Categorie
Lavoro

Disoccupazione: i lavori dimenticati a cui i giovani non aspirano

Sebbene la crisi economica incalzi nel nostro Paese, così come nel resto d’Europa, facendo terra bruciata ai tanti giovani e meno giovani in cerca di un’attività lavorativa che dia sostentamento (in questo periodo non si può chiedere di più, purtroppo), ci sono ancora dei mestieri con molti posti vacanti, in parte dimenticati, che non attraggono i tanti disoccupati italiani.

Sto parlando di una buona parte di lavori da svolgere manualmente, per i quali sussiste un altissimo livello d’offerta ma non c’è domanda in quanto richiedono specifiche professionalità ed in parte sono attività sacrificanti.Lavori disponibili

Sarti, falegnami, panettieri, operai specializzati… tutte professioni che nessuno cerca ma che offrirebbero tanto. I giovani, in Italia, mirano a terminare gli studi, ad una laurea e, ultimamente, anche a master e a specializzazioni post laurea, visto che non riescono a trovare lavoro nei settori per cui hanno studiato, continuando a fare gli studenti aspettando tempi migliori e aspirando al lavoro della loro vita.

lavoro specializzato disponibileNaturalmente non è tutto oro quello che luccica, poiché la strada degli studi, molto spesso gli si ritorce contro ed è più complicata di quanto sembra. Da un’indagine svolta dalla Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, sono emersi dati alquanto significativi: molti giovani non cercano lavoro, e se lo cercano non hanno possibilità di accedervi perché privi di un percorso formativo ad hoc.

totale inoccupati in italiaAlcuni esempi di attività sono quelle dei baristi, macellai, camerieri, installatori di infissi, falegnami, pasticceri, panettieri, tutte professioni dure, molto spesso con turni lavorativi spalmati per tutto il giorno (fino a tarda notte e prestissimo al mattino), ma che potrebbero portare elevati ricavi, nonostante la strada impervia.

Altri lavori con sostanziosi posti vacanti ma che richiedono un preciso percorso formativo sono quelli eseguiti dai tecnici informatici, dagli operai specializzati e dagli infermieri. Di questi ultimi, soltanto nel 2012, c’è stata una richiesta di ben 22.000 nuove unità, ma il numero chiuso previsto dalle università (16.000 complessivi alla triennale) non facilita la copertura di questi posti.

I posti di lavoro, che nessuno cerca e nessuno vuole, dunque, in Italia ci sono, e ammontano a circa 150.000. Questo dato dovrebbe farci riflettere.

Categorie
Musica & Spettacolo

One Direction: Harry Styles molla la band e diventa panettiere per This is Us

Harry è ritornato a fare il suo vecchio lavoro come panettiere nella sua città natia a Holmes Chapel, Cheshire. Ma i fan non devono preoccuparsi – Harry ha lavorato, dietro il bancone, per filmare le riprese del film “This is Us”.

Una fonte  ha dichiarato: “è stato divertente; c’era la sicurezza, chauffeurs, e guardie del corpo fuori, e Harry sembrava un panettiere comune, che guadagna quello che ora lui riceve in un secondo. Ha posato per i fan – è stato davvero simpatico”.

Ogni sabato, Harry lavorava alla panetteria W Mandeville per sei £ all’ora, quando aveva 14 anni. Ma due anni dopo, lasciò questo lavoro, per partecipare ad X Factor. Al suo ritorno recente al negozio, ha abbracciato lo staff, ha fatto il suo vecchio lavoro, e mangiato i suoi preferiti pasticci di pancetta, fagioli e formaggio.

Il suo ex capo Simon Wakefield ha dichiarato:

è stato il più gentile membro dello staff, che abbiamo film dei One Direction Harry Styles molla la band e diventa panettiere per This is Usmai avuto. Ai clienti piaceva molto. Il negozio aveva un influsso di ragazze, quando Harry lavorò qui. A volte ne entravano 12 in una volta sola. È stato un grande lavoratore. I suoi compiti erano servire al bancone, pulire il retro, lavare il pavimento, i vassoi e pulire il bancone”.

Fortunatamente per lui, Harry è ritornato dai suoi compagni, per continuare il tour mondiale Take Me Home.