Categorie
Gossip

Sara Tommasi: litiga con Vieri e rivela il video hard su Twitter

Vip, sesso e potere… questo il titolo del nuovo video hard di Sara Tommasi,

che sta smentendo tutto quanto detto, torna a provocare tormentoni online, con esternazioni al limite dell’incredibile e rimangiandosi tutto quanto detto da Simona Ventura, in quella shoccante e commossa confessione. Sara dopo aver chiesto aiuto a Papa Francesco e Barack Obama per promuovere il suo nuovo video hard, che in un primo momento doveva essere bloccato e cancellato, ne svela alcune scene pubblicando delle foto su Twitter di lei assieme ai due protagonisti maschili Nando Colelli e Paolini (il tormentatore dei giornalisti TV).

Sara_Tommasi_Video_HardE per far aumentare ancora di più l’attenzione su di se, Sara Tommasi, oggi punzecchia Bobo Vieri su Twitter, dove già l’ex attaccante dell’Inter settimana scorsa ha avuto un’accesa discussione con Selvaggia Lucarelli. La Tommasi in questo tweet:

 


Quasi minaccia Vieri di svelare dettagli sulle notti passate insieme, e quando Vieri non le risponde, comincia ad inveire (quasi furiosamente) contro l’ex calciatore e le veline che solitamente ha frequentato. Per di più buttando un ombra su una possibile storia tra Vieri e Federica Nargi, velina, notoriamente legata all’attaccante della Juventus, Alessandro Matri. Insomma, Sara Tommasi torna a creare scompiglio, vedremo cosa succederà nei prossimi giorni. Se tutto questo è sapientemente orchestrato ad arte, con la compiacenza di Sara, oppure, se qualcuno si sta nuovamente approfittando della fragilità psichica della Tommasi.

Categorie
Musica & Spettacolo

Lady Gaga fedele ad Obama, rifiuta i soldi dei repubblicani

Rifiutare un milioni di dollari di cachet è cosa che poche star si possono permettere, ma Lady Gaga che ci ha abituato a colpi di testa e scelte originali, lo ha fatto e per motivi comprensibili e condivisibili, visto che la popstar è storicamente una sostenitrici dei Democratici ed in particolare del Presidente degli Stati Uniti Barack Obama. Infatti, Lady Gaga era stata invitata a partecipare ad un evento promosso dai Repubblicani, avversari dei democratici e sempre molto critici verso le scelte “socialiste” del Presidente Obama, ma la risposta anche davanti ad un’offerta economica cospicua, per un solo evento, è stata “no, grazie“.

Lady-Gaga compleannoLady Gaga, conferma, che oltre che una bravissima cantante, è anche una donna con degli ideali e dei valori che non tradisce. Un bel esempio in questa società dove sembra sempre, che per tutti ricchi o poveri che siano, i soldi siano tutti, Gaga ci ricorda che ci sono cose più importanti da portare avanti nella vita!

Categorie
Musica & Spettacolo

Katy Perry pro Obama: la campagna elettorale passa dalla musica

Oggi è il gran giorno delle elezioni presidenziali per gli Stati Uniti d’America e l’intero web non fa altro che parlare di chi la spunterà fra Barack Obama e Mitt Romney. Anche noi su Pink stiamo seguendo la diretta dell’evento, che potete trovare cliccando su questo link:

Elezioni americane 2012 – Obama vs Romney | Diretta Live

Tuttavia, qui, vogliamo porre l’accento su un’altra considerazione e cioè sul grande seguito che Obama ha avuto nel mondo della musica. Non solo Bruce Springsteen ha abbracciato Barack Obama sul palco di Madison, nel Wisconsin, dove il presidente in carica ha tenuto uno dei tre comizi alla vigilia del voto in America; ma anche Katy Perry ha rimarcato la sua simpatia per Obama.

E simpatia potremmo dire essere solo un eufemismo. Infatti la brava cantante, nel suo ultimo concerto di qualche giorno fa, ha pensato bene di vestirsi con un bel tubetto di pelle aderente blu: colore più che mai caratteristico del noto Asino Democratico.

