Categorie
Musica & Spettacolo

Esce il 20 febbraio il nuovo album di Noemi

L’avevamo incontrata l’anno scorso alle prese con le canzoni del catone animato Pixar Ribelle – The Brave. Adesso Noemi ritorna, con la chioma rossa fiammante e l’ugola d’oro, nel mondo dei grandi, se così si può dire

noemi-sanremo-2012-Arriverà infatti il 20 febbraio “Made in London” il suo nuovo album in cui saranno presenti i due brani che l’artista presenterà al Festival di Sanremo: “Bagnati dal sole” e “Un uomo è un albero”. L’artista ha realizzato quest’album con un grande impegno, profondendo in esso gran parte del suo percorso musicale e personale, compresa, come intuiamo, la sua nuova esperienza londinese. Da diversi mesi ormai la cantante vive a Londra, dove si è trasferita per raccogliere nuovi stimoli, in un ambiente che è notoriamente ben disposto allo stimolo artistico. Il suo nuovo album è frutto di un impegno anche produttivo da parte di Noemi, e anche di collaborazioni inedite e interessanti che la cantante è riuscita a portare a termine con grande dispendio di energie ma con grande soddisfazione.

Noemi, che come anticipato vedremo a Sanremo, ha in programma anche un paio di appuntamenti e di incontri con i fan: il primo è a Milano, il 28 febbraio, alla Feltrinelli di Piazza Piemonte 2 (ore 18.30); il secondo invece a Roma, presso la Feltrinelli di Via Appia Nuova 427 (ore 15.30). In queste occasioni la cantante firmerà le copie di “Made in London” e risponderà alle domande dei fan.

Per il tour bisognerà invece aspettare la primavera inoltrata. Il 17 aprile infatti partirà dal Teatro degli Arcimboldi di Milano il suo giro per le città italiane che la porterà fino all’Auditorium Conciliazione di Roma il 23 maggio.

 

Categorie
Le Iene Show

Le Iene cellule staminali: il Papa incontra Noemi (video)

Un’altra puntata di Le Iene è andata ieri sera in onda, come ogni martedì sera, e Ilary Blasi e Teo Mammucari sono tornati sul piccolo schermo per mostrarci altri numerosi e interessantissimi servizi. Giulio Golia, Nadia Toffa, Luigi Pelazza e gli altri inviati, ancora una volta sono stati alle prese con truffatori; un’altro argomento, però, è tornato alla ribalta, ovvero quello della cura con le cellule staminali, grazie al video dell’incontro tra il Papa e Noemi.

papa noemi le ieneIl tema delle cellule staminali è stato portato alla ribalta negli ultimi mesi proprio da Le Iene, grazie allo spazio dato all’appello lanciato dai genitori della piccola Sofia. Da allora si è aperta una vera e propria guerra, che vede numerose famiglie italiane coinvolte in un’opera di convincimento nei confronti dello Stato, per ottenere l’autorizzazione ad accedere alle cure con il metodi stamina.

La disperazione è ormai tanta e, mentre ci sono delle famiglie che hanno avuto accesso alle cure compassionevoli e hanno riscontrato un miglioramento nei familiari, altre non ce l’hanno fatta. I genitori di Noemi, una bimba di Pescara affetta da una malattia rara e incurabile, hanno deciso di chiedere aiuto direttamente al Santo Padre, che nel momento in cui ha incontrato la bimba ha promesso ai suoi genitori che farà il possibile per aiutare la famiglia e che non li lascerà soli in questa battaglia.

Di seguito il link dove guardare il servizio.

GOLIA: Esclusiva: Il papa incontra Noemi

Categorie
The Voice of Italy

Silvia Capasso batte Giuseppe Scianna e passa alla finale di The Voice of Italy

Ed eccoci giunte alla parte più dura: la votazione. Prima però ecco la consueta clip dei singoli: anche per Silvia e Giuseppe i singoli sembrano molto interessanti… sarà un peccato perdere l’uno o l’altro cantante… talentuosi davvero entrambi. Ma bando alle ciane, è il momento di Noemi e dell’assegnazione dei suoi 60 punti.

