Categorie
Musica & Spettacolo

Justin Bieber duetta con Michael Jackson in Slave to the Rhythm (video)

A quanto pare nemmeno la morte di Michael Jackson ha fermato Justin Bieber: JB, infatti, ha voluto a tutti i costi collaborare con il suo idolo. Come? Semplice, il giovane cantante ha reso omaggio all’indimenticabile Re del Pop, cantando una delle sue canzoni, in una versione remixata e moderna. Venerdì, una nuova versione di “Slave to the Rhythm” è stata lanciata in radio e si tratta di un duetto immaginario tra Bieber e Jackson.

Sebbene Bieber non abbia mancato di rispetto alla memoria di Jackson, ha comunque voluto prevenire eventuali critiche e attacchi su Twitter, manifestando la sua umiltà e lodando il suo idolo: “M.J. È il più grande di tutti i tempi. Ha lasciato il segno”.

Jackson e Rodney Jerkins hanno, presumibilmente, scritto insieme il testo di “Slave to the Rhythm” nel 2001. La registrazione del branoè stata effettuata, poco prima della morte di Jackson nel 2009 Justin Biebere mai pubblicata dallo stesso in vita.

In un’intervista dello scorso anno, Jerkins ha dichiarato il suo desiderio di una collaborazione virtuale tra Jackson e Bieber sulla rivista Evolution: “Se Michael Jackson fosse vivo, li avrei fatti incontrare e avremmo fatto qualcosa insieme”.
Ma ora, il suo desiderio è diventato realtà – ma senza Michael Jackson.

httpv://www.youtube.com/watch?v=uamJF9F9g68

Categorie
Musica & Spettacolo

Michael Jackson: la famiglia chiede 31,1 miliardi di dollari come risarcimento della sua morte

Ieri, la famiglia di Michael Jackson ha chiesto 31,1 miliardi di dollari, come risarcimento della morte del Re del Pop, indotta dalla droga.

La madre del cantante Katherine, 82, e i suoi tre figli hanno accusato di negligenza la compagnia AEGLive, che ha organizzato l’ultima tournée di Michael Jackson, This Is It. I promotori affermano, che Jackson fu responsabile per il suo stesso decesso, dovuto in parte alla sua tossicodipendenza.

La giuria ha affermato che il processo sarebbe diventato “incredibilmente indecente”.

Le accuse di pedofilie, che videro assolto la star del pop nel 2005, e la sua dipendenza da droghe provocarono ulteriori dispiaceri  alla sua famiglia.

I figli – Prince Michael, Paris e il giovane Blanket – con la loro nonna hanno richiesto un risarcimento, accusando il promoter di essere stato negligente, nell’assumere il dottor Conrad Murray. Infatti, quest’ultimo, finì in carcere per omicidio colposo, due anni fa, per la dose fatale dell’anestestico Propofol, nel trattamento dell’insonnia del cantante.

L’avvocato della compagnia AEG, Marvin Putnam, ha dichiarato al documentario Michael Jackson: The Final Days sulla CNN:

non so come non si possa considerare la responsabilità del signore Jackson; lui era un uomo adulto. Era risaputo che lui diceva una cosa ad un dottore e un’altra ad un altro famiglia michael jackson 31 miliardi risarcimento mortedottore. Noi stiamo parlando di Michael Jackson. Questi era un uomo capace di uscire in pigiama. Un uomo che soleva fermare il traffico, scendendo dalla macchina per ballare su di essa. È un uomo che soleva andare agli eventi pubblici, con una scimmia chiamata Bubbles. È un uomo, che disse di dormire in una camera iperbarica”.

L’avvocato si è chiesto anche il perché il team legale di Jackson avrebbe chiamato i figli a testimoniare “la forte emotività” del padre: “Non riesco a capire perché portarli al banco dei testimoni, quando non ha niente a che fare con l’assunzione del Dottor Conrad Murray dall’AEG”.

Si prevede che il processo durerà per più di tre mesi.

Categorie
Musica & Spettacolo

Lady Gaga fan di Michael Jackson compra all’asta 55 costumi di Jacko

La trasgressione di Lady Gaga e il suo innegabile orecchio per i ritornelli che restano in testa, le ha permesso di diventare famosa. Il suo essere completamente trasgressiva e sopra le righe in ogni sua manifestazione, l’ha fatta amare e odiare dal suo pubblico.

Ma Lady Gaga continua per la sua strada e sembra che la sua ultima stravaganza abbia davvero fatto arrabbiare i fan di un suo collega defunto. Stiamo parlando di Michael Jackson e dell’asta battuta alla casa d’aste Julien di Los Angeles durante la quale sono stati venduti abiti e accessori che furono di Jacko.

Un vero e proprio guardaroba originale disegnato e realizzato per il re del pop dai suoi costumisti, stilisti e designer, Dennis Tompkins e Michael Bush negli anni della sua carriera. Ben 55 di questi preziosi costumi sono stati infatti comprati dalla suddetta Lady Germanotta, che ha assicurato ai fan di Jackson che conserverà con grande cura gli abiti.

Lady Gaga ha cinguettato su lady gaga asta michael jacksonTwitter che i vestiti saranno “archiviati e sapientemente curati nello spirito e l’amore per Michael Jackson, per il suo coraggio, e per i i suoi fan in tutto il mondo”.

Nella collezione acquistata da Gaga figurano anche i due famosissimi guanti di cristallo, le giacche indossate nei tour Dangerous e Thriller ed un paio di jeans venduti per 50.000 dollari.

Categorie
Gossip

Michael Jackson e Whitney Huston amanti? Sì, secondo la guardia del corpo.

Quando ho letto la notizia sul giornale di gossip britannico, The Sun, davvero non potevo crederci: Jacko e Whitney, legati da una relazione?!

Le rivelazioni della guardia del corpo di Michael, Matt Fiddes, sono precise e dettagliate. Ma perchè così tardi? Perchè far accusare il re del pop di pedofilia se non voleva altro che sposare Whitney Huston?

Matt Fiddes, racconta di una relazione tra la Huston e il fratello di Michael Jackson e della gelosia che il cantante provava per questo. “L’incontro decisivo tra le due star avvenne nel 1991; entrambi giovani e incoscienti (Whitney già faceva uso di droghe) hanno consumato la loro breve relazione, continuando ad amarsi segretamente senza più stare insieme fisicamente. Successivamente si sono incontrati in diverse situazioni pubbliche e Michael suggeriva alla bella cantante di lasciar perder la cocaina. Nessuno poteva sapere di questo desiderio di Michael, perchè al pubblico lui voleva mostrarsi come asessuato.”

Queste parole, sono parte della testimonianza che Matt Fiddes ha rilasciato al The Sun, ma le confessioni pesanti riguardano soprattutto il modo di pensare di Jacko. “Dopo esser entrato anche lui nel mondo della droga ha iniziato ad avere pensieri strani: era nazista, anoressico, beveva molto e cercava disperatamente di apparire su tutti i giornali riducendo il suo volto ad una maschera di cera a causa di tutti gli interventi chirurgici. Adorava il suo gilet antiproiettili che lo faceva dimagrire, anche se non ne aveva affatto bisogno; lo indossava per paura di essere ammazzato dagli attivisti in favore del bambino molestato (come dicevano i giornali)…Michael, come Whitney è morto solo e facendo uso di droghe”

Una storia davvero triste quella che la guardia del corpo ha fatto venir fuori, ma che forse gli restituisce un pò di dignità almeno per quanto riguarda la pedofilia.