Categorie
Curiosità

Marilyn Monroe testimonial di Chanel N.5

La sensuale Marilyn Monroe, icona di stile per intere generazioni, donna che fa convivere in sé mito e realtà è oggi diventata la testimonial ufficiale del profumo Chanel N.5.

La maison ritorna al passato e ricorda che la Marilyn è stata la prima inconsapevole testimonial mondiale del profumo adorato da molte donne ed ecco che, a distanza di tempo, viene svelato questo indissolubile legame riproponendo la famosa foto che ritrae la prorompente diva con in mano la boccetta del profumo.

Sarà lei il volto della pubblicità che verrà lanciata il prossimo Dicembre andando a rispolverare un “amore” disincantato, la foto in bianco e in nero permette a molti di fare un salto nel passato e riportare alla mente quell’intervista del 1952 durante la quale una giornalista le chiese “Marylin what do you wear to bed?” e lei, con la sua Marilyn Monroe testimonial Chanel N. 5solita voce impregnata di sensualità ed ironia, rispose “I only wear Chanel N. 5”.

Ebbene sì, a quell’epoca il costoso profumo era già entrato nelle case delle donne americane, souvenir portato come pegno d’amore a mogli, fidanzate, amanti da tutti i soldati di ritorno dalla guerra.

L’amore di Marilyn poi lo rese famoso in tutto il mondo ed oggi, ancora grazie a lei, si riesce a ricordare quanto il profumo sia diventato un mito senza tempo.

Categorie
Gossip

All’asta le cartelle cliniche di Marilyn Monroe

Messe all’asta le cartelle cliniche di Marilyn Monroe. La diva per eccellenza, l’ideale di bellezza e solarità che da più di cinquant’anni è fortemente radicata all’idea collettiva e che è forse universalmente condiviso, aveva subito degli interventi chirurgici.

Da tempo si sapeva di una “piccola rinoplastica”, un intervento per darle il suo bel nasino, ma adesso, dalle confessioni dei chirurghi di Hollywood, esce fuori anche un intervento al mento e alcune radiografie che, fatte a pochi mesi dalla morte della diva, assumono irrimediabilmente una valenza macabra. Sono 12 anni di cartelle cliniche, che vanno dal 1950 al 1962, che verranno messe all’asta Beverly Hills Julien’s Auctions il 9 e 10 novembre, con una base di partenza che si aggira trai 15 e i 20 mila dollari.

Gli insider sarebbero, come accennato, i chirurghi hollywoodiani: Norman Leaf, nelle sue memorie auto-pubblicate ha parlato di un piccolo intervento al naso, mentre Michael Gurdin rivela marilyn monroeche nel 1950 la diva si era sottoposta ad un impianto al mento. Negli appunti del medico chirurgo plastico si legge che la diva stava avendo problemi con un impianto al mento in cartilagine che si stava progressivamente dissolvendo. A otto anni dal primo intervento, pare che Marilyn stessa notò nel suo viso delle deformità, sintomo di un prematuro disfacimento della prima protesi.

Certo tali rivelazioni potrebbero anche farci rivedere il nostro concetto di bellezza, applicato universalmente a Marilyn. Tuttavia, la sensualità, la vitalità, la ricchezza emozionale e carnale del suo personaggio sullo schermo e davanti ai riflettori resta invariata, per sempre immagine di gioiosa bellezza.

 

Categorie
Cinema

Marilyn Monroe: nuove rivelazioni sulle ultime ore di vita e sui rapporti con i Kennedy

Nuovi documenti sono emersi a 51 anni dalla morte della star di Hollywood – facendo luce sull’ultima notte di Marilyn Monroe in vita e del suo rapporto con il presidente John F. Kennedy e suo fratello minore Bobby. I documenti che appartengono a Fred Otash, uno dei più famosi investigatori privati di Hollywood, sono stati scoperti da sua figlia Colleen in un magazzino periferico.

Secondo Otash, morto nel 1992, Monroe ha avuto un rapporto sessuale con i fratelli Kennedy e lamentava di “essere trattata come un pezzo di carne”.

L’investigatore Otash, che aveva installato microspie nella casa di Monroe di Los Angeles, è stato a lungo deriso dagli ammiratori della famiglia Kennedy, per le sue “dicerie” di un presunto nastro che aveva registrato Monroe e F. Kennedy a letto insieme. Ma la scorsa settimana, un articolo sulla rivista The Hollywood Reporter, ha fatto un resoconto dettagliato delle attività di spionaggio di Otash. Poco prima di morire, lui disse ad un intervistatore: “loro stavano avendo un rapporto sessuale.. ma non voglio parlare dei gemiti e lamenti”. E nelle sue note su un diario, Otash ha scritto: “ho sentito Marilyn Monroe morire”.

La registrazione risale alla data del 5 agosto del 1962, in Marilyn Monroe nuove rivelazioni morte kennedycui la star hollywoodiana ha avuto un’accesa discussione con i Kennedy e ha riferito di sentirsi trattata come un nonnulla. Le note sul diario affermano: “lei urlava e loro cercavano di calmarla. Lei era sul letto e Bobby ha preso il cuscino, attutendole la voce per non far sentire le sue parole ai vicini. Lei finalmente si calmò e lui cercò di uscire da lì”. Otash scoprì poi che lei era morta in seguito a ciò.

Otash, un ex detective di Los Angeles, aveva fondato il suo ufficio a Hollywood, e aveva il compito di investigare sulla realtà dei fatti per una rivista di gossip, denominata “Confidential”. Il diario di Otash non rivela cosa ha scoperto, quando ha perquisito la casa di Monroe, e le cassette dei presunti incontri della star di Hollywood con i Kennedy non sono mai emersi. Come afferma il tabloid Mail Online, un archivio, che conteneva materiale più significativo di Otash è stato rimosso dal suo appartamento dai suoi stessi avvocati – e perciò i suoi contenuti non sono mai stati letti.

Insomma, la morte della popolare attrice hollywoodiana rimane un mistero.

 

Categorie
Gossip

Eva Herzigova come Marilyn Monroe: nuda e in una piscina in un video hot

Eva Herzigova come Marilyn Monroe. È così che molti online stanno commentando la nuova impresa pubblicitaria che vede come star la stupenda Eva Herzigova: donna che ormai vicina ai 40 anni (per la cronaca ne ha 39) ha ancora un fisico statuario e una forma perfetta.

Nel video che sta facendo impazzire tutti i maschietti del Web, Eva si mostra nuda, completamente nuda, con un unico capo d’abbigliamento: delle scarpe che usa in stile pinne.

Il clip, girato come è facile capire per lo spot di una casa produttrice di calzature, si ispira ad un vecchio film di Marilyn Monroe del ’63 e dal titolo Something’s Got To Give…

eva herzigova Marilyn Monroe nuda piscina video

Un video ovviamente mai volgare e che rilancia una donna stupenda. Complimenti a Eva Herzigova, che dalle rive dei 40 anni mostra ancora come ci si possa mettere in gioco. Per i più curiosetti, eccovi anche il video:

httpv://www.youtube.com/watch?v=OQsyOHcLdwM

Categorie
Gossip

Marilyn Monroe bellezza immortale: Playboy le dedica la nuova copertina

Marilyn Monroe è sempre Marilyn Monroe. Ed anche a distanza di tanti anni dalla sua morte, da tanti anni da quegli scatti a nudo che la resero una delle bellezze più desiderate del mondo dello spettacolo, eccola tornare in auge e conquistare la copertina di Playboy.

Voglia di miti? Di leggende dello spettacolo? Di perfezione? Difficile dire cosa abbia spinto i direttori di Playboy a scegliere Marilyn come ragazza copertina per il numero 41 della loro rivista, ma è certo che la bella miss Monroe rimane un’icona simbolo di bellezza pulita e di classe.

E lo scrivo da donna con un pizzico di invidia mista ad ammirazione, per una bellezza non pelle ed ossa ma carne e finezza. Con il numero 41 Playboy dedica a Merilyn un servizio esclusivo, pronto a ripercorre tutte le tappe di una diva che ha fatto la storia del cinema e della femminilità.

C’è da chiedersi,allora, che effetto farà Marilyn Monroe nuda copertina playboyquesta copertina alle tante super modelle rifatte, ripiene di plastica e botulino, che tanto cercano di avvicinarsi ad una perfezione che in realtà sarà sempre imperfetta.

La vera perfezione è quella fatta di difetti: di nei, di curve morbide e di piccoli particolari che rendono unica ogni bellezza. E allora ben venga questa copertina se serve a farci esclamare: viva la bellezza sana, curvy e senza alterazioni!

Categorie
Arte e Cultura

Statue: dalle cere di Madame Tussauds a quelle erotiche di Rosario Dawson

E’ cosa nota l’importanza simbolica delle statue nella storia, e molte hanno contraddistinto epoche e popolazioni. Tant’è che ancora molte le ammiriamo e siamo disposti a fare lunghe file pur di vederle. Così sull’onda dell’affaire Carla Bruni, abbiamo deciso di fare una ricerca su alcune discusse statue “edificate” negli ultimi anni. In modo particolare ci siamo interessate alle statue che raffigurino star o ideate da personaggi famosi. Ecco a voi una carrellata di quanto abbiamo scoperto…

Carla Bruni

carla bruni statua parigiE’ polemica accesa in un paese della provincia parigina. Infatti, il sindaco di Nogent-sur Marne, Jacques JP Martin, membro dell’Ump (il partito del presidente Sarkozy), ha avuto l’idea di immortalare la “premiere dame de France” Carla Bruni, con una statua in bronzo alta più di 2 metri, e chiedere ai locali contribuenti di finanziare il progetto per la modica cifra di 40.000 euro (il valore complessivo è il doppio).

La statua è affidata alle mani sapienti della scultrice Elisabeth Cibot, e riprenderebbe l’affascinante Carlà nelle insolite vesti di un’operaia, con tanto di tuta da lavoro. Tutto questo in memoria delle “plumassieres”, le vecchie materassaie del luogo, in gran parte di origine italiana, che lavoravano le piume a Nogent-sur-Marne.

Proprio a pochi mesi dalle prossime presidenziali forse non era il caso di alzare tutta questa polvere, ma Sarkozy punta ad essere rieletto quindi ha provato la carta dell’attaccamento alla patria ed alle sue patriote. Carta che al momento gli si sta ritorcendo contro.

Marilyn Monroe

statua marilyn monroeUna gigantesca statua di Marilyn Monroe la troviamo nella Pioneer Court di Chicago.

La Monroe è nella sua famosa posa, in piedi sopra una grata della metropolitana disegnata sulla base della statua, con la gonna che vola come nello storico film del 1955 Quando la moglie è in vacanza di Billy Wilder.

La scultura è stata creata da Seward Johnson, col nome “Forever Marilyn”, rimarrà in mostra fino a primavera 2012. Pesa 15 tonnellate, è fatta in acciaio e alluminio, ed è alta 9 metri.

Manuela Arcuri

PORTO CESAREO- MANUELA ARCURIUn paio di anni fa, la statua della bella attrice di Latina, era stata rimossa da Porto Cesareo (Salento, Puglia) perché si vociferava che le donne del posto erano stufe di sopportare gli sguardi trasognanti dei mariti ogni volta che passavano davanti la scultura.

La scorsa estate, invece, è stata riportata al suo posto e la giunta comunale ha organizzato una seconda inaugurazione (con la speranza che sia più fortunata della prima).

Per l’occasione, un pasticcere della zona, si è sbizzarrito tra creme e decorazioni, ed ha creato una torta dedicata al lato “b” della burrosa Manuela, che lo ha assaggiato senza farselo ripetere due volte trovandolo squisito.

Rosario Dawson

Misting Vagina by Rosario DawsonLa star Hollywoodiana, Rosario Dawson, nel 2011 ha partecipato per la sua quinta volta ormai, al “Burning Man”, il festival alternativo dedicato alla creatività e alla libera espressione, che si svolge nel Black Rock Desert, nel Nevada.

La sensuale Rosario è un’appassionata di sculture erotiche, e proprio in quell’occasione ha presentato una delle sue opere. Porta il nome di Misting Vagina ed è un’enorme vagina, con tanto di spermatozoi ed in cui le persone possono entrare e fare un breve tour, da cui fuoriesce una leggera nebbia aromatizzata alla rosa.

Avrebbe voluto creare anche uno scivolo gigante a forma di pene che schizzasse direttamente le persone in tour nella vagina, ma era troppo complicato…

Kate Moss

KATE MOSSLo scorso ottobre è stata venduta la statua dorata raffigurante la modella Kate Moss, in una posa a dir poco stravagante. Il tutto per la modica cifra di 900.000 dollari.

L’asta è stata organizzata da Sotheby’s a Londra, e gli esperti del settore avevano stimato la statuetta dell’artista Marc Quinn, che prende il nome di “Microcosmos (Siren)” tra i 777 mila ed 1 milione di dollari.

La statua è certamente originale, non c’è che dire, chissà che ne penserà la stessa Kate…

Barbie

barbieBusti e mezzibusti non solo di personaggi reali. Anche la bambola più famosa al mondo ha ottenuto il suo posto dorato nella storia dell’arte.

Non solo ha preso il posto della Statua della Libertà, proprio nel 2011 che quella originale ha compiuto la bellezza di 125 anni, ma per il 50° anniversario della bambola, l’artista francese Jocelyn Grivaud, ha creato una vera e propria collezione che porta il nome di “Barbie Poupée” composta da riproduzioni di sculture, scatti fotografici, dipinti e scene di famosissimi film, tutte riportanti il celebre corpicino di plastica.

Madame Tussauds

Madame Tussauds Unveils Its Latest Figure - Taylor LautnerFibrillazione e file lunghissime alla presentazione dell’attesissima statua di Taylor Lautner al famoso museo di Madame Tussauds a Londra, tenutasi soltanto il mese scorso. Tantissime fan si sono accalcate fin dalle prime ore del mattino solo per ammirare il loro idolo, scattare una foto e… votare il preferito.

Infatti, la statua di Lautner è posizionata proprio accanto a quella del collega e rivale in amore (sono al cinema) Robert Pattinson, e Madame Tussauds ha lanciato un vero e proprio concorso che le fans non si sono lasciate sfuggire: chi sarà tra i due, colui che guadagnerà il titolo di “Re di Cuori”?

L’attore che si aggiudicherà il titolo tanto ambito, avrà la possibilità di restare nell’area VIP per tutto il 2012, mentre all’altro verrà trovata una nuova collocazione.

Categorie
Cinema

Pupi Avati, Marylin Monroe e quei biglietti fantasma…

È agli sgoccioli il Festival di Roma, ormai si aspetta solo il grande evento che vedrà al centro della scena Richard Gere (Premio Marc’Aurelio d’Oro alla Carriera) e la proclamazione dei vincitori. Dopo di che arrivederci al prossimo anno.

festival cinema roma 2011Intanto ieri è stata la giornata di Pupi Avati, che ha presentato al Festival Il Cuore Grande delle Ragazze: storie a metà tra il racconto familiare e la storia fantastica, che ripercorre le avventure giovanili del nonno di Avati, interpretato da Cesare Cremonini. Il vecchio Pupi, dopo lo spavento di qualche giorno fa che l’ha visto ricoverato all’Umberto I per un malore, è riuscito a raccogliere i suoi applausi sul red carpet ieri sera insieme al suo inedito protagonista ed a Micaela Ramazzotti, come al solito a metà tra il sonno e la veglia. Ieri è stato anche il giorno di My Week With Marilyn, film recuperato in corner dal Festival e che vede Michelle Williams nei panni della divina. Glamour e trucco non sono mai stati così ben usati per ricostruire il corpo e le movenze di Marilyn da una straordinaria e giovane attrice di oggi.

Quello che però affascina di questo Festival è l’alone di mistero che aleggia intorno alle biglietterie. Personaggi oscuri travestiti da sorridenti ragazzi sbucano da dietro le vetrate sorridendo e rispondendo con cortesia che “i biglietti sono finiti”, quando le sale sono incredibilmente vuote. Sarà un problema di organizzazione, o forse non proprio tutte le sale sono vuote, o forse ancora ci sarà qualche maniaco che in preda ad un raptus ha paura di lasciarsi sfuggire il film di turno e prende tutti i biglietti possibili con fare convulso. Eppure per gli accreditati, che hanno a disposizione un tot di biglietti prepagati, è impossibile trovare un posticino in piccionaia della sala Santa Cecilia, anche se, come molti fanno fino all’ultimo giorno, si arriva sul posto di fronte alle famigerate biglietterie alle 8.45 circa.

È uno sforzo ammirevole considerando che la sera si va a dormire in media all’una passata, eppure pochi dei temerari vengono premiati, ed intorno a quel biglietto da accreditato nasce un culto pagano di adorazione ed offerta di cibo e sacrifici di piccoli animali. A quanto sembra, pensare che i 25 euro sarebbero stati un deterrente per gli avventori dell’Auditorium festivaliero è stato un errore. Quindi si può solo sperare che gli incassi di quest’anno servano a finanziare la settimana edizione del Festival in maniera adeguata…

Categorie
Musica & Spettacolo

Marilyn Monroe: all’asta le prime foto

Un certo fotografo, tale Joseph Jasgur, ha messo all’asta un servizio fotografico che realizzò nel 1946 ad una giovane, ancora sconosciuta, ma dall’innegabile fascino.

marilyn monroe foto all'astaStiamo parlando della prima volta di Marilyn Monroe davanti ad un obbiettivo fotografico, quando cominciò la sua carriera come modella. Una taglia 46, per 166 cm di altezza, farebbero storcere il naso a qualsiasi stilista o modella/o che si sia adeguato alle misure che l’alta moda ci impone oggi.

E se invece vi dico che quelle misure appartenevano alla donna più bella e sensuale del mondo? Ebbene sì. Si tratta proprio della Monroe che, con le sue misure da capogiro (96-58-91) concentrate in poco più di un metro e mezzo di sensualità, ha fatto sognare milioni di donne e uomini, e continua ad esercitare il suo fascino senza tempo di eterna giovinezza (suo malgrado).

Il servizio fotografico risale al 1946 quando Marilyn, ancora Norma Jean Dougherty, firmò il suo primo contratto come modella e offrì questi splendidi sorrisi alla camera di Jasgur. Il fotografo ha ora esposto e messo all’asta presso la Julien’s Auctions di Beverly Hills, questo preziosissimo servizio. I proventi serviranno a sanare i suoi debiti, e siamo certi che riuscirà a vendere queste bellissime foto della Diva.