close

USA, Shutdown: chiudono gli uffici, 800mila lavoratori restano a casa

Sarà anche stato il Presidente dell’ottimismo e della speranza, ma Barack Obama si trova a gestire, ora più che mai, uno dei momenti più complicati della storia degli Stati Uniti, probabilmente dalla dichiarazione d’Indipendenza del 1776, o quasi.

Il Congresso non ha trovato un accordo sul finanziamento statale e ora il più potente stato del mondo è in shutdown. A partire da oggi, primo ottobre, circa 800mila lavoratori statali non riceveranno più stipendio, ci sarà la chiusura di musei, degli sportelli ministeriali e persino dei parchi naturali in tutti gli States. Niente più finanziamenti dello Stato.

Il vero e proprio terreno di scontro però è stata la riforma sanitaria e l’entrata in vigore della cosiddetta Obamacare, che sarebbe dovuta diventare operativa proprio a partire da oggi 1 ottobre. I Repubblicani, con maggioranza alla Camera, hanno deciso di ostacolare la riforma, chiedendo che venisse ritardata di un anno per la concessione dei fondi necessari ad applicarla. Obama, e il partiti Democratico con lui, non si sono piegati, e hanno combattuto per rendere effettiva una riforma approvata con molti sforzi diversi anni fa e che cambierà la vita a 35 milioni di cittadini americani.

Ma lo scotto da pagare è stato la “fine” dello Stato Federale. A nulla è servito il suo tentativo di mediazione tra Camera e Senato, e così Obama ha dovuto cedere. Il muro che separa Casa Bianca e Grand Old Party non è stato abbattuto. L’ultima proposta, avanzata dai deputati repubblicani al Senato (in mano ai democratici) è stata quella di istituire una Conference Commitee, una commissione sul budget. La proposta è arrivata però solo alle 23.00 di ieri sera, ora americana, appena un’ora prima della scadenza del termine ultimo per trovare un accordo. Lo shutdown non è stato evitato, e il senatore democratico Harry Reid, puntando il dito contro il Grand Old Party, ha sentenziato: “Domani per colpa loro sarà una brutta giornata per l’America e gli americani”.

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi