close

Nina Moric: separazione e confessioni shock

Dopo pochissimi mesi di matrimonio, la storia d’amore tra la modella Nina Moric e l’imprenditore Massimiliano Dossi è finita. E’ la stessa Moric che tweetta la notizia: “Nulla è per sempre… Addio Amore Mio prenditi cura di te… Nina”. Ma la notizia della sua separazione e della fine di questo ennesimo amore, la Moric sgancia una vera e propria bomba sulla sua vita personale precedente al successo avuto in Italia.

Nina ha infatti raccontato, durante la trasmissione di Canale 5, Verissimo, di essere stata violentata dal padre quando era ancora una bambina. Così ha detto la Moric ad una incredula Silvia Toffanin: “Da ragazza sono stata violentata da mio padre. Da bambina sono finita in ospedale molte volte per colpa di mio padre che mi violentava. Negli anni ho avuto problemi di autolesionismo e anoressia perché pensavo che quel che era successo fosse colpa mia. È anche per questo motivo che sono scappata dalla Croazia a soli 16 anni”.

L’intenzione di raccontare ora tutto il suo doloroso passato deriva dall’esigenza di raccontarsi in un libro, una storia che possa mettere a nudo il suo dolore per dare anche forza a tutte le anonime nina moric divorzio corona bene figliodonne e ragazze che subiscono la violenza che ha subito lei in silenzio. “Oggi ho superato la cosa, ed è per questo che riesco a parlarne” ha concluso l’ex Signora Corona.

Massimiliano Dossi sembra essere stato un ottimo antidoto per superare un periodo complicato che durava da tanto (complice i problemi alimentari, con l’acool e quelli seguiti alla separazione con Corona), addirittura proprio per lui la Moric aveva finalmente rinunciato all’effetto canotto per le sue labbra, deformate dal botox, ma a quanto pare l’amore non è durato.

Tag:, ,

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi