni Morandi che ripensa alla splendida serata di ieri, dove ha trionfato la musica. E poi via col servizio per i 60 anni di musica di Gianni, in cui tutti canticchiano un pezzo della storia morandiana

Ecco il video “minaccia” di Occupy Sanremo… Teaser della RAI!?
httpv://youtu.be/SEe8NI7BmXM

Ore 20.25 – Spazio ai giovani
Stasera si eleggerà il vincitore tra i 4 giovani rimasti e a supportare la linea verde di questa sera saranno gli One Direction, boyband adorata dai teenager inglesi, che ha esordito in Italia da qualche settimana con l’album Up all night, balzato subito in testa alla classifica FIMI. Anche se nella categoria giovani sembra che il vincitore sia già la star Alessandro Casillo, noto al grande pubblico per la sua partecipazione ad Io Canto, vedremo se alla fine il pubblico sovvertirà questo pronostico.

Ore 20.20 – Tra Siani e realtà…
Il lato divertente di questa sera sarà rappresentato da Alessandro Siani, il comico campano che dopo tanta gavetta è arrivato al successo, grazie soprattutto al film Benvenuti al Sud. Con quell’aria da guascone che nasconde bene l’emozione, certamente Alessandro questa sera ci regalerà qualche sorriso. 

Ore 20.15 – Tutte le anticipazioni sulla quarta serata del Festival di Sanremo
Nell’anteprima per il Tg1 Mollica lancia la serata presentando Sabrina Ferilli super ospite di stasera. Vedremo se ci regalerà qualche emozione extra all’altezza di quelle regalate da Belen. Di sicuro, ci sarà un duetto con Rocco Papaleo. Altro ospite della serata a quanto sembra sarà l’animatore delle polemiche del giorno successivo alla prima puntata cioé Adriano Celentano. Dopo la serata interamente imperniata sulla buona musica di ieri con duetti storici, stasera si ritornerà alla monotonia dei primi due giorni di Festival? Quello che è certo che i numeri dell’Auditel vanno in netto contrasto con la qualità espressa dalla serata di ieri, la migliore rispetto a quelle precedenti. Non resta che attendere qualche altra ora per scoprire se stasera sarà un ritorno al passato, oppure sarà in continuità con ieri sera e con quella qualità (emozionante).

Categorie
Musica & Spettacolo

Sanremo terza serata – In diretta gli aggiornamenti dall’Ariston 16-02

Ore 01.30 – Mi gioco l’ultima…
Con l’esclusione della Fornaciari da domani anche i diabetici potranno guardare tutta una serata di Festival… 

Ore 01.25 – M’illumino di meno…
Buona notte a tutti e ricordate che la giornata appena cominciata è quella del risparmio energetico, votata alla campagna M’illumino di meno, quindi oggi attenzioni a luci, tv e PC accesi inutilmente, risparmiamo energia e salviamo il nostro pianeta. Io, m’illumino di meno 😉

Ore 01.25 – Ivana porta la busta e manda tutti a nanna!
L’Ariston aspetta la busta con all’interno l’esito del televoto. Arriva Ivana con la busta, che però Gianni Morandi decide che non serve! Ed ecco la bella notizia, bentornata Nanì! E ovviamente la seconda riammessa è quella di Giggino, perché quando lui chiama tutta Napoli risponde. Beh, 50 e 50… non ci si può lamentare, l’importante era riportare in gara Carone

Ore 01.20 – The winner is… Patti Smith
Eh beh, quel ciondolare ritmato di teste sulle note di Because the night era un chiaro segno di assenso per Patti Smith, più che per i Marlene Kuntz, sarà che i giornalisti in media sono abbastanza vetusti e Patti Smith è il loro idolo dell’infanzia…

Ore 01.15 – Il vuoto del televuoto…
Che sà da fà per portare a termine questa puntata andata avanti alla grande fino a mezzanotte e mezza, Rocco e Gianni non sanno più che inventarsi. Vediamo Rocco Papaleo che ci racconta… La vita che mi piace fare non è stare qui a giudicarsi, a giudicare…

Ore 01.05 – Un giusto ricordo per Whitney Houston
Morandi ricorda il fantastico bis concesso all’Ariston da Whitney e scatta automatico l’applauso. Andiamo verso la chiusura della serata, tocca ai Marlene Kuntz e tra poco sapremo chi saranno i due ripescati e i due affondati, oltre a conoscere “l’eletto” che mandato in brodo di giugiole la sala stampa.

Ore 01.00 – Gli uccellini, il prato e la figlia dei fiori…
E’ l’una in punto ed E’ grande mistero, come siamo ancora tutti belli svegli e arzilli, sapere che gli ultimi sono i Marlene Kuntz ci tranquillizza. Vediamo se alla Fornaciari è rimasta in canna un po’ di grinta rockkeggiante!

Ore 00.55 – Puoi deglutire tu per me?!
Davanti a questa pubblicità sala stampa in visibilio e lacrime agli occhi…

Ore 00.50 – Non so perché ma sono certa che si salveranno sti due…
Certo sono due grandi nomi della musica italiana, che lo si voglia accettare o meno, ma Respirare non è una canzone da finale di Sanremo: Giggino ci mette la sua voce da ex scugnizzo, Loredana la grinta e un look originale come sempre. Ma forse tra le quattro Carone e Fornaciari meritano maggiore fortuna, spazio ai giovani dunque… Capito televotanti!?

Ore 00.50 – Prima che i Marlene e D’Alessio rovinino tutto vi dico una cosa…
Stasera è stata una bella serata, una serata da Festival della Canzone, con la C maiuscola! Buona musica, grandi ospiti, accoppiate originali e spesso fuori dalla piatta norma musicale cui siamo stati abituati in questi tre giorni. Quindi, magari gli ascolti non saranno un granché ma mentre ieri sera a quest’ora stavo per sentirmi male, stasera sono qui che mi diverto.

Ore 00.45 – Ripescate il soldato Morandi
Arrivato a quest’ora Gianni mostra evidenti segni di cedimento, certo tre sere di Sanremo hanno ammazzato noi qui davanti al PC, figuriamoci chi deve portare avanti lo spettacolo comunque vada… Si parte con il televoto per salvare due degli eliminati di ieri sera. Speriamo Carone abbia una seconda possibilità, Nanì merita davvero!

Ore 00.40 – Una plastica Ivana
La Mrazova sarà pure bella, simpatica, ecc. ecc. ma ballare non è proprio il suo forte… Certo per gli uomini poco importa come si muove, la cosa importante è che sia sul palco. Chi ha capito che ha interpretato con i ballerini il gatto a sette code… riferimento volutamente erotico?!

Ore 00.35 – A chi sarà Affidato il premio?
Gran giurì della sala stampa… Patti Smith o Brian May?! O forse Noa la napoletana? Beh stasera scegliere è proprio dura! Ma il mio amore per i Queen non può che far urlare Brian May forever! E magari ci fa pure Don’t stop me now!

Ore 00.25 – Oh my god…
Dopo la farfalla di Belen, mi sa che dovremmo parlare delle bocce fuori norma di Sarah Jane con la voce da megafono della FIOM, Landini e la Camusso potrebbero assumerla le loro dimostrazioni. Va beh… se mi fa Tracy Chapman, poi mi commuovo che mi ricordo le estati passate in una 126 con la cassetta di Fast Car a palla andando a mare con gli amici (in 7 in una  126 con 40 gradi fuori… non so se rendo l’idea). Lacrimuccia.

Ore 00.25 – Papaleo ti dà sempre una mano
Stasera sul palco c’è un Papaleo più padrone della scena, quasi quasi piacevole… oltre che un po’ ossessivo! Arrivano Noemi e Sarah Jane Morris, o meglio qualcosa di simile al cappellaio matto di Alice nel Paese delle Meraviglie e qualcos’altro di simile a me tra una ventina d’anni, solo che io non ho quella voce da uomo nero che abita in un armadio! Inquietante… 

Ore 00.15 – Sanremo the never ending night
Vedere Dolce Nera sul palco è davvero difficile tanto è magra, vediamo assieme al rapper Professor Green come se la caveranno con la Vita spericolata del buon vecchio Vasco. Nota a margine: la fidanzata del Professore deve essere una che morde, guardate che cicatrice sulla guancia…

Ore 00.10 – Noa canta Murolo
Se non la si conoscesse si potrebbe dire, ascoltandola cantare, che sia nata nei quartieri spagnoli per come interpreta la canzone napoletana. Abbiamo scoperto una nuova Noa stasera a Sanremo.

Ore 23.55 – Noa torna a Surriento…
Con Eugenio Finardi per interpretare Ton’a’Surrient, c’è Noa che si produce in un napoletano da opera con in più la sua consueta forza vocale arricchisce ogni canzone. Finardi tira fuori il suo spirito rokkettaro e si fa una bella cantata all’americana. Evviva la canzone italiana…

Ore 23.55 – Ovazione dell’Ariston per la Berté
Loredana visibilmente commossa per il ricordo della sorella è acclamata dall’intero Teatro e anche Gianni Morandi sottolinea il saluto a Mia Martini. Poi si passa ad un trietto con Macy Gray, che cerca di scappare alla fine… Ma no si deve assumere la responsabilità di quello che ha fatto!

Ore 23.45 – Gray che ci fai lì ti chiederei…
E com’è giusto che sia Loredana Berté rende omaggio a Mia Martina, con Almeno tu nell’universo sicuramente la Berté ci metterà l’anima, confidiamo in Macy Gray e speriamo che Giggino si aggreghi. D’Alessio una canzone non si distrugge così, meno male che ce lo togliamo subito davanti… Forza Loredana, sicuramente Macy ti darà una bella mano!

Ore 23.40 – Il riff di Papaleo guida l’Ariston
Ed in quel caso solo, tu tornerai dal polo… foca… Ritorna a casa foca. Rocco ricogliat’a casa su… La cosa triste è che l’Ariston sembra il Polo Nord!

Ore 23.35 – Rocco-Rocco-Rocco… E Rocco canta!
Papaleo canta il suo capolavoro “Come vivere“. Ma ecco l’uscita di finezza di Gianni, Rocco canterà la foca… Beh, ci manca solo l’entrata trionfale di Belen e dopo il livello sarebbe quello altissimo di una serata da Oscar!

Ore 23.35 – Alle porte del venerdì 17 di un anno bisestile
Si avvicina la mezzanotte e domani per gli scaramantici non sarà semplice anche soltanto uscire di casa, chissà se proprio a Gigi D’Alessio toccherà cantare dopo la mezzanotte… E soprattutto, lo farà o passerà volentieri la mano? 

Ore 23.30 – Dopo 10 ospiti a Sanremo si ricordano di avere una traduttrice…
Brian May lasciato scappare così senza una vera intervista, altri ospiti letteralmente ignorati e alle 23.28 la Rai manda all’Ariston una traduttrice… Wow che tempismo! Because the night… and they sleep…

Ore 23.25 – Patti Smith… è ho detto tutto, altro che Impressioni di settembre
Se i Marlene Kuntz non danno man forte a Patti Smith giuro che cancello il loro numero dal televoto! Anche se il volto di Patti mette un po’ soggezione, la voce è sempre quella della sua Because the night. E dopo vogliamo People have the power! Altrimenti #occupyAriston!

Ore 23.20 – La Mrazova ricorda Laetitia Casta
Una splendida Ivana Mrazova appare sul palco dell’Ariston con una abito Ferré davvero splendido, che lascia ben poco all’immaginazione. Con i suoi 19 anni, quel sorriso e quell’aria un po’ fuori dal mondo, ricorda la Casta che ha affiancato Fabio Fazio nel 1999. Certo Ennio Morriccione non si può sentire, così come la risata e il vocione che a volte tira fuori Ivanka!

Ore 23.15 – E adesso chiudete i microfoni un minuto di silenzio…
Che nessuno osi cancellare questo momento dalle nostre orecchie, adesso Morandi proclama un minuto di silenzio oppure chiudi qui la serata… E comunque… Una domanda in più a Brian May falla!!! Lo paghiamo noi col canone l’interprete, persino volentieri quando ne vale la pena! 

Ore 23.10 – Fornaciari commossa e standing ovation dell’Ariston
Fornaciari in lacrime dopo l’acuto conclusivo e l’assolo di Brian May, certo cantare con un membro di una delle band che hanno scritto la storia della musica mondiale non è cosa da tutti i giorni. Se poi ci regalano un We will rock you… beh… vien giù l’Ariston preceduto dalla sala stampa… 

Ore 23.05 – Mi sa che è finito lo zucchero…
La Fornaciari jr la preferisco in questa interpretazione grintosa, certo deve averla svegliata il fatto di avere alle spalle il chitarrista dei Queen, anche se è inquietante come Telespalla Bob per via dei capelli, che non passano certo inosservati. Brian May con la sua chitarra è imbattibile e I Who Have Nothing è una bella rivisitazione…

Ore 23.00 – Ad ognuno il suo…
E’ previsto un intervento di Napolitano in difesa della canzone napoletana, è palese ha detto il Presidente della Repubblica che questo storpiare le canzoni napoletane è opera di qualche facinoroso leghista!

Ore 22.50 – Al galoppo verso la vittoria Pier Davide!
A Carone e Lucio Dalla assieme al danese Mads Langer, tocca misurarsi con Anim’e Core, che speriamo non si tramuti in Anime e cozze… Lucio Dalla quando si tratta di canzone napoletana è preciso come un orologio svizzero, Carone zoppica un po’, il danese fa la (brutta) copia di Michel Bublé… Mads You’re not alone, ringraziann’a’Dio. Questa canzone non si può sentire così, si segnalano rivolte a Napoli, anche De Magistris sta protestando in maniera vibrante e tutti i pizzaioli del mondo hanno abbassato le saracinesche in segno di lutto…

Ore 22.50 – Rocco ha voglia di cantare… Ricominciamo?
Papaleo butta lì un assolo ed è subito sera… Morandi fa il professore di musica, mostrando come si mette la bocca e sottolinea che adora i gay, perché si sono un po’ incavolati… Bravo Papaleo! Il Festival sono quelle mille persone che dietro le quinte si fanno un culo così, cioè le persone normali!

Ore 22.45 – Avanti il prossimo… Renga lascia!!! Su… su…
Allora spogliati… lo stanno gridando dietro le quinte i vertici Rai ad Ivana, per far alzare lo share e dare alle eminenti testate di gossip della carta stampata e del Web un motivo per parlare della serata di stasera del Festival di Sanremo. Ma Ivana dov’è finita?!

Ore 22.35 – Scarface, tocca a Francesco Renga e Dalma…
El Mundo di Renga e Dalma gira… riempie l’Ariston con acuti e gozzovigliamenti di Renga, mentre Dalma ha quella voce spagnola un po’ da fumatore consumato, un po’ da torero che ha fatto il pieno di testosterone. Certo è che questa canzone in spagnolo e con questa voce ruvida, a tratti da rocker, sembra davvero qualcosa di nuovo. 

Ore 22.30 – Se la Pellegrini prende il sopravvento!
Cioè, questa serata stava prendendo una bella piega, buona musica, qualche ospite di spessore… Invece, adesso siamo incollati qui da 20 minuti a parlare di quello che “non si dice, che porta male” e per vedere trasformato in discoteca il palco dell’Ariston su cui la Pellegrini ha l’eleganza di un bradipo col morbillo…

Ore 22.25 – Allagate l’Ariston!
Sono apparsi i blocchi di partenza, si parla di gare ed Olimpiadi, siamo tornati alla Domenica Sportiva! Forse se si allagasse l’Ariston, Federica sarebbe a suo agio, ma sarebbe certamente il male minore…

Ore 22.20 – Sanremo stile libero…
Compare, finalmente con un vestito degno di una bella ragazza e con corpo di ballo attorno, Federica Pellegrini la campionessa di nuoto. Certo che quest’anno Morandi sta ‘ngrifato proprio! Lei è abituata ad avere tanta acqua e poca gente e a sentire poco… A spalle e braccia Federica rivaleggia con Ivana. Se adesso fanno ballare la Pellegrini svengo… se balla con Morandi abbandono Sanremo!

Ore 22.10 – José facci sognare…
Sentire José Feliciano che fa la sviolinata a Gianni Morandi, non è una scena bellissima, ma poi attacca con l’arpeggio, l’Ariston canta… C’è una bella atmosfera stasera, Morandi se la canta volentieri, Arisa si eclissa e Feliciano guida la truppa. Eh ratatatatatataatata…

Ore 22.05 – Il ripescaggio… salverà Carone?
Stasera, più tardi, si potranno salvare due dei quattro eliminati di ieri sera. Chissà se Nanì ce la farà, certo è che nelle radio sta spopolando e la critica unanime la giudica una bella canzone, e questa volta voglio proprio unirmi alla critica. Spunta Arisa… sexy! Che novità questa sera! Vestitino corto da far impallidire la farfalla di Belen! Meno male, che per cantare non ci vuole buon gusto, Jose Feliciano non può vedere Arisa… ha la fortuna di poterla solo ascoltare cantare. Che sarà… che sarà… che sarà…

Ore 22.00 – Eh zompettiamo un po’… 
Dopo la monotonia delle scorse serate, stasera sembra quasi una serata da MTV Music Awards, artisti che cantano senza banali interruzioni e siparietti. Gary Go ci dà dentro ed Emma gli sta dietro alla grande. Wonderful

Ore 21.55 – Emma ha tolto solo la giacca?
Emma si presenta sul palco con Gary Go  e con il top che aveva ieri sotto la giacca, se non erro… La coppia dovrebbe essere compatibile, vediamo se Il Paradiso ci farà restare in estasi, di fronte a quella che sarà la vincitrice di Sanremo almeno a sentire i giornalisti che di musica ne capiscono e i ragazzini che l’hanno portata al successo. Dirà grazie Amici con la statuetta in mano!? Ops, Emma ha sbagliato il tempo, colpa della pettinatura che fa interferenza… 

Ore 21.55 – Per un attimo ho visto papi sul palco dell’Ariston
Lo dico senza malizia, se possibile, Al Jarreau e le sue attenzione per la bella Ivana mi hanno ricordato alcuni atteggiamenti del nostro ex-premier… Tutta colpa del vestito rosso, della scollatura e di tutto il resto… 

Ore 21.50 – Cosa accadrà? Co-sa-accadrà?
Parafrasando una splendida canzone italiana, La stella della Senna, cosa accadrà stasera? Possibile che domani tutti saranno costretti semplicemente a parlare di musica? La farfalla è volata via, il molleggiato va oleato in attesa di sabato e chi farà la gaffe gisuto per alimentare il dibattito domani?! 

Ore 21.45 – Morandi s’impappina, ma è tutto un Amarcord

Morandi non sa se mandare un SMS o telefonare per sostenere le popolazioni colpite dall’alluvione , nel frattempo gli stacchetti impazziscono e arrivano i Matia Bazar con Al Jarreau, sarà sicuramente un’interpretazione elegante. Ok, la canzone si chiama Speak Softly Love, ma la cantante dei Matia Bazar l’ha presa proprio alla lettera. Mentre la voce di Al Jarreau impreziosisce questo momento. 

Ore 21.40 – Grandi voci…
Dopo l’esibizione di Goran Bregovic, l’arrivo sul palco di Nina e Skye ha chiuso questi 10 minuti di ottima musica, e il Festival ne sta guadagnando anche a livello di ritmo, quando si dice che la musica parla… E adesso godiamoci questa versione di Rome wasn’t build in a day tutta per noi italiani da parte di Skye… You&me… Walking free in harmony… 

Ore 21.35 – Nina metti un po’ di pepe a Sanremo!
Chissà se alla fine di questa performance potremo gridare che queste due artiste sono state Grande, grande, grandeNina Zilli e Skye dei Morcheeba in Never, never, never, le due voci legano alla grandissima e sentire Nina Zilli ricorda non poco la voce di Mina. Voci potenti e calde che si intrecciano quelle di queste due anime soul. Certo il look di entrambe non è il massimo, ma se chiudiamo gli occhi e ci lasciamo cullare dalle loro voci… Beh… questa è buona musica…

Ore 21.20 – Romagna mia… la regina delle canzone da balera
Parola d’ordine tagli, da tre donne ad una, tagliamo le corde dell’arpa e poi anche qualche falange a Morandi, Papaleo ognitanto sa far ridere e riflettere. Tocca a Samuele Bersani che canterà con Goran Bregovic, ascoltando le note della colonna sonora de “il Postino” come non pensare al grande Massimo Troisi?! E via con la canzone da balera di Casadei. Questa versione molto balcanica, quasi “zigana” è piacevole, almeno ci fa divertire un po’!

Ore 21.10 – Apre la serata Io che non vivo di Pino Donaggio… remix
Sul palco salgono Shaggy con petto in vista e camicia bianca assieme a Chiara Civello in vestito rosso niente male, con tanto di scollatura vertiginosa. Si comincia con You Don’T Have To Say You Love Me, che all’inizio sembra proprio Boombastic e poco altro… Non vorrei che abbiano approfittato di Sanremo per storpiare le canzoni storiche della musica italiana. No sembra fosse solo una sorta di intro… Ed ecco partire la versione di Io che non vivo… rivisitata in cui Shaggy grugnisce meglio di un cinghialetto appena svezzato… brrr La vera star sembra proprio la Civello! Donaggio, secondo me, non è che gradisca molto…

Ore 21.05 – Cosa non si farebbe per una copertina?
Papaleo chiede ai giornalisti cosa deve fare per guadagnarsi una copertina e si dice pronto a fare qualsiasi cosa, ma la gag non entusiasma nessuno. Ivana indossa uno splendido vestito rosso con spacco alla Belen, potremmo dire, che mette in mostra lo splendido fisico della giovane Ceca. 

Ore 21.00 – Viva l’Italia nel mondo… se canta bene
Un premio del maestro orafo Affidato di Crotone, sarà il premio per la coppia che la critica intenderà premiare, ringraziamento per tutte le case discografiche che hanno contribuito a questa serata, davvero eccezionale visti i nomi che saliranno sul palco. E poi spazio a Rocco Papaleo e alla statuaria Ivana Mrazova. Rocco si presenta finalmente senza cappotto e tira fuori un’edizione speciale del Taim con in copertina il faccione di Rocco: Can this man save Sanremo? La risposta è dentro di te, e però è sbagliata direbbe il grande Corrado Guzzanti

Ore 20.55 – Viva l’Italia nel mondo… se canta bene
Morandi con un po’ di emozione ricorda Bigazzi e Claudio Villa, oltre al suo Sanremo vinto assieme a Tozzi e Ruggeri con Si può dare di più! Poi “coccodrillo” dei quattro che sono stati eliminati ieri dalla giuria demoscopica. E via verso la musica di questa serata, che sembra avere uno spirito differente, meno spettacolo, meno parole e più musica…

Ore 20.45 – Apre la serata la protagonista del Festival: la musica italiana
Noti da grandi canzoni italiane ed ecco che appare e canta Gianni Morandi, al centro della serata la grande musica italiana e il mattatore di Sanremo non si tira indietro duettando persino con Frank Sinatra (virtualmente). E poi eccolo esibirsi in un medley di canzoni che parlano del nostro Paese… Beh sembra che l’aria sia  cambiata!

