Categorie
The Vampire Diaries

The Vampire Diaries 5×06: Katherine è umana o vampira?

Mentre The Originals si sta confermando, settimana dopo settimana, uno spin-off di grande successo, la quinta stagione di The Vampire Diaries continua ad appassionare tutti i fan, nonostante siano rimasti un po’ delusi dal Delena!

E’ vero, noi fan Delena molto probabilmente ci aspettavamo di più da questa quinta stagione di The Vampire Diaries: più amore, più coinvolgimento, più passione, o anche, più semplicemente, più scene su Damon ed Elena; ma, nonostante ciò, la nostra amata serie televisiva continua a rimanere in cima alle nostre passioni.

katherine 5x05L’ultima puntata a cui abbiamo assistito, la 5×05, si è rivelata per molti l’episodio migliore tra quelli della quinta stagione andati in onda finora, sia per il colpo di scena su Nadia, sia per la fine della storia tra Caroline e Tyler, ma, soprattutto, per la “Morte” di Katherine.

Ed è proprio dal finale dell 5×05 che tutti ci stiamo chiedendo: che cos’è diventata Katherine? Come ha fatto a sopravvivere a Silas?? Le ipotesi sono tante e ognuno porta avanti la propria. C’è chi sostiene che Silas abbia volutamente evitato di bere tutto il sangue di Katherine per un qualsiasi motivo; altri sostengono che Nadia le avesse fatto bere il suo sangue e che così la Petrova è tornata di nuovo vampira (così non si spiegherebbe perché il suo cuore continuava a battere).

Noi abbiamo pensato ad un’altra ipotesi: e se Katherine fosse il talismano dell’al di là di cui parlava Tessa? La stessa Bonnie ha detto che il talismano può essere un doppelganger; inoltre ciò spiegherebbe perché a Tessa serviva Katherine e perché non è morta (è stata tenuta in vita da una magia in quanto altrimenti si sarebbe rotto l’equilibrio).

A voi la parola! Spazio ad altre ipotesi.

Categorie
Beautiful

Stephanie Forrester tornerà in Beautiful! Ecco come e quando

Abbiamo assistito ieri ad un evento che ha quasi del soprannaturale: dopo circa 25 anni, la donna che sembrava essere più forte di ictus, tumori, assassini, complotti, sfortunati e venti e quant’altro; la donna che tutti abbiamo creduto immortale, ovvero Stephanie Forrester, protagonista di Beautiful, è morta!

Per lo stupore dei milioni di spettatori che seguono la soap opera americana da circa un quarto di secolo, dopo l’addio a Ridge, che con la sua non morte ha però lasciato spazio ad un suo possibile ritorno, ci è toccato salutare nella puntata di ieri una delle colonne portanti di Beautiful, ovvero Stephanie Forrester, la donna che più di tutte ha cercato di manipolare la vita di ogni singolo personaggio della soap e soprattutto quella di Ridge, Brooke e Taylor.

Stephanie BeautifulStephanie, eterna nemica di Brooke Logan, moglie di Eric, mamma di Ridge, Thorne , Angela, Kristen e Felicia, si è sembpre distinta per la sua determinazione, furbizia e spesso anche per la sua cattivaria. Acerrima nemica soprattutto di Brooke, che è stata la donna che per prima le ha rubato il marito, Eric, e ha poi fatto soffrire con le sue varie liason amorose, figli, nipoti e quant’altro, proprio tra le braccia di Logan la regina della Forrester esalerà l’ultimo respiro.

Questo addio, però, non è un addio vero e proprio, perché Stephanie tornerà! Non ci stiamo riferendo ad un ritorno in scena in stile Taylor, ma ad un’apparizione in un’altra puntata, che andrà in onda il 26 o il 27 agosto; la Forrester sarà di nuovo sullo schermo con un videomessaggio nel quale dichiara di voler lasciare tutte le sue quote ad Eric e non a Thomas.

Sul suo abbandono della soap, l’attrice Susan Flannery ha dichiarato a TV Sorrisi e Canzoni:

“E’ stato un periodo meraviglioso della mia vita, ho avuto una grande carriera, ma quando arriva il tempo di andare non bisogna mai guardarsi indietro”

 

Categorie
Cinema

Addio a Karen Black, l’attrice lanciata da Easy Rider

Addio a Karen Black, che a 74 anni muore nella sua casa in California. L’attrice era diventata famosissima ad Hollywood grazie alla sua partecipazione al leggendario road movie Easy Rider del 1969 in cui recitò accanto a Peter Fonda e al grande Dennis Hopper, diretta proprio da quest’ultimo.

