Categorie
Sanremo 2013

Sanremo 2013: diretta della seconda serata con cantanti e scaletta

Ore 00.15 – Blastema, tra Renga e le Vibrazioni
Un gruppo un po’ ricercato un po’ popular, la voce c’è lo stile pure, forse un po’ troppo avanti con coreografie e atteggiamenti per essere un gruppo dei giovani. Continuiamo a sostenere Rubino e Cile, risultati più concreti e composti.

Ore 00.00 – Irene è Ghiotto di Carlo…
irene ghiotto 3Pensi che ricominci “Carlo Carlo vorrei ti chiamassi Carlo” come l’anno scorso e invece è un’altra canzoncina a modo per essere dimenticata presto. Irene con un vestito dai toni old fashion si muove tarantolata, la canzone non è malaccio e lei si impegna, ma Rubino e Cile sembrano nettamente su un altro livello.

Ore 23.50 – Giovani, ma di qualità… 
Renzo Rubino il primo giovane a metter piede sul palco dell’Ariston canta bene e la canzone “il Postino” è molto molto interessante, forse una canzone così buona da insidiare qualche big, apparso sottotono. E adesso tocca al Cile, che avrà sicuramente uno stile diverso da Rubino, ma nei giovani si preannuncia battaglia. Interessante.

Ore 23.40 – Tra poco arrivano i giovani, caffé a valanga…
Fazio ricorda i Ricchi e poveri che non partecipano per un lutto che ha colpito Franco Gatti, il giovane figlio è venuto a mancare nella notte scorsa. Applauso dell’Ariston, pubblicità e poi arrivano i primi 4 giovani che si misureranno col palco dell’Ariston con la gente sfinita da una serata sottotono (eccetto che per Elio e i suoi).

Ore 23.25 – The winner is La canzone mononota!
elioNon avevamo dubbi che accadesse una cosa simile, ma la canzone mononota di Elio e le storie tese è anche di più del motivetto orecchiabile che tutti ci aspettavamo. Se votasse solo il pubblico la vincitrice di Sanremo sapremmo già che sarebbe questa canzone. Tutti la canticchiano già, su Facebook e Twitter fan scatenati… Sanremo è anche questo, come dice la canzone stessa, la “mononota” è democratica… oltre che infinita (sembra che Elio canti da 15 minuti almeno e potrebbe andare avanti ancora ore senza che ci si stanchi di ascoltarlo).

Ore 23.25 – Dannati forever divertenti for us…
Elio e i suoi si “dimettono” da chierichetti e tornano “business man” normali. Vediamo la gang che mancava da Sanremo da 17 anni cosa si inventerà per questo secondo brano dal titolo “La canzone mononota”. Dirige il buon vecchio Peppe. PS la fronte sfrontata di Elio non si può guardare… è qualcosa di impressionante.

Ore 23.15 – Littizzetto hot e Elio “ecclesiastico”
Una Littizzetto versione esplosiva che evidentemente è stata ispirata da Katy Perry e dalla sua scollatura “fuori norma”, con seno in bella vista e l’arrivo dei chierichetti Elio e le storie tese, che evidentemente hanno avuto fiuto e fortuna, oppure, semplicemente alla notizia delle dimissioni di Benedetto XVI hanno deciso all’unisono di sfruttare il tema per i loro costumi di scena.

Ore 22.50 – Per Annalisa c’è Cracco… Vuoi che muoro???
Crozza lo ha rinominato “Bastard Chef”, arriva Cracco e declamerà la vincitrice fra le due canzoni di Annalisa Scarrone. Cracco e serissimo come al solito e quando Lucinanina nomina i bastoncini Carlo Cracco vorrebbe mangiarsi la Littizzetto come un bastoncino del Capitano ;I – Scintille.

Ore 22.55 – Oh toh è arrivata una canzone degna…
scarroneFinalmente, il Festival inizia qui, adesso con questa seconda canzone di Annalisa Scarrone. Non so ballare, ma finalmente si sente cantare bene, con spirito con un sentimento che guida le parole. Annalisa c’è e se tutto continua su questa linea stanca saranno lei, Malika e Daniele Silvestri a giocarsi la partita della finale. E per Annalisa c’è sempre il “colpo” del duetto con Emma, saranno sicuramente capaci di stracciare qualsiasi rivale.

Ore 22.50 – Annalisa… almeno tu nel vuoto cosmico…
L’esordio di Annalisa Scarrone che arriva in bianco stile vintage, ma da lontano sembra quasi un pastore sardo, con una bella voce. La canzone non è il massimo, se persino lei è “mogia” stasera non abbiamo speranze, vediamo se come per Gazzé si salva al “river” per usare un termine pokeristico.

Ore 22.45 – Max Gazzé salvato dalla “ribattuta”
max gazzè 2La squadra di fioretto campione olimpica premia la “seconda” di Gazzé anche perché la prima non era per niente “ascoltabile”.

Ore 22.35 – Max Gazzé e i maledettissimi impegni… come Sanremo
Impegni che devi onorare, devi seguire, devi raccontare e non sarebbe male fare tutto questo ascoltando buona musica, non cantanti che stonano e sbagliano le note più semplici, mentre i tecnici audio ballano il Gangnam Style anziché controllare che tutto funzioni per il meglio. Ne fa le spese Max Gazzé già abbastanza impreciso di suo e poco aiutato stasera da microfoni e tecnici spesso “soffocati” e quasi in conflitto con gli altri canali audio, la voce non viene fuori e tutto un bisbiglio incomprensibile.

Ore 22.25 – Togliete la polvere al Festival di Sanremo 2013
almamegretta1Sinceramente, dopo il buon inizio di ieri sera ci aspettavamo qualcosa di più; fatta eccezione per Malika e per i Modà (neanche poi tanto) sembra che sulla musica che risuona nell’Ariston stasera ci sia sopra un bello strato di polvere. Diamo una spolverata, oppure, rischiamo una brutta allergia con tanto di tosse stizzosa!

Ore 22.15 – Torna il “Bar” di Sanremo
E dopo l’esibizione alla batteria di Bar Refaeli, tutta in traforato per usare le parole della Littizzetto. La modella israeliana si presta e gioca con Fazio presentando gli Almamegretta, che sembrano aver perso la propria voce salendo sul palco dell’Ariston. Stasera tra raucedini volute ed abbozzate e canzoni “no global” il Festival è abbastanza difficile da digerire, ci butto su un po’ di acqua tonica, altrimenti stasera si dorme sin troppo presto.

Ore 22.05 – Buona la seconda per Malika…
malika 2La Ayane conferma di essere un buon talento, in più con una canzone scritta da Giuliano Sangiorgi è difficile sbagliare. Poi sul palco arriva Neri Marcoré nei panni di Alberto Angela, come al solito simpatico e leggero.

Ore 22.00 – Una Malika Ayane bionda ma molto efficace
Quella di Malika è forse la voce più potente del Festival di Sanremo di quest’anno, anche la canzone non è male, ma stasera tutti sembrano sottotono, certo le canzoni non sono bombe energetiche, ma anche gli artisti sembrano patire la pressione e forse si riservano quel tocco magico in più per la finale. Prima canzone gradevole, vediamo la seconda…

Ore 21.50 – Carla Bruni le suona alla Littizzetto?
Carla_Bruni_LittizzettoNo… è la Littizzetto che le canta alla Bruni, una donna che “ha più culo che anima”. Carla Bruni è capace di vincere il Festival senza nemmeno partecipare. Adesso la Bruni le dà il “la…” e Lucianina canta la chanson de Carla Bruni.

Ore 21.45 – Carla Bruni dopo Cristicchi… Overdose…
Ok, ieri il Festival è andato bene, ma stasera vogliono toccare subito il fondo stordendo gli italiani con Cristicchi e Carla Bruni con tanto di chitarrina strimpellata a mo’ di star del country made in USA. Allora… se sei una modella ed eri una gran figa fino a qualche anno fa e sei la moglie di un potente politico dovresti avere il tempo e il modo di comprendere che non puoi fare di tutto… Che canti come un cagnolino e che la gente non ti fischia perché pensa solo all’azzurro dei tuoi occhi.

Ore 21.40 – Date gli occhiali alla Littizzetto!!!
Arriva Jessica Rossi con vestito verde smeraldo e naso in bella mostra, pur restando una bella stanga. Mentre la Littizzetto per presentarla e leggere il gobbo strabuzzava gli occhi come la Marcuzzi in preda all’actiregularis. Ma Lucianina stasera non si cambia? Perché così sta davvero male… ma male male…

Ore 21.35 – La prima volta che sono morto… questa è la seconda
Non mettiamo in dubbio il tema, non vogliamo parlare della sostanza… Ma Cristicchi è un po’ depressivo, ancora di più in questo periodo di crisi e scandali, ci sarebbe bisogno di un po’ di ottimismo. Stasera un Festival molto invernale e grigio per il momento, un po’ troppo monotono…

Ore 21.30 – Cristicchi ma una cura di Viagra no?
La musica di Cristicchi non mi convincerà mai, capisco i temi impegnati… ma la voce, il ritmo, un po’ di spirito dove sono?! Cristicchi, con questa prima canzone non ci piace. Noia.

Ore 21.25 – Max Biaggi ed Eleonora Pedron assieme per i Modà
Biaggi_Pedron_2Una magrissima Eleonora Pedron con un vestito davvero fantastico, forse più bello e portato meglio di Bar Refaeli, la signora Biaggi è letteralmente pazza dei Modà e ha convinto anche l’attuale Campione del Mondo Superbike a seguirli. Una coppia molto strana quella Pedron-Biaggi, ma il loro rapporto sembra navigare in buone acque!

Ore 21.20 – Come l’acqua dentro il mare, come i Modà a Sanremo…
La seconda canzone ha un titolo, che si può facilmente parafrasare per dire che i Modà stanno a Sanremo come il cacio sui maccheroni. Canone più “colta” questa seconda, scommettiamo che passerà la prima? E per restare tra il serio e il sanremese… ma Francesco quando canta, perché fa la faccia da Topo Gigio? Cerca di conquistare i voti dei bambini?!

Ore 21.15 – I Modà stanno facendo il verso a loro stessi e ad Emma Marrone?
francesco silvestre modàLa prima canzone dei Modà sembra quasi fare il verso a Non è l’inferno di Emma Marrone, che ha vinto lo scorso Sanremo e che contava Francesco Silvestre tra gli autori… Con tanto di polemica. Se si potesse non morire ricorda per tonalità e sonorità proprio la canzone vincitrice dello scorso anno, manca solo l’energia di cui è capace Emma e, poi, saremmo lì ad ascoltare l’ennesimo successo.

Ore 21.10 – Aprono le danze i Modà
Subito dopo la Refaeli arrivano i Modà grandi favoriti del Festival e a questo punto vorremmo capire che mettono a fare online la scaletta, se poi non la rispettano mai e tutta la serata è un susseguirsi di cambi di programma. Partono con la prima canzone, molto sussurrata.

Il Festival comincia con una grande interpretazione di Beppe Fiorello, che ripropone il successo per antonomasia della musica italiana: Volare di Domenico Modugno, che Fiorello interpreta anche in una serie TV che andrà in onda su Raiuno. Con tanto di giacca azzurra che arrivava direttamente dal Sanremo del 1958, è stata alla fine restituita alla moglie di Domenico Modugno che era in platea per ricevere questo omaggio ad uno dei miti della musica italiana.

fabio e barDopo Beppe Fiorello arriva Bar Refaeli con un splendido vestito azzurro, che imita Luciana Littizzetto, che arriva poco dopo con una casacca bianca, che al cospetto della Refaeli la fa letteralmente sembrare una borsa di lenzuola da tenere in soffitta. Fazio gongola con gli occhi a cuoricino per Bar Refaeli, con cui ha già duettato in conferenza stampa. Tanto da dire alla top model israeliana che qui è tutto tuo e puoi fare quello che vuoi. E arriva anche l’irriverente battuta della Littizzetto sulla love story finita ormai anni fa con Leonardo Di Caprio, ma la Refaeli glissa… una ferita ancora aperta?

Categorie
Sanremo 2013

Sanremo 2013: programma e cantanti della seconda serata (13 febbraio)

E’ ormai iniziata la 62° edizione del Festival di Sanremo, con un esordio che per tante persone è stato all’altezza delle aspettative ma per tante altre no.

Nella prima puntata si sono susseguiti una carrellata di ospiti e cantanti. I 7 big ad esibirsi, nell’ordine dato, sono stati: Marco Mengoni, Raphael Gualazzi, Daniele Silvestri, Simona Molinari con Peter Cincotti, Marta sui Tubi, Maria Nazionale e Chira Galiazzo. Non c’è invece stato spazio per gli 8 cantanti dei giovani, che avrebbero dovuto avere ieri la loro presentazioni.

Presenti anche vari ospiti, sia per esibizioni, che per omaggi e premiazioni; tra questi: Felix Baumgartnerle sorelle Parodi, Ilaria D’Amico, Toto Cutugno e Maurizio Crozza, il comico genovese molto amato dal pubblico che, però, sul palco dell’Ariston ha suscitato polemiche.

Ma andiamo a vedere il programma di questa seconda serata. Innanzitutto ad esibirsi saranno i restanti 7 big, con i loro due brani a testa; gli artisti canteranno nel seguente ordine:

Sanremo 2013 seconda serata1. Almamegretta

2. Annalisa Scarrone

3. Simone Cristicchi

4. Elio e le storie tese

5. Max Gazzè

6. Malika Ayane

7. Modà

Anche questa sera, per ogni cantante verrà scelta una delle due canzoni che proseguirà la sua gara verso la finale. La scelta verrà fatta: per il 50% tramite il televoto del pubblico da casa; per il restante 50% tramite il voto della Giuria della Stampa del Festival.

Dopo le interpretazioni dei big seguiranno le esibizioni di 4 degli 8 giovani, il quale ordine dovrebbe essere:

1. Il Cile

2. Renzo Rubino

3. Blastema

4. Irene Ghiotto

Anche in questo caso la scelta del brano sarà effettuata tramite un mix tra il televoto del pubblico e il voto della Giuria della Stampa.

Gli ospiti di questa serata, per la maggior parte internazionali, saranno: la bellissima modella israeliana Bar Refaeli, l’ex first lady di Francia Carla Bruni (che presenterà, cantando, il suo nuovo album) e il cantautore israeliano Asaf Avidan, celebre tra i giovani per l’enorme successo della sua canzone One day.

Gli ospiti nostrani saranno, invece, il comico Neri Marcorè e l’attore Beppe Fiorello, che proprio in questi giorni interpreterà il ruolo di Domenico Modugno in una mini serie Rai. Annullata, invece, l’esibizione dei Ricchi e Poveri, a causa del lutto che ha colpito uno dei membri, cioè Franco Gatti.

L’appuntamento è su Rai 1 alle 20:30.

 

 

 
Categorie
Musica & Spettacolo

Sanremo seconda serata in diretta: gli aggiornamenti dal Teatro Ariston

Segui la diretta della terza serata, con anticipazioni, commenti e tutte le novità sui duetti

Ore 01.05 – Saluti e baci a…
Passano alla finale:
Chiara Civello, data da molti come possibile eliminata invece passa il turno, quindi ci sarà qualche “vero big” che pagherà dazio.
Eugenio Finardi, altro ousider, qui mi sa che rischiano Arisa e Nina Zilli a vedere la piega che ha preso il voto…
Samuele Bersani, e qui comincio a pensare che si tratti degli esclusi, perché non è possibile che i primi tre a passare siano questi.
Nina Zilli ce la fa, la voce black passa e la potremo riascoltare!
Matia Bazar, forse il sistema di voto stasera non è che abbia poi funzionato così bene?!
Dolce Nera, che con la performance di stasera ha meritato la finale!
Arisa, per la cantante lucana la notte non riserva brutte sorprese! La canzone non è fantastica ma si lascia ascoltare.
Francesco Renga, come ovvio… E a questo punto manca solo Emma, e rischia grosso la coppia Berté D’Alessio.
Noemi, saranno solo parole ma con quei capelli rossi tutto le è consentito, almeno per me. Un tocco di scarlatto fa sempre bene.
Emma Marrone, non resta fuori per la gioia dei suoi fans, una delle papabili vincitrici di Sanremo

Restano fuori:
Gigi D’Alessio con Loredana Berté ed era prevedibile che la coppia improbabile scoppiasse presto.
Irene Fornaciari, canzone poco convincente e voce “bassa”
Marlene Kuntz, prevedibile…
Pier Davide Carone con Lucio Dalla, forse la migliore esibizione della prima serata e anche di questa sera… Incomprensibile… Ma il ragazzo farà strada, ne siamo certe!

Ma di queste quattro canzoni domani sera, tramite televoto, due potranno essere recuperate e partecipare alla finale. Scommettiamo che saranno la coppia D’Alessio Berté e Pier Davide Carone?

 

Ore 00.55 – La dedica alla mamma, mancava
Adesso i luoghi comuni li abbiamo presi proprio tutti! Abbiamo dovuto chiamare l’ospite internazionale per tirar fuori “dedico questa canzone a mia mamma” ma ce l’abbiamo fatta! Martin Solveig porta un po’ di movimento all’interno dell’Ariston, ma che finisce subito… Poi Morandi non parla inglese e quindi la scena riesce ad avere sempre qualcosa di surreale, in grado di far strabuzzare gli occhi. E arriva pure Rock J Papa con la giacca alla Frengo!

Ore 00.45 – I solidi idioti meglio come cantanti!
Avrebbero potuto vincere davvero Sanremo con la loro canzone, ma invece sono solo ospiti che stasera non sono riusciti a ravvivare la serata, si sente la mancanza di due mattatori come Luca e Paolo, che l’anno scorso hanno dato un po’ di brio al Festival e hanno regalato qualche battuta davvero tagliente e irriverente. 

Ore 00.35 – L’ultimo giovane per cui continua la tortura è…
Arriva la busta, frase di circostanza, ma in finale arriva: Marco Guazzone con la sua giacchetta accecante. I finalisti sono Alessandro Casillo, Erika Mou e gli Io ho sempre voglia

Ore 00.35 – Noooo Ivana risparmiaci!
Ivana nel suo balletto che con tanto amore aveva preparato per noi, come dire, siete rimasti svegli? E adesso beccativi questo bel diretto sui canini. Ma soprattutto lei dov’è?! Eccola arrivare in tutù nero stile bambolina da carillon, e va perfettamente a tempo, con il balletto delle prove terminato più o meno quattro ore fa… Ha la mobilità di un armadio Ikea fissato alla parete. 

Ore 00.35 – Chi verrà eliminato tra i big?
Stasera il sistema di voto ha funzionato, quindi tra poco conosceremo i nomi dei quattro eliminati e scopriremo i 10 top singer che riascolteremo fino alla nausea nei prossimi giorni. Giustamente Morandi ringrazia la giuria perché riuscire a restare svegli e votare il meno peggio è sempre molto difficile!

Ore 00.30 – Ultima canzone e poi fuori i secondi…
Tocca a Dolce Nera chiudere le performance canore di Sanremo, e per farlo la rocker nostrana sfodera un vestitino davvero striminzito, ma in questo caso non ci sono farfalle all’orizzonte, ne capezzoli che sbucano ad ogni piegamento. 

Ore 00.25 – La farfalla e l’elefante
Il mood della seconda puntata di Sanremo potrebbe essere riassunto così: alla frivolezza della farfalla di Belen, si contrappone un carrozzone goffo e ingombrante che si muove come un elefante in una bottega di Murano. Mi scuso con Michele Zarrillo per avergli rubato il titolo, ma mai accostamento fu più calzante per questo festival. 

Ore 00.20 – A Morandi vien la tremarella
E prima di presentare Francesco Renga con la sua canzone per Ambra, Gianni Morandi chiede ai dirigenti in prima fila se tutto va bene e se la posizione sugli omosessuali va bene o può provocare polemiche, sinceramente non so proprio dove comincia il gioco e finisce la realtà. Godiamoci questa La tua bellezza, anche se non è un capolavoro di quelli alla Renga. 

Ore 00.10 – Fabio&Fabio
Sto per sentirmi male… 🙁
Jonny Morandi officia un matrimonio Gay su… Sinceramente dai Soliti Idioti mi aspettavo di meglio per questa serata. Ci mancava solo la canzone sui luoghi comuni in merito agli omosessuali. 

Ore 00.05 – Ultimi due giovani “guasti”
Sì decisamente Guasto, Marco Guazzone, lontano parente di Francesco Tricarico. Ma al peggio non c’è mai fine ed ecco la ninna nanna della buona notte La mail che non ti ho scritto di Giulia Anania. Ma la giuria che ha selezionato i talenti ce la possono presentare? Giusto per capire se ne faceva parte qualcuno che quanto meno sappia che significa la parola musica! Snervante…

Ore 23.55 – Twitter sta per esplodere: le mutande di Belen. una della migliaia di cose che mancano a questo #sanremo
Questo è quello che impazza su Twitter, mentre sul palco sta per essere scelto il terzo giovane che passa in finale: si tratta della pugliese Erika Mou, potremmo dire che le cime di rapa portano bene! Ah questi bollenti spiriti pugliesi… 

Ore 23.50 – Noemi: rosso relativo…
Azz… com’è ingrassata Noemi; sui capelli che dire sono giusto un tono più scuri dei miei, quindi li apprezzo moltissimo. La sua Sono solo parole non è malaccio, ma lei può fare molto di più come sappiamo bene, anche se stasera sembra più a suo agio sul palco; così come la Canalis che finalmente, dopo 10 puntate forse, sembra aver preso padronanza col palcoscenico dell’Ariston. Che in fondo Eli sia una ragazza molto sensibile e soffra la pressione e il pubblico?

Ore 23.40 – Pieno di caffé e un po’ di cioccolata…
Sul palco Rocco Papaleo che si lancia in un monologo… In sala stampa litri di caffé e barrette di cioccolata per tutti. Mentre sul palco irrompono le tre grazie. E Belen sembra proprio tenerci a far vedere il suo tatuaggio… L’anno scorso l’avevo apprezzata rispetto alla Canalis, ma questo voler per forza mostrare tutto l’ha fatta precipitare a livello Drive In anni ’80. 

Ore 23.35 – Un Festival col collare
Chiara Civello appare come un fulmine pink sul palco dell’Ariston per rendere omaggio alla nostra diretta, peccato che quell’abitino starebbe bene a qualcuna con almeno 10 centimetri in più di altezza e la sua Al posto del mondo è un po’ retrò, quasi ai livelli di questo Festival che ha perso il contatto con il tempo e con l’essenza del vero Sanremo musicale. Pippo (Baudo) chiama Morandi, fai qualcosa…

Ore 23.30 – Torniamo serie, diamo il buon esempio ai giovani
Erica Mou con poca voce e la chitarrina canta la sua Nella vasca da bagno del tempo e fa il compitino, ma il Web è ancora tutto per Belen e lo spacco galeotto. Mentre sul palco arrivano i Bidiel, buona performance molto anni ’70, con un bel basso. Sembra che i Bidiel non Sono un errore, come titola la loro canzone. E c’è un messaggio per loro dal sommo Pinuccio questi chirichetti li ha raccomandati il prete di san girolamo“. Aperto il televoto Morandi manda un bel messaggio: “Ce l’avete il telefonino e votatevi da soli allora”. E poi, invoca Adriano e invece arriva la pubblicità, che sia un modo per mantenere lo share e fare un favore agli investitori?

Ore 23.15 – La musica è finita, gli artisti se ne vanno…
Mentre il Web premia Belen con video e foto, Celeste viene battuta a causa soprattutto dei pantaloncini e vanno avanti gli Io ho sempre voglia, aiutati da Ivanka e Belen che lottano a colpi di tetta per la voglia degli italiani. 

Ore 23.15 – E Facebook gioisce…
Impazzano sul social network gli screenshot dello spacco di Belen che mostra un tatuaggio e sembra non esserci lo slip. Ecco di cosa si parlerà domani! Evviva la musica! E io chiedo la par-condicio Morandi e Papaleo con la patta aperta e senza boxer!

Ore 23.15 – Ed ecco la prova… tatuaggio e niente slip per Belen

Ore 23.00 – A Sanremo si gioca a tennis. Net…
Irrompono di nuovo i due soliti idioti, che si aggirano nella platea dell’Ariston, parlando di gente perbene che si è arricchita facendo l’evasore fiscale. E poi, un bel momento di razzismo old-style, c’è un signore diversamente colorato! Ed ecco la canzone del duo Marialuce e Gianpietro in “E’ normale“. Speriamo non ci facciano rimpiangere Luca e Paolo dello scorso anno. 

Ore 22.55 – Nota di colore…
Se riappare, guardate bene Belen, sembra proprio che sia senza slip… Avrà preso spunto dall’entrata trionfale di lunedì di Arianna David. Oppure, avrà una scomodissima micro conchiglia?! 

Ore 22.55 – Vicini al giro di boa
Mi sa che Belen, la precisazione di Ivanka l’ha sentita tutta… Per questo dice “Tenetevi Ivanka“… Eh beh troppe galline nel pollaio. E mentre Belen pensa a come vendicarsi, e la Canalis getta acqua sul fuoco, arriva sul palco Samuele Bersani, che rischia di fare la fine del PD, del suo fratello maggiore, alle primarie di Genova, anche perché fino Sanremo in autostrada è un attimo a far la fine di un Pallone bucato. 

Ore 22.50 – Basta un poco di Zucchero…
Con una canzone di Davide Van der Sfroos sul palco Irene Fornaciari, figlia di Zucchero, stasera stile dark e occhi vispi, chissà che non ci regali una bella performance. Comunque, sono sempre più convinta che il sistema di amplificazione dell’Ariston non renda giustizia agli artisti che si esibiscono. 

Ore 22.50 – Io ce l’ho più grande… temi altissimi
“Io ce l’ho più grande, guarda mi esce tutto” ecco come si presenta Ivana Mrazeva, alla faccia di Belen che le ha rubato il vestito ieri sera, lei ci tiene a mettere subito le cose in chiaro, sulle tette non si scherza! Soprattutto quando sono di silicone e costano una fortuna! Perché mica può bastare un sorriso e una terza per stare su quel palco! Lasciamo spazio ai Marlene Kuntz, concediamogli pure di distruggere la loro nicchia di appassionati con questa canzone davvero fuori dalle trame della loro storia musicale. 

Ore 22.45 – Ivana o Ivanka che sia… appare la luce dell’est
Si gioca con il presunto “collare” di Ivanka, mentre tornano Elisabetta e Belen, a questo punto crediamo per congedarsi dal Festival. Belen lancia Ivanka Mrazeva con tanto di “violino” di sottofonto. La splendente luce dell’est appare finalmente sul palco con uno splendido vestito blu e uno smagliante sorriso, anche a fisico fa concorrenza a Belen. Rocco Papaleo porta via Belen ed Elisabetta, mentre Ivanka resta con Gianni sfoderando un italiano cui nessuno baderà persi come saranno i nostri uomini nei suoi occhi e nelle sue curve ben poco coperte. E fa persino il discorso, che sembra quasi una letterina di Natale.

Ore 22.35 – Momento strappalacrime populista…
Morandi pone l’attenzione sullo stato di 120 famiglie di operai di una fabbrica che stampava CD, che rischiano di perdere il posto di lavoro. E delle lavoratrici Omsa e di tutti i cassintegrati del nostro Bel Paese non ne vogliamo parlare? E soprattutto, non è ridicolo parlare di queste cose guadagnando centinaia di migliaia di euro per uno spettacolo? 

Ore 22.30 – Per Belen è arrivato il Carnevale…
E mentre Belen stava per sfrantecarsi sul palco inciampando nell’improponibile vestito che indossava, la Canalis mostra un bel vestito ma fisicamente c’è qualcosa che non va, il viso è scavato da un’eccessiva magrezza. Elisabé mangia qualcosa tra un’apparizione e l’altra!

Ore 22.25 – Per Belen è arrivato il Carnevale…
Carnevale anticipato sul palco dell’Ariston per Belen con un vestito “tecnicolor”, si fanno battutine sulle dichiarazioni di Ivana e sul fatto che non sia presente, ma tanto… Ci sono Belen ed Elisabetta! Arriva un Emma Marrone modello sexy manager con completo giacca-pantaloncini (da dimenticare) bianchi e sotto top semitrasparente. La sua canzone Non è l’inferno, ma nemmeno il paradiso, sicuramente è una di quelle da portare in finale, fosse soltanto per la voce di Emma e per la sua grinta!

Ore 22.20 – Tocca alla spaesata Celeste
Gli Io ho sempre voglia lasciano il palco a Celeste, che con top rosso e pantaloncini (improponibili) blu affronta la platea estremamente impacciata, non deve essere semplice l’impatto con un teatro come l’Ariston e con l’atmosfera del Festival di Sanremo. A Celeste piacciono gli occhi verdi e il nome Carlo a quanto comprendiamo dalla sua canzone, ma a noi non piace la sua canzone…

Ore 22.15 – Arrivano gli altri giovani…
Il secondo duello è tra Incredibile degli “Io ho sempre voglia”Carlo di Celeste Gaia. Cominciano gli Io ho sempre voglia, gruppo che almeno dal look sembra poco omologato, problemi tecnici prima di cominciare, ma si parte. Piccola nota a margine, perché quelli provenienti dal “social” sembrano alieni catapultati su un palco, mentre i “selezionati” sembrano già musicisti consumati?

Ore 22.15 – Proclamato il primo giovane “semi-finalista”
Con una percentuale bulgara dell’89% Alessandro Casillo star di Io Canto batte Dana Angi (11%), un vero e proprio massacro prevedibile essendo uno già una star della TV e l’altra una sconosciuta, con una bella voce e senza esperienza. Trovo triste questo confronto, perché falsato dalla notorietà e non basato sul reale talento. 

Ore 22.10 – Idioti intelligenti, ma non meno sboccati di Luca e Paolo
Vola Gianluca, dai cazzo!!! E Gianluca vola giù, mentre Morandi finge preoccupazione e il papà se la canta pensando alla comparsata che farà da Vespa con un bel plastico dell’Ariston. Insomma, un momento divertente ma non eccezionale per originalità. 

Ore 22.05 – Stop al primo televoto e irrompono i due “dementi”
Il primo duello è stato chiuso e tra pochi minuti si saprà chi vincerà. Irrompono I soliti idioti, speriamo diano una svegliata alla serata. La famiglia De Ceglie chiede dei soldi destinati ai nullatenenti, e costringe il figlio a minacciare il suicidio buttandosi dalla balaustra. Morandi regge il gioco e cerca di risolvere la situazione. Il papà De Ceglie “Te sei il futuro? Ma va a morì ammazzato Gianluca! “Ancora battute sui giovani, “il vero problema di questo paese sono loro i giovani che fanno i giovani, perché questo paese l’hanno reso grande i vecchi, come dimostra la vittoria di Vecchioni allo scorso Festival”. Frecciatina a Pupo per l’intervento “impostato” di ieri sera. 

Ore 21.55 – Se ti manca Celentano…
Monotonia… Non oso dirlo, ma mi manca Celentano, avrà fatto un monologo soporifero, ma il solo pensiero delle polemiche che ogni parola avrebbe scatenato, almeno manteneva viva l’attenzione. Continua la Papaleo parody che porta un bouquet a Belen ed Elisabetta, che presenta Ugenio Finardi, alias Eugenio Finardi il cantautore estremo che canta “E tu lo chiami Dio“.

Ore 21.55 – Arriva un altro big… i Matia Bazar
Matia Bazar versione tanghero, con lei vestita di un lungo e scollatissimo vestito rosso (che starebbe molto meglio a Belen) e lui con fascia rossa su pantaloni e camicia nera. Arriva Sei tu, che come canzone non mi entusiasma molto. 

Ore 21.50 – Anche tra i primi due giovani non c’è grande differenza
Canzoni piacevoli, voci educate, ma nulla di più. Da questi due giovani non emerge un chiaro talento cristallino, almeno valutando questa esibizione. Anche se Dana Angi sembra avere una voce poderosa, mentre Alessandro Casillo fa un po’ il verso a Justin Bibier. Scatta il televoto per scegliere chi vincerà questo primo duello. 

Ore 21.45 – Dana Angi “dal nulla” a Sanremo
Incognita poesia, scritta ed interpretata da Dana Angi, ragazza tosta a quanto pare, vediamo se la canzone conferma. La voce c’è, ma è nascosta a tratti, ricorda un po’ Malika Ayane. Mmh…

Ore 21.40 – Casillo… la voce???
Il giovane 15enne ha lasciato la voce a casa o ha mal di gola, difficile capirlo, forse si è raffreddato dopo la centrifuga per ottenere l’effetto improbabile dei suoi capelli. Non resta che tifare per Dana, una donna non può fare peggio di così. 

Ore 21.35 – Arrivano i giovani, finalmente, stupiteci…
Due giovani arrivano da “Area Sanremo”, sei da Facebook dice Morandi, ma in realtà sono semplicemente stati selezionati tra gli oltre 2.500 brani inviati. La nuova formula per i giovani prevede la formula del duello, mors tua vita mea. Alessandro Casillo vs Dana Angi con poncho marrone e rosso “sfolgorante”. Comincia Alessandro Casillo con la sua E’ vero, tocca a lui aprire le ostilità tra i giovani. Speriamo bene!

Ore 21.30 – La chiudiamo qui, vero?
Dopo aver sentito la voce graffiante di Carone e questa bella canzone che sembra avere un’anima, grazie anche alla passione che “il ragazzo” ci mette. Possiamo anche terminare qui la serata, annullare quelle che precedono la finale e attendere di proclamarlo vincitore per la critica e per il pubblico… Anche se sul pubblico, laddove c’è D’Alessio, non confido molto… Per me, Nanì è la numero uno indiscussa di questo Festival, senza rivali. Poi sullo stesso livello Arisa, Nina Zilli e la Fornaciari jr

Ore 21.30 – Noi donne? Dei bei soprammobili…
Arriva il futuro vincitore del Festival Pier Davide Carone, con Lucio Dalla che dirige l’orchestra come uno spaventapasseri dirige le piante che crescono nel campo, ma almeno Nanì è una canzone! E mentre la canzone parla dell’amore di una prostituta, al Festival anche stasera noi donne facciamo la figura delle belle statuine che devono solo mostrare le grazie e fare le fatalone con un bamboccione. 

Ore 21.25 – Si riprende dopo un po’ di sana pubblicità
Arrivano i rinforzi chiamati da Papaleo, entrano sul palco dell’Ariston Belen Rodriguez ed Elisabetta Canalis, ancora qui per sostituire Ivana a quanto pare. Stasera Belen in bianco, sempre con le sue grazie ben in evidenza, mentre Elisabetta ha un vestitino più “coprente” nero e argento molto elegante. Mentre Belen, stasera con questo vestito non è che splenda troppo, a meno di non perdersi nello spacco vertiginoso e nella scollatura. A terra i cuscini portati dalle vallette contro gli attacchi, per cadere sul morbido. Ma la  Canalis è così dimagrita da avere il viso rovinato?! Sembra più vecchia di 10 anni…

Ore 21.20 – Dopo la strana coppia cos’altro può succedere?
La Berté in nero e Giggino con il suo fidato giubbettino di pelle da scugnizzo, almeno ci mettono l’anima si vede dal colorito violaceo di Gigi d’Alessio a metà performance. Forse non riesce a Re-re-respirare… Papaleo corre ad abbracciare “Re Giggino”, la giuria vota, arriva lo stacchetto e l’ovazione. Si saluta l’arpista, ormai mascotte del Festival. E pubblicità sia…

Ore 21.15 – Oh oh… arrivano Giggino e Loredana
Ieri sera hanno avuto un grande successo dice Morandi, e concorda Grasso che stamattina sul Corriere li ha premiati con il voto più alto della sua pagella. Sul palco manca ancora la presenza femminile, Ivana Mrazova non si vede, forse punita per le dichiarazioni di oggi pomeriggio a radio Kiss Kiss. In compenso, ci tocca ascoltare Respirare del duo Berté D’Alessio.

Ore 21.15 – Ci vorrebbe Tafazzi con la sua bottiglia…
Ieri sera queste due canzoni erano state valutate tra le migliori, assieme a quella di Pier Davide Carone… Non so come si farà a tirare avanti fino all’una di notte con questo ritmo tutt’altro che incalzante. Direi che stiamo vedendo un Festival di Sanremo pantofolaio, adatto a chi ha bisogno di una ninna nanna dopo una giornata di “sacrifici”. 

Ore 21.05 – Un po’ di retorica non guasta mai…
Papaleo parla del suo paese, delle emozioni, della Basilicata, della mamma… insomma, cose tipicamente “terrone”. Ed è in arrivo Arisa, conterranea di Papaleo, che la lancia con un po’ di fiero patriottismo lucano. Arisa senza il sacco esibito ieri sera, in abito nero con “giacchina” old fashion che di sicuro non la slancia molto. La notte dell’artista lucana, mi fa quasi rimpiangere la sua Sincerità che almeno si lasciava fischiettare amabilmente. 

Ore 21.00 – Papaleo risveglierà il festival?!
Arriva Rocco Papaleo con caschetto da operaio e impermeabile da tecnico (perfetto stile Monti), che ha appena aggiustato il sistema di voto per la giuria demoscopica. Papaleo si raccomanda con la giuria di non fare casino come ieri sera, e nel caso il sistema non funzionasse ecco spuntare le palette di Fantastico, perché la Rai è innovativa, ma anche tradizionale. 

Ore 21.00 – Mmh… Nina sotto tono, avanti il prossimo
Forse è il sistema di amplificazione di Sanremo a far perdere la potenza della voce di Nina Zilli, deve essere quello della chiesa di cui si lamentava Celentano ieri sera. Sembra tutto molto “soffice” persino la voce graffiante e roboante di Nina. Il sistema di voto funziona, “Perfetto!” esclama Morandi citando il suo stilista (Ferragamo) che quest’anno lo veste. Capatina verso l’unica nota positiva di ieri sera per il Festival, cioè gli ascolti. E dopo le scuse di Rai, Morandi ringrazia Celentano per il successo e lo chiama… Ma non c’è! 

Ore 20.55 – Comincia subito la gara…
A rompere il ghiaccio Nina Zilli, con abito ancora una volta in stile Amy Winehouse arancione a fiori, lunga treccia e capelli tiratissimi e orecchini ad anello maxi, con Per Sempre (una delle meno peggio francamente…) comincia la parte musicale del Festival di Sanremo, speriamo bene e speriamo che tutti i cantanti ci mettano un po’ di grinta!

Ore 20.50 – Siparietto con I solidi idioti
Arriva la prima metà della coppia comica I soliti idioti, con la giacca sbagliata per Gianni. E la nostra amata bigliettaia schernisce Morandi, dicendogli “vieni dalla mamma poverino…”, eh già poverino se lo spettacolo di stasera sarà pari a quello soporifero di ieri sera. Con la giacca da generale Napoleonico, Morandi ricorda quanto successo ieri con il blackout del sistema di voto, speriamo che stasera tutto funzioni, altrimenti fino a sabato sentiremo sempre 22 brani, non proprio entusiasmanti. Stasera 4 abbandoneranno la gara… sarà una selezione non semplice e temo anche qualche brutta sorpresa. 

Ore 20.50 – La seconda serata comincia con…
Apre la serata la frase “I have a dream…” di Martin Luther King, con il balletto di  Daniel Ezralow in cui ballerini bianchi e neri danzano assieme, passandosi quasi l’un l’altro il colore della pelle. Si accenna una battaglia per un confine, che viene fatto sparire. Con l’applauso a questo balletto apre ufficialmente la seconda serata del Festival di Sanremo. Arriva Gianni con il suo Bravi bravissimi!

Ore 20.45 – Anteprima senza musica, si comincia come ieri…
Smoking del signor Morandi consegnato alla cassiera che lo frantuma in mille pezzi con un distruggi documenti. E adesso come comincia Sanremo? E il primo gesto dell’ombrello della serata è arrivato. Anteprima terminata, aspettiamo che cominci lo spettacolo. E per favore un po’ di spazio alla musica, per favore…

Ore 20.40 – Sta per partire la Seconda Serata del Festival di Sanremo, cosa succederà?
Video degli spettatori che entrano all’Ariston, bottigliette di una nota acqua in bella vista e arrivo de “I soliti Idioti”. Con tanto di cassiera che “un attimo e sono subito da lei… Dicaaa“. Sì, ad aprire la seconda serata sono proprio loro due Francesco Mandelli e Fabrizio Biggio.

Ore 20.15 – TG1 improntato alle scuse…
Al TG1 Mollica e Morandi lanciano un servizio di scuse verso Corriere (criticato Aldo Grasso), Avvenire e Famiglia Cristiana tutte testate attaccate da Celentano. In chiusura Mollica puntualizza che la Rai si dissocia, mentre Morandi sorride e provoca dicendo che non è ancora detto che stasera Celentano non sia sul palco. Sembra un teatrino di periferia, più che l’evento più importante e amato della televisione italiana. 

Ore 20.00 – Celentano non ci sarà, sul palco “I soliti idioti”
Anche se Celentano da contratto dovrebbe partecipare a due serate del Festival, non crediamo proprio che stasera lo rivedremo sul palcoscenico dell’Ariston; visto quanto successo in questa caotica giornata a Sanremo e soprattutto nei corridoi della direzione RAI. Sicuramente, invece, esordiranno “i soliti idioti”, chissà se avranno l’onore di aprire la seconda serata, come capitato ieri a Luca e Paolo, oppure, se Francesco Mandelli e Fabrizio Biggio saranno chiamati a spezzare la monotonia della serata imperversando sul palco e sorreggendo Rocco Papaleo, ieri apparso un po’ “debole” e non certo un mattatore. 


Ore 19.55 – Anticipazioni sulla seconda serata di Sanremo
A scaldare il clima della seconda serata del Festival di Sanremo, ci ha pensato la grande assente di ieri sera Ivana Mrazova, che ha radio Kiss Kiss ha detto apertamente che le è stato vietato di avvicinarsi all’Ariston. Dopo il blackout del sistema di voto, a quanto pare causato da un tecnico (sabotaggio?!), le polemiche su Celentano andate avanti tutta la giornata, fino alla nomina di un “tutore” per il Festival nella persona di Antonio Marano che avrà praticamente pieni poteri di censura a quanto lasciano trasparire alcune posizione emerse nei vertici Rai dopo la prima serata. Vedremo stasera se tutta questa mole di critiche, notizie bomba, errori ecc. basterà a riportare il Festival ad un livello quanto meno godibile per le famiglie. E soprattutto, chissà che stasera tra big e nuove proposte non riesca a trionfare semplicemente la musica, che per dirla in termini economici dovrebbe essere il core business del Festival di Sanremo. A tra poco con le altre novità dall’Ariston…