Ma se fosse semplicemente così, la cosa Katy Perry Obama Forward vestito concertopotrebbe anche passare inosservata  e voi potreste dirmi: come si ricolegga questo ad Obama? Bene, per evitare un possibile fraintendimento, il vestito di Katy Perry aveva proprio sul fronte la scritta Forward: ovvero lo slogan che ha contraddistinto la campagna di Barack Obama per queste presidenziali 2012.

Una vera e propria campagna pro Obama, quindi, quella di Katy Perry, che ha addirittura voluto aprire il suo concerto proiettando su uno dei maxi schermi le immagini di Obama, di sua moglie Michelle e anche dell’ex presidente Bill Clinton.

Sarà servito tutto ciò a far riconfermare Obama alla Casa Bianca? Non resta che attendere domani…

Categorie
Cinema

Da Ballarò a SkyTG24: stasera speciale Elezioni Americane

Tutto il palinsesto serale verrà fortemente rivisto quest’oggi per seguire le Elezioni Americane per il neo-Presidente degli Stati Uniti, così sia le trasmissioni politiche già programmate, che alcune trasmissioni realizzate ad hoc per seguire quanto succede Oltre Oceano, modificheranno in maniera sensibile il palinsesto televisivo, che dopo le 23 verrà quasi ovunque monopolizzato dallo scontro tra Barack Obama e Mitt Romney.

Sicuramente, la parte del leone in prima serata verrà fatta da Ballarò che già ha annunciato una puntata particolare. Oltre al tema del giorno dedicato all’Italia, che sarà incentrato sulla nuova legge di stabilità e che vedrà in studio il Ministro delle Economia Vittorio Grilli, cui Giovanni Floris cercherà di “carpire” cosa significa questa nuova manovra, rivista dai gruppi Parlamentari.

Ospite d’onore della serata dedicata alle elezioni americane sarà Denzel Washington con un’intervista esclusiva di cui ancora non si conoscono i comunicati. Altri ospiti in studio saranno la candidata alle primarie del Partito Democratico Laura Puppato, l’editorialista della “Stampa” Marcello Sorgi; la Stampa giornale molto attento a quanto accade in America, forse per la storia del suo Direttore, Mario Calabresi; vi saranno poi il presidente dell’ASSONIME e della BNL Luigi Abete, Mariastella Gelmini del PdL nonché ex Ministro, il segretario generale della UIL Luigi Angeletti, il coordinatore dell’Associazione Comuni Virtuosi Marco Boschini e per finire il magistrato Piercamillo Davigo. Insomma, tanti ospiti che di sicuro potranno commentare le notizie che arriveranno in diretta dai seggi americani.

La serata Rai continuerà su Rainews 24, che dalle 23 in poi con il direttore Corradino Mineo seguirà tutto quanto accadrà fino all’annuncio del nuovo Presidente. Stessa cosa su La 7 dove Enrico Mentana con il suo Speciale TG La7 e tanti ospiti ci porterà a commentare fuori dagli schemi quanto accadrà. Su Mediaset le elezioni saranno seguite tramite TGCOM24 la rete All-news.

E per chi desidera il massimo in fatto di collegamenti ed informazioni in tempo reale, già da questa mattina Sky TG24, sta già seguendo le elezioni con informazioni in diretta e lanci per qualsiasi accadimento.

Categorie
Musica & Spettacolo

Katy Perry canterà per Obama

Katy Perry sosterrà Obama nella prossima campagna presidenziale. Lo riferisce The Hollywood Reporter. Nella la lista ufficiale degli artisti che prenderanno parte al concerto del 7 ottobre, organizzato al Nokia Theater di Los Angeles, saranno presenti anche altre celebrità che non hanno avuto problemi ad esternare la loro vicinanza all’attuale presidente USA, Barack Obama.

Fra i trenta artisti spiccano i nomi di George Clooney, Oprah Winfrey, Antonio Banderas, Tom Hank e Sarah Jessica Parker.

L’evento è stato ribattezzato “Trenta giorni alla vittoria”, alla faccia della scaramanzia e soprattutto di Romney, che in questi giorni si è trovato al centro di un ciclone di critiche  per i suoi commenti sul 4% dell’elettorato che vivono sulle spalle dei contribuenti. Praticamente si è pestato i piedi da solo.

E mentre Romney fa retromarcia, consapevole dei sui errori. L’Inquilino della Casa Bianca, appare più cool  che mai al concerto organizzato da Beyoncè Knowles e il rapper  Jay-Z, durante il quale sono stati raccolti 4 milioni di dollari!

I biglietti per il “30 Days to Victory Concert“, saranno venduti a 250 dollari a persona, mentre ai sostenitori con meno di 40 anni saranno chiesti 44 dollari (Obama e’ il 44/mo presidente).

Categorie
Cinema

George Clooney in manette per difendere il Sudan!

Una giusta causa smuove da anni la sensibilità dell’attore americano George Clooney a recarsi presso le popolazioni sfortunate del Sudan. Pochi giorni fa per metter fine alle atrocità da lui documentate già l’anno scorso in un video ha deciso di organizzare un sit in pacifico davanti l’ambasciata del  Sudan  a Washington. Per poche ore lui, suo padre e il membro del Congresso Jim McGovern sono stati arrestati perché volevano denunciare le azioni brutali che il presidente del Sudan, Omar al-Bashir, compie verso la popolazione dei Nuba.

George Clooney ha voluto spiegare la sua protesta in questo modo: «Siamo qui per chiedere una semplice cosa: che gli aiuti umanitari possano raggiungere immediatamente le popolazioni del Sudan prima che si scateni una vera e propria crisi umanitaria. Inoltre chiediamo che vengano fermate immediatamente le azioni di stupro e di omicidio di donne, bambini e civili innocenti nella zona di Khartoum».

Già al congresso degli Stati uniti, l’attore aveva testimoniato la situazione delle popolazioni costrette a nascondersi nella cave per sfuggire ai bombardamenti  e dopo l’arresto è riuscito ad ottenere un colloquio con Barack Obama per far in modo che la notizia si diffondesse: “Quello che cerco di fare è suscitare l’attenzione su quanto accade nel sud del Sudan. Il Congresso deve sapere. Il Presidente deve sapere. L’importante è che la notizia delle condizioni di quel Paese si diffonda. Tutti devono sapere”.

Si spera che tutto questo trambusto serva davvero a fermare guerre che poco si adeguano all’era dei geni, dell’informatica, della cultura e della tecnologia in cui viviamo.

Categorie
Moda

Runway to win: moda e politica insieme per il successo!

Ottima trovata quella di alcuni tra i più importanti stilisti! Disegnare accessori e magliette in favore di Obama per le nuove elezioni politiche, sta avendo un successo inaspettato. Il tutto è capeggiato ovviamente da Anna Wintour, direttrice di Vogue America, che ha pensato anche di dare un party, in occasione della New York Fashion Week, iniziata il 9 febbraio.

Il party si è svolto ieri sera a New York con i biglietti in vendita a 250 dollari solo per il cocktail o 2.500 dollari per un posto a tavola.

obama sciarpaTema della serata, la corsa di Obama alla nuova presidenza. Jason Wu, Diana von Furstenberg e Vera Wang, sono solo alcuni dei benefattori della campagna elettorale di Obama. T-shirt con motti presidenziali, borse Love Obama e sciarpe che ritraggono il presidente in stile pop art, sono state presentate al party e sono già in vendita sul sito http://store.barackobama.com/runway-to-win.html

I prezzi non sono affatto modici dato che sono etichettati Obama 2012 e quindi difficilmente indossabili in qualsiasi occasione: 75 dollari la borsa disegnata da Derek Lam, 45 dollari la t-shirt di Altuzarra. Nonostante tutto, l’iniziativa sta avendo il suo seguito a tal punto che, LVMH, inizialmente scettica a parteciparvi, ha dato il via libera a Marc Jacobs, direttore creativo di Louis Vuitton, che ha disegnato la t- shirt “I vote Obama”.

E non è tutto! Anche la bella Beyoncè, assidua frequentatrice dei party alla Casa Bianca ha creato la sua t-shirt in collaborazione con sua madre Tina Knowles, fashion designer.

E’ proprio il caso di dirlo, Anna Wintour ne sa una più del diavolo!