Categorie
Curiosità

Troppo sesso o troppo poco accorciano la vita

In media stat virtus (in mezzo sta la virtù) dicevano i latini e ogni giorno ne abbiamo sempre di più la conferma. Tra l’eccesso e la mancanza c’è una terra di mezzo, una zona grigia che molti non prendono mai in considerazione ma che esiste ed è bello, almeno una tantum, esplorarla.

Ciò vale anche per il sesso in cui a vincere è sempre e comunque la moderazione, pare infatti che sia l’eccessiva attività sia la sua totale assenza ci inducono ad un invecchiamento precoce. La vita si riduce dunque quando si pende per il troppo o per il troppo poco.

A sostenerlo sono dei ricercatori che hanno pubblicato i risultati dei propri studi sulla rivista scientifica “Science” e, secondo quanto dicono, questa teoria può essere sesso abitudini amore coppie paesiapplicata agli uomini ma anche agli animali. Le due ricerche, condotte da equipe differenti in diverse parti del mondo, giungono alla stessa conclusione: esistono dei meccanismi genetici che possono essere influenzati dalla sessualità .

La prima ricerca, portata avanti dagli studiosi dell’Università di Stanford in California, è stata realizzata sui vermi Caenorhabditis elegans arrivando a capire che un elevata presenza di maschi induce gli stessi ad invecchiare precocemente e le femmine a morire. Questo accade perchè i vermi, per imperdire agli altri maschi di accoppiarsi, rilasciano una tossina nociva anche per le femmine.

La seconda ricerca, condotta dall’Università del Michigan, è stata invece realizzata sui maschi del moscerino della frutta che, quando percepiscono un eccesso di feromoni femminili ma intorno a loro c’è una carenza di femmine, iniziano a deperire velocemente.

Entrambe le riscerche, dunque, dimostrano che il poco e il troppo storpiano, se mi lasciate passare il termine :-).

 

Categorie
Amore

Una perfetta e duratura relazione: ecco dei preziosi consigli

La routine può danneggiare il vostro rapporto, così come può avere un grave impatto sulla vostra salute mentale. Quando si litiga con il proprio partner o c’è la distanza, tutto sembra diventare più frustante e si pensa solo al negativo. Il modo migliore per avere un rapporto sano è quello di comunicare con il proprio compagno, in maniera efficace e aperta.

Proteggette il vostro rapporto e la vostra salute, con questi 7 semplici consigli comunicativi:

  1. parlate tutti i giorni: bisogna avere una conversazione vera, aperta, onesta con il proprio partner ogni giorno, quanto più possibile. Sei con la persona che ami, e dovresti essere in grado di discutere su ogni cosa, senza paura di essere giudicati. Provate a fare una passeggiata, dopo cena, per parlare di tutto ciò che vi passa per la mente, magari mano nella mano – l’affetto è anche importante!
  2. complimentarsi l’uno con l’altro: tutti amano i complimenti. In questo caso, i complimenti devono essere fatti, al di là dell’aspetto fisico. Se tuo marito è un grande cuoco, digli che apprezzi la sua cucina, e se tua moglie sa ascoltare, è giusto che lei lo sappia. I complimenti, fatti col cuore, hanno un grande impatto sulla persona e sulla relazione;
  3. essere premurosi: se il tuo compagno rapporto coppia amore feliceha un importante incontro di lavoro o un progetto, chiamalo o mandagli un messaggio, per fargli sapere che lo pensi e che gli auguri buona fortuna. Se la tua compagna è malata a casa, vai a trovarla con un piccolo regalo. I piccoli gesti sono fondamental, per dimostrare la vostra presenza;
  4. discutere ragionevolmente: se vi trovate nel bel mezzo di una discussione, siate ragionevoli e rimanete calmi. Se sei frustrata perché il tuo compagno non ha mantenuto una promessa, parlane con calma ed esprimi i tuoi sentimenti a riguardo;
  5. non tenersi tutto dentro: se non si parla apertamente dei problemi al momento, si rischia di fare un putiferio la prossima volta;
  6. saper ascoltare: è molto importante per rendersi partecipi in una discussione;
  7. esprimere il proprio amore: ascoltare o dire parole romantiche è la cosa più gratificante, in una coppia.

 

Categorie
Amore

Rapporto di coppia in crisi? Ecco le 5 regole per relazioni durature

Fare il modo che la nostra relazione d’amore sia stabile e duratura nel tempo, è certamente una delle cose che ci prefiggiamo di realizzare ogni volta che iniziamo un rapporto con un nuovo partner.

Ogni volta ci sembra sia quella giusta e ci ripetiamo “chissà, forse con lui andrà meglio”. Beh, da oggi non è più necessario arrovellarsi il cervello per individuare le tattiche migliori per far andare a gonfie vele un rapporto.

È uno studio scientifico a darci la soluzione, con cinque regole per l’amore eterno. Quali sono le regole? È presto detto, eccole sintetizzate in cinque semplici punti:

– l’apertura

– la positività

– la sicurezza

– la divisione dei compiti

– la condivisione delle reti sociali

A proporre questa soluzione è l’Università dell’Illinois, che in uno studio condotto da Brian Ogolsky e dal titolo “A meta-analytic review of relationship maintenance and its correlates” spiega le cinque regole dell’amore eterno.

Lo studio di Brian Ogolsky ha avuto amore 5 regole rapporto coppia duraturotanta risonanza  da essere pubblicato sul Journal of Social and Personal Relationships e per realizzarlo Ogolsky si è basato su una meta-analisi di trentacinque studi e 12273 report scientifici sui rapporti di coppia.

Ma cosa significano le cinque regole sopra riportate? Andiamo per gradi ed analizziamole una per una.

Con apertura si intende l’ascolto delle ragioni e delle varie sensazioni del partner, con un attento studio su se stessi per evitare di parlare spesso ed esclusivamente delle proprie ragioni/emozioni.

Per la positività, invece, il discorso si snocciola sull’interazione e, più in particolare, l’impulso di creare un’interazione con il nostro partner che sia orientata al divertimento, ovviamente con ironia e ottimismo… insomma positività!

La sicurezza è un altro aspetto da non sottovalutare ed è da intendersi, semplicemente, come la capacità di rassicurare il nostro compagno sulla nostra voglia di impegnarci a lungo termine; questo si traduce proprio come sicurezza.

Sulla divisione dei compiti è lo stesso Ogolsky a darci una pillola di saggezza, spiegando che “per fare in modo che un rapporto duri è importante anche dividere le faccende domestiche e gli oneri della convivenza, la nostra quarta regola”.

E infine, ma non per importanza, la condivisione. Questa è da intendersi come condivisione degli amici e dei contatti sociali, così da non escludere l’amore dalla nostra vita sociale. Quante volte ci è capitato di farlo? Bene, riflettiamoci allora.

Questi sono i “5 comandamenti” dello studio firmato da Ogolsky, ma voi… voi che pensate? Credete siano una buona idea? Diteci la vostra!