Categorie
Programmi TV

Griffin muore Brian (il cane). La serie perde uno dei personaggi più amati

Una delle serie più amate in America e anche in Italia, quella della famiglia Griffin perde uno dei personaggi più popolari e che più facevano discutere con i suoi atteggiamenti e idee strampalate: il cane Brian perde la vita investito da un auto.

Brian_Morto_GriffinCome in tutte le serie TV prima o poi per avere un nuovo punto d’inizio un personaggio ci lascia perdendo la vita. Nei Griffin è toccato al cane Brian, che mentre giocava con il piccolo Stewie viene investito. Inutile la corsa dal veterinario per Brian non c’è nulla da fare, al goffo cagnone bianco non resta che salutare la famiglia, prima di abbandonare per sempre la serie TV.

Vedremo se al posto di Brian, magari più in là, arriverà un nuovo animale nella famiglia Griffin con cui dovranno vedersela Peter e Lois, oppure, se a Brian verrà dedicata un’intera serie come successo per Cleveland Brown.

Ecco il video dell’incidente, in cui Brian intento a montare la porta da hockey viene investito da un auto pirata:

Categorie
Sport

Morte di Morosini: si va verso la richiesta di rinvio a giudizio per 3 medici

Sembra passato ieri da quel fatidico 14 aprile 2012 che vide Piermario Morosini, calciatore del Livorno, ciondolare per il campo e poi accasciarsi per un malore improvviso. Sembra ieri che tifosi, cronisti, giocatori e telespettatori sono diventati inconsapevoli spettatori di una tragedia imprevista.

Sembra ieri ma in realtà non lo è. È passato più di un anno e ancora si continua a far luce su degli accadimenti che forse non avranno mai una spiegazione razionale.

Pare che la Procura di Pescara sia pronta a chiedere al Giudice il rinvio a giudizio per tre medici, tutti coinvolti nell’inchiesta sulla morte tragica del giocatore giovanissimo.morosini_r400 Secondo le ultime notizie il Pm, dopo aver raccolto le informazioni utili, chiederà il processo per il medico del Livorno Calcio Manlio Porcellini, per quello del Pescara Ernesto Sabatini e per il responsabile del 118 presente allo stadio Adriatico Vito Molfese.

Nei confronti di Paloscia, primario dell’Ospedale di Pescara, sono invece cadute tutte le accuse ed è quindi fuori dalla cerchia degli indagati.

L’accusa mossa nei confronti dei tre medici è quella di non aver utilizzato il defibrillatore che, molto probabilmente, avrebbe dato delle possibilità di ripresa in più a Morosini.

Categorie
Programmi TV

Simpson: morirà un personaggio. Nonno Abraham e Krusty il Clown fra i papabili

Potrebbe significare la fine per Bart, Homer, o Marge! O per qualsiasi altro residente di Springfield e personaggio, nella popolare sitcom animata “I Simpson”.

Venerdì scorso, il produttore esecutivo Al Jean ha rivelato, nel corso di una conferenza stampa, per promuovere la 25° stagione del divertente cartone animato, che sarà messa la parola fine per un personaggio storico – ma non ha voluto rivelare la sua identità. Ha dichiarato: “vi dò un indizio. L’attore che interpreta questo personaggio ha vinto un Emmy per il doppiaggio dello stesso, ma non dico chi è”.

Non è un indizio molto utile, dal momento che quasi tutti gli attori, che hanno prestato la loro voce al cartoon, hanno vinto un Emmy.
Gli attori principali nel doppiaggio di lingua originale sono Dan Castellaneta, che doppia il personaggio di Homer, Julie Kavner, che interpreta Marge, Nancy Cartwright, la voce di Bart, e simpson addio personaggioYeardley Smith, quella di Lisa. Gli attori non sono preoccupati per la scomparsa di un personaggio, dal momento che ogni doppiatore può prestare la sua voce a diversi soggetti dello show e perciò non c’è la possibilità di perdere il posto di lavoro.

Ricordiamo che un personaggio dello show è stato già tagliato dalla scena 14 anni fa ed era Maud Flanders, la prima moglie di Ned Flanders, vicino di casa della famiglia Simpson.
Secondo voi, chi sarà il prossimo?

Categorie
Sport

Tragedia a Mosca, muore Andrea Antonelli pilota Superstock 600 (VIDEO)

E’ morto sul colpo Andrea Antonelli, giovane pilota italiano di 25 anni che correva nella classe Superstock 600. Al primo giro del Gran Premio di Mosca, corso in condizioni proibitive sotto un nubifragio, impatta prima con la moto di un pilota che lo precedeva, che ha avuto un guasto e viene poi falciato da Zanetti, che non lo vede.

Primo giro di una corsa di moto sotto l’acqua, una nuvola d’acqua impenetrabile si alza sul rettilineo dopo il passaggio delle prime moto, dietro nessuno vede più nulla, condizioni assurde, che diventano tragiche quando ci aggiungi la sfortuna che un pilota per un problema rimane “fermo” sul rettilineo, Antonelli lo investe in pieno e vola a terra. Forse è questo impatto ad uccidere il pilota della Kawasaki del team Go Eleven, ma se questa botta non bastasse ecco la catastrofe, dietro arriva l’altro italiano Zanetti che non vede e non capisce nulla e prende in pieno Antonelli.

La morte viene ufficializzata dopo quasi un’ora, ma si capiva sin da subito che la condizione del pilota era già precipitata e tutto ricordava tragicamente la domenica del 23 ottobre 2011, in cui perse la vita Marco Simoncelli in Moto GP. Andrea Antonelli non c’è più, mentre alcuni piloti (Melandri su tutti) chiedono maggiori tutele per le categorie Superbike e Superstock e la famiglia a casa starà impazzendo dal dolore di vedere un giovane 25enne morire sotto un muro d’acqua in una gara che probabilmente non si sarebbe dovuta nemmeno correre, su una pista che tutti definiscono poco sicura e inadatta alla potenza delle moto e a garantire i piloti.

Ecco il video della tragica caduta:

https://www.youtube.com/watch?v=xIJGAlF8lTI

Categorie
Arte e Cultura

196 anni fa moriva Jane Austen, la mamma di Mr. Darcy

Ricorre oggi il 196esimo anniversario della morte di Jane Austen, la scrittrice britannica più nota e amata nel mondo. Con la sua penna, la Austen è diventata uno dei più grandi esponenti della letteratura preromantica europea, lasciando al mondo dei capolavori letterari ineguagliabili.

Ultima di otto figli (sei maschi e due femmine lei compresa) Jane crebbe in un ambiente stimolante e culturalmente vivace; il padre, pastore anglicano, la spinse a studiare francese e un po’ di italiano, leggendo Walter Scott, Henry Fielding e George Crabbe. Fino ai 25 anni rimase a casa, poi nel 1783, con la sorella Cassandra, andò a studiare a Oxford e a Southampton.

E’ questo il periodo in cui la Austen conobbe Thomas Langlois Lefroy, giovane e nobile nipote di loro vicini che venne ritenuto, dai parenti di lui, troppo nobile per frequentare Jane, che vide sfumare così un eventuale e sembra desiderato matrimonio.

La fama della Austen è indissolubilmente legata ai suoi romanzi, solo sei, ma che con forza e inesorabilmente hanno condizionato la visione del mondo, e delle relazioni interpersonali, di jane austen anniversario morte oggimolte lettrici. Quante di noi sono afflitte dalla maledizione di Mr. Darcy? Quante cercano in continuazione un uomo che possa anche solo rivaleggiare con la perfezione del personaggio maschile protagonista di Orgoglio e Pregiudizio?

I personaggi ironici e intelligenti, le storie a lieto fine e una scrittura articolata e personalizzata fanno dei romanzi della Austen del classici senza tempo, da leggere e rileggere, con un occhio anche alle numerosissime trasposizioni cinematografiche e televisive di cui sono stati oggetto.

Categorie
Musica & Spettacolo

Demi Lovato: in un’intervista rivela le malattie mentali del padre dopo la sua morte

Demi Lovato si è dimostrata disponibile e forte d’animo nel rispondere ad un’intervista televisiva, dopo la recente morte del padre. AGood Morning American, la cantante 20enne ha rivelato di stare bene e ha descritto suo padre come una “persona meravigliosa” – nonostante sia stata lontana da lui per molti anni.

Lovato ha rivelato che suo padre, che ha dovuto lottare contro il cancro, ha anche sofferto di malattie mentali. Anche la stessa Demi ha avuto problemi di salute mentale – nel 2010 si è sottoposta a cure riabilitative, per problemi “fisici ed emotivi”.
Parlando del suo rapporto con il padre, Demi ha dichiarato giovedi: “Io e mio padre non avevamo il rapporto ideale. Ma, alla fine, è ancora il mio papà e sono cresciuta con lui ed era una persona meravigliosa”.

