Categorie
Curiosità

Tuo marito odia lo shopping? In Cina arrivano i parcheggi per uomini

Voi amate lo shopping. Perlustrare ogni centimetro dei negozi in cerca di abiti è lo sport che vi riesce meglio. Passare da un negozio all’altro senza fretta è ciò che più vi rilassa ma a rovinare le vostre giornate sono  fidanzati o mariti annoiati? In cina hanno trovato la soluzione…

guardaroba per i mariti Di cosa si tratta? Delle solite idee bizzare che, in quel pezzo di mondo, fanno sempre scalpore e successo allo stesso tempo. Si è infatti deciso di creare nei centri commerciali  “i jicun laogong chu”, ovvero dei guardaroba per i partner che non amano accompagnare la propria donzella nei vari negozi in cerca delle ultime tendenze.

Attenzione però perchè i cinesi pensano a tutto e non bisogna assolutamente immaginarsi i guardaroba come degli angusti spogliatoi in cui non ci si può muovere ma si tratta di ampie e luminose salte d’attesa attrezzate con tavoli, connessione wi-fi, giornali, poltrone comode e, in alcuni casi, anche con dei veri e propri letti nel caso in cui qualcuno voglia impiegare le ore accoccolato nel mondo dei sogni.

Le varie sale, tra l’altro, hanno vetri e pareti trasparenti così gli uomini di casa possono controllare comodamente gli acquisti delle proprie mogli e fermarle nel momento in cui la carta inizia a diventare più leggera.

Categorie
Gossip

David Beckam si ritira: Victoria è orgogliosa del marito

La moglie di Beckam, Victoria, ha dato omaggio al marito dopo che ha annunciato il suo ritiro dal calcio e ha riferito che non vede l’ora di intraprendere nuove avventure con lui e la famiglia. In un comunicato, il 39enne ha affermato che la coppia è “entusiasta del prossimo capitolo, che si aprirà nella loro vita”.

Victoria ha seguito il marito, in tutto il mondo, nelle sue partite, da quando si sono incontrati alla partita di beneficienza di calcio nel 1997.

Victoria ha affermato: “io e i nostri figli siamo così orgogliosi di David, è stato un percorso incredibile per tutti noi, da quando l’abbiamo visto giocare in tutto il mondo, nel corso di questi quindici anni. Io e i bambini lo abbiamo applaudito dagli spalti, quando ha alzato i trofei con le squadre del Manchester United, Real Madrid, Milan, LA Galaxy e Paris St. Germain. Non è stata una decisione facile da prendere, e per me e i bambini, sarà David Beckam si ritira e Victoria è orgogliosa del maritosempre uno sportivo straordinario e un marito e padre devoto. Lui è, e rimarrà sempre, un vero ambasciatore dello sport e non è solo fonte d’ispirazione per me e i nostri figli, ma per tutto il mondo. Siamo così entusiasti per il nuovo capitolo della nostra vita, e le avventure che ci saranno come famiglia”.

Dopo aver annunciato il suo ritiro, David potrà vedere di più Victoria e i quattro figli Brooklyn, Romeo, Cruz e Harper.

 

 

Categorie
Amore

Incubi sul marito che tradisce? Potrebbero essere sogni premonitori

Sognare il proprio partner nell’atto di un tradimento potrebbe indicare una crisi della relazione. Questo secondo un nuovo studio che ha valutato il valore predittivo dei sogni. I ricercatori dell’università di Maryland hanno chiesto a 61 partecipanti, di età compresa tra i 17 e i 42 anni, che frequentavano qualcuno da almeno sei mesi, di aggiornare un diario sui sogni e sulla relazione, in un periodo di due settimane.

I risultati hanno dimostrato che le immagini oniriche di gelosia e di discussioni provocavano conflitti tra la coppia il giorno dopo, mentre i sogni di infedeltà comportavano una riduzione del sentimento d’amore e riservatezza.

Commentando i risultati, il ricercatore Dylan Selterman ha dichiarato su Huffington Post: “molta gente non presta attenzione ai sogni e non sa quanto questi possano influire sul loro stato d’animo. Ora abbiamo le prove di questa associazione”. Durante la ricerca, i sogni sessuali volontari, invece, portavano benefici alla coppia, rendendola più intima.

Il dottor Selterman ha spiegato: “sappiamo che incubi partner tradimentoc’è una forte correlazione tra la soddisfazione sessuale e la soddisfazione del rapporto. Il sesso può essere bello o brutto in un sogno, nella stessa maniera di come può esserlo nella vita reale”. Selterman crede che queste correlazioni sono il risultato di un effetto psicologico, noto come “innesco” – l’idea che l’esposizione a stimoli esterni (luoghi, suoni e odori) riporta alcuni pensieri nella mente della gente.

Il dottore afferma: “i sogni hanno un valore predittivo. L’attività della persona cambia a seconda del sogno, che ha fatto la notte prima”.

La ricerca è stata pubblicata, all’inizio di questo mese, sulla rivista “Social Psychological and Personality Science”; ciò che ha indotto il dottor Selterman alla ricerca è stata una sua esperienza personale, con una ragazza del college, che si arrabbiò per il modo in cui si era comportato nel sogno.

 

Categorie
Gossip

Gwyneth Paltrow passa “momenti terribili” con il marito Chris Martin

Recentemente, l’attrice ha ammesso che la vita coniugale non è tutta rose e fiori. In un’intervista, Gwyneth Paltrow ha rivelato che, durante il suo matrimonio (dieci anni) con Chris Martin, ha passato “momenti terribili”. L’attrice ha dichiarato che la rock star dei Coldplay ha una personalità “da scienziato pazzo”, e così lei “non gli impone richieste”, per mantenere la pace in casa.

Gwyneth Paltrow, 40, ha affermato: “è difficile la vita coniugale. Si passano momenti bellissimi e terribili. Noi siamo come qualunque altra coppia. Ho chiesto a mio padre una volta, “come avete fatto tu e mamma a restare uniti per 33 anni?” e lui mi ha risposto: “Bè, non abbiamo mai voluto divorziare. E penso che succeda proprio questo”.

L’attrice ha dichiarato che “sono buoni amici” con Martin, 36, con il quale ha avuto due figli, Apple, 8 e Moses, 6.

Ha affermato alla rivista Glamour: “ridiamo, Gwyneth Paltrow sessualizza la filgia foto bikinisiamo buoni amici, ci piacciono le stesse cose. Io sono una persona che ama stare molto a casa, coi piedi per terra, e Chris è uno scienziato pazzo, un genio della musica.  Io non gli ho mai detto: “dove sei? Dovresti essere a casa”. Non ho mai avuto pretese da lui, perché penso che sia un uomo di talento e possa dare molto al mondo”.

L’anno scorso, l’attrice ha affermato che la chiave del suo successo matrimoniale è il “compromesso” e nel 2011 ha rivelato di aver passato dei “momenti che non sono sempre rosei”.

Nella sua intervista con Glamour, Paltrow ha affermato che ha sofferto nella sua vita: “ho perso i miei cari – mia cugina, la mia migliore amica in un incidente stradale. Ho avuto tante cose che non ho voluto riferire alla stampa. Ho passato periodi difficili che mi hanno rafforzata e mi hanno aiutata a capire le cose migliori della mia vita”.

 

 

Categorie
Gossip

Reese Witherspoon e Jim Toth: arrestati l’attrice e il marito

Brutto grattacapo per l’attrice statunitense Reese Whiterspoon e il marito, il produttore Jim Toth! La coppia lo scorso venerdì è stata arrestata in Georgia da un agente della polizia stradale.

