Categorie
Arte e Cultura

Athena Nike alata torna a volare in 3D a Roma nello Spazio Espositivo Tritone

La tecnologia moderna sembra poter fare qualsiasi cosa, e così anche le applicazioni artistiche alla tecnologia cominciano ad essere utilizzate per mettere in mostra grandi capolavori dell’antichità.

E’ infatti grazie ad una ricostruzione computerizzata in 3D che la Athena Nike alata, statua risalente al periodo della Grecia classica (430 a.C.) ritorna a splendere nella sua interezza nell’ambito della mostra “Athena Nike: la vittoria della dea. Marmi greci del V e del IV secolo a.C. della Fondazione Sorgente Group”.

La statua, che è arrivata fino a noi conservando solamente il busto, era originariamente una scultura votiva, rappresentante la dea Atena che plana sulla terra a benedire e proteggere gli eserciti ateniesi. Era collocata su una colonna o pilastro, a circa 5 metri di altezza, in un santuario attico impossibile da collocare con precisione.

Le più sofisticate conoscenze informatiche vengono athena lata ricostruzione 3d spazio espositivo tritonecosì applicate alla scultura antica per permetterci, seppure in digitale, di poter ammirare nella loro interezza i capolavori della scultura classica a tutto tondo.

La mostra, inaugurata il 7 febbraio, sarà allestita fino al 3 agosto 2013, presso lo Spazio Espositivo Tritone a Roma (info: 06.90291405).

Categorie
Sport

Find Your greatness: Nike ricorda quanto tutti possiamo essere grandi!

Questo 2012 è l’anno delle Olimpiadi di Londra e ancora una volta, tutte noi amanti dello sport, saremo incollate davanti alla tv a fare il tifo per le nostre atlete e i nostri atleti italiani. Ma le Olimpiadi non sono un evento sportivo da godersi in modo passivo. Ad goni gara è naturale mettersi in sana competizione con le atlete che gareggiano nelle varie competizioni, anche se siamo comodamente sedute da casa. E ad ogni competizione è altrettanto naturale pensare a quanto sarebbe bello, anche per noi atlete lontane dai riflettori, poter salire sul gradino più alto del podio ed avere i nostri 5 minuti di notorietà e successo.

Ad essere sincere, però, non è necessario essere alle Olimpiadi o davanti a decine di telecamere per raggiungere i nostri successi. Anche nel nostro piccolo mondo non professionistico possiamo essere fiere dei risultati raggiunti e delle nostre piccole vittorie nelle competizioni sportive.

E da Nike, uno dei marchi sportivi più grandi del globo, arriva un’iniziativa volta a raggiungere non i grandi nomi dello sport, ma bensì tutti gli atleti comuni, ovunque essi si trovino. Stiamo parlando di nike.com/gameonworld: un hub motivazionale che si pone come punto di incontro per tutti gli atleti che vogliono condividere i propri progressi e i successi ottenuti. Questo sfruttando la semplicità del sistema social e quindi la piattaforma Nike+: una community che annovera circa 6 milioni di utenti.

Concept che ispira l‘idea firmata Nike è il claim find your greatness, che vede spiegato il suo senso in poche e semplici parole:

"Niente discorsi.

Niente luci della ribalta.

Ma ci sono grandi atleti.

Chissà perché ci siamo convinti che la grandezza sia solo per i pochi eletti, per le superstar.

La verità è che tutti possiamo essere grandi.

Non si tratta di abbassare le aspettative.

Ma di aspettarsi di più, da ognuno di noi.

Perché la grandezza non è nascosta da qualche parte, in un posto speciale, in una persona speciale."

 

La verità è che tutti possiamo essere grandi”. Questa frase ci fa capire come anche i piccoli atleti, chi partecipa a competizioni minori, chi non ottiene primati mondiali, chiunque può e deve sentirsi speciale. La grandezza, infatti, non è solo per i pochi eletti, per le superstar, ma è per chiunque si impegni fino al suo limite, superandolo e raggiungendo il traguardo!

Con il suo hub motivazionale Nike vuole proprio ispirare gli atleti e dare loro l’energia necessaria per mettere in mostra i propri risultati, festeggiandoli come è giusto che sia e vivendo il vero brivido di una vittoria nello sport. Eccovi un video per capire meglio cosa significa l'esclamazione "find your greatness":

nike.com/gameonworld prevede una serie di strumenti e servizi digitali progettati ad hoc: Nike+ Running, Nike+ Basketball, Nike+ Training e il Nike+ Fuelband, che consentono ad ogni atleta non solo di incontrarsi, ma anche di misurare le proprie performance e motivarsi così per superare ogni ostacolo. Mica male no?

 

Inoltre, per condividere e diffondere i propri traguardi sui social media, coloro che decideranno di intraprenderà una delle missioni potranno fruire di Nike+ Fuelstream: una dinamica sequenza online di immagini e commenti.

Insomma, una dimostrazione di come ognuna di noi può essere protagonista nello sport, anche se le sue competizioni non sono di spessore olimpionico. Lo strumento che Nike mette a disposizione consente di creare un ring sul Web che metta in relazione tutti gli atleti anche non professionisti, per confrontarsi e migliorarsi ad ogni competizione.

Una risorsa d’oro, che permette anche di comunicare ogni attività attraverso gli account ufficiali di Nike su Twitter, usando le connessioni: @nike, @niketraining, @nikerunning, @nikebasketball.

Allora… pronte a dimostrare che tutte possiamo essere grandi? Non resta che rispondere alla chiamata di Nike, accedere a Nike+ e dirci cosa ve ne pare di questo strumento social dal claim find your greatness!

Articolo sponsorizzato

Categorie
Da DNA a donna

40 anni di donne e sport: lo spot celebrativo firmato Nike

Il 23 giugno 1972 le donne hanno avuto finalmente riconosciuto il loro diritto di entrare a far parte dle mondo dello sport agonistico.

Lo decise all’epoca il Title IX emanato dai legislatori americani e che quest’anno compie i suoi primi 40 anni. Per celebrare l’importante anniversario la Nike presenta uno spot pubblicitario molto toccante, “Voices” (Voci), che raccoglie quattro testimonianze importanti.

nike 40 anni sport donneSono quattro atlete che si sono distinte nel mondo dello sport, e che oggi possono testimoniare la difficoltà di essere donna e atleta nel mondo che le ha circondate e ostacolate da bambine.

Loro sono: Joan Benoit Samuelson, prima donna a vincere la medaglia d’oro nella maratona alle Olimpiadi di Los Angeles 1984; Lisa Leslie, 4 volte medaglia d’oro e pioniera della Wnba; Marlen Esparza, campionessa americana di boxe e membro del Women’s Boxing Team, e Diana Taurasi 2 volte medaglia d’oro ed ex Mvp della Wnba.

Quattro donne che rappresentano quattro generazioni diverse di lotte e vittorie. E alla vigilia della manifestazione sportiva più importante della storia, le Olimpiadi che quest’anno si svolgeranno a Londra, Nike fa riflettere sulle donne e sullo sport, soprattutto sulle difficoltà che queste donne hanno incontrato.

Possiamo però, una volta tanto, dire che le cose sono cambiate, soprattutto se si pensa che uno degli sportivi più rappresentativi al mondo della nostra Nazione è una giovanissima nuotatrice, Federica Pellegrini.

Ma certo il successo della Fede nazionale non sarebbe stato possibile senza chi, come queste donne, ha lottato per inseguire il sogno di una vita.

[youtube id=”f1ighxU1vYw” width=”620″ height=”360″]