Categorie
Bellezza & Salute

La percezione del dolore è un fatto genetico, anche nei gemelli

Per quanto due gemelli omozigoti possano essere identici, non lo saranno mai fino in fondo. Le impronte digitali e la retina saranno sempre differenti da individuo ad individuo. Ma c’è anche un altro elemento che differirà sempre…

dolore-percezioneSi tratta della sensibilità al dolore. La percezione dello stimolo doloroso è associata al modo in cui i geni chiave del dolore sono chimicamente modificati, processo diverso in ogni individuo.

Lo studio è stato pubblicato su ‘Nature Communications’ ed p stato portato avanti dai ricercatori del King’s College di Londra. Questi approfondimenti sulla percezione del dolore da parte del corpo sono utili alla comprensione del dolore stesso, componente imprescindibile, purtroppo, dell’essere umano. Lo studio è stato realizzato da un team di ricercatori capitanato da Tim Spector; tale ricerca si basa su un database genetico relativo a gemelli identici chiamato TwinsUK.

Lo studio ha messo quindi in connessione le reazioni al dolore delle coppie di gemelli “testate” con le variazioni genetiche che gli stessi presentano, arrivando a concludere che dalle variazioni dipendono le percezioni di sensazioni dolorose. Tale studio ha particolare valenza se associato alle coppie di gemelli perché sottolinea che anche la minima variazione genetica è fondamentale per sentenziare l’unicità dell’essere umano, parlando, ovviamente, solo da un punto di vista prettamente medico /fisico.

Categorie
Bellezza & Salute

La dieta mediterranea fa bene al cuore

Lo stile alimentare mediterraneo è legato ad un minor rischio di patologie cardiache

dieta-mediterraneaUna nuova ricerca ha rivelato che una maggiore aderenza alla dieta mediterranea è associata ad un rischio inferiore di patologie cardiovascolari. Lo studio, condotto dai ricercatori della Harvard School of Public Health (HSPH) e della Cambridge Health Alliance (CHA), è il primo a valutare gli effetti della dieta mediterranea in un gruppo di giovani lavoratori adulti americani.

“Il nostro studio aggiunge ulteriori prove che dimostrano i benefici per la salute della dieta mediterranea, persino dopo modifiche apportate all’esercizio fisico e al peso corporeo”, ha dichiarato Stefanos Kales, professore associato del dipartimento di salute ambientale presso la HSPH e direttore di medicina ambientale presso la CHA.

I pompieri americani sono noti per avere un’elevata diffusione di obesità e fattori di rischio per le patologie cardiovascolari. La dieta mediterranea, ricca di pesce, noci, frutta e verdura, aveva dimostrato in studi precedenti di ridurre i fattori di rischio per tali patologie.

La ricerca ha analizzato i dati medici e quelli relativi allo stile di vita, compresi le abitudini alimentari, di un gruppo di 780 pompieri di sesso maschile nel Midwest. Il gruppo di pompieri che osservava maggiormente lo stile alimentare mediterraneo ha mostrato una riduzione del 35% del rischio di sindrome metabolica, una condizione che comprende fattori di rischio quali: punto vita abbondante, alti livelli di trigliceridi, bassi livelli di colesterolo HDL (‘buono’), pressione sanguigna elevata e alti tassi di glicemia nel sangue.

Inoltre lo stesso gruppo presentava un rischio di aumento ponderale del 43% inferiore rispetto al gruppo che non seguiva il modello alimentare mediterraneo.

 

Categorie
Curiosità

Le nuove esperienze possono alterare i ricordi

Secondo uno studio recente, l’area cerebrale posta dietro i bulbi oculari può sia confermare che distorcere la realtà in base ad esperienze significative

memoriaUn nuovo studio afferma che i ricordi possono essere alterati dalle esperienze nuove e che la sede anatomica in cui ciò avviene è l’area cerebrale retrostante ai bulbi oculari.

Donna J. Bridge, una studentessa di post-dottorato presso la Scuola di Medicina dell’Università di Freinberg, ha testato la memoria di 17 soggetti assegnando loro un “compito apparentemente semplice” per misurare se la loro memoria veniva “consolidata o alterata”, ha riportato il Times.

Ai soggetti veniva fornita la posizione di dozzine di oggetti sul monitor di un computer e veniva in seguito chiesto loro di ricordare, però con uno sfondo differente, dove era stato originariamente mostrato un determinato oggetto. Dei 17 soggetti, 16 non hanno ricordato la posizione corretta.

Durante i test, l’attività cerebrale dei soggetti mostrava che il luogo corrispondente nel cervello dietro ai bulbi oculari era estremamente attivo. Stava conservando il ricordo “corretto” e confermando al contempo un nuovo ricordo “falso”.

“L’idea è che, qualunque cosa sia più importante per l’individuo in un determinato momento, l’ippocampo è responsabile del mantenimento di una rappresentazione stabile o del suo cambiamento.” ha dichiarato la Bridge.

“Sembra che una funzione fondamentale della memoria consista nel fatto che essa è strutturata per modificarsi. È strutturata per adattarsi a ciò che al momento è importante per noi.”

La Bridge ha aggiunto che lo studio risponde alla domanda del perché troviamo difficile ricordare com’era in passato qualcuno che ci è familiare.

“Penso che semplicemente non ci accorgiamo di fare sempre questo. È una pratica sottile. Quando ci imbattiamo in situazioni nuove, ambienti nuovi, usiamo il nostro passato per improntare il nostro futuro. A volte ciò significa aggiornare il nostro passato.”

Categorie
Curiosità

Le bollete salate fanno ingrassare?

Secondo un recente studio anche le bollette, specie quelle salate, e lo stress che ne comporta il pagamento avrebbero effetti sull’umore delle donne, spingendole ad ingrassare

enel bolletta 65800 euroA dirlo ricercatori del dipartimento americano di economia del Lafayette College che, guidati da Julie Smith, affermano che le varie bollette tendono a fare ingrassare soprattutto se si ha la preoccupazione di non avere abbastanza soldi per pagarle rispettando le date di scadenza.

Nello studio, pubblicato sulla rivista Economics & Human Biology, ha preso in analisi un campione di persone, sia uomini che donne, con difficoltà economiche  che sono stati divisi in due gruppi in base al genere e alle problematiche che dovevano affrontare, alcuni avevano dei debiti sulla carta di credito altri, invece, avevano difficoltà a pagare le proprie bollette.

La conclusione? I problemi economici non solo incidono sulla salute ma, in alcuni casi, anche sul peso. Le donne, infatti, ingrassano per lo stress che la scadenza delle bollette e l’impossibilità di pagarle in tempo generano sul loro corpo.

Categorie
Curiosità

Le persone estroverse tradiscono di più?

Possono animare le feste, avere tanti amici e successo nel lavoro, ma le persone estroverse potrebbero essere più propense a tradire in amore

Party-640x320Lo dichiarano i ricercatori della Georgia Southern University. I risultati della nuova ricerca dimostrano che le persone socievoli e disinvolte tendono a tradire in amore, senza sentirsi in colpa. Il dottor Holtzman, che ha condotto lo studio, ha dichiarato: “La maggior parte delle persone, in cerca di relazioni a lungo termine, pensa che gli estroversi possano essere i migliori partner – perché suscitano emozioni positive e sono divertenti in ogni situazione. Ma il nostro studio mostra che le persone socievoli tendono ad avere relazioni fugaci, ad essere narcisisti e più psicopatici”.

Secondo quanto affermano i ricercatori, il miglior partner della vita sarebbe una persona coscienziosa, che tende ad essere onesta, umile e, perciò, meno propensa al tradimento. Il professor Holtzman ha intervistato quasi 1.000 persone, di entrambi i sessi, in America e in India, sottoponendo, ad alcune domande, anche i loro partner, i loro ex ed amici, per capire il loro comportamento. Ha scoperto un’associazione tra le persone estroverse e la tendenza al tradimento. I risultati, pubblicati sulla rivista “Evolutionary Psychology” hanno evidenziato: “l’estroversione può predisporre una persona ad una relazione fugace e, nel contempo, ad una relazione duratura, basata sull’infedeltà e sul tradimento”. Sarà davvero così?