A dare l’annuncio ufficiale è stato il marito, Stephen Eckelberry, che sulla sua pagina Facebook ha scritto queste poche e addolorate parole: “ E’ con grande tristezza che annuncio la morte di mia moglie, e migliore amica, Karen Black”. La donna era malata di cancro da qualche tempo.

Classe 1939, proveniente dall’Illinois, la bella Black si era costruita una carriera molto solida nell’arco degli anni Settanta, lavorando in diverse produzioni hollywoodiane accanto ai grandissimi nomi dello show business come Francis Ford Coppola, Jack Nicholson, Robert Redford Robert Altman e Alfred Hitchcock.

Trai suoi grandi film ricordiamo Cinque pezzi facili, Karen Black morta addo easy riderper la regia di Bob Rafelson, in cui recitò nel ruolo di coprotagonista accanto a Jack Nicholson, Nashville, del grande Altman, Complotto di Famiglia, uno degli ultimi film di Alfred Hitchcock e il grandissimo cult di genere La casa dei 1000 corpi, del genio dell’horror Rob Zombie, nel 2003.

Categorie
Cinema

Addio a Esther Williams: muore a 91 anni la sirena di Hollywood

E’ scomparsa a 91 anni Esther Williams, campionessa di nuoto e star di Hollywood. L’attrice viveva ad Beverly Hills, in California, e, stando all’annuncio pubblico del suo portavoce, si è spenta nel sonno serenamente.

L’attrice negli anni dell’adolescenza praticò nuoto a livello agonistico e a questo le è dovuto il soprannome di “Sirena di Hollywood”, e passò in seguito un breve periodo di cinque mesi a San Francisco, dove nuotò al fianco del campione olimpico Johnny Weissmuller, anche lui prestato poi al cinema nei panni del leggendario ruolo di Tarzan, il re delle scimmie.

Negli anni Quaranta e Cinquanta, la Willimas divenne una delle attrici di maggior richiamo tra le colline di Hollywood, diventando anche una delle più redditizie. Partecipò a moltissimi film, trai quali si ricordano “Easy to Wed”, “Neptune’s Daughter” e “Dangerous When Wet”; tutti questi film avevano un denominatore comune: un Addio a Esther Williams mortapretesto per far tuffare la bella Esther in piscina. Tutti i film infatti prevedevano una trama leggera, amore, musica, una spolverata di commedia e qualche scena in mare o in piscina, che permettesse all’attrice di rimanere in costume e di tuffarsi.

Esther Williams inventò così uno stile tutto personale, combinando il cinema con il nuoto sincronizzato e la musica.

 

Categorie
Gossip

Angelina Jolie: dopo la mamma muore la zia per cancro al seno

La scelta di Angelina Jolie di sottoporsi ad una duplice mastectomia preventiva, come ormai sappiamo, ha suscitato reazione molto contrastanti. C’è chi ha criticato la decisione, considerata esagerata, dell’attrice e chi, invece, ha ammirato il suo coraggio. A distanza di poche settimana, giunge ora la notizia sulla morte della zia dell’attrice per cancro al seno e forse si iniziano a capire tante cose in più.

Giunge oggi dagli Stati Uniti la notizia che la zia della celebre attrice hollywoodiana, Angelina Jolie, compagna dell’altrettanto famoso Brad Pitt, è morta a causa di un tumore al seno. La donna era la sorella della mamma di Angelina, che circa sei anni fa, nel 2007, a sua volta mori a causa di un tumore alle ovaie.

angelina_jolie_berlinoLa donna, Debbie Martin (61 anni), morta a San Diego ieri, aveva lo stesso gene difettoso presente sia nella sorella maggiore, la mamma di Angelina, che in Angelina stessa, ovvero il BRCA1, la causa dell’altissima percentuale (87% al seno e 50% alle ovaie) diagnosticata alla Jolie, con un test genetico, di ammalarsi di cancro.

Ora, probabilmente, la scelta dell’attrice diventa più comprensibile e lo diventa ancora di più leggendo le parole di Ron Martin, il marito della zia di Angelina, che ha dichiarato in seguito alla morte della moglie:

“Se avessimo saputo della pericolosità di questo gene avremmo sicuramente fatto la stessa scelta di Angelina”.

Ricordiamo che anche Brad Pitt sostiene di essere orgoglioso della sia compagna, considerando la sua scelta eroica.

 

Categorie
Cinema

Anticipazioni Centovetrine: morta Maddalena, Ettore in carcere

E’ andata in onda un’altra prima serata dell’amata soap opera Centovetrine, che è stata, questa domenica, più ricca che mai di colpi di scena ed eventi!

Le novità principali sono due: la morte di Maddalena Sterling e la scoperta della relazione tra Brando e Serena. Dopo vari giorni di coma, in seguito al colpo partito dalla pistola di Ettore, che ha sparato a Maddalena, la Sterling non ce l’ha fatta ed è morta. Ettore è deciso a pagare per le sue colpe e dopo aver seppellito in Svizzera il corpo do Maddalena vicino a quello di Darko si fa arrestare.

Ferri, che inizierà a scontare la sua pena in carcere, affrontando in sensi di colpa per aver ucciso la persona amata, chiedere a morta MaddalenaDiana di stargli lontano. Diana, invece, si schiererà apertamente dalla parte del padre e sarà pronta a testimoniare a suo favore  pur di scagionarlo dall’accusa di omicidio.

Intanto, Serena ha raccontato a Damiano del suo trascorso con Zanasi e durante un’aggressione, Zanasi ha rivelato a Bauer e Viola la relazione tra Serena e Brando. Mentre Damiano non ha creduto alle sue affermazioni, Viola ha deciso di andare a fondo alla questione, fino ad arrivare a vedere le foto del bacio e avere così conferma.

Viola, però, per il momento farà finta di non sapere nulla… Cosa avrà in mente?

Categorie
Cinema

Morta Mariangela Melato: addio ad un’icona del cinema italiano

Oggi, 11 gennaio 2013, la giornata si apre con un triste annuncio: la morte di una delle più grandi attrici del cinema italiano. Stiamo parlando di Mariangela Melato, che è scomparsa questa mattina all’età di 71 anni alle 5 in una clinica di Roma.

Personaggio poliedrico e dalle innumerevoli qualità artistiche, la Melato interpretò al cinema sia ruoli drammatici che comici dagli anni ’70 fino ai giorni nostri.

Fra i suoi film di maggiore successo ricordiamo: La classe operaia va in paradiso e Caro Michele; o ancora Dimenticare Venezia, Figlio mio, infinitamente caro e Mimì metallurgico ferito nell’onore.

Ma la carriera di Mariangela non è stata mariangela melato addio mortasolo al cinema. Anche il teatro l’ha vista più volte protagoniste di opere di spessore, come l’Orlando furioso (nel 1968 di Luca Ronconi) o Vestire gli ignudi (di Pirandello) e La bisbetica domata (di Shakespeare).

Cinema e teatro, certamente, ma anche televisione. Infatti Mariangela Melato lavorò per la TV molte volte, partecipando a: ScandaloDue volte vent’anniL’avvocato delle donne ecc.

Insomma, davvero un’artista a tutto tondo che vogliamo salutare da queste pagine con n ultimo: “ciao Mariangela“.

Categorie
Cinema

Squadra antimafia 4 Palermo oggi: Claudia Mares è morta

Puntata shock quella di questa sera per il telefilm Squadra antimafia 4 Palermo oggi, che si apre con la morte di Claudia Mares.

E si, proprio così, perchè se molti dei fan del telefilm speravano che l’esplosione avesse colpito si la Mares, ma non uccisa, l’episodio di questo lunedì 15 ottobre porta con se una triste verità: scompare quello che forse è il personaggio principale della serie Squadra antimafia 4 Palermo oggi. Si, proprio quello di Claudia Mares.

E già sul Web si rincorrono i commenti. Primo su tutti Twitter, dove i milioni di fan della serie hanno cominciato a commentare i primi minuti della diretta, chiedendosi ora che fine farà e come evolverà il telefilm.

Frasi del tipo:

“ed ora che senso ha guardare Squadra antimafia?”

“la Mares no… lei è il personaggio principale!”claudia mares morta squadra antimafia 4

“impossibile, Claudia Mares doveva vivereeeee”

Insomma un episodio, questo, che mette in discussione molte cose e ci si chiede cosa avranno in mente gli ideatori della serie.

Che farà Rosy Abate? Chi prenderà ora il posto di eroina della serie? Si incentrerà tutto sul ruolo di Domenico Calcaterra?

Staremo a vedere, intanto diteci la vostra: come la vedete questa morte inaspettata?

Categorie
Da DNA a donna

Addio a Sally Ride: prima donna americana nello spazio

Ci sono donne davvero capaci di incidere il loro nome a caratteri cubitali nella storia, che rappresentano un segno di cambiamento. Una di questa è stata certamente Sally Ride, scomparsa ieri all’età di 61 anni.

Sally Ride donna spazio morta cancroPer chi non la conoscesse, vi diciamo che Sally Ride è stata la prima donna americana a lasciare la terra, abbandonare la gravità e viaggiare nello spazio. Era per l’esattezza il 18 giugno del 1983, quando Sally saliva a bordo della STS-7 per approdare nello spazio. Un viaggio che durerà sei giorni, concludendosi poi il 24 giugno 1983 (data di rientro sulla terra).

A compiere la stessa impresa, prima di lei, furono solo due donne sovietiche: Valentina Vladimirovna Tereškova e Svetlana Evgen’evna Savickaja.

Sally Ride muore il 23 luglio 2012 dopo una malattia che la consumava ormai da tempo, un cancro al pancreas che l’ha sconfitta a 61 anni.

Il presidente degli USA, Barack Obama, ah voluto rendere omaggio a questa straordinaria donna dello spazio, descrivendola non solo come un’eroina nazionale, ma dicendo di lei: “è un modello capace di ispirare generazioni di giovani”.

Categorie
Arte e Cultura

Addio a Wislawa Szymborska, la poetessa dello stupore

Il poeta “è scettico e diffidente… nei confronti di se stesso. Malvolentieri dichiara in pubblico di essere poeta, quasi se ne vergognasse un po’”. Secondo la poetessa polacca Wislawa Szymborska è questa la definizione più calzante di quello che non può essere definito neanche un mestiere, ma una inclinazione dell’animo, un’esigenza che, come lei stessa ha testimoniato, non abbandona il designato neanche se questo lavora come dipendente alle ferrovie.

wislawa szymborskaE’ una storia ordinaria quella di Wislawa, morta lo scorso mercoledì a 88 anni, a Cracovia, lì dove era vissuta, si era formata, e aveva ricercato l’ombra dai riflettori, anche dopo aver ricevuto il prestigioso Premio Nobel per la poesia nel 1996, il cui premio il denaro ha devoluto interamente in beneficenza. Era nata nel 1923 a Kornik, era riuscita a continuare gli studi clandestinamente nella Cracovia occupata durante la guerra e nonostante, come detto, lavorasse per le ferrovie, è riuscita a scrivere le sue poesie, così naturalmente come se fosse nata solamente per quello. E’ stata vista qualche volta alla Fiera del libro di Torino e di lei ne parla con affetto il regista turco-italiano Ferzan Ozpetek, che ha incontrato la sua poesia proprio il giorno del suo debutto al cinema con Il Bagno Turco.

Raggiunse la notorietà qui in Italia solo dopo la pubblicazione della raccolta Vista con granello di sabbia per Adelphi. La sua non è la storia di una eroina che combatte a viso aperto contro la guerra e l’orrore, è più la semplice esistenza di una donna, incredibilmente forte dietro l’apparenza diafana, che ha vissuto per la poesia, raccontando principalmente con dolcezza e ironia la finitezza dell’uomo.

Questo concetto, apparentemente pessimista, wislawa szymborska foto d'epocaper lei era assolutamente un dato di fatto poiché tutto ciò che l’uomo poteva possedere era lo stupore, l’incredibile, incommensurabile stupore di fronte ad un mondo che era senza limiti, pieno di scoperte da fare e misteri da svelare.

Eppure per lei l’uomo rimaneva finito, senza nessun futuro e senza nemmeno passato, un essere presente e contingente. Era schiva, delicata, poco nota qui in Italia soprattutto perché non se ne andava molto in giro. La sua poesia, in apparenza semplicissima, deborda in realtà del suo antiplatonismo, ovvero del suo costante e deciso rifiuto dell’esistenza di un mondo, quello delle idee proclamato da Platone, che fosse sempre immutabile e di riferimento per l’uomo. Ricordava per lo più quei sapienti stoici, che con serenità vivono la propria esistenza senza crearsi aspettative o sogni, viveva con gioia l’hic et nunc secondo una sua massima che possiamo considerare emblematica: “Tutto è mio, niente mi appartiene”.