Categorie
Moda

Settimana della moda: vince il nero. Sarà il nuovo colore del 2013?

Ci aspetta un inverno nero! E’ quanto emerge dalla settimana della moda milanese appena conclusa, e il riferimento non è solamente al colore predominante in tutte le passerelle, ma anche al mood di tutte le sfilate e le grandi firme, incentrate su rigore e mise austere.

Largo spazio a malinconia e aggressività, e bandite trasparenza, scollature e riccioli e volant. Austerity anche per trucco e parrucco delle modelle, mai così sobrie in pettinature e maquillage: effetto bagnato per i capelli, smoky o nero per gli occhi, viso pallidi e nessun sorriso.

Una donna austera, mascolina, e severa che come unica variante ha il suo corrispettivo aggressivo, con cinghie e borchie. Nero e grigio anche per i cappotti che abbandonano il color cammello, e che sono stati preferiti per questa stagione ai piumini, che però non scompaiono del tutto vista la loro praticità, ma questa settimana ha visto anche ritornare in auge la pelliccia, rigorosamente preziosa (il visone e la volpe, oppure di mongolia e astrakan) che sia stola, inserto o persino decorazione su borse e scarpe.

Largo anche alle giacche, sempre in grande settimana della moda di parigi 2013spolvero, con le spalle segnate a sottolineare la mascolinità di questa donna autunno inverno 2013/14. La gonna vince ancora sui pantaloni, che mettono a loro volta da parte i leggins in favore della vita alta, dei modelli aderenti ma non skinny, da portare sempre con i tacchi alti.

Ma anche le gonne lasciano un’ampia scelta: longuette, sul ginocchio e mini, tutte le lunghezze sono ben accette purché i volumi siano rigidi e staccati dal corpo.

Insomma una vera e propria rivoluzione per chiunque, ma in quante sono le donne “normali” che possono e vogliono rinunciare al loro guardaroba per farsene uno completamente nuovo?

Categorie
Moda

Al via la settimana della moda a Milano 20-26 febbraio 2013

Al via la settimana della moda! Tacchi, stole, giacche e via con le sfilate, da oggi fino al 26 febbraio Milano si tinge di moda! In pole position oggi parte Paola Frani, seguita a ruota dalla prima novità dell’anno: la collezione Mila Schon, non più curata da Bianca Gervasio ma da un team di giovani designer internazionali che sicuramente daranno un volto nuovo al popolare marchio.

Inutile dirlo però, i nomi più attesi sono quelli davvero grandi, a partire con Gucci e Alberta Ferretti che sfileranno oggi, fino a Fendi e Prada previsti giovedì 21, Versace venerdì 22, Bottega Veneta e Jil Sander sabato 23, Emporio Armani e Dolce&Gabbana domenica 24 e lunedì 26 chiude in bellezza Giorgio Armani.

settimana-della-moda-di-milano2E quest’anno le sfilate non concluderanno gli eventi legati alla moda, perché Donatella Versace ha promosso, alla fine della settimana, un incontro trai big della moda italiana (Gucci, Dolce e Gabbana, Prada e Giorgio Armani) “per capire insieme come restituire alla settimana della moda milanese quell’entusiasmo di un tempo”. Un incontro che potrebbe riguardare l’Italia anche in senso più ampio, in modo da ridare lustro ad una delle eccellenze per cui è noto il nostro Paese nel Mondo intero: l’alta moda.

Intanto il fitto calendario si dipanerà tra big, nuove scoperte, premiazioni, presentazioni su prenotazione e la sfilata, al Castello Sforzesco, dedicata a Francesca Liberatore e Mauro Gasperi due giovani promesse che faranno vedere il loro lavoro in occasione di N.U.De.- New Upcoming Designers.

Categorie
Moda

Milano: settimana della Moda. Dalle curve della Minetti al pancione della Fico

Quant’è bella l’Italia che non finisce mai di stupire! Questo fine settimana ho avuto modo di vederne delle belle … e lo dico in senso sarcastico, perché, tra la Minetti che sfila per salvare l’economia e la Fico in passerella col pancione,  alla fine rido per non piangere.

E già, mentre mi dilettavo a guardare quale sarà la moda per la prossima stagione, mi sono ritrovata a giocare a caccia all’intruso;  oravi spiego.

