Obama sia affida alla moglie Michelle per conquistare le donne

In una delle più “tirate” campagne elettorali degli Stati Uniti, degli ultimi 40 anni, oltre ai due contendenti Barack Obama presidente USA in carica e democratico, e Mitt Romney imprenditore un po’ squalo e repubblicano fin nel midollo, sui palchi delle convention per convincere gli elettori statunitensi sono salite anche le mogli. Visto che donne e immigrati avranno un ruolo fondamentale in quello che nei sondaggi è un testa a testa.

Nella notte è toccato a Michelle Obama perorare la causa del suo amato marito, il Presidente dei Sogni, com’è stato considerato da tanti americani, che però si è dovuto battere contro la crisi mondiale e la recessione. Michelle parla al cuore delle donne e dice che suo marito è la scelta migliore, perché Barack Obama conosce il significato  del sogno americano ed è un uomo dalle origini umili, non un miliardario senza scrupoli come Romney.

Così, se Ann Romney ha parlato del lato umano, che il marito tiene ben nascosto, Michelle ha raccontato la storia di  un padre affettuoso, definendosi lei stessa semplicemente “The mom in chief“, cioè la mamma in capo. Obama farà le scelte giuste per il futuro dei nostri figli, questo il messaggio lanciato dalla first lady. E questo più di tutti è forse il messaggio che gli americani vogliono sentire, così l’alba di una nuova america prospettata nella campagna 2008 da Obama è già passato e da oggi si guarda ad un nuovo futuro, con tante scelte coraggiose per battere la crisi. Vedremo tra pochi mesi chi riscuoterà maggiore successo nell’elettorato femminile se Michelle o Ann… E chi, di conseguenza, decreterà la vittoria di un democratico o di un repubblicano.