Ore 20.40 – Comincia la serata della Musica
No, la maiuscola non è un refuso per questa serata che vedrà protagonisti artisti internazionali di grande spessore. Video di apertura affidato a Rocco Papaleo che chiama la mamma, che purtroppo non guarda Sanremo e preferisce andare a ballare! Le clip sembrano la brutta copia di quelle di Zoro

Ore 20.40 – Chi sarà ad aprire le danze in questa terza serata?
Cresce l’attesa per questa terza serata, soprattutto per capire come inizierà, perché non essendo “programmati” comici, almeno l’anteprima questa sera non sarà allineata con quella delle altre serate, guidata da Luca e Paolo e da I soliti idioti

Ore 20.30 – Alle porte di una serata, che potrebbe essere degna di esser gustata
Mollica presenta Federica Pellegrini, che esordisce a Sanremo, ma la vera notizia è quella che anche stasera assieme a Ivana ci potrebbero essere (a sorpresa) sia Belen che Elisabetta Canalis. E se ce ne fosse stato bisogno anche la Pellegrini fa il tifo per la super favorita Emma Marrone. Domanda di rito sulla preparazione per le Olimpiadi, che prevede minimo 20 vasche sul palcoscenico dell’Ariston! Almeno Federica promette di non cantare perché completamente stonata!

Ore 20.20 – Sostiene Mollica…
Anche questa sera il TG1 dopo una valanga di notizie politiche, tra cui spicca l’introduzione dell’ICI per gli esercizi “commerciali” della Chiesa, dà ampio spazio e lancia la terza serata del Festival di Sanremo. Annuncio ufficiale che sabato sul palco ci sarà di nuovo Celentano. Mollica da vero uomo d’azienda tira la volata al suo direttore e a Marano super commissario del Festival e alle loro dichiarazioni di rito. Tutti giocano sulla presenza di Celentano come ancora di salvezza, siamo messi bene. Morandi canterà Modugno e Bigazzi a quanto pare, quindi farà quello che sa far meglio! Insomma, stasera potremmo assistere ad una vera saluta di musica. 

Ore 19.20 – Tutte le anticipazioni sulla terza serata del Festival di Sanremo
Stasera si preannuncia una serata eccezionale dal punto di vista musicale, così come dovrebbe essere ogni sera in un evento come il Festival di Sanremo. Grandi canzoni reinterpretate, grandi ospiti internazionali che sicuramente regaleranno performance memorabili e poi tutti i big che abbiamo visto nelle precedenti serate. Al momento, non sono trapelate informazioni su ospiti “di spettacolo”, per intenderci niente comici alla Luca e Paolo. Sul palco salirà la nuotatrice Federica Pellegrini, senza il suo amato Magnini, ma non si sa ancora cosa farà all’Ariston, sembra ci sarà anche la mamma… Vedremo se sarà una morbosa intervista sul suo iper chiacchierato e ormai noto amore con Magnini, oppure, se la nuotatrice ci regalerà qualcosa di imprevisto. Stasera il palcoscenico sarà quasi totalmente delle zinne di Ivana, ops, volevo dire di Ivana Mrazeva che dopo aver messo le cose in chiaro ieri sera, cercherà di farsi valere e di far dimenticare Elisabetta Canalis, ma soprattutto la farfalla di Belen, che ha fatto parlare di sé per tutta la giornata, facendo passare in secondo piano gli ascolti in calo rispetto non solo alla prima serata da record, ma alla passata edizione del Festival della canzone. Come avevamo detto nel corso della diretta di ieri sera “lo slip” forse a conchiglia c’era, quello che è certo, è che Belen sfidata dalla statuaria bellezza dell’est ha voluto mostrare (per la gioia degli uomini) proprio tutto il meglio di sé. Non ci sarà nemmeno Adriano Celentano, che ha annullato la sua conferenza stampa di domani, in cui doveva essere scortato da Morandi e Mazza e probabilmente messo in mezzo per delle “scuse indirette”, ma il molleggiato che non è fesso ha declinato il gentile invito. 

Ore 19.15 – Elenco dei duetti della terza serata
Ecco tutti i duetti che ascolteremo questa sera all’Ariston di Sanremo. Sicuramente la terza serata del Festival è una delle più attese, visti i big internazionali che affiancheranno gli artisti che abbiamo ascoltato mercoledì e martedì, per delle interpretazioni uniche di alcuni pezzi che hanno fatto grande la canzone italiana.

Que Serà Arisa e Josè Feliciano

My Sweet Romagna Samuele Bersani e Goran Bregovic

You Don’T Have To Say You Love Me Chiara Civello e Shaggy

My life is mine Dolcenera e Professor Green

Flame Gigi D’Alessio Loredana Berté e Macy Gray

Anema e core Lucio Dalla Pier Davide Carone e Mads Langers

Surrender Eugenio Finardi e Noa

I Who Have Nothing Irene Fornaciari e Brian May

The World Became The World Marlene Kuntz e Patti Smith

If Paradise Is Half As Nice Emma Marrone e Gary Go

Speak Softly Love Matia Bazar e Al Jarreau

To Feel In Love Noemi e Sarah Jane Morris

El Mundo Francesco Renga e Sergio Dalma

Never Never Never Nina Zilli e Skye (Morcheeba)


Categorie
Musica & Spettacolo

Sanremo seconda serata in diretta: gli aggiornamenti dal Teatro Ariston

Segui la diretta della terza serata, con anticipazioni, commenti e tutte le novità sui duetti

Ore 01.05 – Saluti e baci a…
Passano alla finale:
Chiara Civello, data da molti come possibile eliminata invece passa il turno, quindi ci sarà qualche “vero big” che pagherà dazio.
Eugenio Finardi, altro ousider, qui mi sa che rischiano Arisa e Nina Zilli a vedere la piega che ha preso il voto…
Samuele Bersani, e qui comincio a pensare che si tratti degli esclusi, perché non è possibile che i primi tre a passare siano questi.
Nina Zilli ce la fa, la voce black passa e la potremo riascoltare!
Matia Bazar, forse il sistema di voto stasera non è che abbia poi funzionato così bene?!
Dolce Nera, che con la performance di stasera ha meritato la finale!
Arisa, per la cantante lucana la notte non riserva brutte sorprese! La canzone non è fantastica ma si lascia ascoltare.
Francesco Renga, come ovvio… E a questo punto manca solo Emma, e rischia grosso la coppia Berté D’Alessio.
Noemi, saranno solo parole ma con quei capelli rossi tutto le è consentito, almeno per me. Un tocco di scarlatto fa sempre bene.
Emma Marrone, non resta fuori per la gioia dei suoi fans, una delle papabili vincitrici di Sanremo

Restano fuori:
Gigi D’Alessio con Loredana Berté ed era prevedibile che la coppia improbabile scoppiasse presto.
Irene Fornaciari, canzone poco convincente e voce “bassa”
Marlene Kuntz, prevedibile…
Pier Davide Carone con Lucio Dalla, forse la migliore esibizione della prima serata e anche di questa sera… Incomprensibile… Ma il ragazzo farà strada, ne siamo certe!

Ma di queste quattro canzoni domani sera, tramite televoto, due potranno essere recuperate e partecipare alla finale. Scommettiamo che saranno la coppia D’Alessio Berté e Pier Davide Carone?

 

Ore 00.55 – La dedica alla mamma, mancava
Adesso i luoghi comuni li abbiamo presi proprio tutti! Abbiamo dovuto chiamare l’ospite internazionale per tirar fuori “dedico questa canzone a mia mamma” ma ce l’abbiamo fatta! Martin Solveig porta un po’ di movimento all’interno dell’Ariston, ma che finisce subito… Poi Morandi non parla inglese e quindi la scena riesce ad avere sempre qualcosa di surreale, in grado di far strabuzzare gli occhi. E arriva pure Rock J Papa con la giacca alla Frengo!

Ore 00.45 – I solidi idioti meglio come cantanti!
Avrebbero potuto vincere davvero Sanremo con la loro canzone, ma invece sono solo ospiti che stasera non sono riusciti a ravvivare la serata, si sente la mancanza di due mattatori come Luca e Paolo, che l’anno scorso hanno dato un po’ di brio al Festival e hanno regalato qualche battuta davvero tagliente e irriverente. 

Ore 00.35 – L’ultimo giovane per cui continua la tortura è…
Arriva la busta, frase di circostanza, ma in finale arriva: Marco Guazzone con la sua giacchetta accecante. I finalisti sono Alessandro Casillo, Erika Mou e gli Io ho sempre voglia

Ore 00.35 – Noooo Ivana risparmiaci!
Ivana nel suo balletto che con tanto amore aveva preparato per noi, come dire, siete rimasti svegli? E adesso beccativi questo bel diretto sui canini. Ma soprattutto lei dov’è?! Eccola arrivare in tutù nero stile bambolina da carillon, e va perfettamente a tempo, con il balletto delle prove terminato più o meno quattro ore fa… Ha la mobilità di un armadio Ikea fissato alla parete. 

Ore 00.35 – Chi verrà eliminato tra i big?
Stasera il sistema di voto ha funzionato, quindi tra poco conosceremo i nomi dei quattro eliminati e scopriremo i 10 top singer che riascolteremo fino alla nausea nei prossimi giorni. Giustamente Morandi ringrazia la giuria perché riuscire a restare svegli e votare il meno peggio è sempre molto difficile!

Ore 00.30 – Ultima canzone e poi fuori i secondi…
Tocca a Dolce Nera chiudere le performance canore di Sanremo, e per farlo la rocker nostrana sfodera un vestitino davvero striminzito, ma in questo caso non ci sono farfalle all’orizzonte, ne capezzoli che sbucano ad ogni piegamento. 

Ore 00.25 – La farfalla e l’elefante
Il mood della seconda puntata di Sanremo potrebbe essere riassunto così: alla frivolezza della farfalla di Belen, si contrappone un carrozzone goffo e ingombrante che si muove come un elefante in una bottega di Murano. Mi scuso con Michele Zarrillo per avergli rubato il titolo, ma mai accostamento fu più calzante per questo festival. 

Ore 00.20 – A Morandi vien la tremarella
E prima di presentare Francesco Renga con la sua canzone per Ambra, Gianni Morandi chiede ai dirigenti in prima fila se tutto va bene e se la posizione sugli omosessuali va bene o può provocare polemiche, sinceramente non so proprio dove comincia il gioco e finisce la realtà. Godiamoci questa La tua bellezza, anche se non è un capolavoro di quelli alla Renga. 

Ore 00.10 – Fabio&Fabio
Sto per sentirmi male… 🙁
Jonny Morandi officia un matrimonio Gay su… Sinceramente dai Soliti Idioti mi aspettavo di meglio per questa serata. Ci mancava solo la canzone sui luoghi comuni in merito agli omosessuali. 

Ore 00.05 – Ultimi due giovani “guasti”
Sì decisamente Guasto, Marco Guazzone, lontano parente di Francesco Tricarico. Ma al peggio non c’è mai fine ed ecco la ninna nanna della buona notte La mail che non ti ho scritto di Giulia Anania. Ma la giuria che ha selezionato i talenti ce la possono presentare? Giusto per capire se ne faceva parte qualcuno che quanto meno sappia che significa la parola musica! Snervante…

Ore 23.55 – Twitter sta per esplodere: le mutande di Belen. una della migliaia di cose che mancano a questo #sanremo
Questo è quello che impazza su Twitter, mentre sul palco sta per essere scelto il terzo giovane che passa in finale: si tratta della pugliese Erika Mou, potremmo dire che le cime di rapa portano bene! Ah questi bollenti spiriti pugliesi… 

Ore 23.50 – Noemi: rosso relativo…
Azz… com’è ingrassata Noemi; sui capelli che dire sono giusto un tono più scuri dei miei, quindi li apprezzo moltissimo. La sua Sono solo parole non è malaccio, ma lei può fare molto di più come sappiamo bene, anche se stasera sembra più a suo agio sul palco; così come la Canalis che finalmente, dopo 10 puntate forse, sembra aver preso padronanza col palcoscenico dell’Ariston. Che in fondo Eli sia una ragazza molto sensibile e soffra la pressione e il pubblico?

Ore 23.40 – Pieno di caffé e un po’ di cioccolata…
Sul palco Rocco Papaleo che si lancia in un monologo… In sala stampa litri di caffé e barrette di cioccolata per tutti. Mentre sul palco irrompono le tre grazie. E Belen sembra proprio tenerci a far vedere il suo tatuaggio… L’anno scorso l’avevo apprezzata rispetto alla Canalis, ma questo voler per forza mostrare tutto l’ha fatta precipitare a livello Drive In anni ’80. 

Ore 23.35 – Un Festival col collare
Chiara Civello appare come un fulmine pink sul palco dell’Ariston per rendere omaggio alla nostra diretta, peccato che quell’abitino starebbe bene a qualcuna con almeno 10 centimetri in più di altezza e la sua Al posto del mondo è un po’ retrò, quasi ai livelli di questo Festival che ha perso il contatto con il tempo e con l’essenza del vero Sanremo musicale. Pippo (Baudo) chiama Morandi, fai qualcosa…

Ore 23.30 – Torniamo serie, diamo il buon esempio ai giovani
Erica Mou con poca voce e la chitarrina canta la sua Nella vasca da bagno del tempo e fa il compitino, ma il Web è ancora tutto per Belen e lo spacco galeotto. Mentre sul palco arrivano i Bidiel, buona performance molto anni ’70, con un bel basso. Sembra che i Bidiel non Sono un errore, come titola la loro canzone. E c’è un messaggio per loro dal sommo Pinuccio questi chirichetti li ha raccomandati il prete di san girolamo“. Aperto il televoto Morandi manda un bel messaggio: “Ce l’avete il telefonino e votatevi da soli allora”. E poi, invoca Adriano e invece arriva la pubblicità, che sia un modo per mantenere lo share e fare un favore agli investitori?

Ore 23.15 – La musica è finita, gli artisti se ne vanno…
Mentre il Web premia Belen con video e foto, Celeste viene battuta a causa soprattutto dei pantaloncini e vanno avanti gli Io ho sempre voglia, aiutati da Ivanka e Belen che lottano a colpi di tetta per la voglia degli italiani. 

Ore 23.15 – E Facebook gioisce…
Impazzano sul social network gli screenshot dello spacco di Belen che mostra un tatuaggio e sembra non esserci lo slip. Ecco di cosa si parlerà domani! Evviva la musica! E io chiedo la par-condicio Morandi e Papaleo con la patta aperta e senza boxer!

Ore 23.15 – Ed ecco la prova… tatuaggio e niente slip per Belen

Ore 23.00 – A Sanremo si gioca a tennis. Net…
Irrompono di nuovo i due soliti idioti, che si aggirano nella platea dell’Ariston, parlando di gente perbene che si è arricchita facendo l’evasore fiscale. E poi, un bel momento di razzismo old-style, c’è un signore diversamente colorato! Ed ecco la canzone del duo Marialuce e Gianpietro in “E’ normale“. Speriamo non ci facciano rimpiangere Luca e Paolo dello scorso anno. 

Ore 22.55 – Nota di colore…
Se riappare, guardate bene Belen, sembra proprio che sia senza slip… Avrà preso spunto dall’entrata trionfale di lunedì di Arianna David. Oppure, avrà una scomodissima micro conchiglia?! 

Ore 22.55 – Vicini al giro di boa
Mi sa che Belen, la precisazione di Ivanka l’ha sentita tutta… Per questo dice “Tenetevi Ivanka“… Eh beh troppe galline nel pollaio. E mentre Belen pensa a come vendicarsi, e la Canalis getta acqua sul fuoco, arriva sul palco Samuele Bersani, che rischia di fare la fine del PD, del suo fratello maggiore, alle primarie di Genova, anche perché fino Sanremo in autostrada è un attimo a far la fine di un Pallone bucato. 

Ore 22.50 – Basta un poco di Zucchero…
Con una canzone di Davide Van der Sfroos sul palco Irene Fornaciari, figlia di Zucchero, stasera stile dark e occhi vispi, chissà che non ci regali una bella performance. Comunque, sono sempre più convinta che il sistema di amplificazione dell’Ariston non renda giustizia agli artisti che si esibiscono. 

Ore 22.50 – Io ce l’ho più grande… temi altissimi
“Io ce l’ho più grande, guarda mi esce tutto” ecco come si presenta Ivana Mrazeva, alla faccia di Belen che le ha rubato il vestito ieri sera, lei ci tiene a mettere subito le cose in chiaro, sulle tette non si scherza! Soprattutto quando sono di silicone e costano una fortuna! Perché mica può bastare un sorriso e una terza per stare su quel palco! Lasciamo spazio ai Marlene Kuntz, concediamogli pure di distruggere la loro nicchia di appassionati con questa canzone davvero fuori dalle trame della loro storia musicale. 

Ore 22.45 – Ivana o Ivanka che sia… appare la luce dell’est
Si gioca con il presunto “collare” di Ivanka, mentre tornano Elisabetta e Belen, a questo punto crediamo per congedarsi dal Festival. Belen lancia Ivanka Mrazeva con tanto di “violino” di sottofonto. La splendente luce dell’est appare finalmente sul palco con uno splendido vestito blu e uno smagliante sorriso, anche a fisico fa concorrenza a Belen. Rocco Papaleo porta via Belen ed Elisabetta, mentre Ivanka resta con Gianni sfoderando un italiano cui nessuno baderà persi come saranno i nostri uomini nei suoi occhi e nelle sue curve ben poco coperte. E fa persino il discorso, che sembra quasi una letterina di Natale.

Ore 22.35 – Momento strappalacrime populista…
Morandi pone l’attenzione sullo stato di 120 famiglie di operai di una fabbrica che stampava CD, che rischiano di perdere il posto di lavoro. E delle lavoratrici Omsa e di tutti i cassintegrati del nostro Bel Paese non ne vogliamo parlare? E soprattutto, non è ridicolo parlare di queste cose guadagnando centinaia di migliaia di euro per uno spettacolo? 

Ore 22.30 – Per Belen è arrivato il Carnevale…
E mentre Belen stava per sfrantecarsi sul palco inciampando nell’improponibile vestito che indossava, la Canalis mostra un bel vestito ma fisicamente c’è qualcosa che non va, il viso è scavato da un’eccessiva magrezza. Elisabé mangia qualcosa tra un’apparizione e l’altra!

Ore 22.25 – Per Belen è arrivato il Carnevale…
Carnevale anticipato sul palco dell’Ariston per Belen con un vestito “tecnicolor”, si fanno battutine sulle dichiarazioni di Ivana e sul fatto che non sia presente, ma tanto… Ci sono Belen ed Elisabetta! Arriva un Emma Marrone modello sexy manager con completo giacca-pantaloncini (da dimenticare) bianchi e sotto top semitrasparente. La sua canzone Non è l’inferno, ma nemmeno il paradiso, sicuramente è una di quelle da portare in finale, fosse soltanto per la voce di Emma e per la sua grinta!

Ore 22.20 – Tocca alla spaesata Celeste
Gli Io ho sempre voglia lasciano il palco a Celeste, che con top rosso e pantaloncini (improponibili) blu affronta la platea estremamente impacciata, non deve essere semplice l’impatto con un teatro come l’Ariston e con l’atmosfera del Festival di Sanremo. A Celeste piacciono gli occhi verdi e il nome Carlo a quanto comprendiamo dalla sua canzone, ma a noi non piace la sua canzone…

Ore 22.15 – Arrivano gli altri giovani…
Il secondo duello è tra Incredibile degli “Io ho sempre voglia”Carlo di Celeste Gaia. Cominciano gli Io ho sempre voglia, gruppo che almeno dal look sembra poco omologato, problemi tecnici prima di cominciare, ma si parte. Piccola nota a margine, perché quelli provenienti dal “social” sembrano alieni catapultati su un palco, mentre i “selezionati” sembrano già musicisti consumati?

Ore 22.15 – Proclamato il primo giovane “semi-finalista”
Con una percentuale bulgara dell’89% Alessandro Casillo star di Io Canto batte Dana Angi (11%), un vero e proprio massacro prevedibile essendo uno già una star della TV e l’altra una sconosciuta, con una bella voce e senza esperienza. Trovo triste questo confronto, perché falsato dalla notorietà e non basato sul reale talento. 

Ore 22.10 – Idioti intelligenti, ma non meno sboccati di Luca e Paolo
Vola Gianluca, dai cazzo!!! E Gianluca vola giù, mentre Morandi finge preoccupazione e il papà se la canta pensando alla comparsata che farà da Vespa con un bel plastico dell’Ariston. Insomma, un momento divertente ma non eccezionale per originalità. 

Ore 22.05 – Stop al primo televoto e irrompono i due “dementi”
Il primo duello è stato chiuso e tra pochi minuti si saprà chi vincerà. Irrompono I soliti idioti, speriamo diano una svegliata alla serata. La famiglia De Ceglie chiede dei soldi destinati ai nullatenenti, e costringe il figlio a minacciare il suicidio buttandosi dalla balaustra. Morandi regge il gioco e cerca di risolvere la situazione. Il papà De Ceglie “Te sei il futuro? Ma va a morì ammazzato Gianluca! “Ancora battute sui giovani, “il vero problema di questo paese sono loro i giovani che fanno i giovani, perché questo paese l’hanno reso grande i vecchi, come dimostra la vittoria di Vecchioni allo scorso Festival”. Frecciatina a Pupo per l’intervento “impostato” di ieri sera. 

Ore 21.55 – Se ti manca Celentano…
Monotonia… Non oso dirlo, ma mi manca Celentano, avrà fatto un monologo soporifero, ma il solo pensiero delle polemiche che ogni parola avrebbe scatenato, almeno manteneva viva l’attenzione. Continua la Papaleo parody che porta un bouquet a Belen ed Elisabetta, che presenta Ugenio Finardi, alias Eugenio Finardi il cantautore estremo che canta “E tu lo chiami Dio“.

Ore 21.55 – Arriva un altro big… i Matia Bazar
Matia Bazar versione tanghero, con lei vestita di un lungo e scollatissimo vestito rosso (che starebbe molto meglio a Belen) e lui con fascia rossa su pantaloni e camicia nera. Arriva Sei tu, che come canzone non mi entusiasma molto. 

Ore 21.50 – Anche tra i primi due giovani non c’è grande differenza
Canzoni piacevoli, voci educate, ma nulla di più. Da questi due giovani non emerge un chiaro talento cristallino, almeno valutando questa esibizione. Anche se Dana Angi sembra avere una voce poderosa, mentre Alessandro Casillo fa un po’ il verso a Justin Bibier. Scatta il televoto per scegliere chi vincerà questo primo duello. 

Ore 21.45 – Dana Angi “dal nulla” a Sanremo
Incognita poesia, scritta ed interpretata da Dana Angi, ragazza tosta a quanto pare, vediamo se la canzone conferma. La voce c’è, ma è nascosta a tratti, ricorda un po’ Malika Ayane. Mmh…

Ore 21.40 – Casillo… la voce???
Il giovane 15enne ha lasciato la voce a casa o ha mal di gola, difficile capirlo, forse si è raffreddato dopo la centrifuga per ottenere l’effetto improbabile dei suoi capelli. Non resta che tifare per Dana, una donna non può fare peggio di così. 

Ore 21.35 – Arrivano i giovani, finalmente, stupiteci…
Due giovani arrivano da “Area Sanremo”, sei da Facebook dice Morandi, ma in realtà sono semplicemente stati selezionati tra gli oltre 2.500 brani inviati. La nuova formula per i giovani prevede la formula del duello, mors tua vita mea. Alessandro Casillo vs Dana Angi con poncho marrone e rosso “sfolgorante”. Comincia Alessandro Casillo con la sua E’ vero, tocca a lui aprire le ostilità tra i giovani. Speriamo bene!

Ore 21.30 – La chiudiamo qui, vero?
Dopo aver sentito la voce graffiante di Carone e questa bella canzone che sembra avere un’anima, grazie anche alla passione che “il ragazzo” ci mette. Possiamo anche terminare qui la serata, annullare quelle che precedono la finale e attendere di proclamarlo vincitore per la critica e per il pubblico… Anche se sul pubblico, laddove c’è D’Alessio, non confido molto… Per me, Nanì è la numero uno indiscussa di questo Festival, senza rivali. Poi sullo stesso livello Arisa, Nina Zilli e la Fornaciari jr

Ore 21.30 – Noi donne? Dei bei soprammobili…
Arriva il futuro vincitore del Festival Pier Davide Carone, con Lucio Dalla che dirige l’orchestra come uno spaventapasseri dirige le piante che crescono nel campo, ma almeno Nanì è una canzone! E mentre la canzone parla dell’amore di una prostituta, al Festival anche stasera noi donne facciamo la figura delle belle statuine che devono solo mostrare le grazie e fare le fatalone con un bamboccione. 

Ore 21.25 – Si riprende dopo un po’ di sana pubblicità
Arrivano i rinforzi chiamati da Papaleo, entrano sul palco dell’Ariston Belen Rodriguez ed Elisabetta Canalis, ancora qui per sostituire Ivana a quanto pare. Stasera Belen in bianco, sempre con le sue grazie ben in evidenza, mentre Elisabetta ha un vestitino più “coprente” nero e argento molto elegante. Mentre Belen, stasera con questo vestito non è che splenda troppo, a meno di non perdersi nello spacco vertiginoso e nella scollatura. A terra i cuscini portati dalle vallette contro gli attacchi, per cadere sul morbido. Ma la  Canalis è così dimagrita da avere il viso rovinato?! Sembra più vecchia di 10 anni…

Ore 21.20 – Dopo la strana coppia cos’altro può succedere?
La Berté in nero e Giggino con il suo fidato giubbettino di pelle da scugnizzo, almeno ci mettono l’anima si vede dal colorito violaceo di Gigi d’Alessio a metà performance. Forse non riesce a Re-re-respirare… Papaleo corre ad abbracciare “Re Giggino”, la giuria vota, arriva lo stacchetto e l’ovazione. Si saluta l’arpista, ormai mascotte del Festival. E pubblicità sia…

Ore 21.15 – Oh oh… arrivano Giggino e Loredana
Ieri sera hanno avuto un grande successo dice Morandi, e concorda Grasso che stamattina sul Corriere li ha premiati con il voto più alto della sua pagella. Sul palco manca ancora la presenza femminile, Ivana Mrazova non si vede, forse punita per le dichiarazioni di oggi pomeriggio a radio Kiss Kiss. In compenso, ci tocca ascoltare Respirare del duo Berté D’Alessio.

Ore 21.15 – Ci vorrebbe Tafazzi con la sua bottiglia…
Ieri sera queste due canzoni erano state valutate tra le migliori, assieme a quella di Pier Davide Carone… Non so come si farà a tirare avanti fino all’una di notte con questo ritmo tutt’altro che incalzante. Direi che stiamo vedendo un Festival di Sanremo pantofolaio, adatto a chi ha bisogno di una ninna nanna dopo una giornata di “sacrifici”. 

Ore 21.05 – Un po’ di retorica non guasta mai…
Papaleo parla del suo paese, delle emozioni, della Basilicata, della mamma… insomma, cose tipicamente “terrone”. Ed è in arrivo Arisa, conterranea di Papaleo, che la lancia con un po’ di fiero patriottismo lucano. Arisa senza il sacco esibito ieri sera, in abito nero con “giacchina” old fashion che di sicuro non la slancia molto. La notte dell’artista lucana, mi fa quasi rimpiangere la sua Sincerità che almeno si lasciava fischiettare amabilmente. 

Ore 21.00 – Papaleo risveglierà il festival?!
Arriva Rocco Papaleo con caschetto da operaio e impermeabile da tecnico (perfetto stile Monti), che ha appena aggiustato il sistema di voto per la giuria demoscopica. Papaleo si raccomanda con la giuria di non fare casino come ieri sera, e nel caso il sistema non funzionasse ecco spuntare le palette di Fantastico, perché la Rai è innovativa, ma anche tradizionale. 

Ore 21.00 – Mmh… Nina sotto tono, avanti il prossimo
Forse è il sistema di amplificazione di Sanremo a far perdere la potenza della voce di Nina Zilli, deve essere quello della chiesa di cui si lamentava Celentano ieri sera. Sembra tutto molto “soffice” persino la voce graffiante e roboante di Nina. Il sistema di voto funziona, “Perfetto!” esclama Morandi citando il suo stilista (Ferragamo) che quest’anno lo veste. Capatina verso l’unica nota positiva di ieri sera per il Festival, cioè gli ascolti. E dopo le scuse di Rai, Morandi ringrazia Celentano per il successo e lo chiama… Ma non c’è! 

Ore 20.55 – Comincia subito la gara…
A rompere il ghiaccio Nina Zilli, con abito ancora una volta in stile Amy Winehouse arancione a fiori, lunga treccia e capelli tiratissimi e orecchini ad anello maxi, con Per Sempre (una delle meno peggio francamente…) comincia la parte musicale del Festival di Sanremo, speriamo bene e speriamo che tutti i cantanti ci mettano un po’ di grinta!

Ore 20.50 – Siparietto con I solidi idioti
Arriva la prima metà della coppia comica I soliti idioti, con la giacca sbagliata per Gianni. E la nostra amata bigliettaia schernisce Morandi, dicendogli “vieni dalla mamma poverino…”, eh già poverino se lo spettacolo di stasera sarà pari a quello soporifero di ieri sera. Con la giacca da generale Napoleonico, Morandi ricorda quanto successo ieri con il blackout del sistema di voto, speriamo che stasera tutto funzioni, altrimenti fino a sabato sentiremo sempre 22 brani, non proprio entusiasmanti. Stasera 4 abbandoneranno la gara… sarà una selezione non semplice e temo anche qualche brutta sorpresa. 

