Da oggi Washington può ammirare, in mostra, un importante documento firmato dal nostro Leonardo Da Vinci, nelle sale del National Air and Space Museum. Il documento viene raramente esposto al pubblico estero e la sua messa in mostra rientra nelle celebrazioni che quest’anno gli USA dedicano alla cultura italiana.

Si tratta del Codice sul volo degli uccelli, uno dei quaderni più famosi al mondo, che potrà essere visto in esposizione per soli quaranta giorni. Il Codice è formato da 18 fogli in cui gli appunti del genio toscano appaiono nella sua famosa scrittura a specchio, ovvero scritta all’inverso da destra verso sinistra. ”L’opportunita’ di esporre il ‘Codice sul volo degli uccelli’ di Leonardo e’ per noi un privilegio straordinario”, ha detto il generale J.R. “Jack” Dailey, direttore del National Air and Space Museum.

“Ci consente di ripercorrere la storia del volo condividendo le scoperte di un visionario il cui genio trascende il tempo, dal 16 secolo fino alle icone contemporanee nel campo dell’aeronautica e dell’esplorazione.” E infatti gli studi di Leonardo hanno precorso i tempi, risalendo al 1505, 1506, stesso periodo in cui mise mano alla sua più celebre opera, La Gioconda. Stando alle parole rilasciate dall’ambasciatore italiano a Washington, Claudio Bisogniero, l’occasione leonardo da vincidi esporre un tale documento celebra non solo celebriamo l’Anno della Cultura italiana negli Stati Uniti ma anche l’anniversario dei 50 anni della collaborazione tra Italia e USA nei progetti spaziali.

Nella stessa esposizione, accanto al “manuale” primordiale sulla dinamica del volo, c’è anche, in esposizione permanente, vanta il Flyer di Wilbur Wright, il primo aereo a motore funzionante al mondo.