Demi ha poi annunciato il lancio di The Lovato Treatment Demi Lovato presenta il nuovo CD a MilanoScholarship – in onore della scomparsa del padre – per aiutare economicamente le persone con malattie mentali per i trattamenti. Ha spiegato: “Sono fermamente convinta che ogni cosa accada, per una ragione. Ho avuto a che fare con malattie mentali, ma mio padre ha anche affrontato la malattia mentale e lui non era in grado di operare molto bene nella società”.

Ringraziando i suoi fan, per il loro supporto durante la sua settimana difficile, Demi Lovato ha dichiarato: “sono stati accanto a me, nonostante tutto quello che ho passato nella mia vita … ho avuto un sostegno incredibile da loro e possono aiutarmi ad affrontare qualsiasi cosa”.

Categorie
Cinema

Marilyn Monroe: nuove rivelazioni sulle ultime ore di vita e sui rapporti con i Kennedy

Nuovi documenti sono emersi a 51 anni dalla morte della star di Hollywood – facendo luce sull’ultima notte di Marilyn Monroe in vita e del suo rapporto con il presidente John F. Kennedy e suo fratello minore Bobby. I documenti che appartengono a Fred Otash, uno dei più famosi investigatori privati di Hollywood, sono stati scoperti da sua figlia Colleen in un magazzino periferico.

Secondo Otash, morto nel 1992, Monroe ha avuto un rapporto sessuale con i fratelli Kennedy e lamentava di “essere trattata come un pezzo di carne”.

L’investigatore Otash, che aveva installato microspie nella casa di Monroe di Los Angeles, è stato a lungo deriso dagli ammiratori della famiglia Kennedy, per le sue “dicerie” di un presunto nastro che aveva registrato Monroe e F. Kennedy a letto insieme. Ma la scorsa settimana, un articolo sulla rivista The Hollywood Reporter, ha fatto un resoconto dettagliato delle attività di spionaggio di Otash. Poco prima di morire, lui disse ad un intervistatore: “loro stavano avendo un rapporto sessuale.. ma non voglio parlare dei gemiti e lamenti”. E nelle sue note su un diario, Otash ha scritto: “ho sentito Marilyn Monroe morire”.

La registrazione risale alla data del 5 agosto del 1962, in Marilyn Monroe nuove rivelazioni morte kennedycui la star hollywoodiana ha avuto un’accesa discussione con i Kennedy e ha riferito di sentirsi trattata come un nonnulla. Le note sul diario affermano: “lei urlava e loro cercavano di calmarla. Lei era sul letto e Bobby ha preso il cuscino, attutendole la voce per non far sentire le sue parole ai vicini. Lei finalmente si calmò e lui cercò di uscire da lì”. Otash scoprì poi che lei era morta in seguito a ciò.

Otash, un ex detective di Los Angeles, aveva fondato il suo ufficio a Hollywood, e aveva il compito di investigare sulla realtà dei fatti per una rivista di gossip, denominata “Confidential”. Il diario di Otash non rivela cosa ha scoperto, quando ha perquisito la casa di Monroe, e le cassette dei presunti incontri della star di Hollywood con i Kennedy non sono mai emersi. Come afferma il tabloid Mail Online, un archivio, che conteneva materiale più significativo di Otash è stato rimosso dal suo appartamento dai suoi stessi avvocati – e perciò i suoi contenuti non sono mai stati letti.

Insomma, la morte della popolare attrice hollywoodiana rimane un mistero.

 

Categorie
Musica & Spettacolo

Michael Jackson: la famiglia chiede 31,1 miliardi di dollari come risarcimento della sua morte

Ieri, la famiglia di Michael Jackson ha chiesto 31,1 miliardi di dollari, come risarcimento della morte del Re del Pop, indotta dalla droga.

La madre del cantante Katherine, 82, e i suoi tre figli hanno accusato di negligenza la compagnia AEGLive, che ha organizzato l’ultima tournée di Michael Jackson, This Is It. I promotori affermano, che Jackson fu responsabile per il suo stesso decesso, dovuto in parte alla sua tossicodipendenza.

La giuria ha affermato che il processo sarebbe diventato “incredibilmente indecente”.

Le accuse di pedofilie, che videro assolto la star del pop nel 2005, e la sua dipendenza da droghe provocarono ulteriori dispiaceri  alla sua famiglia.

