Categorie
Cinema

Festival del film a Roma: un programma stellare per le donne e l’Italia

Un Festival per e delle donne, almeno secondo il suo Direttore Artistico Piera Detassis. Si parla del Festival Internazionale del film di Roma, al via il prossimo 27 ottobre e giunto con non poca fatica alla sua sesta edizione, con un programma che quest’anno fa venire l’acquolina.

festival cinema RomaÈ un festival con il dna della festa al suo interno. Noi abbiamo un pubblico attento e popolare, non siamo un’isola, siamo altra cosa rispetto a Venezia o Cannes. Chi ci mette in competizione tira su una falsa querelle” – ha dichiarato la Detassis, e le fa eco Mario Sesti, curatore della sezione l’Altro cinema/Extra – “E’ un evento metropolitano, come Toronto, e lì nessuno si chiede se è più festival o festa, è proprio questa la forma moderna di questo tipo di iniziative“.

Un Festival di donne che vedrà il film d’apertura dedicato all’attivista birmana Aung San Suu Kyi, interpretata dalla bravissima Michelle Yeoh, presente al Festival ma anche a sorpresa il biopic su Marilyn Monroe, altra donna indimenticabile del cinema, My Week With Marilyn. E ancora ospiti nostrane e internazionali di primìordine: Zang Ziyi, altro astro del panorama cinematografico mondiale direttamente dalla Cina, Kristin Scott Thomas, Noomi Rapace, Nikki Reed, Charlotte Rampling, Sabina Guzzanti che presenterà il suo documentario su Franca Valeri, Luisa Ranieri come madrina e Monica Vitti protagonista di una mostra per i suoi fantastici 80 anni. Ma anche molta Italia per celebrare il 150esimo compleanno della Nazione: Pupi Avati, Marina Spada, Ivan Cotroneo, Pippo Mezzapesa sono i nomi dei nostri registi in concorso.

Anteprime internazionali come l’ultimo film di Steven Spielberg, Le avventure di Tintin: il segreto dell’unicorno, perla sezione Alice nella città, e ben tre premi Oscar in concorso nella sezione l’Altro cinema/Extra, all’interno della quale ci sarà anche un’attesissima masterclass di Michael Mann, i duetti Penelope Cruz-Sergio Castellitto, Sergio Rubini- Riccardo Scamarcio (protagonista, anche, di un documentario teatrale) e Vinicio Marchioni-Valeria Solarino.

Per finire da Tiffany a fare colazione. Sarà infatti proiettato il magico film rimasterizzato con protagonista un’altra splendida donna: l’intramontabile Audrey Hepburn.

Categorie
Cinema

Ma come ti vesti? Te lo dice l’esperta in TV!

Sono Carla Gozzi ed Enzo Miccio la coppia più seguita in tv! Già su Sky da qualche anno ed ora su Rai 2 nel programma Quelli che il calcio condotto da Veronica Cabello.

Una coppia nata per caso ma che funziona alla grande, i loro consigli sono feroci giudizi sul modo di vestire di gente famosa e non.

come ti vestiIl programma comincia con un’entrata a sorpresa della coppia in casa di gente comune, per cestinare ciò che di più brutto c’è nel loro guardaroba; e poi si continua con uno shopping assistito dalla loro esperienza nel settore. Il tutto per finire la trasformazione facendo notare il cambiamento ai telespettatori.

Carla Gozzi, prima di affacciarsi al mondo dello spettacolo, era una bravissima stilista per un’azienda importante che, tra le altre cose, faceva da sponsor al programma “Wedding Planners” di Enzo Miccio. Così un giorno in mancanza della seconda conduttrice, la regista Tiziana Martinengo, ebbe la simpatica idea di inserirla nello staff.

Il feeling tra i due si è creato sin da subito, proprio con un commento negativo l’uno sull’altro. Carla riteneva le giacche di Enzo troppo eccentriche, mentre Enzo non poteva sopportare l’acconciatura biondo platino di Carla.

Così hanno unito la loro “cattiveria” e ci hanno ricamato su un programma tutto loro: Ma come ti vesti? I loro punti di forza sono sicuramente l’ironia e la capacità di trasformare anche un ripostiglio in qualcosa di magico e bellissimo. Tra i ricordi più simpatici del loro mestiere Enzo fa riferimento ad una ragazza dallo stile mascolino, trovata in lacrime dietro la tenda del camerino perché non riusciva a star sui tacchi e ad entrare nel vestito.

State attente ragazze a non farvi beccare per le strade di Milano in look poco alla moda, altrimenti sarete catapultate nel salottino di Ma come ti vesti?

Categorie
Cinema

Il ritorno di Maria De Filippi: da “amica” a regina degli ascolti TV

In un mondo pieno di incertezze ci sono solo alcune cose che resistono e sulle quali possiamo contare: il global warming, la fame nel mondo, la figura terribile fatta con il ragazzo che ci piace, l’impossibilità di dire la cosa più figa del mondo al momento giusto e Maria De Filippi. Già, perché anche in questo inizio di stagione 2011 – 2012 la De Filippi sta vincendo la guerra degli ascolti televisivi guardando sempre la concorrenza dalla vetta in giù.

maria de filippiLa puntata del 1 ottobre di C’è posta per te con ospiti le due star di Striscia la Notizia Ezio Greggio ed Enzo Iacchetti, infatti, ha superato il diretto concorrente Ti lascio una canzone della Clerici nazionale, in onda su Rai 1, aumentando ulteriormente gli ascolti rispetto alla settimana precedente. Il risultato dello show di Maria è di 4.713.000 di telespettatori totali, raggiungendo il 24.40% di share (con un picco del 37.73%).

Non sbaglia un colpo Maria, l’unica capace di portare in tv ragazzi giovani e aggressivi o simpatici vecchietti e fare comunque il pieno degli ascolti, quasi come se il motivo principale per guardare i suoi programmi fosse, in realtà, proprio lei. L’unica, infatti, che riesce a portare a casa ottimi risultati ad ogni sua messa in onda, anche quando presenta ben tre programmi contemporaneamente (è ripartito, infatti, anche Amici).

I motivi di tanto successo? Perché, comeamici de filippi ricorda precisamente il nome del suo programma più famoso e ormai storico – che a ben 10 anni dalla prima messa in onda nel 2001, con annessi i suoi precedenti tentativi in chiave talk show, è sempre uno dei programmi più seguiti della tv – Maria è un’“amica”: è una donna normale, non bellissima, sobria e allo stesso tempo casual, simpatica e, soprattutto, capace di dare voce ai ragazzi, creando in loro aspettative e riuscendo a guadagnare la loro totale fiducia, specie in un contesto, quello televisivo, dove spesso la fascia adolescente o giovane adulta viene spesso ignorata.

Sta in questo il successo di Maria, in definitiva: infondere fiducia, coraggio e, soprattutto, ascoltare. Anche quando si siede sulle scale dello studio televisivo, quasi scocciata, Maria ascolta. A differenza di tutte quelle professioniste presentatrici che fanno domande ma che, mentre rispondi, ripassano il copione, Maria ascolta davvero i suoi “amici”. Che la premiano con una fidelizzazione ed un engagement con il programma mai vista prima.