Categorie
Cucina

Ricette: peperoni e carne saltati in padella

Primi freddi e stralci d’estate. Questi gli ingredienti principali per il piatto di oggi.

Detta così sembra una caso strana ma in realtà  esattamente ciò che ci vuole per mangiare i peperoni con la carne macinata ed ora spieghiamo perché: il piatto è abbastanza calorico, quindi una buona scusa per mangiarlo senza sentirci troppo in colpa è l’arrivo del primo freddo.

In secondo luogo, servono i peperoni, ortaggio che naturalmente arriva a maturazione intorno alla fine di agosto.

Per i più previdenti, che hanno conservato in congelatore una porzione di peperoni, il gioco è fatto.

Ecco la preparazione del piatto (per due) per il quale occorrono:

160 gr di carne macinata

una cipolla

olio d’oliva

due peperoni (preferibilmente uno rosso e uno giallo)

Far appassire sulla brace o sul una piastra antiaderente i peperoni in modo tale de rendere più semplice l’operazione di “spellamento”, praticabile appena i peperoni si saranno raffreddati. Soffriggere in padella la cipolla tagliata finemente e aggiungere la carne macinata, lasciar rosolare e quando sarà diventata marroncina, aggiungere i peperoni spellati tagliati a striscioline sottili.

Lasciar cuocere insieme per circa cinque o dieci minuti e insaporire con sale, peperoncino piccante e aromi a piacere (si consiglia l’origano). Impiattare e gustare con crostini di pane fatti in casa!

Categorie
Cucina

Ricette: i Macarons e il loro guru, Pierre Hermé

L’Italia non è solo il Paese dei poeti, dei naviganti e degli eroi… l’Italia è anche la Patria della buona cucina, degli ingredienti sani e freschi, della Dieta Mediterranea, e naturalmente dei buongustai. Gli italiani, infatti, riconoscono subito le nuove tendenze culinarie e le prelibatezze, provenienti dagli altri Paesi, da accogliere a braccia aperte ed inserire nei menù più importanti.

E parlando di pasticceria, come non soffermarsi sui sublimi Macarons che tanto ha reso celebri l’eccellente Pierre Hermé, che ha fatto di questi piccoli “gioielli” di alta cucina, il suo cavallo di battaglia.

Per chi non li conoscesse (e non sa cosa di perde…), i Macarons francesi sono dei pasticcini meringati, ottenuti dalla miscela di ingredienti semplici: albume d’uovo, farina di mandorle, zucchero granulato… eppure sono una gioia per la vista e per il palato.

Assaggiare un Macaron per la prima volta, per chi è appassionato di pasticceria, è un piacere estremo: il sottilissimo guscio croccante, una volta morso, lascia il posto ad un sapore intenso e vellutato della meringa che solletica il palato e manda in estasi le papille gustative. E’ una vera a propria esplosione dei sensi.

La video-ricetta: “La recette du macaron Chuao de Pierre Hermé”, impazza su YouTube ma è in francese, quindi per chi non masticasse tanto bene questa lingua riproponiamo, in italiano questa volta, gli ingredienti dei famosi pasticcini.

Ingredienti per la meringa:

– 50 ml di acqua
– qualche goccia di colorante alimentare (a scelta)
– 200 gr di farina di mandorle
– 5 albumi (circa 150 gr a temperatura ambiente)
– 200 gr di zucchero a velo
-200 gr di zucchero semolato

Ingredienti per la farcitura al limone:

– 120 gr di burro
– 2 limoni biologici
– 4 tuorli
– 120 gr di zucchero semolato

Procedimento:

Mescolate la farina e lo zucchero a velo, facendo attenzione a non creare grumi. In un pentolino sul fuoco non tanto forte, sciogliete lo zucchero semolato nell’acqua fino a creare uno sciroppo denso. Montate a neve metà albumi, aggiungete il colorante alimentare e lo sciroppo di zucchero intiepidito. L’altra metà degli albumi aggiungeteli al composto di farina e zucchero fino ad ottenere una pasta di mandorle abbastanza solida. Ora unite i due composti ottenuti (quello liquido in quello solido) mescolando con cura, dal basso verso l’alto, con una spatola o una paletta di legno. Inserite l’impasto ottenuto in una sacca da pasticcere e formate, su una teglia foderata con carta da forno, delle palline di circa 3 cm di diametro e lasciate riposare per almeno 20 minuti, fino a quando i piccoli mucchietti di impasto non abbiano preso la loro classica forma appiattita e la parte superiore di essi non stia iniziando ad asciugarsi (questo è il segreto per creare, poi, il sottilissimo guscio croccante). E’ il momento di infornarli ma con calma, non bisogna muoverli troppo o la patina lucida creatasi sulla superficie e che tiene le palline ferme, si romperà e addio Macarons! Bastano 10 minuti nel forno preriscaldato a 180°, trascorsi i quali aprirete il portello del forno di qualche centimetro e lascerete ambientare i pasticcini per un paio di minuti. Prima si scartarli lasciateli raffreddare. Per preparate la farcitura occorre grattugiare la scorza dei limoni, montare le uova con lo zucchero, riversare il tutto in un pentolino, aggiungere la scorza grattugiata ed il succo di limone e mescolare sul fuoco fino a quando non si asciugherà il composto. Togliere dal fuoco ed aggiungere il burro a temperatura ambiente. Il composto va lasciato in frigo per circa un’ora. Dopodiché create i Macarons, unite due pasticcini con un cucchiaino di crema al limone ed il gioco è fatto. Prima di servirli (e per conservarli) è bene lasciarli in frigo.

Buon divertimento e… passate il piatto!

Categorie
Cucina

Ricette: quando la pasta e fagioli incontra le cozze!

L’estate sta finendo e per fortuna il caldo ha allentato la sua morsa. Il cibo in tavola può diventare quindi di nuovo un po’ più elaborato pur rifacendosi sempre a alimenti di stagione che, com’è noto, sono i migliori per la salute e spesso per il palato.

pasta cozze e fagioliUn classico esempio sono i fagioli freschi che solo ora, durante tutto il mese di agosto, si possono gustare appena raccolti. Ma come rendere appetitoso e “estivo” un legume così tipicamente legato alle zuppe invernali? Prima di tutto c’è da specificare che i fagioli che si consumano durante l’inverno con più frequenza sono secchi o comunque congelati, per cui hanno un sapore molto diverso rispetto a quelli freschi che in questo periodo dell’anno, e ancora per poco tempo, si possono trovare nei mercati.

Per quanto un alimento si possa conservare bene in congelatore o essiccato, il suo sapore fresco sarà sempre diverso, il più delle volte più delicato e definito. Inoltre se questo legume si associa a qualcosa che apparentemente non c’entra nulla, si potrebbero avere belle sorprese. Ecco infatti una ricetta molto semplice per una pasta, fagioli e … cozze a regola d’arte! Le cozze sono dei molluschi molto versatili che si prestano alle più varie e gustose associazioni.

Per questa ricetta non serve altro che seguire queste semplici indicazioni. Lavare per bene i fagioli freschi e farli bollire con sale, una cipolla intera e qualche costa di sedano; il tempo di cottura può essere variabile, si aggira intorno all’ora, ma è sempre bene assaggiarli prima di spegnere i fornelli. La cottura infatti dipende dal grado di maturazione del legume che non sempre  quella che il venditore ci riferisce!

Quando i nostri fagioli sono cotti, sollevare dall’acqua cozze ricetta fagiolidi cottura la cipolla e il sedano a metterli da parte e spostare la pentola su un fornello più piccolo. Riportare ad ebollizione di nuovo l’acqua e calare la pasta direttamente nel brodo dei fagioli, facendo attenzione ad aggiungere dell’acqua se il contenuto della pentola dovesse asciugarsi troppo onde evitare che pasta e fagioli si attacchino sul fondo.

Quando la pasta è a metà cottura, prendere una padella e far soffriggere in olio uno spicchio d’aglio e un pugno di cozze sgusciate insieme alla loro “acqua” (è il liquido che si forma quando si lasciano le cozze in guscio in una pentola sul fornello).  Quando la pasta è cotta, togliere l’aglio dal soffritto e mescolare il tutto nella pentola aggiungendo un’abbondante manciata di prezzemolo fresco tritato e il piatto è pronto.

Per questo tipo di piatto si consiglia un formato di pasta piccolo, come la pasta mista o i tubetti rigati, per il resto, buon appetito!

Categorie
Cucina

Melanzane a funghetto

Si sa, l’estate è un periodo pieno di frutta e verdura; chi la compra la trova, in questi mesi, a prezzi molto bassi, e chi abita in campagna ne raccoglie in abbondanza, tanto da non sapere a volte come utilizzarla.

Beh, per quanto riguarda le melanzane, ecco che vi consiglio una mia ricetta semplicissima ma allo stesso tempo gustosissima!

Ingredienti:

melanzane lunghe

pomodorini

basilico

formaggio grattugiato

sottilette

 

Innanzitutto, inizieremo tagliando le melanzane a rettangolini, le andremo a mettere subito in padella per evitare che si anneriscano, e le faremo cuocere in olio d’oliva abbondante (vi regolerete con il quantitativo in base alle melanzane che lo assorbono). Bisogna utilizzare una padella capiente, perché, come sappiamo, le verdure prima della cottura sono molto voluminose.

Appena lasciate a cuocere le melanzane a fiamma alta (e coperchiate), ci metteremo subito a tagliare i pomodorini, che appena finito andremo ad aggiungere in padella.

Volendo, pomodorini e melanzane si possono mettere a cuocere insieme nello stesso momento; questo permettere di rendere il piatto più leggero, in quanto, essendoci l’acqua dei pomodori, si necessita di meno olio e il tutto frigge di meno (ma ovviamente ne risente il sapore … a voi la scelta).

Nel momento in cui aggiungeremo i pomodori, aggiungeremo anche le foglie di basilico; vi consiglio di abbondare e di mettere le foglie intere perché questo ingrediente in questa ricetta fa la differenza.

A questo punto lasciare a cuocere il tutto fin quando non si è asciugata tutta l’acqua delle verdure (soprattutto dei pomodori), e una volta asciugatasi aggiungere una spolverata di formaggio grattugiato e mescolare il tutto.

Infine, concludere posizionando, a fuoco spento, pezzi di sottiletta sul tutto (senza girare).

Impiattare e portare a tavola!

Categorie
Cucina

Insalata di pollo: una fresca ricetta per la calda estate italiana

Il caldo si fa sentire e anche tanto, e mentre le temperature si alzano, diminuisce la voglia di cibi cucinati e caldi e aumenta la necessita di frutta e verdura!

La ricetta che vi voglio proporre oggi è una ricetta estiva, veloce e che potete portare tranquillamente a mare o in ufficio: l’insalata di pollo.

Ingredienti:

Petto di pollo (1 o 2 fette a persona)

Lattuga

fagiolini

Pomodorini

Carote

Mais

Olive nere o verdi

Maionese

(quantità a piacimento)

Insalata di pollo ricettaInnanzitutto lessare i fagiolini in acqua salata in modo che poi hanno tutto il tempo di raffreddare. Bollire il petto di pollo, sempre in acqua salata, almeno un’oretta prima di preparare l’insalata, senza farlo seccare troppo, e lasciare a raffreddare insieme ai fagiolini; nel frattempo lavare e tagliare la lattuga (in pezzi più piccoli del solito) e lasciare in uno scolapasta a scolare e asciugare un po’.

Tagliare i pomodorini e aggiungerli alla lattuga e al petto di pollo che avremo provveduto a sfilettare. Al tutto aggiungiamo la carota tagliata come più ci piace (io la taglio alla julienne) , il mais e le olive verdi o nere denocciolate, e salare il tutto.

Per quanto riguarda la maionese è opzionale; potete scegliere di mantenere l’insalata più leggera condendo solo con dell’olio (e sarà buona ugualmente). Io personalmente non utilizzo olio e metto solo un po’ di maionese, però non la classica ma la leggera. Volendo si possono anche aggiungere dei crostini di pane.

Il piatto è pronto! E’ consigliabile prepararlo qualche ora prima di mangiarlo.

 

Categorie
Cucina

Il bignè è una cosa seria: ecco la ricetta perfetta!

Sono buoni e pratici, semplici da spartire e adatti ad ogni tipo di occasione. Se si organizza un pranzo, o un aperitivo, una cena o un buffet, i bignè possono essere sempre una soluzione vincente per le caratteristiche specifiche che li contraddistinguono.

ricetta bignè casaPrima di tutto non serve fare le porzioni come con le torte, perché sono già mono-porzione! Poi si possono fare di qualsiasi dimensione, a seconda se servono piccolini per un dessert dopo pranzo, o più sostanziosi per un aperitivo in terrazza.

Infine, caratteristica principale e fondamentale, possono essere sia dolci che salati, a seconda del ripieno che si sceglie.

Ma come si fanno i bignè fatti in casa? Ecco una ricetta che, seppure presenta qualche difficoltà, garantisce un risultato eccellente.

Ecco gli ingredienti:

  • 125 gr burro
  • 250 gr acqua
  • 250 gr farina
  • pizzico di sale
  • 5 uova

Il primo passo è quello di mettere in una pentola d’acciaio con fondo alto il burro e l’acqua e lasciar fondere il burro lentamente. Quando il burro è sciolto e l’acqua è arrivata al punto di ebollizione si versa la farina girando con un cucchiaio di legno il tutto in maniera energica e costante.

Una volta ottenuta una palla gommosa, bignè dolci salati ingredientiriversare il composto su un piano da lavoro, preferibilmente di marmo o legno, e schiacciare con il cucchiaio di legno gli eventuali grumi, lasciando raffreddare il composto. A questo punto dovreste avere a che fare con una palla biancastra e dalla consistenza gommosa fatta solo di acqua farina e burro.

Quando il composto scende di temperatura e può essere lavorato con le mani, rimetterlo nella pentola e aggiungere quattro uova intere. Mescolare per bene, preferibilmente con le mani fino a raggiungere l’omogeneità dalla palla iniziale con le uova. Se il risultato ha la consistenza della crema pasticcera, avete fatto un buon lavoro, se invece si presenta più duro, aggiungere SOLO il tuorlo del quinto uovo.

Una volta mescolato il tutto si deve procedere con la creazione vera e propria dei bignè. Oliare con olio di semi di girasole una teglia da forno (basta un sottile velo) e, con un cucchiaio da brodo, sistemare in ordine tante palline di pasta sulla teglia ad una distanza di 3/4 cm, dal momento che si presuppone che il bignè debba crescere. Infornare a 200/220° in forno caldo per 15 minuti circa.

Una volta sfornati, i bignè dovranno essere dorati e belli gonfi, pieni di buchi all’interno. Una volta raffreddati, si può poi procedere con la farcitura che, a scelta, può essere dolce o salata, per la realizzazione di dessert o rustici. Per il resto ci vuole soltanto la fantasia!

Categorie
Cucina

Torta secca allo yogurt: un dolce estivo leggero e gustoso

Finalmente l’estate è arrivata e con essa il primo vero caldo, il sole e la voglia di mare. Con il mare arriva anche la paura della prova costume e la necessità, per alcuni, di fare più attenzione a tavola. Ma chi dice che fare attenzione vuol dire eliminare tutte le cose buone dal nostro menù?

Ecco infatti una ricetta facile facile per un gustoso dessert estivo a base i yogurt fatto in casa.

Ecco ciò che ci serve: lievito vanigliato, yogurt bianco senza zucchero, zucchero, farina, olio d’oliva, uova, vanillina, latte e un limone fresco.

Torta secca allo yogurtQuesta ricetta non prevede la misurazione degli ingredienti in grammi ma usa l’unità di misura di un bicchiere, per cui munitevi di un bicchiere da cucina e siate sicuri di misurare ogni ingrediente con lo stesso. Cominciate con lo sbattere per bene tre tuorli d’uovo insieme ad un bicchiere di zucchero. Più sottile è lo zucchero migliore sarà il risultato del composto montato. Si consiglia inoltre di comprare uova biologiche che impediranno al vostro dolce di assumere quella innaturale tonalità arancione che in genere hanno le uova che si comprano naturalmente.

Il colore del composto deve variare da un giallo paglierino ad un bianco giallino molto chiaro. Una volta ottenuta una sostanza chiara e spugnosa, procedete aggiungendo con il mestolo di legno un bicchiere di yogurt bianco senza zucchero e un bicchiere scarso di olio d’oliva. Dal momento che l’olio d’oliva è molto profumato e pesante da digerire, anche se più salutare del burro, si consiglia di essere abbastanza parsimoniosi con questo ingrediente.

Amalgamare bene il tutto. A parte lasciar sciogliere il lievito vanigliato (una bustina) in mezzo bicchiere di latte intero e aggiungere al composto. Poi aggiungere la vanillina e gradualmente tre bicchieri rasi di farina, mescolando delicatamente con il mestolo in legno. Infine in una ciotola asciutta e pulita, montare a neve gli albumi delle tre uova a nostra disposizione e aggiungere al composto fino ad ottenere una pasta morbida ed omogenea.

Versare in una teglia precedentemente imburrata e rivestita di farina e lasciar cuocere in forno caldo a 180° per circa 30-35 minuti. Si consiglia di preparare la teglia prima di cominciare ad impastare, perché  lavorando con lieviti estremamente delicati (il lievito vanigliato) bisogno procedere abbastanza in fretta.

Una volta cotta, la torta sarà ottima per le prime colazioni, con un retrogusto acidulo molto particolare, tipico dello yogurt, oppure potrà essere il coronamento di un bel pasto se accompagnato da gelato alla vaniglia e frutti di bosco. Basta solo avere fantasia e il gioco è fatto.

Categorie
Cucina

La torta mimosa più buona del mondo: gustosa e poco calorica!

Ecco una gustosa ricetta per la Torta Mimosa, rapida, semplice, gustosa e poco calorica! Dunque, per prima cosa bisogna realizzare la base di pan di spagna. La ricetta base comprende uova, zucchero, farina e lievito vanigliato. Le dosi variano a seconda delle necessità, diciamo che orientativamente per un dolce che possa coronare un pasto per dieci persone le dosi possono essere le successive:

  • 6 uova
  • 6 cucchiai di zucchero
  • 6 cucchiai di farina
  • 1 cucchiaino raso di lievito vanigliato

E’ importante la precisazione che per misurare farina e zucchero è necessario lo stesso cucchiaio, o cucchiai di uguale misura, colmandoli per bene.

torta mimosa ricetta passo passo ingredientiSi comincia sbattendo a dovere zucchero e uova fino a che lo sbattitore non “scrive” nel composto, cioè fino a che il composto non è abbastanza spumoso e denso da mantenere per un po’ i segni dello sbattitore. Una volta ultimato questo procedimento, accendere il forno a 150° e procedere con l’incorporamento della farina e del lievito molto lentamente con un cucchiaio di legno. Versare la farina lentamente e procedere mescolando dal basso verso l’alto in modo tale da non ‘smontare’ il precedente impasto.

Una volta completata questa operazione che va eseguita con molta delicatezza, versare il tutto in una teglia precedentemente imburrata e infarinata e infornare, lasciando in forno chiuso per 30-40 minuti. Non preoccupatevi se il forno è tiepido, il pan di spagna va cotto in maniera lenta, lasciandolo asciugare delicatamente al forno. Intanto si può preparare la crema per la farcitura. Per un pan di spagna di sei uova bisogna preparare almeno un litro di crema, ecco gli ingredienti necessari:

  • 1 litro di latte
  • 4 tuorli d’uovo
  • 8 cucchiai di zucchero
  • 4 cucchiai di farina

Anche in questo caso vale il discorso riguardo al cucchiaio, è un tipo di misurazione empirica ma infallibile. Mescolare in una pentola zucchero e farina e unire i tuorli d’uovo. Mescolare con delicatezza incorporando poco a poco la farina e lo zucchero e aggiungendo il latte in maniera molto graduale. Una volta che il composto è completamente omogeneo aggiungere tutto il latte rimasto e mettere la pentola su un fornello piccolo a fiamma bassa aggiungendo tre scorze di limone fresco.

Mescolare di continuo fino a che il composto non si addensa e comincia a bollire leggermente. Nell’ultima fase di addensamento si potrebbero formare dei grumi, è quindi consigliabile mescolare con maggiore energia e spegne il fornello, continuando a mescolare. A questo punto avete pronto il pan di spagna e la crema, vi serve solo il bagna e potrete procedere: in un pentolino su fuoco vivace mettere acqua zucchero e scorze di limone a piacere e lasciar bollire fino a che l’acqua non diventa giallina per effetto delle bucce di limone.

Tagliare a due terzi il pan di spagna, svuotare un po’ la parte più spessa e mettere da parte il ripieno. Bagnare la base con il bagna precedentemente preparato e innaffiare a piacere con del liquore (il vermut bianco è l’ideale). Versare la crema, facendo prima attenzione a togliere le bucce di limone, e richiudere la torta con il disco superiore. Bagnare anche quest’ultimo e ricoprire tutto di un sottile strato di crema avanzata. Sbriciolare finemente il pan di spagna messo da parte e ricoprire tutta la superficie della torta.