Ecco la lettera: i 60 punti di Noemi vanno a Silvia Capasso.

Non resta adesso che attendere il totale con il responso del televoto arrivato dal pubblico a casa.

Ed ora ecco anche la grafica: a vincere e a passare quindi alla finale di The Voice of Italy è Silvia Capasso con 115 voti.

Siete d’accordo con questo risultato? Avreste voluto Giuseppe in finale? Diteci la vostra 😉

Silvia-Capasso in finale the voice of italy

 

 

Categorie
The Voice of Italy

The Voice of Italy: Silvia Capasso vs Giuseppe Scianna chi passerà per Noemi?

Siamo arrivati all’ultima fase delle semifinali di questa sera. Sul palco di The Voice of Italy, infatti, arrivano gli ultimi due ragazzi in sfida, ovvero quelli del team di Noemi. A sfidarsi sono Silvia Capasso e Giuseppe Scianna: anche per loro il modus operandi sarà lo stesso. Prima l’esibizione, poi i 60 punti di Noemi e infine la grafica con il totale del televoto e il responso finale.

A esibirsi per prima è Silvia Capasso con la canzone Hurt di Christina Aguilera. L’esibizione è davvero interessante e a parte qualche piccola sfumatura il brano sembra essere stato interpretato da Silvia davvero bene, tanto da sentirsi dire da Noemi che la sua voce la fa sognare.

E’ ora il turno di Giuseppe Scianna che canta Silvia Capasso vs Giuseppe SciannaPer me è importante dei Tiromancino. Timbro come sempre suggestivo quello di Giuseppe, che però non eccelle nelle sfumature della canzone, un po’ troppo insidiose. Nel complesso comunque anche la sua esibizione è interessante…

Chi vincerà per voi? Sarà Silvia Capasso a passare o la spunterà Giuseppe Scianna?

Categorie
Musica & Spettacolo

The Voice of Italy: Noemi e Raffaella Carrà le più scelte, male Cocciante

Seconda serata ricca di ottime voci quella di The Voice of Italy, nuovo talent show che sta prendendo fede in casa Rai, ogni giovedì su Raidue. I colpi migliori sembrano averli messi a segno i due giudici femminili: Noemi si è accaparrata tante voci femminili e una voce maschile da urlo come quella di Giuseppe Scianna graffiante e coinvolgente come poche sentite fin qui. Raffaella Carrà incece di colpacci ne mette a segno due: il primo è quello della biondissima Veronica De Simone e poi l’emulo di Mario Biondi, Manuel Foresta, entrambi con grande talento e capacità vocali impressionanti.

Timothy_TheVoiceAnzi, Veronica De Simone è probabilmente già tra le papabili finaliste assieme a Scianna e al super-macho rocker che ha, ovviamente, scelto come maestro Piero Pelù, che si è girato tantissime volte portando a casa buone voci, come per l’appunto quella di Timothy Cavicchini nato con una voce unica, graffiante e capaci di tenere in ogni condizione “rock”; più rischiose le scelte in casa Pelù su due ragazze Cristina Ballestriere e Paola Criscione, soprattutto, quest’ultima azzardando con Bring me to Life degli Evanescence ha messo in mostra grandi limiti, anche di concentrazione.

TheVoice_Gazosa_MorlacchiAncora con una squadra tutta da costruire Riccardo Cocciante, che pur girandosi molte volte, non viene “gradito” dai giovani come lui stesso ammette. Così si ritrova con tre sole new entry, che non sembrano essere esplosive come alcuni elementi presenti negli altri team. Da segnalare, la presenza nel team del “riccioluto” Jessica Morlacchi, vincitrice del Festival di Sanremo Giovani 2001, condotto da Raffaella Carrà, con i Gazosa e la loro WWW Mi Piaci Tu. C’è da dire che la Morlacchi non ha impressionato per capacità vocali, come ha evidenziato bene Piero Pelù, ma Cocciante ha assicurato che con un po’ di lavoro assieme otterranno ottimi risultati.

