Categorie
Cinema

Tutti Pazzi Per Rose (Populaire): una nuova commedia anni ’50 fra amore e ambizione

Il cinema si compone sempre più di storie fatte d'animazione, clamorosi effetti speciali e avventure mirabolanti; ma spesso, quando ci sediamo su una poltrona di una sala cinematorgrafica, sentiamo nettamente la mancanza di uno di quei film capaci di tenerci incollati sulla sedia per la sua simpatia e irriverenza, per la sua semplicità e ilarità e per quella storia d'amore pazza e complicata che tutte noi vorremmo vivere…

E se da tempo cercavate un film così, forse è arrivato il momento giusto di tornare al cinema per guardare Tutti pazzi per Rose (titolo originale Populaire): una nuova ed esilarante commedia che vede alla regia la firma di Régis Roinsard e alla produzione quella della BIM.

La storia? Beh, certamente originale dato che il tema su cui ruota il film è una gara di dattilografia. Strano vero? Eppure è così. Ambientata nella primavera del 1958, questa pellicola racconta la storia di Rose Pamphyle (interpretata dalla bellissima Déborah François): una giovane ragazza di 21 anni, bella e dolce, che ha sempre visto la sua vita scorrere giorno dopo giorno insieme al padre in un piccolo villaggio della Normandia.

Una ragazza comune, in un villaggio comune, fatto di persone comuni, pronta a sposare il suo promesso sposo: il figlio del capo-officina del paese. E tutto sarebbe andato avanti così se… Se Rose un giorno non avesse capito che la vita di una casalinga come tante, morbida ed accondiscendente alle volontà del marito e del padre burbero, le stessero un po’ strette.. troppo strette!

E allora cosa farà la piccola Rose per dare una sferzata alla sua vita? Parte e si avventura per le lande della Normandia alla conquista di Lisieux: un paese dove prova un colloquio come segretaria presso un’agenzia di assicurazioni.

Tuttavia la vita di Rose sembra non decollare, dato che il provino fatto non convince per niente il titolare Louis Echard (interpretato da Romain Duris). Eppure qualcosa sembra illuminare il viso del maturo e seducente Echard: Rose in realtà ha un’ abilità innata e sorprendente, sa battere a macchina come mai Louis aveva visto prima.

Ed è qui che inizia questa pazza storia, fatta di allenamenti e prove sulla macchina da scrivere, per portare Rose a diventare la dattilografa più capace e veloce dell’intera Francia e perchè no.. anche del mondo. Ovviamente da buona commedia qual è, Tutti pazzi per Rose vedrà intrecciarsi anche l’amore insieme all’ambizione e questo complicherà di molto la vita della giovane promessa dattilografa.

Con questa commedia riscopriamo i sapori degli anni ’50, con quei colori e quelle sfumature che sanno quasi riportarci davvero al passato. Il regista ha compiuto un’analisi sapiente delle pellicole dell’epoca ed ha saputo ricostruire le ambientazioni e il pathos di quelle gare di dattilografia divenute addirittura sport negli anni ’50.

Per farlo Régis Roinsard ha rievocato vecchi documentari e pubblicità datate sul mondo della dattilografia. È infatti lo stesso regista a svelare, in un’intervista, che l’idea di Populaire è nata dopo aver visto, nel 2004, un documentario sulla storia della macchina da scrivere. All’interno del clip era presente una sezione sui campionati di velocità dattilografica e questa parte lo ha letteralmente illuminato.

Così ha iniziato a documentarsi sul tema, analizzando anche vecchie pubblicità dell’epoca, prendendo appunti e spunti per realizzare Tutti pazzi per Rose.

Insomma una storia strana ed avvincente, che molte donne apprezzeranno per le sfumature del carattere di Rose: a volte una donna decisa, capace di andare contro il bigottismo del suo paese e altre volte fragile ragazza dal cuore troppo tenero.

Come dite? Volete un assaggio di Populaire? Basta chiedere! Eccovelo di seguito:

 



Se volete maggiori informazioni su Tutti pazzi per Rose o se volete sapere di più sugli attori, vi basta seguire i canali social ufficiali su Facebook e Twitter.

E allora che aspettate? Diteci la vostra e raccontateci che ne pensate dell'avventura di Rose! 


Articolo sponsorizzato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *