close

Gualtiero Marchesi cucina per McDonald’s

Da qualche giorno nella mia città, gira una bellissima Limousine con su scritto “L’alta cucina è arrivata” e di fianco il simbolo del McDonald’s. Così sono andata subito a documentarmi ed ho scoperto che il grande cuoco Gualtiero Marchesi ha firmato una collaborazione con il più grande fast food del pianeta. Mai avrei immaginato, però, che le persone invitate ad assaggiare la novità sarebbero state scelte per strada in base al loro look.

Gualtiero Marchesi cucina per McDonaldUn metodo di selezione simpatico per lanciare un messaggio forte, come a voler dire: gente altolocata, mangiare al McDonald’s è di classe!

Effettivamente dalle foto inserite sul profilo Facebook di McDonald’s Bari i “personaggi” scelti hanno un look very fine, che si presta moltissimo alla nuova location. Due piani di fast food completamente rivisitati in versione sala ricevimenti! Tavoli, tondi, calici, posate, piatti con il rigo d’argento, spumante e vino, sono solo alcune delle cose proposte per questo mese dall’inventore della Nouvelle Cuisine.

Re della serata, ovviamente il panino! Non uno qualsiasi, ma quello creato dal cuoco appositamente per questa ricorrenza, il Vivace, che prende il nome dal ritmo incalzante delle sinfonie di musica classica accompagnato dal dessert Minuetto.

Davvero singolare l’idea dello chef Marchesi che trova ispirazione proprio nei giovani e nelle loro “cattive” abitudini di mangiar al fast food. Un modo nuovo per portare l’alta cucina a chi va sempre di corsa ed introdurre ingredienti salutari come spinaci e melanzane.

Il Vivace è infatti ripieno di bacon, spinaci saltati, cipolla marinata, hamburger bovino e maionese con grani di senape, all’insegna della cucina slow. Mentre il dessert è fatto di panettone con salsa al caffè, crema di mascarpone, canditi e mandorle: un mix di tradizione italiana.

Se volete assaggiare il nuovo menù, fatevi notare, magari con un cappello alla Kate Middleton.

Tag:,

No Comments

No Comments

  • avatar image
    christabella
    11 ottobre 2011 Reply

    caspita, ne parlavamo l'altra sera a cena... ci sembra una contraddizione da paradosso questa dello chef slow-food che si butta nel mercato del fast food! La domanda è: ci guardagnerà più McDonald's o ci perderà di più lo storico Gualtiero Marchesi? : O Grazie per le info sul menù... ma è piaciuto?

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi