close

Alfano segue Berlusconi: polemiche e OPA sul Quirinale

La puntata di In Mezzora era filata liscia fino al minuto 26, quando Lucia Annunziata non resiste e butta lì un’affermazione molto pesante: “Vi rendete conto che siete impresentabili?“. Domanda che manda su tutte le furie il segretario del Popolo della Libertà, Angelino Alfano, che attacca subito l’Annunziata dicendo che queste affermazioni non si possono fare. L’Annunziata spiega che la provocazione tiene conto della protesta davanti al Tribunale di Milano, che ritiene un atto gravissimo. Cosa che ovviamente Alfano, difendendo il perseguitato Silvio Berlusconi, non ritiene condivisibile.

Alfano_BoldriniCosì la puntata durante la quale Alfano con grande non-chalance, ha rivendicato l’inciucio per portare Bersani al Governo e regalare al centrodestra il Quirinale, dove il segretario del Popolo della Libertà dice che per ben 3 mandati ci sono stati Presidenti della Repubblica di Centrosinistra, e adesso è giunta l’ora di un Presidente “moderato”. Alfano non fa nomi, dicendo però che di nomi eminenti ce ne sono molti. Certo è che per attuare questo piano che posizioni un uomo di fiducia di Berlusconi, o chissà Silvio Berlusconi stesso, alla più alta carica dello Stato ci sarebbe bisogno di un governissimo, come quello paventato subito dopo il voto.

Angelino_Alfano_PDLTutti dicono in nome del bene del Paese che questa sia l’unica via percorribile, ma siamo davvero certi che la soluzione ai problemi dell’Italia sia l’ennesimo “inciucio”, anziché un Governo di alto profilo che però abbia un chiaro imprinting? Forse, dopo queste parole di Alfano, i rappresentanti in Parlamento del Movimento 5 Stelle dovrebbero cominciare a riflettere, se sia o meno il caso di continuare ad influenzare positivamente l’attività parlamentare, appoggiando magari un Governo guidato da Bersani, che eviti trasversalismi che sanno di vecchio e pericoloso, per la politica, ma soprattutto per il Paese.

Tag:, , , , , , , , , ,

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi