Categorie
Costume & Società

Arriva a Milano l’Expo dell’erotismo

Un’altra fiera internazionale a Milano, questa volta, però, di tutt’altro genere. Arriva nel capoluogo lombardo Sex in Milan, l’evento mondiale dedicato all’erotismo.
Sono attese in città oltre 250 pornostar in arrivo da tutto il mondo.

sex in milanMilano è in questo momento l’ombelico del mondo. Expo ha attirato milioni di visitatori e ha contribuito alla crescita della città, sia in termini di visibilità che soprattutto economici.
Questo fine settimana, però, ci sarà un altro evento a movimentare soprattutto la vita notturna di Milano.
Si tratta di Sex in Milan, la fiera internazionale dell’erotismo che si svolgerà all’Alcatraz da venerdì a domenica.
Tanti gli ospiti dell’iniziativa, tra gli quali vanno annoverate alcune delle più famose pornostar italiane e mondiali: Giorgia Preziosi, Serena Rinaldi, Paula Wild, Licky Lex, Gina Sweet e tante altre.
Sono in programma una serie di spettacoli erotici no-stop per tutti e tre i giorni, nel corso dei quali ci sarà anche la prima gara internazionale di striptease del 2015 e verranno regalati numerosi gadget.

Categorie
Musica & Spettacolo

Michael Bublè in concerto al Forum di Assago

Lo hanno chiamato erede di Frank Sinatra, hanno paragonato il suo modo di fare “confident” a quello di Nat King Cole, Tony Bennett e Bing Crosby, e adesso la sua voce da baritono invade il Mediolanum Forum di Assago per due tappe imperdibili del suo ciclo di concerti europei

themusik_michael_buble_it_a_beautiful_day_daddy_papaDue date italiane, ieri e oggi. Lui è Michael Bublè, voce, viso e movenze da super star. I costi dei biglietti, dai 50 euro in su, sono effettivamente da grandi occasioni, ma per Michael questo ed altro dal momento che le sue performance dal vivo sono preziose come un regalo.

Reduce dal successo di To Be Loved, Michael si è affermato nel corso degli anni come performer piuttosto che come autore, anche se in diverse occasioni ha dimostrato talento anche in quest’altro campo: nel 2005 esce It’s Time in cui si distingue, tra le varie cover, Home, brano da lui composto e interpretato con un calore ancora maggiore, forse perché apparteneva alle sue corde più intime. Così come intimi sono stati gli altri brani successivi che Bublè ha composto: Lost e Everything, entrambe presenti in Call Me Irresponsible, sono state composte entrambe nel ricordo di un amore svanito (con l’attrice Debbie Timuss il primo e con Emily Blunt il secondo).

Insomma talentuoso e affascinante, Bublè sembra però finalmente aver trovato la pace, anche in amore, con l’arrivo della donna giusta, l’attrice e modella Luisana Lopilato, e soprattutto con la nascita del piccolo Noah. Ha messo da parte i vecchi vizi e quei due o tre chiletti di troppo e ora, per sole due magiche notti, si prepara a stregare con la sua sensuale voce il pubblico del Mediolanum Forum.

 

Categorie
Arte e Cultura

MUBA, il museo per i bambini a Milano, apre i battenti il 24 gennaio

Verrà inaugurato il prossimo 24 gennaio il MUBA, un nuovo museo dedicato ai bambini. I fortunati saranno i bimbi milanesi, che fino al 31 marzo avranno la possibilità di partecipare ad una mostra-gioco articolata in percorso con “tante scatole”. E’ infatti innegabile e affascinante vedere in che modo i bambini siano attirati da questi semplici oggetti.

I laboratori, le mostre e i percorsi saranno destinati a scuole e privati per tutti i bambini sopra ai due anni. La neonata istituzione si ritroverà, nelle intenzioni, a partecipare in maniera attiva, al già nutrito ventaglio di attività che il capoluogo lombardo offre ai cittadini assetati di cultura e di intrattenimento intelligente.MUBA, MUSEO BAMBINI A MILANO

Il nuovo polo culturale e ludico è stato costruito a misura di piccolo ospite, giovane e giovanissimo, e ospiterà anche il progetto REMIDA, un’iniziativa culturale che cerca di far passare un nuovo modo di vivere l’ambiente e di approcciarsi alla quotidianità del riuso e del riciclo, nella più elementare delle sue forme.

Il nome stesso del progetto suggerisce che qualsiasi materiale di scarto industriale o artigianale si possa riutilizzare e trasformare per dare vita, come il tocco di Re Mida, a qualcosa di prezioso e nuovo.

Il progetto è nato nel 1996, e negli anni si è esteso a 18 centri in tutto il mondo. Al Centro REMIDA è quindi aperta una raccolta differenziata di materiali non strutturali (carta, cartone, ceramica, stoffe, cordame, plastica, cuoio, gomma, legno, metallo e altro), che vengono raccolti, assemblati, studiati e rimodellati per diventare altro e continuare così la loro vita.

Categorie
Musica & Spettacolo

Alla Scala concerto in onore di Abbado

Il mondo della musica (quella vera) ha affrontato un dolore enorme. La scomparsa di Claudio Abbado è stato un evento devastante, pari solo alla morte, nel 2007, del tenore Luciano Pavarotti, vero e proprio simbolo dell’eccellenza musicale italiana nel mondo

ScalaLa morte di Abbado ha portato via con sé anni di carriera luccicante, concerti memorabili e tanti tanti applausi, che hanno riempito sicuramente il suo cuore di artista ma che hanno anche reso a lui stesso un tributo, un grazie sincero, piccolo prezzo in confronto a tutto l’amore che lui stesso metteva nella sua arte.

Abbado ha rivestito, dal 1968 al 1986, la carica prestigiosa e onerosa di direttore musicale della Scala di Milano, forse ad oggi il teatro più importante d’Italia, e proprio per onorare questo suo indefesso, dedito e accorato servizio alla struttura e alla musica, Giuliano Pisapia, sindaco di Milano, ha di getto annunciato che ci sarà un concerto in onore del compianto Maestro, proprio alla Scala. Pisapia, che in quanto sindaco della città è anche presidente del teatro, ha spiegato di dover riferire le sue intenzioni a Stéphane Lissner, sovrintendente, che si occuperà poi fattivamente di organizzare la cosa. Ma tutta la città natale del Maestro ha pianto oggi la sua scomparsa. Infatti accorati messaggi di cordoglio sono arrivati anche dal Piccolo Teatro, che tramite un messaggio sul suo profilo ufficiale di Facebook, ha parlato della sua morte come di un “dolore insopportabile”. Noi ci auguriamo davvero che questo evento si possa realizzare al più presto, per rendere onore al meglio ad un uomo che ha rappresentato l’eccellenza artistica italiana nel mondo e che lascia un ricordo e un retaggio davvero importanti.

 

Categorie
Musica & Spettacolo

Stephen Malkmus, oggi e domani a Milano

Continua il grande gennaio 2014 dei concerti lungo tutto il Paese, e mentre alcuni artisti si dedicano a lunghi tour, sono sempre più numerosi i cantanti e i musicisti che pensano ai concerti singoli, le date uniche che fanno impazzire i fan

cf12_malkmusOggi 23 gennaio è il giorno di Stephen Malkmus, leader dei Pavement, che esclusivamente per l’Italia, si esibirà in due date (23 e 24 gennaio) al Tunnel di Milano prima e al Covo Club dopo.