Decorare a piacere con limoni o foglie di limone e far raffreddare. Buon appetito!

Categorie
Cucina

Torta panna e nutella: la ricetta per i palati più golosi!

Anche se si avvicina l’estate la voglia di cioccolata ahimè rimane… Allora ecco una torta semplicissima da tenere in frigo con cui farete impazzire grandi e piccini: la torta panna e nutella!

Ingredienti per il pan di spagna:

–          3 uova

–          150 gr di zucchero

–          150 gr di farina

–          3 cucchiai di cacao amaro

–          ½ bicchiere di latte

–          ½ bicchiere scarso di olio

–          1 bustina di lievito per dolci

–          Panna da montare

–          Nutella

Tutto sta nel preparare il pan di spagna!

Torta panna e nutella ricettaIniziamo rompendo le uova, separando tuorli e albumi. Aggiungiamo lo zucchero ai tuorli, che andremo a sbattere fino a quando non sentiremo più il “fruscio” dello zucchero che si sarà totalmente sciolto (già qui potete aiutarvi aggiungendo un po’ di latte).

In seguito aggiungiamo i 150 gr di farina, i 3 cucchiai di cacao amaro (vi consiglio di setacciarlo con un colino per evitare i grumi), l’olio e gli albumi che avremo provveduto a montare a neve (vanno aggiunti alla fine per evitare che lavorandoli si smontino di nuovo). Per quanto riguarda il latte (io a volte ne aggiungo anche una quantità leggermente superiore) potete scegliere di aggiungerlo semplicemente al composto quando si aggiungono gli altri ingredienti, oppure facendoci sciogliere la bustina di lievito che deve essere sempre l’ingrediente finale!

A questo punto versate il composto in una teglia ben imburrata e infornate per 20 minuti a 160° (ovviamente forno preriscaldato).

Il segreto di questa torta sta proprio nella cottura del pan di spagna: siccome il pan di spagna non va bagnato perché è molto soffice di suo, bisogna stare attente a non farlo cuocere troppo per evitare che si secchi; quindi, appena trascorsi i 20 minuti, fate la famosa prova dello stuzzicadenti per controllare se la cottura è ultimata.

Inoltre (sempre per il fatto che il pan di spagna non va bagnato) vi consiglio anche di utilizzare una teglia grande in modo che la torta non venga troppo alta!

Una volta che la base è pronta aspettate che si raffreddi per toglierla dalla teglia e dividerla, farcite spalmando uno strato di nutella e uno di panna montata (il tutto a volontà!).

Infine per quanto riguarda la decorazione potete scegliere se coprirla di panna o semplicemente con dello zucchero a velo.

Categorie
Cucina

Pan di stelle fatti in casa: una ricetta semplice semplice

Forse a qualcuno capita di imbattersi in ricette che apparentemente non sembrano interessarci, ma che rivisitate e corrette diventano la nostra arma segreta in cucina.Così come mi è capitato con una base per una torta al cioccolato: di torte al cioccolato ne è pieno il mondo, ma questa base, una pasta frolla al cacao, ha destato la mia curiosità.

La ricetta è molto semplice:

pan di stelle fatti in casamescolare insieme fino a far amalgamare 150 gr di farina, 30 gr di cacao amaro, 40 gr di zucchero, 90 gr di burro fuso aiutandosi, qualora l’imposta risulti troppo asciutto con un po’ di latte.

Ho utilizzato questa ricetta per dei biscotti, facendoli cuocere a forno caldo (180°) per 15 minuti, ma il risultato non è stato dei migliori, il sapore non era cattivo ma i dolcetti erano a dir poco amari. Ho riflettuto e soppesato gli ingredienti e ho rifatto l’esperimento apportando alcune piccole modifiche: ho aggiunto più zucchero (60 al posto di 30 gr) e ho mescolato il tutto aggiungendo una fiala di essenza di nocciola. Ho poi ricoperto ogni dischetto di pasta con la granella di zucchero e il risultato è stato divino.

Quasi uguali ai famosi Pan di Stelle del Mulino Bianco, anche se le stelle di zucchero non sono proprio alla mia portata, ma con una cifra molto inferiore se ne possono fare molti di più!