Categorie
Curiosità

Sedere grosso uguale più intelligenza

Le donne hanno sempre avuto il timore del sedere troppo grande; nasconderlo e coprirlo è stato sempre il primo impulso fin quando star internazionali, come Rihanna, Jennifer Lopez,  Kim Kardashian e tante altre, non sono riuscite a rovesciare le carte in tavola trasformando il proprio “sederone” nella parte più sensuale del loro corpo

Con un po’ di ritardo è arrivata la scienza che, grazie ad una ricerca condotta dall’Università di Oxford, ha dimostrato che coloro che hanno un fondoschiena più 00_Jennifer--630x365pronunciato e rotondo sono sicuramente più intelligenti rispetto a chi, invece, ha un lato b meno “ingombrante”. Un sedere più grande, sostengono i ricercatori, richiede un eccesso di Omega 3 che, di conseguenza, accelera lo sviluppo della mente.

Le donne con il lato b più pronunciato hanno anche meno possibilità di soffrire di diabete e di malattie cardiache poichè i loro livelli di glucosio e di colesterolo sono molto più bassi rispetto alle donne che possiedono un sedere meno prosperoso.

Chi ha un lato b esplosivo, dunque, non solo per la scienza è più intelligente ma ha grandi possibilità di vivere più a lungo. Proprio quando si dice è tutta questione di c….!

 

Categorie
Bellezza & Salute

Il fruttosio crea dipendenza, come la cocaina!

Il fruttosio come la cocaina? Per l’Università di Guelph in Canada si. Attenzione però alla provocazione insita nella prima frase; quello che accomuna il dolcificante naturale e la droga è semplicemente la dipendenza. Ebbene si. Stando ad una ricerca dell’Università citata sembra proprio che il fruttosio crei una forte dipendenza pari a quella che esercita la cocaina sul nostro corpo e sul nostro cervello.

A quanto pare, l’uso di fruttosio estratto dal mais sembra il principale indiziato per la pandemia di obesità che colpisce la popolazione mondiale proprio a causa della dipendenza che crea! A rivelarlo, durante l’ultimo meeting della Canadian Association for Neuroscience, è stato Francesco Leri, professore associato di Neuroscienze e Scienze Cognitive Applicate dell’ateneo che ha coordinato il team di ricercatori.

La ricerca è stata condotta su modello animale, dei topi da laboratorio, che hanno testimoniato come, l’abuso di fruttosio, potesse scatenare sintomi uguali a quelli che si verificano in caso di abuso di cocaina, comprese le crisi d’astinenza.

Immediata la reazione della “voce del popolo” fruttosio crea dipendenza cocainache protesta sia per le dovute e notevoli differenze che ci sono tra fruttosio e qualsiasi tipo di droga, sia per la differenza che c’è tra il modello umano e quello animale, ad ora unico essere vivente ad aver dato ragione a questa teoria.

Se comunque la dipendenza da fruttosio dovesse essere certificata anche per gli esseri umani, cosa pensate che succederà alle persone perennemente a dieta che usano solo fruttosio? E a quelle intolleranti al glucosio? Sarà interessante scoprire gli sviluppi della situazione.

 

Categorie
Bellezza & Salute

Il virus dell’herpes è il nuovo alleato contro il cancro

E’ quanto apprendiamo in seguito ad una ricerca a dir poco straordinaria, condotta da un team di medici e ricercatori, svoltasi presso gli istituti universitari bolognesi: il virus dell’Herpes, geneticamente modificato e adeguato in base ai differenti casi di applicazione, risulta avere preziose potenzialità nella lotta contro il cancro.

Questa sorprendente scoperta scientifica, è opera di un gruppo di ricercatori italiani, guidati da Pier Luigi Lollini e Gabriella Campadelli-Fiume, frutto di un costante e instancabile lavoro appassionato di giovani tecnici che ha meritato la pubblicazione su PLoS Pathogen, una rivista Open Access che pubblica importanti scoperte e nuove idee su batteri, funghi, parassiti, virus…

Pare che le cellule tumorali possano essere debellate dal virus dell’herpes riprogrammato. Tale studio dà speranze alle tante persone colpite da cancro., in quanto una volta modificato, Ricercatriceil virus non entra nelle cellule normali – quindi non può provocare le classiche lesioni alle labbra – ma è capace di riconoscere e distruggere i tumori del seno e dell’ovaio che presentano il marcatore HER-2.

Due donne alla guida del laboratorio che ha creato il virus modificato: Gabriella Campadelli-Fiume e Laura Menotti, orgogli italiani. Molti ricercatori nel mondo hanno cercato di produrre virus oncolitici in grado di distruggere le cellule tumorali. Campadelli-Fiume e Menotti sono state le prime ad ottenere un virus herpes efficace  che penetri esclusivamente le cellule tumorali, ma non quelle normali.

L’impegno dei laboratori dediti a questo studio, ha portato a risultati positivi nella cura delle metastasi. Ciò dimostra che il virus riprogrammato è un buon candidato per diventare un nuovo tipo di cura dei tumori.

Categorie
Bellezza & Salute

L’elettroshock per smettere di fumare: l’ultima frontiera della scienza

Tra sigarette elettroniche, cerotti contro il fumo e divieti a norma di legge, per i fumatori sono davvero tempi duri. E per fortuna, dice chi il fumo non lo sopporta affatto!

Tuttavia sembra che per i fumatori la situazione stia degenerando più in fretta di quanto non sembri. Nuove cure, che sfiorano la follia, si stanno cercando in tutte le università del mondo e a quanto pare la McGill University ha pensato di poter curare la dipendenza dal fumo con elettrostimolazioni.

Si tratta di un protocollo sanitario che agirebbe a livello neuronale per andare ad inibire quella parte del cervello che ‘desidera’ il fumo. Lo studio, preso sul serio e pubblicato su Pnas, dice che il desiderio che risiede in meccanismi bio-chimici del cervello è alimentato anche dal senso della vista, che a sua volta innesca il ricordo della sostanza e lo stimolo a replicare: la vista di sigarette, di una persona che fuma, o anche solamente il fatto che qualcuno possa offrirci una sigaretta può bastare a far aumentare il desiderio, portando in genere il fumatore ad assecondare la dipendenza.

Lo studio si è protratto per diverso tempo elettroshock smettere fumare ricerca scientificaconcentrandosi sull’analisi cerebrale di fumatori che nell’atto di fumare ‘accendevano’ una zona del cervello situata nella corteccia para-frontale, esattamente dove risiede il desiderio. Gli scienziati hanno così proposto di disattivare quella zona del cervello attraverso le stimolazioni elettriche e magnetiche.

La conclusione è davvero scioccante! In pratica si tratterebbe di piccoli elettroshock che servirebbero allo scopo; sembra quanto meno assurdo che una tale “terapia” venga di nuovo presa in considerazione, quando una volta era usata per “curare” i malati di mente.

Tuttavia questa procedura clinica è valida ancora solo in via teorica e non possiamo pensare che l’ambiente medico possa di nuovo permettere l’utilizzo di tale tecniche che si sono dimostrate in passato così nocive per il benessere dell’individuo.

 

Categorie
Bellezza & Salute

Frutta e verdura migliorano la vita: ci rendono più energiche e felici

Frutta e verdura, alimenti essenziali e preziosi per la salute umana.

Secondo quanto emerso da una ricerca condotta da alcuni ricercatori del Dipartimento di Nutrizione Umana di Otago, fare uso di frutta e ortaggi può apportare conseguenze positive sull’umore e lo stato d’animo degli individui. Contengono innumerevoli proprietà benefiche, le quali aiutano a mantenere un benessere generico della persona  e a prevenire diverse tipologie di malattie.

Le proprietà fondamentali, di cui sono in possesso questi indispensabili cibi, sono legate al loro grosso quantitativo di vitamine, alla grande percentuale di acqua e di fibre, alla loro freschezza. Lo studio, pubblicato sul British Journal of Healt Psycology, è stato fatto su un campione di 281 giovani, i quali per 21 giorni hanno compilato un questionario con i dettagli dell’età, sesso, etnia, peso e altezza.

Dal campionamento sono stati banditi coloro che hanno riscontrato disturbi alimentari. I ragazzi, a fine giornata, nel loro diario, hanno inoltre dovuto utilizzare nove aggettivi positivi e nove negativi per esprimere un giudizio di valutazione delle ultime 24 ore trascorse.

In seguito, attraverso cinque quesiti frutta verdure fa bene salute energia feliciè stato chiesto loro cosa avessero mangiato, enumerando con precisione le porzioni di frutta, verdura e pietanze meno salutari.

La ricerca, a questo punto, ha spezzato una lancia a favore del consumo di frutta e verdura dimostratosi realmente benefico sui soggetti che si sono rivelati  più energici e felici. In realtà, se medici e nutrizionisti affermano e consigliano, costantemente, di fare largo uso di questi alimenti un motivo ci sarà!

 

Maria Francesca Baratta