Categorie
Bellezza & Salute

Il falso mito dei germi: come proteggersi e contrastarli

Women’s Health – Capita spesso di essere in un pullman, o in una sala d’attesa, o semplicemente a casa, con qualcuno affianco, che tossisce e starnutisce e la nostra preoccupazione è il contagio. E quante volte capita di incontrare un amico raffreddato o con la febbre e non sapere se salutarlo con una semplice stretta di mano o con un bacio.

La verità è che, molto spesso la causa di un’influenza o di un semplice raffreddore, non è del vicino “responsabile”. Sebbene si possono contrarre germi dovunque, ci sono delle semplici regole da seguire, per non contrarre l’influenza o raffreddori, ecco quali:

  1. lava, risciacqua e ripeti: “la prima cosa da fare per proteggersi da un raffreddore o dall’influenza è lavare le mani frequentemente e a fondo” afferma il microbiologista Dr. Andrew Pekosz. Insaponare le mani con l’acqua corrente e strofinare i palmi, tra le dita, dietro le mani per circa 20 secondi. Non c’è un bagno vicino? Usa le salviette sanitarie, che hanno almeno il 60% di alcol;
  2. umidifica l’ambiente:  un ambiente umido potrebbe essere tossico per i virus dell’influenza. Gli scienziati non sono sicuri del motivo, ma una possibilità è che le goccioline che contengono il virus si rimpiccioliscono in un ambiente arido, permettendoli di fluttuare nell’aria più a lungo, mentre nell’aria umida, quelle stesse goccioline potrebbero essere pesanti e cadere più velocemente, afferma il Dr. Ted Myatt. Un umidificatore, che mantiene l’umidità ad un livello tra il 40 e il 60%, è la migliore soluzione;contrastare i germi
  3. non esagerare con il vino: l’alcol può indebolire l’abilità dei globuli bianchi per almeno 24 ore, dopo che se ne è abusato, secondo uno studio al BMC Immunology. Dr. Pekosz afferma di bere un ragionevole bicchiere della bevanda, durante il periodo del raffreddore o dell’influenza;
  4. dormi di più: le persone che dormono meno delle sette ore a notte, triplicano il rischio di contrarre il raffreddore, rispetto a chi dorme otto ore o più, secondo gli Archives of Internal Medicine. Quando si dorme poco, l’organismo produce più citocinesi, proteine che scatenano i sintomi del raffreddore, quando si è malati;
  5. prova l’arcobaleno: gli antiossidanti, che sollevano il sistema immunitario e che si trovano nella frutta e verdure, combattono i radicali liberi, che riducono le naturali difese, afferma l’osteopata Dr. Josh Miller. Mangia una gran quantità di alimenti, come fagioli rossi e frutti di bosco ( più vivo è il colore e più alto è il contenuto di antiossidanti) e bevi il tè verde;
  6. non aver paura di un bacio: la maggior parte delle infezioni si prendono attraverso il naso e gli occhi, ma non dalla bocca. Infatti, su Journal of Infectious Diseases, solo l’8% delle persone sono state contagiate, dopo aver baciato una persona con il raffreddore. Il microbiologista Dr. Charles Gerba afferma: “è più sicuro baciare una persona malata, che stringerle la mano”.
Categorie
Bellezza & Salute

Palestra e piscina fra germi e batteri: ecco le regole per viverle in sicurezza

Si va in palestra o in piscina per scaricare i nervi dopo una giornata di stress lavorativo e, dopo qualche giorno, ci si ritrova una fastidiosa quanto antiestetica verruca sulla pianta del piede!

Si, perché negli impianti sportivi, essendo ambienti caldo-umidi, contrarre infezioni è molto più semplice e frequente di quanto si pensi. Perciò, prevenire è meglio che curare, bisogna solo usare alcune accortezze.

Non dimenticare di portare in palestra un asciugamano da stendere sul tappetino. In questo modo,  si evita di mettere la pelle a contatto con superfici eventualmente contagiate da altre persone. O, magari, di contagiare altri. Nelle varie sale, almeno nelle palestre migliori, sono a disposizione dei rotoloni di carta. Si possono usare per pulire le impugnature di manubri, bilancieri e attrezzi vari,  prima e dopo il loro utilizzo.

In sala attrezzi bisogna accedere con scarpe idonee e pulite. Possibilmente devono essere calzature che si usano solo per quell’ambiente e non per camminare in strada. sicurezza piscina palestra infezioni dermatitiAlcune strutture rendono disponibili delle bustine per i clienti che avessero dimenticato  le scarpe da palestra.

In piscina, poiché l’acqua è il posto privilegiato per la proliferazione di microrganismi, il rischio di contrarre infezioni è altissimo. Le regole sono semplici, ma obbligatorie: fare la doccia prima di entrare in acqua, indossare una cuffia per i capelli e usare le ciabatte a bordo piscina.

Insomma, piccole regole da seguire per vivere la pratica di uno sport in sicurezza e serenità.

 

 

Maria Francesca Baratta