Categorie
Musica & Spettacolo

Justin Bieber: #heartbreaker è ancora in lavorazione e i fan impazziscono su Twitter

Sembra proprio che Justin Bieber abbia deciso di fare impazzire i suoi fan. Così ecco che Heartbreaker, prossimo all’uscita, in realtà pare stia ritardando più del dovuto il suo arrivo. Il risultato? I fan di Bieber creano un hashrag su Twitter, #heartbreaker, per confrontarsi su quanto stia accadendo nell’universo di Justin Bieber.

A quando questo nuovo prodotto discografico? Quando deciderà di farlo uscire ufficialmente il buon Bieber? In realtà ancora non è proprio ben definita una data e non sono nemmeno chiari i suoi piani. I fan lamentano proprio questa scarsezza di informazioni e di annunci e smentite.

Ecco alcuni dei tweet online:

io mi fido di Justin ha tutto il tempo per modificare la sua canzone e migliorarla.aspetterò. so che non mi deluderà ;D my #heartbreaker

#heartbreaker coming soon.” A QUANTO PARE IO E IL MIO IDOLO ABBIAMO DUE CONCETTI DIFFERENTI DI ‘SOON”

#heartbreaker TRA LE TENDENZEEEEEEEEE AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAH SI E’ DECISO IL NANO MALEFICO?

prima dice che #heartbreaker è da qualche parte Justin Bieber lancia il nuovo singolo Heartbreakernel web poi che oggi ha finito gli ultimi tocchi. LOST IN CONFUSION, LIKE AN ILLUSION.

Ma solo io #heartbreaker me la immagino rap alla tipo ‘yo bro sono del bronx ah ah passo e chiudo’ okay l’ultima parte non c’entrava niente

#heartbreaker madò ma quando caspita se sbriga cc

Justin:”u guys want #heartbreaker ?” io: NOOO LA STIAMO ASPETTANDO DA TIPO UN MESE, ABBIAMO PRATICAMENTE PERSO LE SPERANZE.

E voi? Che ne pensate?

Categorie
Programmi TV

Amici 12 la finale in diretta: Miguel Bosè è in studio con Emma

Così come si vociferava nei giorni passati, Miguel Bosè è presente in studio per questa finale di Amici 12. L’ultima puntata del talent si apre con una clip che fa rivedere tutte le frasi più particolari e significative degli ospiti che hanno incitato i giovani a farcela nella vita… farcela nonostante la crisi.

Dopo questa clip è la giuria a entrare per prima in studio, con Luca Argentero, Sabrina Ferilli e Gabry Ponte. E’ poi il momento di Maria De Filippi che dà a seguire lo spazio ai quattro finalisti. miguel bosè amici 12Sono tutti tesi i 4 ragazzi, che stasera dovranno combattere per raggiungere il gradino più alto del podio di Amici 12.

Questa sera sono i 4 finalisti ad essere direttori artistici di loro stessi e questo significa che saranno loro a decidere cosa fare e come.

Sabrina Ferilli annuncia il primo a iniziare: è Greta!

Categorie
Bellezza & Salute

I rossetti possono essere molto dannosi per la salute: lo rivela la Berkley University

Sembra che ultimamente il make up, più che farci apparire belle, possa solamente nuocere alla nostra salute. Dopo infatti la notizia secondo la quale il make up possa accelerare l’arrivo della menopausa, a rivelare nuove e quasi agghiaccianti verità è la Berkley University, che dichiara i rossetti molto dannosi per la salute.

Piombo, cadmio, cromo, titanio, alluminio sono solo alcuni dei metalli tossici che sono contenuti in rossetti, lucidalabbra e stick emollienti che ogni giorno le donne usano per farsi belle.

La ricerca è stata pubblicata sul Environmental Health Perspectives ed è stata portata avanti su 32 tipi di prodotti per le labbra appartenenti ad una gamma di marche diverse con un prezzo variabile tra i 5 e i 24 dollari. Nello studio sono quindi stati inclusi anche prodotti di marche di make up prestigiose, che non dovrebbero, considerando il marchio, costituire pericolo per la salute delle loro clienti.

Il rischio maggiore è non solo quello rossetto nocivo salute sostanze piombo ricerca scientificadell’applicazione quotidiana, ma soprattutto quello dell’abitudine di “rifarsi il trucco” e quindi di procedere con più applicazioni al giorno. E’ quanto dichiara Katharine Hammond, la titolare della ricerca:

“il rischio per la salute è correlato al fatto che in media si ingeriscono 24 milligrammi di rossetto al giorno, ma spesso i rossetti si spalmano più volte al giorno e così si arriva a ingerirne fino a 87 milligrammi.

Categorie
Gossip

Uomini e donne: Tina Cipollari si sente male, dottore in studio

Sembra proprio che Uomini e donne vada preso con molta calma e a piccole dosi, pena il rischio d’infarto. Corre sul Web, infatti, la notizia che Tina Cipollari si sia sentita male durante le registrazioni di qualche giorno fa, in trasmissione.

Il fatto. Nel corso della puntata, mentre Tina dibatteva durante la registrazione del Trono Over sulla coppia Bruno e Barbara, ecco arrivare l’inaspettato: la signora Cipollari si agita così tanto da “costringere” Maria De Filippi a farla fermare qualche minuto e far entrare un medico in studio.

Risultato? Pressione troppo alta, misurata seduta stante dal dottore, e qualche istante di tensione… fortunatamente scemato subito dopo.

Ma qual è stata la causa della grande atina cipollari male dottoregitazione di Tina? A quanto si legge, sembra che Bruno e Barbara si sarebbero accordati per fingere lo sbocciare dell’amore fra i due, solo per apparire davanti alle telecamere e guadagnare quei giorni di notorietà che poteva garantire, poi, un dopo televisivo.

Tina avrebbe lamentato proprio questa realtà celata e si sarebbe agitata a tal punto, da sentirsi quasi male.

Speriamo che non si ripeta più una cosa simile… certo è che a Tina non farebbe male stare un poco più calma… non credete?

Categorie
Bellezza & Salute

Isolata una proteina che potrebbe rappresentare la svolta contro la lotta all’HIV

La lotta contro l’HIV potrebbe essere arrivata ad un punto decisivo. Alcuni ricercatori statunitensi hanno infatti isolato una proteina in grado di proteggere le cellule dall’avanzare dell’infezione. Questa scoperta potrebbe quindi dare il ‘la’ a una nuova ricerca farmacologica per inibire o rallentare la progressione della malattia.

La proteina in questione è chiamata SAMHD1 e gli studi recenti hanno dimostrato che le cellule immunitarie contenute in questa proteina si sono dimostrate resistenti all’infezione. Un approfondimento ha infatti stabilito che questa proteina ‘affama’ il virus, poiché una volta che quest’ultimo è entrato nella cellula, non riesce a riprodursi e quindi il Dna virale non si costruisce, mettendo il virus in stand by. In questo modo la forma per così dire standard del virus, quella più comune non riesce ad infettare le cellule. Gli studi futuri quindi si concentreranno sui metodi, laddove fossero possibili, che consentono di aumentare il livello di SAMHD1 nelle cellule in cui è assente.

«I virus sono molto bravi a eludere le nostre difese immunitarie. – conclude Landau titolare dello studio -Possono evolvere rapidamente, e hanno sviluppato diverse modalità per aggirare i nostri sistemi di difesa. È una sorta di guerra evolutiva che, purtroppo, di solito viene vinta dai virus. Vogliamo capire come il nemico combatte in modo da batterlo in astuzia».

La ricerca è stata pubblicata su Nature Immunology dagli scienziati del new York University Langone Medical Center e si annuncia una delle più importante degli ultimi anni per arrivare alla vittoria su una malattia che, nonostante sia passata in secondo piano rispetto ad altre patologie maggiormente di ‘moda’, resta ad oggi uno dei mali più grandi che si abbatte contro l’essere umano.