Stephen Malkmus è molto conosciuto anche con lo pseudonimo di SM (Santa Monica, 30 maggio 1966), ma è nato Stephen Joseph Malkmus e per gran parte della sua carriera si è identificato come componente del Pavement. Negli anni Novanta infatti il cantante e chitarrista ha raggiunto il successo come leader del gruppo indie rock, ma nel 2000, dopo la separazione dai Pavement, ha intrapreso con grande successo la carriera da solista, sempre accompagnato dalla band The Jicks. In questi abbondanti dieci anni, Stephen Malkmus ha pubblicato diversi album.

Stephen Malkmus and the Jicks hanno infatti pubblicato nel 2001 “Stephen Malkmus” prodotto dalla Matador Records, album seguito poi da altre quattro raccolte: “Pig Lib” nel 2003, “Face the Truth” nel 2005, “Real Emotional Trash” nel 2008, “Mirror Traffic” nel 2011. Risale a questo mese l’uscita del sesto album di Malkmus in collaborazione con The Jicks, che si intitola “Wig Out At Jagbags” e che costituisce gran parte del repertorio che Stephen eseguirà dal vivo nelle prossime giornate milanesi.

 

Categorie
Musica & Spettacolo

Il progressive metal dei Dream Theater torna in Italia

Quattro date in quattro giorni. L’atteso tour italiano dei Dream Theater è partito ieri dal Forum di Assago (Mi) e proseguirà stasera all’Obihal di Firenze per poi fare tappa domani a Roma (Palalottomatica) e il 23 a Padova (Gran Teatro Geox)

DreamTheaterJordanRudessIl gruppo statunitense di John Petrucci, John Myung e Mike Portnoy, sta attraversando un periodo molto intenso: a gennaio infatti è partito il tour di lancio del loro ultimo album, “Dream Theater”, che porterà per circa due mesi il gruppo in giro per l’Europa, fino a ritornare, all’inizio di marzo, negli Stati Uniti, dove il tour continuerà. Nato a Boston nel 1985, il longevo gruppo di progressive metal ha annunciato l’uscita dell’album durante un tour in Giappone, A Dramatic Tour Events; si tratta del 12esimo in studio e il primo con il nome della band. Proprio durante A Dramatic Tour Events, i Dream Theatre hanno cominciato la stesura dell’ultimo album, dando il via poi ad un’attività promozionale che si è svolta lungo tutto il 2013 per culminare nell’uscita del 24 settembre 2013 per la Roadrunner Records.

Gli album che hanno lo stesso nome della band non sono mai album come gli altri. Certo spesso si tratta del primo album che serve a far radicare un nome nella mente del pubblico, ma nel caso dei Dream Theater l’album omonimo segna un momento importante della loro carriera. Si tratta del primo album a cui ha collaborato attivamente e completamente anche il batterista Mike Mangini, tanto che il chitarrista John Petrucci ha dichiarato: “È tutta opera sua. La creatività, le decisioni e le idee sono tutte sue”.

Così le restanti date italiane diventano un appuntamento imperdibile, per ascoltare una band amata e per apprezzarne la sua evoluzione nel tempo.

Categorie
Gossip

Mauro Icardi vola da Wanda Nara: tornano insieme a Milano?

L’attaccante dell’Inter vola in Argentina dalla sua amata Wanda Nara, che ha appena lasciato Maxi Lopez altro attaccante argentino del Catania. Mauro Icardi la porterà con sé a Milano?

Wanda_NAraWanda Nara non riusciva a vivere a Catania, ma sembra che il suo futuro sia a Milano, dove una patita di moda e di apparizioni TV come lei potrà avere tutto quello che desidera. Oltre naturalmente alla compagnia del bel Mauro Icardi, sua nuova fiamma che dopo averle dichiarato il proprio amore su Twitter è corso da lei in Argentina, proprio nel giorno in cui Wanda ha cambiato la sua città di residenza in Milano. Sarà un caso fortuito o è prossimo il trasferimento, anche per permettere a Maxi Lopez di vedere i propri figli che Wandita ha portato con sé in Argentina?

Vedremo come evolverà questa love story che ricorda molto quella tra Belen e Stefano De Martino, con Emma Marrone nei panni di Maxi Lopez abbandonato dalla moglie.

Categorie
Lavoro

WCAP 2013 Awards: l’innovazione made in Italy è firmata Stay Funky!

In questi ultimi anni il mondo del lavoro è fortemente messo in ginocchio dalla crisi globale. Sempre più spesso si sente parlare di giovani che perdono la speranza di poter lavorare in Italia e tantomeno di realizzare un’idea di business nel proprio paese.

Ma non tutto è perduto: un faro in questa nebbia c’è e si chiama Working Capital. Per chi non lo sapesse, Working Capital è un sistema, attivo già da qualche anno, il cui obiettivo è quello di consentire alle giovani startup di realizzare quel progetto lasciato nel cassetto da troppo tempo. Il format del Working Capital 2013 non solo dà ai giovani l’opportunità di mettersi in mostra, ma premia anche le idee migliori con Grant d’impresa dal valore di 25.0000 € (ognuno).

Mercoledì 13 novembre, dalle 10 alle 18, si concluderà l’avventura targata 2013 del Working Capital, che  chiuderà questa edizione contando più di 2.300 idee di impresa raccolte in 5 mesi… mica male no?

L’appuntamento è fissato nella location del Salone d’onore della Triennale a Milano. Qui non solo verranno premiati i 15 vincitori dei grant d’impresa della seconda Call for Ideas, ma si discuterà anche di innovazione e crescita in Italia e nel mondo. Un evento a cui è impossibile mancare!

A firmare questa edizione del Working Capital, però, non sarà la sola innovazione, ma una frase di quello che è stato uno dei più grandi innovatori del nostro paese: Marco Zamperini.

Il claim finale del Working Capital 2013, intatti, è proprio Stay Funky… in onore di Marco Zamperini, il Funky Professor: un uomo che ha incarnato da sempre i caratteri somatici dell’innovazione made in Italy, che è stato fra i promotori del Working Capital e che purtroppo è venuto a mancare solo qualche settimana fa.

Chi vi scrive ha avuto la fortuna di incontrarlo e assorbire tutti i consigli e la voglia di credere nei propri sogni che solo Marco Zamperini sapeva dare, con la sua naturalezza e saggezza. Per questo siamo felici che il Working Capital 2013 porti in tutto e per tutto la sua firma!

E per ricordarlo a 360 gradi, il Working Capital assume come immagine quella di un paracadute, così da dare un simbolo a una delle sue frasi più belle e significative: “la mente è come il paracadute. Funziona solo se è aperta”.

Tornando alla manifestazione del WCAP 2013, vi diciamo che insieme ai vincitori e agli awards, ci saranno anche moltissi ospiti di carattere internazionale. Fra gli altri: Mariana Mazzucato (Professor of Economics, Università del Sussex), Alì Jafari (VP Twitter), Alessandro Fusacchia (Consigliere del Ministro degli Affari Esteri), Roberto Sambuco (Capo dipartimento per le Comunicazioni e degli Ispettorati Territoriali Ministero dello Sviluppo Economico), Cristina Tajani (Assessore alle politiche per Lavoro, Sviluppo Economico, Università e Ricerca Comune di Milano), Gianmario Verona (Direttore MBA e TIM Chair in Market Innovation, SDA Bocconi), Angelo Miglietta (Professore Economia delle aziende e dei mercati internazionali Università IULM) e Domenico Arcuri (CEO Invitalia).

Per chi volesse partecipare, vi diciamo che l’ingresso alla manifestazione è gratuito. Per approfondire e trovare maggiori informazioni vi rimandiamo al sito: workingcapital.telecomitalia.it/stayfunky

 




Articolo sponsorizzato

Categorie
Curiosità

Feste di Halloween: ecco a Milano gli appuntamenti con streghe e vampiri

Ci siamo, siamo arrivate alla fine di ottobre, il 31 per la precisione, e come molte di voi sapranno la notte in questione è quella di Halloween: streghe, vampiri, mostri di ogni sorta, popoleranno strade e locali all’insegna del divertimento a volte grottesco e altre simpatico. E fra le tante città in festa d’Italia, anche Milano prepara gli artigli per la nottata dei mostri…

Certamente sono tante le feste previste nella capitale del lavoro e della moda: c’è da scommettere che bar, ristoranti e locali notturni avranno tutti o quasi feste a tema, con tanto di decorazioni, cocktail particolari e offerte mostruose.

Il consiglio è di vestirsi a tema o, se non siete proprio amanti del travestimento, aggiungere piccoli particolari magari al vostro look o al vostro trucco: a volte basta poco per stupire…

Per quanto riguarda invece qualche consiglio sulle feste più note, vi segnaliamo la divertente ed originale Monsterland Halloween Festival In The Circus 2013 (all’ex Deposito dei Treni Fs, via Valenza 2 – Porta Genova). Come è facile capire dal nome, si tratta di una festa declinata in nome del circo e che verrà ambientata proprio all’interno di tendoni da circo. Per chi arriverà sfornito di maschere e trucchi, la Monsterland Halloween Festival In The Circus prevede anche la possibilità di essere truccati e vestiti duomo milano paracadutead hoc da professionisti del trucco e parucco! Mica male no?

Per i più piccini, invece, torna anche quest’anno l’appuntamento con l’Halloween di Corso Garibaldi: una festa a tema organizzata da Asopec Garibaldi (l’associazione dei commercianti di zona) che prevede una serie di attività per grandi e piccini.

L’appuntamento è fissato per le 16.30, dove a partire dall’Opel Adam Store (corso Garibaldi n.51) inizierà la sfilata dei bambini con anche una premiazione finale.

E voi? A che festa andrete? Volete segnalarci un’iniziativa? Lasciateci un commento 😉

Categorie
Arte e Cultura

Milano: chiude la casa Museo di Alda Merini

Chiusa a Milano la casa museo di Alda Merini. La casa, inaugurata nel 2011, a giugno, è stata chiusa lo scorso 2 settembre. La giunta di Giuliano Pisapia si scusa pubblicamente per il maltolto causato da un “mancato bilanci” che non permette più il “ mantenimento della Casa della Poesia”.

Quello che però si dice è che i problemi e le motivazioni sarebbero ben diversi. Infatti pare che il museo sia stato chiuso per mancanza di visitatori, altro gesto di profonda miopia dei nostri governanti che così facendo azzerano la biodiversità culturale che era rappresentata anche da un luogo dedicato interamente alla poesia, genere “cenerentola” della letteratura, frequentato molto poco dalle masse eppure che ha costituito nel passato, e anche oggi, una buona fetta del nostro patrimonio culturale.

Il problema però è di natura più complessa. Ci vogliono risorse per portare altre risorse: senza personale che cura il museo, che cura le collezioni, che organizza visite guidate e percorsi di istruzione il museo sarà solo un insieme di fogli di carta, in questo caso, solo una stanza che ospita cosa vecchie, più ingenerale. Questo meriniserpente che si morde la coda è un circolo vizioso che sembra stia inghiottendo tutto il nostro Paese, un paese in cui un Ministro, tempo fa, si è preso il lusso di dire “con la cultura non si mangia” e che lo ha fatto impunemente.

Nel caso della casa della Poesia di Alda Merini, per fortuna, non tutto è perduto. Le figlie della poetessa si stanno dando da fare, organizzando proteste e petizioni.  Si cerca così di salvare la struttura e il suo contenuto, tramite l’affidamento degli spazi ad “una associazione o a una rete di associazioni che tengano viva la memoria di Merini aprendo il museo e svolgendo, nelle altre stanze, attività culturali, corsi e seminari”.