Categorie
Serie TV

Facebook: la coppia scoppia se non condividi gli amici

Un algoritmo svela che su Facebook le coppie che non condividono le amicizie scoppiano dopo pochi mesi, mentre restano fedeli quelli che hanno molti amici in comune. Metro di valutazione attendibile per il tradimento?

facebook graph searchDue ricercatori americani hanno studiato milioni di profili Facebook cercando di comprendere come le coppie “riconosciute” nel social network interagissero con gli altri e tra loro. L’algoritmo ha svelato che le coppie con molti amici in comune sono quelle più durature, mentre quelle che gestiscono profili separati con pochissimi amici in comune (o persino per nulla), sono più avvezze a tradimento e rottura dopo pochi mesi.

Insomma, chi cerca di mantenere una “doppia vita” da una parte coltivando le proprie amicizie e dall’altra vivendo il rapporto col partner come se fosse un compartimento stagno lontano da tutto, rischia di veder precipitare il rapporto dopo pochi mesi e di incorrere in tradimenti. D’altronde chi di noi non ha un’amica/o tradito o fedifrago che ha conosciuto l’amante su Facebook?

Categorie
Gossip

Selvaggia Lucarelli: Corona vende farfallina di Belen a Yamamay

Torniamo a parlare di uno dei personaggi più chiacchierati del momento, cioè di Fabrizio Corona, che come ben sappiamo da un po’ di tempo sta scontando in carcere la sua condanna a 7 anni di reclusione.

A quanto pare il senso degli affari dell’ex paparazzo continua a non deludere, ma anzi, per quel che è possibile. sta rendendo ancora di più proprio ora che Fabrizio è in prigione e a farcelo notare e la bella blogger Selvaggia Lucarelli.

Ricordate che Corona l’anno scorso, poco dopo Sanremo, ha registrato come marchio la “farfallina” di Belen? Come dimenticarlo! La cosa creò non poche polemiche e anche litigi tra Fabrizio e la sua ex compagna. Pare, però, che ora l’ex paparazzo ne stia godendo i benefici visto che avrebbe venduto il marchio a Yamamay per una cifra intorno ai 150 mila euro.

Fabrizio Corona farfallina BelenA rivelare l’indiscrezione, come già vi ho accennato, è stata la Lucarelli e, ancora una volta, tramite la sua pagina Facebook. La blogger ha postato:

“Io non vorrei dire nulla, ma da quando Corona è dentro, gli affari gli vanno meglio. La farfallina di Belen, il famoso marchio che lui registrò dopo il Festival di Sanremo e per cui litigò con Belen, è stato venduto a Yamamay. (la licenza) A una cifra, pare, intorno ai 150mila euro. Borse e forse costumi, testimonial Nargi, Caracciolo e Fioretti. Chissà che marchio registrerà in carcere. Mi aspetto il coltellino di Donato Bilancia sui boxer con elastico da un momento all’altro”.

Beh, se così fosse, non possiamo che darle ragione!

 

Categorie
Sanremo 2013

Sanremo 2013: Luciana Littizzetto batterà i vincitori dello scorso anno?

Non ci sono dubbi sul fatto che il Festival di Sanremo dello scorso hanno sarà ricordato per l’ormai arcinota e discussa: “farfallina di Belen“, che ha fatto impennare lo share e l’attenzione attorno al Festival della canzone italiana, tramutato forse dal gesto della showgirl argentina, Belen Rodriguez, più in un cabaret a tinte rosa. Certamente quest’anno non vedremo scene simili, anche perché tra le critiche più feroci di quanto avvenne ci fu una delle protagoniste di Sanremo 2013: Luciana Littizzetto, che attacco a spada tratta Belen, facendo diventare quell’incidente (voluto) un caso televisivo.

Quest’anno con Fabio Fazio al timone, ci sarà più spazio per la musica. Ogni big dovrà cantare due brani e la selezione dei cantanti è davvero molto varia e passa dall’impegno di Daniele Silvestri, alla nuova voce di Chiara Galiazzo venuta fuori da X Factor 6 e subito cooptata dal Festival. Insomma, più spazio alla canzone ed in generale alla buona musica, senza monologhi di Adriano Celentano o commistioni con altri generi. L’unico jolly che dominerà il palco, oltre alla voce dei cantanti, sarà Luciana Littizzetto che avrà il compito di animare le serate del Festival strappando sorrisi e pungendo i nostri politici, che saranno in piena campagna elettorale a pochi giorni dal voto. Ma anche su questo c’è qualche riserva, perché tutti i vertici RAI vogliono evitare attacchi frontali che scatenino una bufera sul Festival di Sanremo 2013.

Dunque, senza gli eccessi di Belen e la sua farfallina, senza la stazza di Ivana Mrazova, e con una Littizzetto tenuta a freno e sotto osservazioni, riuscirà questo Festival a non sfigurare rispetto a quello dello scorso anno vinto da Emma Marrone? Se ciò accadesse i veri vincitori assieme alla musica e al duo di conduttori, sarebbero gli italiani, finalmente capaci di rinunciare all’attrattiva del corpo femminile, sbandierato come un osso davanti al naso di un cane affamato.

Categorie
Senza categoria

Stefano De Martino si è tatuato la farfallina di Belen!

Pensavamo di averle viste tutte, ma a quanto pare non è così! Eh già, perché se già eravate rimasti sconvolti dal tatuaggio sul bicipite che Belen e Stefano De Martino hanno fatto poco dopo l’inizio della loro relazione, cosa ne pensereste della farfallina della Rodriguez sul bacino del ballerino?