Di certo un arresto non è proprio ciò che un attore vorrebbe nel proprio curriculum, soprattutto se si va a rovinare la reputazione di una pluripremiata attrice, nonché vincitrice di Oscar nel 2006 per il ruolo nel film  Quando l’amore brucia l’anima; ma questo è quello che accaduto a Reese Whiterspoon, che è stata arrestata insieme al marito Jim Toth la scorsa settimana.

Reese WhiterspoonIl fattaccio è accaduto precisamente lo scorso venerdì notte, ma è stato reso noto dai media solo oggi. La coppia, è stata fermata sulle strade della Georgia, in seguito ad un sorpasso su un tratto di strada con doppia striscia continua, dalla polizia stradale, la quale ha sottoposto il guidatore, Jim Toth ad alcol test, risultato abbondantemente positivo.

L’arresto di Reese Whiterspoon sarebbe scattato per condotta contraria all’ordine pubblico, Secondo quanto riportato dai media americani, infatti, l’attrice avrebbe disobbedito all’ordine dell’agente di non scendere dall’auto, mettendo in dubbio, inoltre, il fatto che l’agente fosse un vero ufficiale di polizia.

La Whiterspoon, oltretutto, avrebbe fatto anche il classico exploit della serie “tu non sai chi sono io”, rivolgendo all’agente le parole: “Andrai a finire in prima pagina […] Sai chi sono io?”; domanda a cui il poliziotto dichiara di aver risposto “No non mi serve sapere chi sei”, per poi ammanettarla.

 

Categorie
Gossip

Nadia Rinaldi si sfoga da Barbara d’Urso: mio marito è una merdaccia

Giornata complicata questa domenica per Barbara d’Urso, che dopo aver gestito la questione Corona, con l’amico dell’ex fotografo dei vip in studio, Maurizio Sorge, si trova a dover fare i conti con Nadia Rinaldi.

Una Nadia Rinaldi che diventa un vero e proprio vulcano a Domenica Live, scagliandosi a 360 gradi contro suo marito. Frasi forti e lacrime di rabbia che fanno, minuto dopo minuto, aumentare le critiche e le forti accuse dell’attrice verso l’ex compagno.

Alla serie di racconti e insulti, Barbara d’Urso non riesce a porre un freno, se non quando cerca di placare un attimo Nadia Rinaldi dicendole che lei (Barbara), non conosce direttamente il marito di Nadia e quindi non può dare veridicità a quelle accuse.

“Spero che queste cose non siano vere” dice nadia rinaldi barbara d'urso domenica liveBarbara d’Urso, che poi spezza il discorso facendo partire un dolce video dei figli di Nadia.

Insomma, uno spettacolo molto forte e che ha lasciato a bocca aperta “forse” Barbara d’Urso e con molta probabilità molte persone nel pubblico in studio e da casa, che si saranno chieste a che pro mandare in onda un tale sfogo.

Non sarà stato eccessivo?

Categorie
Gossip

Geri Halliwell sogna l’amore e attende il principe azzurro

Ve la ricordate la ginger spice? Bella, rossa e pienotta? Geri Halliwell ha sconvolto tutti quando tornò sulla scena dimagrita e super atletica con il suo primo singolo da solista, It’s raining man e da allora la sua immagine pubblica è cambiata moltissimo, arrivando addirittura a rinunciare al rosso naturale dei suoi capelli, che la distinguevano nel gruppo delle Spice Girl.

La bella Geri si è confessata al Daily Mirror dichiarando che non ha ancora rinunciato all’amore. La cantante ha, difficile da credersi, 40 anni, portati benissimo, una figlia di 6 anni, Bluebell, nata da una precedente relazione, e ora è un single che pensa positivo. Aperta all’amore e fiduciosa nell’istituzione del matrimonio, la Halliwell spera per lei un bel futuro in rosa; questo almeno stando alle sue dichiarazioni.

Alle spalle la cantante ha un passato un po’ turbolento, costellato di relazioni fallimentari tra le quali si ricordano principalmente la love story con Robbie Williams, altro impenitente single della musica; e la storia, forse la più importante della sua vita, con lo sceneggiatore Sacha Gervasi, padre di sua figlia.

Recente è invece il pettegolezzo geri halliwell marito amoredi un flirt con Russel Brand, l’attore e cantante ex marito di Katy Perry, ma si è trattato solo di un fugace interesse, subito sfumato.

A chi mette in dubbio la sua fiducia nell’amore, Geri Halliwell risponde:

Dovrete chiedermelo quando avrò 90 anni e allora saprò la risposta”.

 

Categorie
Da DNA a donna

Violenza sulle donne: ecco i primi passi per affrontarla

Ormai da diversi anni e sempre più spesso, grazie anche a quanto riportato dai media, si sente parlare di violenza contro le donne.

Secondo i dati forniti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) una donna su cinque, nel corso della sua vita, ha subito violenza da parte di un uomo e molto spesso l’uomo in questione è il marito o il padre.

Qualche giorno fa a Lamezia Terme,  è stata ricordata Adelina, 28 anni,  ragazza uccisa dal fidanzato nell’ottobre del 2011; un mese fa a Palermo muore Carmela, “colpevole” di aver difeso la sorella dalla furia omicida del suo ex ragazzo; a Milano, qualche mese fa, muore Alessia, 25 anni, uccisa a coltellate dal compagno.

Cambiano i nomi, cambiano le città, ma la storia resta la stessa: la violenza di genere è un fenomeno che non conosce né luoghi né tempi. Paradossalmente, le persone per le quali nutriamo più fiducia diventano mostri capaci di uccidere.

Le violenze iniziano subito dopo l’affermazione della propria indipendenza da parte della donna (quando ad esempio si decide di allontanarsi dal proprio fidanzato o marito),  atteggiamento, questo, che destabilizza un compagno insicuro che vive la sua partner come oggetto da possedere e controllare.

violenza sulle donneLa vergogna, la paura, la rabbia verso se stessi, il senso di colpa, non aiutano di certo la donna nel distacco, anzi, lo rendono ancora più difficile. “Dargli un’altra possibilità” diventa molto spesso la soluzione scelta; alle botte si alternano scuse e promesse che portano la donna a credere che un domani sarà diverso, ma purtroppo non è così che succede.

Affrontare situazioni di violenza è complesso  ma si può fare. E’ fondamentale riuscire a parlare con qualcuno che possa capire senza giudicare e che aiuti a superare il senso di colpa, la vergogna e la paura che si accompagnano a questa problematica.

Si può chiedere un confronto e sapere a chi rivolgersi per avere delle risposte, in modo da evitare di affrontare tutto da sola.

Ecco i primi piccoli, ma fondamentali, passi per iniziare ad uscirne:

  • Avere la consapevolezza di essere vittime di violenza;
  • Avere la consapevolezza  che non c’è alcuna spiegazione plausibile che possa giustificare la violenza subita;
  • Avere la consapevolezza che una donna non è  responsabile della violenza che subisce;
  • Parlarne con qualcuno che possa comprendere il disagio e ad aiutare ad affrontarlo;
  • Ricordarsi che c’è sempre un  modo per risolvere le cose.

Invito, dunque,  tutte le lettrici che si riconoscono in questa situazione, a volersi bene, iniziando a fare qualcosa di concreto per se stesse.

 

Categorie
Amore

La questione della suocera: consigli per l’uso!

La maggior parte delle coppie è afflitta dalla questione suocera, su questo non c’è dubbio.

Abbiamo due macro-tipologie di suocera: la madre di lui e la madre di lei. Le dinamiche sono diverse tra suocera-genero e suocera-nuora. Tra le due la più conflittuale e dolorosa è sicuramente quella tra suocera e nuora, poiché la rivalità tra due donne non ha paragoni rispetto alla rivalità tra uomo e donna, checché se ne dica.

Vediamo cosa succede quando una sposina ha a che fare con la madre di lui.

suocera moglie marito consigli famiglia problemi divorzio crisi mammaInnanzitutto la sposa deve convivere con l’accusa e il rancore della suocera per averle portato via il figlio. Oh, certo, non lo dirà apertamente (anche se a volte succede anche questo), ma lo farà capire, lo esprimerà attraverso mille tattiche “disturbanti” la quiete coniugale… tipo quegli inutili inviti a cena con la scusa di “far trovare tutto pronto e non perdere tempo”. E mille altre tattiche, che ognuna di noi può riscontrare nella propria vita familiare.

La madre vuole ancora il figlio maschio accanto a sé, in un modo o nell’altro, e la nuora per quanto graziosa, educata, dedita alla famiglia possa essere, resta pur sempre colei per la quale il figlio ha lasciato le braccia calde del covo materno. È sul petto della moglie che si distende per trovare conforto e piacere, non più sul petto della madre. Ahimé, che destino crudele!, dice la suocera. Da qui, appunto, nasce pian piano una sottile e subdola rivalità con la nuora, che si esprime principalmente attraverso la manipolazione. La manipolazione si attua attraverso le cene inutili, oppure attraverso la cura dei bambini, quando ci sono, oppure attraverso qualche manutenzione in casa richiesta al figlio, oppure attraverso la premura di stirare per la nuora cosicché poi il figlio possa andare a ritirare la biancheria così da passare un po’ di tempo con lei, ecc. Insomma, sono veramente infinite le occasioni per manipolare la situazione con la scusa della disponibilità e del bene dell’altro.

Questo è il punto da smascherare senza pudore se non si vuole vivere una vita da inferno. Purtroppo non sempre è possibile, innanzitutto perché lui, il marito della sposa, nega che esista il problema; eh sì, spesse volte lui non si rende conto della situazione e questo fa sentire la moglie sola di fronte alla rivalità subdola della suocera. Altre volte, è la donna stessa a non rendersi subito conto della manipolazione. All’inizio potrebbe farsi ingannare dalla benevolenza e dalla disponibilità della suocera, ma poi arriva sempre il momento in cui si aprono gli occhi, e a volte è troppo tardi, perché ormai la suocera ha preso troppo potere e ha praticamente distrutto la pace coniugale.

Poi abbiamo la seconda categoria di suocere, quelle che sono suocera famiglia moglie marito problemi coppiala madre di lei. Qui, diciamo che la rivalità si svolge “in famiglia”, nel senso che il rapporto madre-figlia è un rapporto principalmente di continuità, piuttosto che di rivalità, anche se appare come rivale.
Ed è a motivo di questa continuità che per il genero vale il detto: conosci la madre per capire come è e come sarà la figlia. È così, non c’è nulla da fare e le donne più invecchiano e più tendono ad assomigliare alla madre, non solo fisicamente, ma soprattutto in quelle che sono le dinamiche psicologiche.

In presenza di una suocera invadente, il genero di solito lascia fare, come sempre, perché ritiene che sia un problema tra madre e figlia nel quale lui non è tenuto a mettere becco. Questo suo atteggiamento di indifferenza è spesso giustificato dalla volontà implicita delle due donne, della madre-figlia, che tendono a tagliarlo fuori. Qui è la donna a dover fare i conti con la propria madre, non in quanto figlia, ma in quanto moglie e madre a sua volta. La lotta è tra maestra e discepola e le pressioni della madre si concentrano principalmente sul confronto tra quello che farebbe lei (che è sempre il meglio) e quello che fa la figlia (che è spesso inadeguato). E i meccanismi di manipolazione tra madre e figlia si sprecano.

In conclusione possiamo dire che la condizione della donna è sempre difficile, perché lei stessa è causa del proprio male e del male quotidiano. Dobbiamo ammetterlo, mie care amiche donne, dobbiamo ammetterlo perché come dice una fonte autorevole “la verità vi renderà liberi”.

Ecco, quindi… fare verità sui nostri meccanismi psicologici è un primo passo verso la libertà.