close

Violenza sulle donne: Sì alla Convenzione di Istanbul ma senza legge sul femminicidio

Il Consiglio dei ministri ha appena sottoscritto il Disegno di legge, ratificato, della Convenzione di Instabul contro la violenza sulle donne. Il trattato che passerà all’esame della Camera e del Senato, però, non include la proposta di legge sul femminicidio, che prevedeva l’aggravante dell’ergastolo.

L’approvazione della ratifica è una chiara risposta delle istituzione al crescente fenomeno della violenza di genere. Il trattato contro la violenza sulle donne è stato fortemente voluto dal ministro degli Affari esteri Giulio Terzi, il quale ha compreso l’urgenza di approvare una legge adeguata, soprattutto in un periodo in cui i continuano ad aumentare i casi di violenza sulle donne.

Nella Convenzione approvata dal Cdm vengono delineati  i principi per prevenire, punire e contrastare la violenza nei confronti delle donne e quella domestica, in quanto atto di discriminazione di genere, che si manifesta attraverso la coercizione o la privazione arbitraria della libertà, e che crea danni o sofferenza di natura fisica, sessuale, psicologica o economica, sia nella vita pubblica che in quella femminicidioprivata.

Dopo due mesi dalla sottoscrizione da parte dell’Italia della Convezione di Istanbul, quindi, il Governo si sta mobilitando per trasformare in legge un trattato volto a debellare quella che è una vera e propria discriminazione nei confronti delle donne.

Anche se esso non include la proposta di legge sul femminicidio, è importante tener conto del traguardo raggiunto.

Ora come non mai è importante che il Governo continui nella realizzazione di strutture come i Centri antiviolenza e le Case delle donne maltrattate. La presenza di tali organizzazioni sul territorio, infatti, è ancora molto scarsa, e nonostante siano nate associazioni come Telefono rosa, si continua a registrare un aumento esponenziale delle violenze contro le donne all’interno di rapporti sentimentali.

L’ultimo caso di una lunga serie di orribili violenze contro le donne è avvenuto proprio ieri a Roma, dove una donna cosparsa di liquido infiammabile è stata data alle fiamme dal marito,  registrandosi come il quarto caso di violenza in tre giorni.

La donna fortunatamente non ha perso la vita, ma è ricoverata in ospedale con gravi ustioni su tutto il corpo. Il suo non è che la conferma dei tragici dati che disegnano il drammatico aumento della violenza legata ai rapporti sentimentali.

Tag:, , ,

No Comments

Partecipa alla discussione

Story Page