Sul fatto che l’amore secondo Belen e Stefano, al giorno d’oggi, si dimostri a suon di tattoo ormai non ci sono più dubbi e la coppia ce lo sta dimostrando in più di un’occasione. Ad avere questo solido legame con i tatuaggi è soprattutto il ballerino, che già in passato aveva tatuato una “F” sul collo, in onore della sua allora fidanzata, poi trasformata in “E” nel momento della sua relazione con la cantante salentina Emma Marrone.

Stefano tatuaggio farfallinaE’ ora arrivato l’ennesimo “marchio” sul corpo di De Martino, che il ballerino ha subito voluto condividere con i suoi fan postando una foto su Facebook. Ebbene si, non ci crederete, ma Stefano si è tatuato proprio una farfalla sul bacino; proprio come la farfallina di Belen, diventata celebre durante l’ultimo Festival di Sanremo!

A richiamare esplicitamente il tattoo della fidanzata è stato lo stesso De Martino, che ha accompagnato l’immagine pubblicata con il commento “LA PAR CONDICO!”.

I fan del ballerino, però, per la maggior parte non hanno per nulla apprezzato il gesto, definendolo soprattutto ridicolo. Come al solito, inoltre,  è arrivato anche il commento della blogger Selvaggia Lucarelli, che postando l’immagine di Stefano ha commentato “De Martino che si tatua la farfallina e’ qualcosa di epico. Questi con l’ossessione dei tatuaggi d’amore mi fanno venire in mente la marchiatura delle mucche: così ti ricordo di chi sei”.

Categorie
Da DNA a donna

La barista sexy sfida la farfallina di Belen… non Geppi Cucciari

Ieri sera, dopo giorni e giorni di discussioni sulla presenza o meno di uno slip, aveva appena smesso di riecheggiare nell’aria il fruscio delle ali della “farfallina” di Belen Rodriguez, sul palco dell’Ariston del Festival di Sanremo; che stamattina accendo la radio per ascoltare il mio programma preferito mentre vado in ufficio in auto, che mi ritrovo davanti un altro discorso che riguarda una barista sexy che pur di far incrementare gli affari del suo locale non disdegna di stare seminuda, né tanto meno di vendere un suo calendario agli avventori più “fedeli”.

Laura MaggiLaura Maggi, questo il nome della barista sexy bresciana, ha “giustamente” suscitato le ire di tutte le donne del paese, anche perché alcune sue mise sono del tutto “invisibili”… Insomma, due immagini di donne oggetto pronte a fare qualsiasi cosa pur di raggiungere la notorietà e con essa il successo (soprattutto economico). Basti pensare che gli amici di Laura Maggi su Facebook, da quando i giornali hanno riportato la notizia è passato da 3.000 a 5.000 iscritti e che la “sindaca” del paese ha previsto misure straordinarie per l’ordine pubblico in vista del casino che succederà venerdì prossimo davanti al locale… Ma in questi casi mi chiedo il vero oggetto non è forse l’uomo che pur di guardare, sbirciare morbosamente un sogno erotico è pronto a qualsiasi cosa? Sarà forse questa la vera arma letale di noi donne, da sfoderare all’occorrenza per arrivare a qualsiasi risultato e obiettivo? Fare tutto, fottendosene del pudore è questo che ci renderà le dominatrici del futuro?

geppi cucciari sanremoMentre sto per rispondere un favoloso “Sìììì” mi ricordo di una presenza sul palco dell’Ariston di una donna normale, anche bella perché no, una donna che ha conquistato milioni d’italiani senza dover mostrare nulla, se non soltanto la propria sagacia e intelligenza. Geppi Cucciari, che giustamente dimostrando ancora una volta grande intelligenza e modestia dice che ognuno deve usare le proprie armi e laddove non c’è bellezza oggettiva, ecco che nascono altre qualità. Quasi quasi mi verrebbe da dire meglio essere brutte se è vero che la bellezza non aiuta le “audaci”. Però poi ti guardi in giro un po’ e di donne belle e intelligenti ne vedi e ne riconosci, certo con le amiche le critiche fanno ricami sontuosi, ma ci sono e l’invidia è cosa normale (quasi).

Insomma, la cronaca di questi giorni ci sta regalando molti spunti di riflessione, innanzitutto come donne e poi come donne italiane, sottoposte per anni alla “Papicrazia” e libere ancora da troppo poco tempo per rinnegare delle icone in nome di altre, meno avvenenti forse, ma più “costruttive” ed educative soprattutto per le nostre bambine. Già, perché forse l’aumento di malattie come la bulimia e l’anoressia, dovrebbero invitarci a riflettere… Forse dovremmo guardare ad altri modelli e mostrare questi ultimi alle ragazzine, far capire loro che la bellezza non è essere perfettamente identiche ad un modello sfornato dalla società, ma semplicemente realizzare se stesse seguendo la via che la mente ci indica. Per questo forse, l’immagine più forte e al contempo quasi violenta di donna vista al Festival di Sanremo è quella Simona Atzori, la ballerina senza braccia per capirci. Almeno per me è stata una cosa dirompente; chi di noi in quelle condizioni si sarebbe semplicemente fatta vedere sul pianerottolo di casa sua? Forse, care amiche dovremmo mettere da parte alcuni stereotipi ed essere sempre orgogliose di quello che siamo per poter così dare il meglio di noi stesse in ogni condizione. Allora sì, che forse potremo essere la razza dominante, ma visto che siamo troppo buone, di certo non lo faremo capire ai nostri “fedeli” uomini… Bau!

 

PS Voglio essere volutamente provocatoria… Quasi maschilista!