close

The Vampire Diaries: perché Jeremy è morto? Lo spiega la produttrice del telefilm!

The Vampire Diaries è sicuramente uno dei fenomeni televisivi degli ultimi anni, tanto da essere mandato in onda praticamente in mezzo mondo: dagli USA all’Italia.

Di conseguenza si capisce come mai ci sia un grande seguito da parte del pubblico e come mai, anche la produzione, si senta in obbligo, ogni tanto, di dare delle pillole sul come e sul perchè avvengono certe cose all’interno della serie tv.

Questa volta è proprio Julie Plec, una dei produttori di The Vampire Diaries, a spiegarci alcune cose e in particolare perchè hanno scelto di eliminare uno dei personaggi. Ovviamente stiamo parlando della morte di Jeremy, fratello di Elena.

Come ben sappiamo l’episodio che ha visto scomparire Jeremy è stato il 4×14 (trovate qui il riassunto delle ultime puntate: The Vampire Diaries 4×14, 4×15 e 4×16: da Jeremy ad Elena, facciamo il punto della situazione) e la motivazione addotta da Julie sarebbe relativa al personaggio di Elena. Quest’anno, infatti, ha visto come focus principale l’evoluzione del personaggio di Elena in vampira – ha spiegato la Plec – tuttavia una delle cose che continuavano a tenere umana Elena era il suo istinto di protezione verso il fratello… verso Jeremy.

E allora come fare in modo che trasformatasi the vampire diaries elena morte jeremy vampira in un vampiro, Elena perdesse tutta la sua umanità? Semplice, bastava far morire l’unico legame che Elena stessa aveva con la sua umanità: Jeremy.

Volevamo che Elena cadesse nel luogo più oscuro che c’è, un luogo in cui non riuscisse più a sentire emozioni: un luogo dove la donna compassionevole lasciasse il posto alla donna fredda e spietata”.

Ecco svelato l’arcano: Jeremy era l’unico contatto con l’umanità di Elena e la sua morte ha dato il via alla sua trasformazione definitiva in vampira.

Non resta che attendere i prossimi episodi per vedere come e quanto cambierà il carattere di Elena in questa sua nuova evoluzione vampirica.

Tag:, , , ,

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi