close

Terremoto: ancora scosse in Emilia e Calabria

Mentre in Emilia Romagna si comincia a ricostruire una vita normale dopo le scosse di terremoto di fine maggio, in Calabria si stanno contando i danni della scossa dello scorso 26 di ottobre, che con i suoi 5.1 gradi della scala Richter ha danneggiato i tanti paesi della provincia di Cosenza e Potenza arroccati sulle alture del Pollino.

Gli sciami sismici che coinvolgono queste due regioni non sembrano però voler cessare, certo se da una parte conforta l’assenza di scosse di forte intensità, dall’altra la paura del terremoto resta una compagna con cui è difficile vivere e recuperare una quotidianità da persone normali. Gli studiosi stanno tenendo sotto controllo tutte queste zone ad alta sismicità, ma la situazione non è facilmente intellegibile e le diversità di vedute abbondano.

In Emilia Romagna le istituzioni sono già all’opera per censire le strutture non a norma e prendere i dovuti provvedimenti, mentre le scosse si susseguono pur non superando mai il terzo grado della scala Richter. In Calabria, invece, si teme per una scossa di forte intensità visto che i valori di accumulo dell’energia cinetica delle faglie sotto il Pollino non ne vogliono sapere di tornare a livelli normali.

Speriamo per le popolazioni di queste regioni che lo sciame sismico si plachi presto.

Tag:, , , ,

No Comments

Partecipa alla discussione

Story Page