Categorie
Coaching for women

Investi su te stessa. Terzo passo: elimina le interferenze #2

Abbiamo parlato di interferenze esterne nel precedente articolo e sono certa che hai già apportato qualche modica al tuo ambiente e ai rapporti con la cerchia delle persone che ti sono vicine.

Ora veniamo ad una parte molto importante da mettere a fuoco per ottenere la vita che vuoi: le interferenze interne.

investi su te stessaOvvero ciò che credi possibile o non possibile su di te, sulle persone, sulla vita, sul mondo: in altre parole le tue convinzioni profonde, quel senso di certezza che hai su determinati argomenti e che fanno sì che tu agisca in determinati modi.

Ecco, vedi, alcune di queste convinzioni sono probabilmente utili e potenzianti rispetto a quel che tu desideri ottenere, mentre è possibile che altre convinzioni siano limitanti e controproducenti per ottenere ciò che vuoi. Io li chiamo Paradigmi, come li definisce uno dei miei maestri Bob Proctor.

Un Paradigma è una moltitudine di abitudini. Un’abitudine è un’idea che è stata fissata nella mente subconscia di una persona e che fa sì che questa persona compia delle azioni senza nessun pensiero conscio (come ad esempio infilarsi sempre per prima la scarpa destra!). Un Paradigma è ciò che causa il nostro comportamento abituale. Molte volte facciamo cose che non vogliamo fare, ottenendo risultati che non desideriamo, ma lo facciamo lo stesso. Questo accade a causa di alcuni paradigmi che sono radicati nella nostra mente subconscia e che controllano le nostre azioni e comportamenti in modo automatico.

Per far sì che una persona attui un cambiamento permanente nella sua vita personale e professionale, è necessario che ci sia un cambiamento nella causa primaria dei suoi risultati. Un errore comune che molte persone fanno è provare a cambiare i risultati mutando comportamento. Quando questo avviene, il cambio c’è, ma è generalmente solo temporaneo. Nonostante sia il comportamento a causare il risultato, ne è la causa secondaria. La causa primaria è il Paradigma. Quando inizi a cambiare il paradigma, inizia a cambiare  risultati che stai ottenendo nella tua vita.

Un esempio abbastanza potente e chiaro, su questo tema delle interferenze interne, è collegato al concetto di denaro. Per noi italiani, il denaro ha sotto sotto un’accezione negativa. Pensaci un attimo. Quali sono i modi di dire che hanno installato in noi paradigmi negativi sul denaro?

“ Sporco denaro” “ Lavati le mani dopo avere toccato il denaro” “ Il denaro è il signore della guerra” “ Bisogna accontentarsi di poco” “Il denaro è all’origine del male” “Non si può essere ricchi e spirituali contemporaneamente” “Non tutti possono essere ricchi” … e via dicendo.

Capisci bene che io posso attuare tutte le modifiche che desidero sul mio rapporto col denaro, seguire un piano di risparmio, fare attenzione alle spese, lavorare 24 ore su 24… Ma se dentro di me credo profondamente di non meritarlo o di non desiderarlo perché porta del male e della cattiveria, è molto molto probabile che non riuscirò ad averne più di un tot.

E allora come faccio? Devo eliminare le interferenze interne che mi stanno limitando!

Come fare? Prima di tutto è necessario capire quali sono, analizzando le aree deboli della mia vita.

In cosa non sono forte? Qual è quell’area in cui so cosa voglio, so come ottenerlo, ma non riesco ad ottenerlo?

Eccola lì! Lì sotto c’è un’interferenza interna, una convinzione che mi sta auto boicottando. E attenzione, qui non c’è nessun giudizio del tipo “giusto” e “sbagliato”, né tantomeno sul perché o sul per come questa convinzione negativa sia nata. Quel che a noi interessa si concretizza in: è efficace oppure no rispetto al mio obiettivo? Come posso eliminarla?

Una volta individuata dovrò smontarla ragionandoci su. Certo, fare questo esercizio con un Coach è sempre meglio, ma puoi cimentarti anche da sola.

Prendi un foglio e scrivi “ Cosa voglio?” e poi “ Cosa mi impedisce di ottenerlo” e di nuovo “ Cosa mi impedisce di ottenerlo” e poi di nuovo altre due volte “Cosa mi impedisce di ottenerlo?”. All’inizio darai risposte legate alla tua realtà esterna, farai quello che tutti facciamo e cioè “darai la colpa” a qualcosa di esterno e troverai alibi. Ma se continui a chiederti “Cosa mi impedisce di ottenerlo?” finirai per scoprire tutti i limiti interni che realmente ti trattengono.

Se sarai onesta con te stessa, rispondendo a queste domande riuscirai a capire qual è la convinzione limitante, quella che ti sta bloccando veramente.

Arrivata a questo punto chiediti “E cosa voglio invece?”. E poi costruisci una nuova convinzione, più efficace e potenziante.

Ed ecco come eliminerai, una alla volta e con un po’ di pazienza, anche tutte le interferenze interne!

 

Vale Giuffrè

Success & Styling Coach for Women

www.valegiuffre.it

Categorie
Coaching for women

Investi su te stessa. Terzo passo: elimina le interferenze

Dopo avere attinto alla tua immaginazione e alla tua fantasia (vedi le prime due lezioni: decidi cosa vuoi e definisci i tuoi obiettivi), dovresti ora avere in mano una pagina scritta di tuo pugno in cui hai descritto in modo conciso e chiaro ciò che vuoi diventare, essere, ottenere.

Il passo successivo per creare la persona che vuoi diventare e manifestare la donna meravigliosa che risiede in te al 100%, è eliminare le interferenze.

Le interferenze possono essere di due tipi: esterne ed interne.

Investi su te stessa. Terzo passo: elimina le interferenze Quando parlo di interferenze esterne mi riferisco all’ambiente in cui vivi e alle persone che frequenti spesso. In alcuni casi l’ambiente potrebbe essere perfetto ed estremamente fertile per la buona riuscita del tuo obiettivo; ma in altri casi, invece, potrebbe ostacolarti o renderti difficile mettere in atto le azioni necessarie per portare a termine il tuo piano d’azione.

Pensaci un attimo. La città in cui abiti, il paese dove vivi, la casa o l’ufficio in cui lavori, sono in sintonia con gli obiettivi che hai scritto nella descrizione sul tuo foglio? Se la risposta è no, non disperare! Non sei costretta a traslocare di punto in bianco: ragiona piuttosto su alcuni cambiamenti che potresti apportare in termini di comodità e praticità. Ci vuole più luce? Più colore? Potresti mettere in ordine? Buttare via tutto ciò che è inutile? C’è un’attività che va molto di moda e che si chiama Decluttering e cioè eliminare tutto il superfluo e vivere in ambienti ordinati e ben organizzati per migliorare la propria produttività.

Se questo per te è arabo, corri ai ripari e documentati (leggendo il nostro articolo linkato sopra). Modificare e migliorare il tuo ambiente è un primo passo molto importante. E’ un po’ come dire: non vorrai mica iniziare un programma alimentare per perdere peso, con la dispensa zeppa di barattoli di cioccolato, zucchero e brioche?! O assumere una nuova collaboratrice senza avere pensato a dove creare una sua postazione?

L’altro elemento che può causare interferenza esterna Investi su te stessaè dato dalle persone che frequenti e che vivono attorno a te. Come sei messa a “buone o brutte compagnie”? Hai vicino persone che credono in te, che ti supportano, che ti stimano e ti fanno sentire bene, oppure no? Le persone da cui ricevi la maggior parte dei suggerimenti sono esperte nelle aree in cui ti offrono i loro consigli?

Se la risposta a queste domande ti farà capire che attorno a te le persone non sono la squadra adatta a supportarti positivamente per raggiungere quel che vuoi, allora creati un’altra squadra!

E non sto dicendo di tagliare i ponti con tutta la tua famiglia, se per caso fosse proprio la famiglia l’interferenza limitante: piuttosto stabilisci dei paletti oltre ai quali non permettere a chi ti crea negatività di passare. E valuta, sulla base dei tuoi obiettivi, che tipo di persone potrebbero esserti utili da frequentare per decidere come conoscerle.

Iscrivi ad un corso, oppure ad un circolo, ad un club, ad un gruppo – possibilmente dal vivo, ma eventualmente va bene anche online – frequenta raduni di persone che abbiano la mentalità simile alla tua, positiva, di supporto e che ti facciano sentire accettata e compresa. Perché anche se sei la donna più indipendente ed autonoma del mondo, non c’è nulla da fare; le frequentazioni, anche se indirettamente, influenzano i tuoi comportamenti e la tua vita.

E di conseguenza i tuoi obiettivi e risultati.

Le interferenze interne sono invece i tuoi conflitti interni, le tue convinzioni limitanti, i tuoi paradigmi ed i cliché che hai ereditato dalla tua educazione e cultura. Ne parliamo nel prossimo articolo…

 

Vale Giuffrè

Success & Styling Coach for Women

www.valegiuffre.it