Ore 20.50 – La seconda serata comincia con…
Apre la serata la frase “I have a dream…” di Martin Luther King, con il balletto di  Daniel Ezralow in cui ballerini bianchi e neri danzano assieme, passandosi quasi l’un l’altro il colore della pelle. Si accenna una battaglia per un confine, che viene fatto sparire. Con l’applauso a questo balletto apre ufficialmente la seconda serata del Festival di Sanremo. Arriva Gianni con il suo Bravi bravissimi!

Ore 20.45 – Anteprima senza musica, si comincia come ieri…
Smoking del signor Morandi consegnato alla cassiera che lo frantuma in mille pezzi con un distruggi documenti. E adesso come comincia Sanremo? E il primo gesto dell’ombrello della serata è arrivato. Anteprima terminata, aspettiamo che cominci lo spettacolo. E per favore un po’ di spazio alla musica, per favore…

Ore 20.40 – Sta per partire la Seconda Serata del Festival di Sanremo, cosa succederà?
Video degli spettatori che entrano all’Ariston, bottigliette di una nota acqua in bella vista e arrivo de “I soliti Idioti”. Con tanto di cassiera che “un attimo e sono subito da lei… Dicaaa“. Sì, ad aprire la seconda serata sono proprio loro due Francesco Mandelli e Fabrizio Biggio.

Ore 20.15 – TG1 improntato alle scuse…
Al TG1 Mollica e Morandi lanciano un servizio di scuse verso Corriere (criticato Aldo Grasso), Avvenire e Famiglia Cristiana tutte testate attaccate da Celentano. In chiusura Mollica puntualizza che la Rai si dissocia, mentre Morandi sorride e provoca dicendo che non è ancora detto che stasera Celentano non sia sul palco. Sembra un teatrino di periferia, più che l’evento più importante e amato della televisione italiana. 

Ore 20.00 – Celentano non ci sarà, sul palco “I soliti idioti”
Anche se Celentano da contratto dovrebbe partecipare a due serate del Festival, non crediamo proprio che stasera lo rivedremo sul palcoscenico dell’Ariston; visto quanto successo in questa caotica giornata a Sanremo e soprattutto nei corridoi della direzione RAI. Sicuramente, invece, esordiranno “i soliti idioti”, chissà se avranno l’onore di aprire la seconda serata, come capitato ieri a Luca e Paolo, oppure, se Francesco Mandelli e Fabrizio Biggio saranno chiamati a spezzare la monotonia della serata imperversando sul palco e sorreggendo Rocco Papaleo, ieri apparso un po’ “debole” e non certo un mattatore. 


Ore 19.55 – Anticipazioni sulla seconda serata di Sanremo
A scaldare il clima della seconda serata del Festival di Sanremo, ci ha pensato la grande assente di ieri sera Ivana Mrazova, che ha radio Kiss Kiss ha detto apertamente che le è stato vietato di avvicinarsi all’Ariston. Dopo il blackout del sistema di voto, a quanto pare causato da un tecnico (sabotaggio?!), le polemiche su Celentano andate avanti tutta la giornata, fino alla nomina di un “tutore” per il Festival nella persona di Antonio Marano che avrà praticamente pieni poteri di censura a quanto lasciano trasparire alcune posizione emerse nei vertici Rai dopo la prima serata. Vedremo stasera se tutta questa mole di critiche, notizie bomba, errori ecc. basterà a riportare il Festival ad un livello quanto meno godibile per le famiglie. E soprattutto, chissà che stasera tra big e nuove proposte non riesca a trionfare semplicemente la musica, che per dirla in termini economici dovrebbe essere il core business del Festival di Sanremo. A tra poco con le altre novità dall’Ariston…

Categorie
Musica & Spettacolo

Sanremo, Celentano, il “canone” Rai e il mio giramento di scatole

Si sono spenti i riflettori sulla prima serata, di ben cinque (!), della 62ma edizione del Festival della Canzone di Sanremo.

Una premessa: non l’ho visto, non seguo il festival da anni, amo la canzone d’autore e, di fatto, non sono affatto attirato da questa manifestazione.

celentano festival 2012Tuttavia non posso sfuggire al tam tam pubblicitario e d’“informazione”: così sono aggiornato sui generosi compensi corrisposti ai vari protagonisti, sulle entrate pubblicitarie, sulla “rinuncia” di altri appuntamenti televisivi nella stessa Rai e addirittura su altre reti: una tra tutte “striscia la notizia”.

Come del resto sono informato e tempestato di spot pubblicitari di mamma Rai che mi ricordano di pagare il “Tributo” annuale (cosa che accade puntualmente): ciò che in passato hanno chiamato Canone, Abbonamento ma, di fatto, una coercizione per una Tv di stato (in tal caso va bene scriverlo in minuscolo) “indipendente” (solo perché “assegnata” in modo quasi paritario ai vari partiti politici).

Se già mi giravano le scatole sapendo che del mio denaro, il Tributo finisce tutto nelle casse Rai e non all’Erario, è consentito ad alcuni farne incetta perché bravo presentatore, cantante o show girl o peggio, opinionista, il giramento ha assunto velocità vorticosa nell’apprendere che uno dei tanti predicatori mediatici, il sig. Celentano (del quale posso anche apprezzarne le qualità di cantante e condividere le radici del suo pensiero) abbia deciso per le sue prediche di accordarsi un ancor ben più cospicuo compenso. E non lo salva l’aver scelto di destinarlo in beneficenza (obbligatemi e mettetemi a disposizione i 112 e passa euro del Tributo all’anno e vi assicuro che ho conoscenza di realtà, e famiglie, davvero bisognose di quel denaro). Il tutto, lo ricordo a me stesso, in questo tempo di crisi e conseguenziali ristrettezze con richieste di più sacrifici.

belen canalis morandi sanremo 2012Il giramento questa mattina, vedendo in Tv e ascoltando per radio i diversi notiziari sulla prima serata del festival, è diventato dolore e, non esagero, rabbia. E ciò perché il predicatore atteso non ha risparmiato di buttare veleno, con frasi ad effetto, pause e quant’altro, su chi (Famiglia Cristiana ed Avvenire, delle quali – sia ben chiaro – io stesso non ne condivida appieno ogni intervento) si è permesso sottolineare quanto poc’anzi anche da me espresso: perplessità sui generosi compensi, derivanti da denaro pubblico; da quegli stessi soggetti “obbligati” a pagare, sostanzialmente, una tassa di possesso (come se tutti possedessero un solo televisore o una sola radio, e tutte uguali).

Facile predicare da quella platea, facile versare fango su chi, davvero in modo indipendente, esprime, a mio avviso, corrette osservazioni sulle modalità con le quali il denaro pubblico viene sperperato (e mi riservo, in altra circostanza, di esprimere qualche dissenso verso programmi del tipo “l’isola dei famosi”).

Ma è davvero questa la Tv di stato (ancora in minuscolo) che desideriamo e per la quale “contribuiamo” in modo coercitivo? E’ davvero questa Tv espressione di indipendenza?

“Un tributo a chi dopo 150 anni non ha mai smesso di unire gli italiani” (recita così uno dei passaggi dello spot Rai – costato 300mila euro): questa mattina mi sento davvero “unito”, vicino a tanti italiani.

E le scatole continuano a girare con il rischio che il vortice non si plachi per almeno altre quattro mattinate!

 

perces*

*Contributo che un nostro lettore ci ha inviato e che riteniamo un’analisi da condividere con tutte voi.