Categorie
Musica & Spettacolo

Arriva in radio Mille Uragani di Piero Pelù, in attesa dell’album Identikit

Piero Pelù is back. L’artista ex frontman dei Litfiba torna, in rotazione radiofonica, con il nuovo brano “Mille Uragani”. Il singolo è solo una presentazione del suo prossimo disco, “Identikit”, che uscirà ufficialmente il 19 novembre e che rappresenterà l’intera parabola artistica da solista del rocker fiorentino dal 1999 fino ad oggi.

Si tratta appunto di un “Identikit” musicale, come da titolo, che diventa, inevitabilmente, un identikit umano della persona, non solo dell’artista. Si tratta di un viaggio, affascinante e a volte disturbante, attraverso le anime di Piero, ma anche del rocker dall’aspetto aggressivo, e poi dell’uomo sociale, della persona romantica e di Pelù. Tante anime per un uomo poliedrico che ha saputo rappresentare nel corso degli anni e grazie a tanti successi l’essenza del rock nella musica, nella televisione e nel teatro.

Il disco sarà disponibile nei negozi e on line in formato digitale e costituisce il completamento di due trilogie: la “Trilogia dei sopravvissuti”  (“Ne’ buoni Ne’ cattivi” 2000, “U.D.S.” 2002, pelu uragani“Soggetti smarriti” 2004) e la “Trilogia della comunicazione” (“In Faccia” 2006, “Fenomeni” 2008 e appunto “Identikit” 2013).

I brani contenuti nel disco sono 20, di cui due inediti (“Mille Uragani” e “Sto Rock”), due nuove versioni di vecchi successi (“Bomba Boomerang” e “Toro Loco””, e una versione assolutamente esclusiva e sorprendente di “Il Mio Nome è Mai Più”, in cui duettò con Ligabue e Jovanotti.

Da domani arriva in radio “Mille Uragani”, che lui stesso descrive: “E’ una song che musicalmente mi evoca qualcosa della pre new wave bowiana berlinese ma che poi sconfina in parti quasi dark metal e hard southern rock”. 

Categorie
Programmi TV

The Voice of Italy: Timothy Cavicchini va in finale per Piero Pelù

Dopo la votazione di Piero Pelù arrivano i risultati del televoto. La tensione nello studio è certamente alta e sia Francesco che Timothy fremono nell’attesa. La grafica scorre e fa salire lentamente i punteggi sulla figura dei due cantanti. Ci siamo, il responso finale è arrivato:

Timothy Cavicchini totalizza 111 voti, mentre Francesco Guasti si ferma a 89 voti.

A passare in finale per la squadra di Pero Pelù è il palestrato e sexy Timothy Cavicchini. Decisivo è stato certamente il voto di Pelù, che ha portato il piatto della bilancia a pesare di più dalla parte di Timothy… ma tant’è… uno doveva vincere e questo è stato Cavicchini.

E voi? siete d’accordo con questo risultato? O avreste preferito vedere in finale Francesco Guasti? Diteci la vostra!

Timothy-Cavicchini-pelù

Categorie
Programmi TV

The Voice of Italy: Piero Pelù dà 60 punti a Timothy Cavicchini

In attesa del verdetto della giuria popolare, ovvero del televoto e quindi del risultato che vedrà eliminare uno fra Timothy Cavicchini e Francesco Guasti, in trasmissione vengono mandati in onda degli spezzoni estratti dai due inediti.

Terminata la clip è il turno di Piero Pelù, che dovrà dare il suo punteggio e quindi sbilanciarsi dando 60 punti a uno dei due interpreti e 40 all’altro. Un giudizio che vedrà agevolato Timothy Cavicchini o Francesco Guasti.

E’ il momento, Pelù consegna la busta e fra poco si saprà a chi è andata la sua preferenza. Il punteggio di Pelù è:

60 per Timothy Cavicchini e 40 per Francesco Guasti.

Timothy-Cavicchini-pelù

Categorie
Musica & Spettacolo

The Voice of Italy: Noemi e Raffaella Carrà le più scelte, male Cocciante

Seconda serata ricca di ottime voci quella di The Voice of Italy, nuovo talent show che sta prendendo fede in casa Rai, ogni giovedì su Raidue. I colpi migliori sembrano averli messi a segno i due giudici femminili: Noemi si è accaparrata tante voci femminili e una voce maschile da urlo come quella di Giuseppe Scianna graffiante e coinvolgente come poche sentite fin qui. Raffaella Carrà incece di colpacci ne mette a segno due: il primo è quello della biondissima Veronica De Simone e poi l’emulo di Mario Biondi, Manuel Foresta, entrambi con grande talento e capacità vocali impressionanti.

Timothy_TheVoiceAnzi, Veronica De Simone è probabilmente già tra le papabili finaliste assieme a Scianna e al super-macho rocker che ha, ovviamente, scelto come maestro Piero Pelù, che si è girato tantissime volte portando a casa buone voci, come per l’appunto quella di Timothy Cavicchini nato con una voce unica, graffiante e capaci di tenere in ogni condizione “rock”; più rischiose le scelte in casa Pelù su due ragazze Cristina Ballestriere e Paola Criscione, soprattutto, quest’ultima azzardando con Bring me to Life degli Evanescence ha messo in mostra grandi limiti, anche di concentrazione.

TheVoice_Gazosa_MorlacchiAncora con una squadra tutta da costruire Riccardo Cocciante, che pur girandosi molte volte, non viene “gradito” dai giovani come lui stesso ammette. Così si ritrova con tre sole new entry, che non sembrano essere esplosive come alcuni elementi presenti negli altri team. Da segnalare, la presenza nel team del “riccioluto” Jessica Morlacchi, vincitrice del Festival di Sanremo Giovani 2001, condotto da Raffaella Carrà, con i Gazosa e la loro WWW Mi Piaci Tu. C’è da dire che la Morlacchi non ha impressionato per capacità vocali, come ha evidenziato bene Piero Pelù, ma Cocciante ha assicurato che con un po’ di lavoro assieme otterranno ottimi risultati.