Categorie
Da DNA a donna

Tra Mae West e Gordon Gekko: Terry De Nicolò

. httpv://www.youtube.com/watch?v=ehusOyLWgA8

Di come vendere la propria mamma e vivere felici con una tutina da Wonder Woman.

Che audacia, che grinta! Questa Terry De Nicolò è proprio una vera Bad Girl. E me lo vedo già il merchandising, le t-shirt con i suoi aforismi accanto a quelli di Mae West (quella delle Cattive Ragazze che se ne vanno dappertutto, mentre le Buone, bèh quelle se ne stanno in Paradiso a fare la calzetta) o del Libanese (il roccioso Pierfrancesco Favino, protagonista della serie sulla Banda della Magliana, un “idolo contro”). Una cosa un po’ coatto_chic  tipo “La bellezza è un valore e se tu sei racchia e fai schifo te ne devi stare a casa”. Che finezza di espressione. Una vera Cortigiana alla corte del nostro Esteta Imperatore. È la Natura che li accomuna, per cominciare ad introdurre il Darwinismo sociale da leone e gazzella della pubblicità che alla Signorina Terry piace tanto. Ma non vorrei fare di tutta l’erba un fascio… oops, no, forse è meglio di no, potevo evitare l’equivoca espressione.

La Signorina Terry, Gordon Gekko del 2011 in gonnella e lingerie a squame (NdR: Gekko è lo spietato protagonista di Wall Street 1 e 2, con il volto di Michael Douglas), una donna forte che dice le scomode verità che tutti, ma soprattutto tutte, pensano.

Ovvio che di carne messa sulla griglia ce n’è tanta, ma io che sono femmina mi incaglio più facilmente su un paio di riflessioni, lasciando leoncini, pecorelle, orsacchiotti e tarantini ad un’altra occasione.

Prima di tutto la Signorina Terry denuncia un fatto evidente ai più: che qualunque donna, ma dico proprio qualunque, correrebbe pur di essere presentata alla corte del Re Sole di Palazzo Grazioli. E confesso che questa “verità” mi ricorda tanto, in versione 2.0, mitologie di qualche decina di anni fa. Un balcone, ad esempio, e un profilo volitivo. Simboli oggi sostituiti da un più tecnologico trapianto di capelli e da party neroniani alla Lino Banfi. Non sto a contraddire la Signorina Terry, pare sicura di sé, forse ha commissionato dei sondaggi.

E poi ci sono La Bellezza, L’Invidia e il Potere (qui l’indice degli ascolti si impenna). Ma no. Non cascherò nel tranello di confondere la Sana maledetta Invidietta verso una donna più bella di me (e non ho detto “sana” tanto per dire, eh?) con l’Invidia per quello che la signorina decide di fare con la sua “Bellezza”. Sono due invidie diversissime, non è che girano sempre a braccetto.

Da una parte sta l’ansia della piccola Cozza che teme di fare tappezzeria al gran galà del Mondo, dall’altra la scalata (o le velleità di scalata) al POTERE. E dei suoi simboli. Che ognuno interpreta secondo l’immaginario che preferisce. E tenendo fermo il fatto che il POTERE (gradirei una risata alla Vincent Price in sottofondo) non è sempre cosa orrenda, rimane che tra il piccolo,­ onesto imprenditore, semplice e buono, e il TEMIBILE CORROTTO INDUSTRIALE (altra risata per favore) di cui la Signorina T parla, c’è tutto un universo in mezzo e non sto nemmeno a polemizzare, che ho poco tempo e devo andare a fare la spesa.

In ogni modo il mondo è pieno di donne bruttine che nel POTERE ci sguazzano essendoselo conquistato da sole. Scienziate, donne di politica, amministratrici delegate, segretarie, attrici, mogli. E non è che devono dare giustificazione scritta a nessuno. La sensazione è che la Signorina Terry, o chi le ha scritto le battute, ci prendano per scemi così da perdere tempo ad argomentare difese scritte di cose che sono ovvie. Oppure siano (la Signorina T e i suoi ipotetici amici) così sfacciati da lanciarsi in un’apologia di reato di nuova generazione, travestendola da puntata di Quark: Darwin si rivolterebbe nella tomba. E mi immagino le serate a discutere di Filosofia della Morale a Palazzo Grazioli: è vero, in una cosa concordo con la Signorina Terry, se una vuole vendere la sua mercanzia e qualcuno gliela compra niente in contrario, lo facciamo tutti, tutti i giorni, in modi diversissimi. È commercio. Ma da qui a teorizzare l’evoluzione della specie verso l’eliminazione del più debole ci passa il tunnel sulla Manica.

Preferisco tornare un momento alla faccenda della Bellezza: ovvio che la Bellezza è importante. In senso ampio, intendo, con tutte le soggettività del caso. Che non mi è successo una volta e nemmeno due di incontrare un uomo bellissimo che, non possedendo alcun barlume di intelligenza negli occhi, mi è diventato attraente come una fiorentina. E qualcuno ha detto che sarà la Bellezza a salvare il mondo. Ma forse la intendeva in maniera differente, e comunque non me la ci vedo tanto la Signorina Terry con la tutina da Wonder Woman (e Linda Carter è stata Miss Universo), ma molto di più con un perizoma corredato da piume di struzzo. Certo non un costumino comodo per fare cose da supereroina, a meno che non ci sia un Batman nascosto nell’armadio della camera da letto.

E poi questa cosa che “Se tu vuoi 20.000 euro al mese ti devi mettere sul campo e ti devi vendere tua madre, mi dispiace ma la penso così.” Chissà cosa le dispiace poi, dispiacerà a sua mamma, forse, ma magari pure no. E deve essere da qui che nasce tutto.

La Signorina Silvani

5 risposte su “Tra Mae West e Gordon Gekko: Terry De Nicolò”

Io non scomoderei due grandi personaggi come Mae West e Gordon Gekko per descrivere questa signorina. Eh, già, lei pensa di essere potente, di avere la “bellezza” dalla sua parte e di essere capace di farla fruttare a dovere. In realtà, non si rende conto di essere semplicemente un oggetto che gli uomini usano a loro piacimento.

pensa che altrove le avevano attribuito addirittura una certa forma di Machiavellismo! … E’ una coattona che si nasconde dietro ad un bel faccino, una trappola per convincere la gente ad entrare nella stessa logica anche se al contrario… Io sono cozza e felice a metà di esserlo… ma se fossi una bella donna certo non mi svenderei per Palazzo Grazioli… il punto non è scandalizzarsi o no, credo. Il punto è non cadere nel tranello…

“perchè la bellezza ha un valore” mi ricorda il lorealiano “perchè io valgo”, declinato anche nel più recente e coinvolgente “perchè voi valete”. un perfetto spot per questi anni sfigati, nei quali dobbiamo imparare come vanno le cose da un puttanone in tv, e ritrovarci a pensare “ma a me non hanno mica insegnato così”. mah, cosa sia successo tra il dire e il fare non lo so, ma so che ho sviluppato un esercizio di critica e valutazione nei confronti delle persone (pubbliche, private, uomini, donne) che nessuno mi ha insegnato. e che mi fa pensare che dare spazio televisivo a un’intervista così sia più di danno che di utile, senza sottovalutare nessun telespettatore. se non altro perchè nel caso avessero trasmesso uno spot pubblicitario, anzichè l’intervista, lo share ne avrebbe sofferto, ma mai quanto l’intervistata, privata del suo “giorno da leone” e inchiodata ai proverbiali cento da pecora. glissando su facili ironie.

vero MBG… e pensa che rispetto al tormentone dell’Oreal ho sempre avuto una relazione bivalente: da un lato è troppo efficace come slogan per non diventare una citazione costante… dall’altro che me lo dicano degli sciampari che io valgo mi fa ridere… cioè, non dovrei saperlo da sola? e altra cosa: certi personaggi dovrebbero avere lo spazio che meritano. cioè, esiste la libertà di opinione e di espressione, ma cosa ci ha raccontato questa signorina di nuovo? e soprattutto di essenziale? si tratta sempre e solo di audience, di ascolti. e di politica… politica nel senso di tranello: finchè si cascherà in queste provocazioni e non si cambierà marcia continueremo a comportarci come un popolo bove di veline, calciatori e wannabe… concordo con te in tutto. e d’altra parte viviamo in un epoca pop, dove un po’ di notorietà non si nega a nessuno… il punto è quanto paghino gli altri poi perchè tu ti possa levare lo sfizio… ci vuole intelligenza per glissare sulle ironie troppo facili :DDD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *