Categorie
Bellezza & Salute

Chirurgia estetica? Ecco come scegliere un buon chirurgo

La chirurgia estetica è ormai diventata pratica comune: ragazzine, donne, uomini ricorrono sempre più spesso ad interventi chirurgici per disfunzioni serie che si ripercuotono sulla salute; ma anche, e soprattutto, perché spinte da motivazioni più futili come, ad esempio, essere più belle, più prosperose, più giovani o semplicemente più simili alle starlet del cinema e della televisione.

Ecco allora alcuni consigli che possono aiutarvi ad individuare un buon chirurgo. Il primo passo, sostiene Aicpe (Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica), è diffidare dei forum, del passaparola, delle trovate pubblicitarie e dell’eccessiva esposizione mediatica del chirurgo che non sempre è sintomo di competenza ed eccellente preparazione. Internet e la televisione non sono dunque i mezzi migliori per scegliere il mago dei bisturi.

La scelta deve essere ben ponderata e basarsi su dati concreti, in primis bisogna controllare che il chirurgo sia iscritto all’Ordine dei Medici, solo questo però non basta per verificarne la bravura chirurgia plastica donne risarcimentie ci sono dunque altri parametri da analizzare e da tenere in considerazione tra cui la specializzazione, la struttura in cui lavora, il ruolo da lui ricoperto, il suo grado di aggiornamento, la sua partecipazione a corsi di formazione e, infine, l’affiliazione a società scientifiche come l’AICPE la cui iscrizione avviene dopo una seria e rigorosa selezione.

Diffidate anche di interventi scontati o legati a promozioni perché nascondono, quasi sempre, truffe che mettono a rischio la salute dei pazienti.

Scegliete dunque con cautela e con cognizione di causa, un intervento non è di certo semplice come lo shopping, una maglietta si può cambiare, regalare, modificare, un intervento estetico ti cambia la fisionomia per sempre e non si ha la possibilità di rimediare.

Categorie
Gossip

Francesca Del Taglia in ospedale: dovrà operarsi ad una mano!

Cari fan di Uomini e Donne, tornioamo ad occupaci ancora una volta di una delle due coppie nate quest’anno all’interno del programma condotto da Maria De Filippi, ovvero quella formata da Eugenio Colombo e Francesca Del Taglia.

Mentre di solito andiamo a curiosare nella vita privata dei due piccioncini e vi riportiamo foto o informazioni che ci permettono di gioire con loro della love story, questa volta ci sono brutte notizie, che riguardano la bella ex corteggiatrice fiorentina.

Come vi abbiamo già raccontato ieri, Francesca in qeusti ultimi giorni è stata vittima di un piccolo incidente, in seguito al quale ha riportato dei francesca del tagliaproblemi ad una mano. L’incidente a cui ci riferiamo non è d’auto e nemmeno un episodio di violenza di Eugenio, come qualcuno ha malignamente ipotizzato, ma riguarda un bicchiere che si è rotto in mano alla ragazza.

Oggi le amministratrici della pagina Facebook della Del Taglia ci hanno comunicato che Francesca si dovrà sottoporre ad una operazione, scrivendo:

“OGGI FRANCESCA HA FATTO LA VISITA PER LA MANO! DOVRA’ ESSERE SOTTOPOSTA PROSSIMAMENTE DOPO ALTRE VISITE AD UN’OPERAZIONE, LA COSA E’ PIU’ SERIA DEL PREVISTO! PERO’ STATE TUTTI/E TRANQUILLI/E”

Non possiamo che augurarci che vada tutto per il meglio!

Categorie
Musica & Spettacolo

Lady Gaga brutto guaio: anca destra da operare con urgenza

La lesione all’anca destra che già da qualche giorno faceva penare Lady Gaga è più grave del previsto. Tanto da richiedere un intervento d’urgenza al fine di scongiurare altri problemi e risolvere tutto in maniera permanente e rapida. Purtroppo però l’operazione comporta dei tempi di convalescenza abbastanza lunghi, tanto che l’amatissima popstar ha dovuto annullare le ultime date del suo tour.

Lady_Gaga_TwitterLa Germanotta ha confessato su Twitter di aver volutamente sopportato il dolore per qualche tempo, ma che ormai la situazione era insostenibile, da qui la decisione di una visita medica e del successivo ricorso ad un intervento chirurgico per ridurre la lesione. Intanto su Twitter dove Lady Gaga conta più di 34 milioni di follower impazza l’hashtag #GetWellSoonGagaYourMonstersAreHereForYou, in cui sono raccolti tutti i messaggi dei fan della star che le augurano una pronta guarigione.

 

[miniTweets type=”hash” query=”GetWellSoonGagaYourMonstersAreHereForYou” count=”10″ width=”640″ cache=”20″]
Categorie
Sport

Plushenko sotto i ferri: si preannuncia un’operazione alla spina dorsale

E’ soprannominato lo Zar, e non a caso, perché lui sul ghiaccio è davvero il principe incontrastato, l’unico al mondo che unisce potenza e grazie, forse ed eleganza, tutto su un paio di lame affilate che scivolano ora delicatamente ora con forza e prepotenza sulle piste di tutto il mondo.

evgeni plushenkoStiamo parlando di Evgeny Plushenko, il grande pattinatore russo pluricampione mondiale olimpico ed europeo. Purtroppo ogni eroe ha il suo tallone d’Achille e pare che per lo Zar si tratti di una importante ernia alla schiena che lo costringerà a sottoporsi ad un altro intervento chirurgico (addizionato a quello già in programma al ginocchio).

In tutto l’ambiente c’è ovviamente molta tensione, poiché agonismo a parte, tutto il mondo del pattinaggio artistico non può che ammirare le straordinarie doti dell’atleta e la sua incredibile longevità agonistica.

Plushenko ha debuttato a livello senior in occasione della tappa di Grand Prix di San Pietroburgo nell’autunno del 1997 e il suo ultimo trionfo è quello dello scorso gennaio a Sheffield, dove ha strappato l’oro per un punteggio stratosferico di 261.23. Si tratta di circa 14 anni in cui il nostro ha preso parte a 50 gare (tra Grand Prix, Europei, Mondiali e Giochi Olimpici), vincendone ben 33 e salendo sul podio in 46 occasioni.

Per trovare una competizione non conclusa nelle prime tre posizioni, è necessario tornare ai Mondiali di Mosca del 2005 in cui, quinto dopo qualificazione e programma corto, decise di ritirarsi per via di un infortunio. Le altre tre gare in cui Evgeni non si è piazzato sul podio risalgono alla sua adolescenza e hanno preceduto la prima partecipazione ai Campionati Europei, avvenuta sul ghiaccio del Forum di Milano nel 1998.

In pratica 46 gare, 46 podi e 33 vittorie. Mica male! Intanto le sue dichiarazioni in merito all’imminente operazione alla spina dorsale sono sobrie, e anche Aleksey Mishin, il suo allenatore, prende per il meglio l’imprevisto dichiarando che per l’atleta è un buon momento per prendere una pausa “perché abbiamo piani sportivi a lungo termine. Nel mese di aprile, inizierà a lavorare sul nuovo programma. Inoltre per migliorare la sua formazione tecnica passerà ad allenarsi per un po’ con esperti stranieri, i cui nomi per adesso tengo segreti. Ma entrambi siamo consapevoli che confrontarci con l’esperienza europea e americana non può che farci bene”.

Con queste premesse Evgeny salterà le gare di Nizza che si terranno a partire dal prossimo 26 marzo, per cui gli eterni secondi si facciano avanti, senza lo Zar c’è spazio per tutti!

Categorie
Bellezza & Salute

Ciglia e sopraciglia perfette con trapianto e chirurgia plastica

La chirurgia plastica continua a esplorare nuovi orizzonti di applicazione così, se mastoplastica additiva o riduttiva, gluteoplastica, otoplastica e persino vulvoplastica sono operazioni ormai scontate, comincia a prendere piede anche in Italia una nuova frontiera della chirurgia: il trapianto di ciglia e sopracciglia.

Sopracciglia donna ritoccate trapianto chirirugia plasticaRispetto agli interventi elencati, il trapianto di ciglia e sopraciglia è all’atto pratico l’adattamento del diffuso trapianto di capelli in caso di calvizie maschile. Perché applicarla alle ciglia e sopracciglia femminili? I motivi sono tanti. Innanzitutto, c’è da dire che un simile trapianto viene effettuato già da tempo, per ricostruire ciglia e sopracciglia in seguito a incidenti e traumi fisici che coinvolgono il viso. Ma i chirurghi plastici, si sa, fiutano le richieste del mercato e un’esigenza meramente sanitaria diventa estetica.

Alzi la mano chi almeno una volta nella vita non si è rovinata l’arcata sopraccigliare con spinzettamenti selvaggi, o chi non ha visto cadere miseramente qualche ciglia dopo aver struccato gli occhi in modo troppo aggressivo. Bene: da oggi, invece di ricorrere al trucco permanente, o di perdere tempo a ridisegnare la forma delle sopracciglia con una matita, potrete risolvere il problema alla radice. È proprio il caso di dirlo: risolvere il problema alla radice, perché l’intervento rispecchia quello per il trapianto di capelli, è semplice, indolore e permanente.

Basta affrontare poche ore di anestesia locale et voilà, le les jeux sont fait: le vostre ciglia e sopracciglia riacquistano la loro naturale bellezza. E lo sguardo tornerà a essere la vostra vera arma di seduzione.

Categorie
Bellezza & Salute

Ricostruita a Roma una valvola mitrale grazie a… Da Vinci

Avvenuta la prima ricostruzione di valvola mitrale, attenzione, ricostruzione e non sostituzione! Il risultato è stato raggiunto dal robot “Da Vinci” del nuovo blocco operatorio del Campus Bio-medico di Roma.

valvola mitraleL’inaugurazione del nuovo strumento d’avanguardia che permette questo tipo d’operazione senza aprire il torace e lo sterno, è stato eseguito su un 77enne che andrà a casa tra 3-4 giorni. L’intervento è durato quattro ore ed è stato eseguito da Francesco Musumeci e da Nirav Patel, direttore del dipartimento di cardiochirurgia robotica del Lenox Hill Hospital di New York, vero “guru” della consolle operatoria. L’ottimo risultato è il frutto di una collaborazione tra l’ospedale San Camillo di Roma e, appunto, l’americano Lenox Hill Hospital. La scarsa invasività di questo processo permette non solo di dimezzare la degenza in ospedale, ma anche di diminuire i tempi di recupero post-operatorio da due mesi a due o tre settimane.

L’intervento avviene infatti tramite un piccolo taglio, che si opera sotto il setto mammario destro e che limita i traumi dovuti in precedenza dall’apertura dello sterno, diminuendo anche la perdita di sangue e il conseguente indebolimento. Questo fortunato 77enne potrà quindi tornare a casa e avere un’aspettativa di vita normale, senza essere costretto ad assumere anticoagulanti e senza l’aiuto di processi o supporti artificiali.