Immaginate di vedere sfilare una sfilza di modelle così alte e così magre che nel momento in cui si voltano sembrano scomparire; ecco, quando è arrivata Raffaella Fico è successo l’esatto opposto! La ragazza è salita in passerella con un evidentissimo pancione; insomma, ha ben pensato di svendere l’immagine della sua maternità, proprio come tempo fa aveva pensato di vendere la sua “verginità”.

Ormai da diversi anni le riviste di moda più popolari propongono foto delle dive in dolce attesa, ma il fatto di vedere una ragazza incinta sfilare in costume da bagno mi ha comunque in qualche modo disturbato; sarà che l’occhio si abitua alle linee e alle ossa sporgenti delle altre modelle, o sarà che pensavo che almeno nel settore moda esistesse ancora il senso del buon gusto.

Perché se è vero che la Moda mantiene ancora a galla l’economia italiana e che anche  la politica è arrivata sulle passerella della settimana della moda milanese, allora vuol dire che siamo davvero arrivati alla frutta!

Specialmente visto che Nicole Minetti, consigliere regionale della Lombardia, continua a ripetere ai giornali che ha accettato di sfilare per Parah “per l’economia”. “Non ci vedo nulla di male, lo faccio anche per sostenere un marchio made in Italy e un settore importante per l’economia italiana” afferma.

Già, perché ora la politica si fa in passerella, esibendo delle curve che confermano una cosa sola: la Minetti in costume da bagno e sotto i flash dei fotografi ci sta a pennello, anzi, fa proprio il suo bel figurone! La passerella è fatta per lei, è il suo habitat naturale.

E allora Nicole, in nome di tutti gli italiani (specialmente i maschietti), se davvero vuoi salvare l’Italia e far riprendere l’economia, dedicati pienamente alla sfilate di costumi da bagno.

Si sa che il progresso è possibile, solo un passo per volta…

Categorie
Moda

Al via la settimana della moda a Milano

La capitale della moda italiana apre i battenti e i numeri sono a suo favore. Comincia oggi, 19 settembre e finirà il prossimo 25 settembre la settimana della moda, Milano Moda Donna, che quest’anno vedrà settanta sfilate, 53 presentazioni su appuntamento per un totale di 131 collezioni dedicate al pret-à-porter donna per la prossima primavera estate 2013.

Non solo eventi, anche location di prim’ordine che la più europea delle città italiane: palazzo Giureconsulti come “quartier generale”, il Castello Sforzesco, Palazzo Clerici, la storica sede del Circolo Filologico di via Clerici e l’antico palazzo della Regione (novità di questa edizione). Proprio questa, a detta di Mario Boselli, presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana, è il fiore all’occhiello della settimana italiana della moda. Quest’anno però la settimana non sarà solo appannaggio di gran riccone e dive famose, ma tutta la città si mobiliterà per rendere partecipe il popolo del fermento artistico del momento. Dalla collaborazione tra Camera della Moda e comune di Milano nascono infatti molti eventi culturali che animeranno la città, a partire dall’happening di Michelangelo Pistoletto che si terrà questa sera in piazza Duomo.

Il famoso esponente italiano d’arte povera presenta “Il Terzo Paradiso per il manifesto di sostenibilità della moda italiana”, evento mirato a raccontare e promuovere la sostenibilità dell’industria, a partire da quella della moda, realizzata proprio da lui che viene da Biella, capitale italiana dell’industria laniera. Ma anche la mostra “Gli anni ’90 nelle copertine delle riviste di moda e società” si unisce agli eventi cittadini, oltre al forse casuale passaggio nei circuiti The Space Cinema del documentario sulla moda di un tempo About Face – dietro il volto di una top model il 24, 25 e 27 settembre. Inoltre la settimana della moda, quest’anno, si apre finalmente alla tecnologia e ai nuovi media. Le sfilate saranno visibili in diretta streaming sul sito www.cameradellamoda.it, che mette inoltre a disposizione una nuova applicazione per iPad e smart phone.

E ancora, anche la strada diventa passerella, che si apre al pubblico con i maxi schermi piazzati su piazza Duomo e piazza Cordusio. Su di essi saranno proiettate in diretta le sfilate di via Mercati per il piacere di curiosi passanti e gente affaccendata di passaggio nelle piazze. La Camera di Nazionale della Moda Italiana conferma anche per quest’anno il particolare occhio di riguardo verso i giovani stilisti che presentano in questa occasione il loro lavoro. Moltissimi infatti sono gli spazi e i momenti riservati a loro e alla loro arte.