Categorie
Sanremo 2013

Chiara Galiazzo: Il futuro che sarà vince il podio di Sanremo 2013

Arriva il turno di una delle poche donne in gara: sul palco di Sanremo 2013 sale Chiara Galiazzo, vestito lungo nero, con trasparenze rosee sul petto e pettinatura raccolta.

Chiara è sicura, appare tranquilla e intona senza problemi la sua canzone.. eppure qualcosa sembra tradirla. L’esibizione scorre via tranquilla, con uno sguardo terso nel vuoto che a volte fa scorgere una vena di tremore negli occhi della bella cantante uscita da X Factor.

Tuttavia la canzone finisce con una esecuzione perfetta, ricca di intarsi ed emozioni.

Ma riuscirà Chiara a trovare un posto sul podio? Difficile da dirsi, anche se per alcune fonti del Web la Galiazzo è fra le favorite di questo Festival. Alcuni siti che hanno giocato a fare una classifica la posizionano sul podio e per molti utenti dei social network il suo posto è certamente fra i primi tre finalisti.

Difficile da dire se andrà così. Per noi si posizionerà al quarto posto… e per voi? Diteci la vostra 😉

chiara 2

Categorie
Sanremo 2013

Chiara Galiazzo a Sanremo 2013 con Il futuro che sarà. Brava ma non convince

Aggiornamento – Segui la diretta con noi qui:

LA DIRETTA LIVE DI SANREMO 2013

A Sanremo 2013 arriva sul palco dell’Ariston Chiara Galiazzo, con un vestito blu elettrico, opinabile, e le sue due canzoni da interpretare.

La prima canzone che canta Chiara è L’esperienza dell’amore, un brano scritto per lei da Federico e Domenico Zampaglione: musica morbida con un pianoforte appena pizzicato a tratti e archi che riempiono le strofe del ritornello.

Bella la voce di Chiara ed esecuzione con poche esitazioni, tuttavia non passano i sentimenti… non passa l’amore che dovrebbe esserci dietro questa “esperienza dell’amore”.

Dopo la prima canzone, arriva poi il secondo brano: Il futuro che sarà.

In questa seconda esibizione il brano di Chiara Chiara_Galiazzo_Sanremosi apre con un violino e una fisarmonica in controtempo, la musica gira bene e Chiara reagisce decisamente meglio rispetto a quanto fatto in L’esperienza dell’amore… tuttavia il brano risulta un po’ troppo in vecchio stile Matia Bazar e non convince a pieno.

E voi che ne pensate? Vi piacciono questi due brani portati a Sanremo da Chiara Galiazzo? Vi hanno convinto?