Categorie
Cinema

Vacanze di Pasqua al cinema: la recensione dei titoli da non perdere

Se queste prossime vacanze pasquali non ci offriranno il bel tempo primaverile che tradizionalmente il periodo esige, a partire dal 28 marzo ci sarà tanto tempo per rimanere chiusi nei cinema delle vostre città a guardare gli interessanti titoli che il cartellone ci offre.

Partiamo subito con un pezzo da novanta del cinema italiano, Giorgio Diritti, che torna al cinema con una bellissima Jasmine Trinca e con una storia di riscoperta personale e di abbandono alla natura selvaggia dell’Amazzonia. La protagonista, Augusta, affronta l’avventura della ricerca di se stessa, incarnando la questione universale del senso dell’esistenza umana.

Dal dramma alla commedia, rimanendo in Italia, arriva Outing, una divertente commedia che ragione con ironia sulle coppie di fatto e sulla loro ‘definizione’ nel nostro Paese, con uno sguardo critico alla società. Anche il vicino e lontano oriente ci regalano, questa settimana, grandi e intense storie, raccontate sul grande schermo. Come pietra paziente racconta la storia di una donna che trova la forza per liberarsi dalle catene di una vita al servizio del marito in coma, regalandosi così la gioia dell’amore della consapevolezza e della libertà.

I figli della Mezzanotte invece racconta di una coppia di neonati scambiati nella culla, durante una notte molto speciale, quella del 15 agosto 1947, quando l’India diventa finalmente libera dall’Impero Britannico. I due bambini, così come tutti quelli nati in quella notte, sono speciali e lo scopriranno quando le loro vite si intrecceranno una volta diventati grandi.

Facciamo un rapido giro in Europa e scopriamo un film davvero strano, in CGI e prodotto in Germania, che racconta le avventure del Marsupilami, una creatura fantastica della foresta Polombiana, non è un errore di battutta! È proprio la foresta della Polombia, dove il marsupilami vive, cresce e diventa il principale oggetto di curiosità per uno sprovveduto fotografo.

Dalla Germania alla Francia, dove Omar Sy, protagonista del campione di incassi Quasi Amici, diventa un poliziotto di periferia che suo malgrado si trova a collaborare con un collega parigino. La differenze culturali e sociali sono il principale campo di scontro tra due uomini diversissimi costretti a collaborare e inevitabilmente destinati a diventare amici.

Arriviamo adesso dall’altro lato dell’Oceano, dove si agitano i grandi capitali e le storie da blockbuster. Arrivano questa settimana infatti i G.I. Joe, che con La Vendetta, proseguono il discorso cinematografico cominciato con La Nascita dei Cobra nel 2009 e confermano il successo dei franchise cinematografici nati da linee di giocattoli.

Dai soldati agli avventurieri, arriva sullo recensione film cinema pasquaschermo anche Il Cacciatore di Giganti, racconto liberamente tratto dalla fiaba di Jack e il fagiolo magico, in cui ritroveremo Nicholas Hoult, protagonista di Warm Bodies e astro nascente della giovane Hollywood.

Chiude la carrellata di titoli The Host, la trasposizione cinematografica dell’omonimo romanzo di Stephenie Meyer, autrice di Twilight, che con questa nuova storia mescola romanticismo adolescenziale e alieni, con un occhio di riguardo alla tradizione de L’invasione degli Ultracorpi; protagonista la magnifica e bravissima Saoirse Ronan.

The Host – La storia racconta di una devastante invasione aliena da parte di esseri denominati Anime, che lavorano come parassiti e adoperano i corpi degli esseri umani e tolgono loro qualsiasi personalità. La resistenza è alle corde: tra loro c’è la ribelle Melanie Stryder, che viene catturata e resa schiava di un alieno chiamato Wanderer, famoso per aver sottomesso numerose popolazioni nelle galassie.

Ma, lungi dal perdere la propria identità, Melanie continua a bruciare d’amore per Jared: profondamente toccata da questo sentimento, l’aliena cerca di trovarlo e alleandosi con Melanie nel tentativo di salvare la specie umana.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *