Categorie
Moda

Pinko bag for Etiopia: borse limited edition per il progetto Fashion for Development

Marina Spadafora, ambasciatrice Etica della moda in Italia e sostenitrice del design for Africa, ha realizzato un’importante collaborazione con il marchio Pinko, dando vita alla collezione Pinko bag for Etiopia, rilanciando la famosa Pinko bag, borsa simbolo di una generazione negli anni Novanta.

Il progetto rappresenta una nuova visione della moda in cui la maison Pinko aderisce al progetto Fashion for Development (F4D), che promuove lo sviluppo dei paesi del terzo mondo attraverso la moda; iniziativa umanistica mondiale riconosciuta e sostenuta dall’Onu promuovendo l’autonomia delle donne attraverso tradizioni locali e artigianali dei paesi più poveri.

Proprio i proventi di questa collezione, presentata il 21 febbraio scorso durante la settimana della moda meneghina, andranno a  favore di Fashion for Development.

Pietro Nigra, presidente di Pinko afferma di voler rilanciare la borsa icona mediante una nuova concezione di moda più profonda e consapevole realizzata con il solo lavoro manuale degli artigiani, stimolando la curiosità della gente e arricchendo culture e popolazioni che si trovano al margine del mondo.

Le borse limited edition sono prodotte al Pinko bag Etiopia borse limited edition Fashion for Development100% in cotone africano nella fabbrica di Adis Adeba in cui lavorano solo donne, con l’utilizzo di materiali a basso impatto e green oriented. Le fantasie sono uniche e inimitabili raffiguranti i disegni tribali che i popoli si dipingono sul corpo, facenti parti di una cultura arcaica e ricchissima, ma allo stesso tempo molto fragile.

E proprio sulle borse che vengono riprodotti questi motivi etnici corporei delle popolazioni nella valle dell’Omo, nel sud dell’Etiopia, con tonalità ispirate appunto ai colori dell’Africa: dal rosso al nero, dall’ocra al bianco, disponibili in Italia al prezzo di 58 euro.

Ecco allora che dopo la campagna “Detox” di Greenpeace per cercare di eliminare sostanze inquinanti, nuovi progetti importanti e umanitari coinvolgono il mondo della moda, una moda che guarda con rispetto al futuro come esempio dal quale prendere spunto: Fashion with a mission; non solo bellezza ed estetica ma etica e sostegno a culture lontane e in difficoltà.