Categorie
Musica & Spettacolo

Ascolti record per la finale, Sanremo 2012 ringrazia Celentano e le donne

Guardando i dati Auditel, in merito allo share della serata finale di Sanremo c”è un dato inconfutabile; alla fine il Festival che piaccia o meno resta l”evento più seguito della televisione italiana (magari anche perché quando c”è le altre reti alzano bandiera bianca). I dati di ascolto della serata in cui Emma si è aggiudicata la vittoria finale su Arisa e Noemi, sono eccezionali, con percentuali quasi bulgare nella seconda parte. Ma leggiamo un po” il rapporto Auditel su Sanremo: la prima parte è stata seguita da 14 milioni e 456.000 telespettatori con uno share del 50,93%.

Adriano Celentano Sanremo 2012La seconda parte, e questa si è davvero una sorpresa ha tenuto incollati davanti al teleschermo ben dodici milioni di spettatori, con uno share pari al 68,73%. Insomma, cifre da capogiro che sicuramente avranno rincuorato i dirigenti Rai, che hanno dovuto ricorrere a Celentano per resuscitare uno spettacolo sin troppo monotono e troppo lungo: cinque giorni di Sanremo sono un”eternità difficile da reggere per gli addetti ai lavori, figuriamoci per i telespettatori.

Già Celentano, non possiamo ignorare che i risultati migliori per questo Festival, anche se paragonato a quello dello scorso anno sono state proprio quelle in cui il molleggiato ha fatto i suoi monologhi e cantato la sua musica. Sicuramente, Adriano Celentano è un one-man-show capace di attrarre fans e detrattori e di tenerli incollati allo schermo per poterlo, poi, il giorno dopo osannare o criticare. Così, casino come accaduto anche ieri sera durante la sua esibizione all”Ariston, da una parte fischi e mugugni; dall”altra persino chi, quando duetta con Morandi gli urla: “Siete un pezzo d”Italia“. Alla fine con il suo modo di fare da “profeta” in patria mette a nudo tutte le contraddizioni e le ipocrisie del nostro paese, mandando in crisi per qualche minuto persino il nostro sistema di valori cattolici e invitandoci a ragionare su tutto, perché il Paradiso non è qui e la vita prima o poi finisce per tutti.

Geppi Cucciari Sanremo 2012Ma ieri sera sul palco c”è stata la miglior comica degli ultimi 150 anni, capace di surclassare persino Luca e Paolo, che ieri hanno fatto uno splendido e serioso (oserei dire) monologo da pagliacci dell”opera. Geppi Cucciari non ha bisogno di mostrare farfalle, ne di ricorrere alle scurrilità, lei è intelligente e sagace, punzecchia, ricama, disintegra personaggi e canzoni con grande semplicità, ma senza mai scadere nel qualunquismo. Così, già dopo la sua prima apparizione c”è chi la vorrebbe l”anno prossimo a condurre sul palco con due bei maschioni al fianco; sicuramente sarebbe un Festival di Sanremo meno monotono di quello visto quest”anno. Quando si presente con il contratto di Celentano sul palco è l”apoteosi. Insomma, l”accento pink a questo festival non è mancato per fortuna. E ancor di più, grazie a Dio il talento di Geppi assieme alle voci di Emma, Arisa e Noemi ha fatto svanire in una serata la farfalla di Belen, che ci ha tormentato per tre giorni. Geppi e le altre ci hanno reso l”onore di essere donne, quelle con le palle che mandano avanti le proprie famiglie e questo Paese, abituato a pensar troppo alle farfalle per badare al nostro talento. Forse questa serata finale può essere un altro colpo agli stereotipi e ridare a noi donne la dignità che meritiamo per le nostre competenze e capacità.

Quindi, quando si leggono i dati auditel di questa serata c”è da sottolineare, che “oltre Celentano, c”è di più…“.