I figli – Prince Michael, Paris e il giovane Blanket – con la loro nonna hanno richiesto un risarcimento, accusando il promoter di essere stato negligente, nell’assumere il dottor Conrad Murray. Infatti, quest’ultimo, finì in carcere per omicidio colposo, due anni fa, per la dose fatale dell’anestestico Propofol, nel trattamento dell’insonnia del cantante.

L’avvocato della compagnia AEG, Marvin Putnam, ha dichiarato al documentario Michael Jackson: The Final Days sulla CNN:

non so come non si possa considerare la responsabilità del signore Jackson; lui era un uomo adulto. Era risaputo che lui diceva una cosa ad un dottore e un’altra ad un altro famiglia michael jackson 31 miliardi risarcimento mortedottore. Noi stiamo parlando di Michael Jackson. Questi era un uomo capace di uscire in pigiama. Un uomo che soleva fermare il traffico, scendendo dalla macchina per ballare su di essa. È un uomo che soleva andare agli eventi pubblici, con una scimmia chiamata Bubbles. È un uomo, che disse di dormire in una camera iperbarica”.

L’avvocato si è chiesto anche il perché il team legale di Jackson avrebbe chiamato i figli a testimoniare “la forte emotività” del padre: “Non riesco a capire perché portarli al banco dei testimoni, quando non ha niente a che fare con l’assunzione del Dottor Conrad Murray dall’AEG”.

Si prevede che il processo durerà per più di tre mesi.

Categorie
Programmi TV

The Vampire Diaries 4: la morte di Damon. Ecco la verità

Anche se la quarta stagione di The Vampire Diaries, trasmessa sul canale televisivo CW, è in pausa fino al prossimo 18 aprile, continuiamo ad occuparci lo stesso dei nostri amati Damon, Elena e Stefan e andiamo a spulciare un po’ tra i vari spoiler che girano sui prossimi episodi.

La domanda che molte di voi si stanno ponendo da un po’ di giorni sulla seguitissima serie televisiva riguarda uno dei personaggi in assoluto più amati di TVD, ovvero Damon Salvatore. Precisamente il quesito è: è vero oppure no lo spoiler che dice che Damon morirà?

Eccovi la risposta, che è NO!

Damon SalvatoreA lanciare la notizia siamo state proprio noi di PinkDna, ma non tutti i lettori (molti, invece, si) hanno notato quel “Per saperne di più” posizionato subito di seguito l’articolo; cliccando sulla frase, infatti, compare la scritta:

“Buon primo aprile dalla Redazione di PinkDNA.it – Questa news è uno scherzo, buono per far sobbalzare dalla sedia qualche amica/o, quindi, condividila!”

Un pesce d’aprile a rischio d’infarto per tutti i fan e a quanto pare ben riuscito 😉

A distanza di due giorni, però, visti i dubbi ancora persistenti e da grande fan quale sono anche io di The Vampire Diaries, mi sono sentita in dovere di rassicurarvi e confermarvi che il tutto è frutto di uno scherzo.

Tranquille, dunque, Damon non è in pericolo! 🙂

Categorie
Musica & Spettacolo

Dopo Jannacci, se ne va anche “er Califfo”, Franco Califano

Ci sono giorno tristi, come quelli che stiamo vivendo da venerdì sera, perché si portano via icone della storia, compagni della vita di tanti. Così, dopo Jannacci, anche Franco Califano cede alla malattia e si spegne nella notte di sabato, lasciando un vuoto nel panorama musicale romano, oltre che artistico italiano. I giovani lo hanno scoperto con l’imitazione di Fiorello, che alla radio s’inventò di essere “er Califfo“, ma Califano è stato il segno di un’epoca di Roma e dell’Italia, quella del boom economico, quella della “Roma Bene”. Ma Franco Califano era troppo “grande” anche per restare in questi canoni, così fu spesso discusse e chiacchierato, oltre che un inguaribile sciupafemmine sempre in cerca di guai.

Franco_Califano_MorteLa canzone che più lo rappresenta è certamente “Tutto il resto è noia” che racchiude l’essenza della vita fuori dalle righe che Califano ha sempre condotto. Per capire lo spirito di quest’uomo basta pensare che come ricorda Fiorello: “Diceva che voleva sulla lapide una sola frase: non escludo il ritorno. E spero che i familiari lo facciano davvero“. Dopo il vuoto di Jannacci a Milano, anche Roma piange il suo cantore e quell’uomo che oscillava sempre tra il rude e il tenero, tanto da aver passato gli ultimi anni tra spettacoli al Sistina e nelle carceri di Roma, dove i detenuti lo amavano oltre misura.