Categorie
Bellezza & Salute

Come curare i capelli d’estate: trucchi e consigli

Che siano lunghi o corti, chiari o scuri, lisci o ricci, tinti o no, si sa che una delle cose a cui teniamo di più noi donne sono i nostri capelli!

cura capelli mare estateQuanto può essere femminile una chioma sana e curata? Tanto! Ma tutte noi sappiamo quanto è difficile mantenerla,  soprattutto in estate … Eccovi quindi alcuni consigli  che sono sicura apprezzerete molto.

Iniziamo con il problema principale che incontra il nostro capello in estate: il sole. Come la nostra pelle si abbronza, e non poche volte si brucia, durante la stagione estiva a causa dell’esposizione ai raggi solari, la stessa cosa accade ai nostri amati capelli; diversi studi dimostrano che i raggi del sole penetrano nella fibra del capello distruggendone i componenti.

La soluzione più ovvia e immediata sarebbe quella di coprirli utilizzando un cappello (magari di paglia che va pure tanto di moda) o in alternativa usare un foulard, ma c’è chi, come me, non va tanto d’accordo con i copricapo e deve quindi optare per altri rimedi; al posto di andare in un negozio di accessori, quindi, noi non amanti dei cappelli, andremo in farmacia, profumeria o in un supermercato a comprare un olio o uno spray protettivo; lo spray è consigliato soprattutto a chi ha capelli fini e grassi perché può (e deve) essere applicato più volte al giorno senza appesantirli.

L’altra causa di stress per i nostri capelli è il mare! La spiaggia e l’acqua cristallina saranno pure un luogo di relax per tutti, ma non per la nostra chioma, e questo per due motivi: sia perché l’acqua salata (o il cloro per chi per sua sfortuna deve accontentarsi della piscina) danneggia i capelli, sia perché andando a mare aumenta il numero degli shampoo che facciamo durante la settimana.

Anche qui servono dei piccoli accorgimenti… donne capelli estate consigliPer chi già non l’avesse, bisogna prendere l’abitudine di sciacquare in spiaggia i capelli con dell’acqua dolce dopo aver fatto il bagno in mare, in modo da rimuovere ogni traccia di sale; a far male al capello non è tanto l’acqua del mare in se ma il sale che lascia, il quale, maggiormente se esposto al sole, lo inaridisce e lo sfibra.

Per quanto riguarda lo shampoo, non se ne dovrebbero fare più di 3 a settimana; basterebbe bagnare i capelli a mare un giorno si e uno no (so che per molte è difficile resistere) per non stressarli troppo. Inoltre è consigliato non utilizzare lo shampoo la sera ma sciacquare abbondantemente solo con acqua e distribuire balsamo sulle punte.

Ovviamente penso proprio che siano poche le donne che possono permettersi di non utilizzare lo shampoo senza avere problemi di piega (o semplicemente perché hanno un cuoio capelluto troppo grasso), quindi noi (io non faccio parte delle poche purtroppo) ci accontenteremo di usare uno shampoo nutriente, delicato e per uso frequente. Infine l’ideale sarebbe applicare abitualmente una maschera da lasciare in posa almeno per 3 minuti.

Ora, c’è un’ultima cosa da dire, ma sicuramente non ultima per importanza: evitare il più possibile l’utilizzo del phon, ma soprattutto della piastra!! Cerchiamo di apprezzare di più il capello mosso e spettinato che in estate, con la pelle abbronzata, sta anche meglio.

Provate ad usare questi piccoli trucchi e valutate i risultati a settembre!

 

 

Categorie
Amore

Gioie e dolori in spiaggia. I simili si attraggono

L’estate è arrivata e forse molte di voi hanno già fatto la loro apparizione in spiaggia, fosse anche solo nei weekend, in attesa di vacanze più lunghe a luglio o ad agosto.

spiaggia amore estate 2012Se siete single e sperate di trovare qualcuno al mare ecco alcune dritte su cosa è conveniente fare e su cosa è meglio evitare.

Innanzitutto, care amiche, devo dirvi una amara verità, per evitarvi illusioni e aspettative frustranti. La verità è questa: le donne belle attraggono uomini belli, le donne brutte attraggono uomini brutti.

Questo vale sempre nella prima fase, che è quella dell’aspetto fisico. Non mi riferisco perciò a modalità di incontri e di conoscenza che permettono di parlare e di esprimere le proprie preferenze, gusti, professione, hobbies, ecc. Qui parlo di ciò che si vede a colpo d’occhio, magari passeggiando sulla riva o passando in mezzo agli ombrelloni o quando si è seduti al bar. Ciò che colpisce l’altro è il vostro fisico.

Avete un bel fisico, proporzionato e tonico? Avete un viso grazioso e un’espressione solare? State tranquille, ma questo già lo sapete, che voi non avrete alcun problema ad attirare l’uomo fisicamente giusto per voi, perché è così, è una legge di natura, è una questione ormonale. La natura se lasciata al suo corso bruto tende a migliorare la specie e quindi a far sì che le femmine belle e sane si accoppino con maschi belli e forti.

Ma cosa fare se non si è proprio belle? Se magari si è carine ma con dei difettucci, tipo sedere troppo largo, troppa cellulite sulle cosce e altre cose sulle quali non voglio infierire, ma che voi conoscete bene? Cosa fare in questi casi per colpire un uomo che abbiamo precedentemente adocchiato oppure che capita senza averlo prima individuato? Beh, ovviamente bisogna cercare di non evidenziare i difetti, che però in spiaggia, con quattro triangolini addosso i difetti si vedono tutti. Ma allora non sarebbe meglio optare per le vacanza in montagna o nelle città d’arte? J Va bene, dai, scherzo.

Torniamo alla spiaggia e torniamo a quelle di noi, non abbastanza belle per gli standard, diciamo così. Cosa potete fare, care amiche, voi, con le quali la natura non è stata benevola? Siete costrette a puntare su altro e non sul fisico… come sempre, mi direte. Eh sì, purtroppo è così e allora dimenticate di attrarre uomini più belli di voi, anche perché gli uomini belli che vanno in spiaggia non ci vanno per prendere una ragazza/donna a caso, ma per prendere “la più bella del reame”.

Se però abbassate lo standard di bellezza maschile, allora potete cominciare a puntare qualche ragazzo/uomo cosiddetto interessante o affascinate, pur non essendo il massimo della bellezza, ma ricordate che anche voi non siete il massimo della bellezza, ma potete essere delle tipe interessanti o affascinanti. E ricordate, vale sempre la seguente regola: i simili si attraggono.

E allora, se vale sempre questa regola, per prima cosa dovete avere chiaro ciò che siete e come apparite agli altri, non ciò che vorreste essere e non ciò che vi atteggiate ad essere; quindi, siate solo ciò che siete e ciò che generalmente gli altri percepiscono di voi.

Se solitamente gli uomini, amici, colleghi, vi vedono come una donna simpatica, inutile atteggiarsi a sexy bomb, non funziona. Se solitamente siete percepite come donne intellettuali, inutile far finta di fare l’oca, meglio star sotto l’ombrellone con un libro interessante e non con titoli banali da spiaggia.

Perché se, per esempio, uno si avvicina avendovi vista leggere un libro dal titolo… tipo, Le donne stronze in spiaggia, del quale non ve ne frena nulla, ma che erroneamente avete pensato potesse essere un titolo easy per l’occasione, finirà che attirerete l’uomo sbagliato, quello che dopo tre parole vi ha già annoiato; e se ciò che cercate è comunque un uomo e non semplicemente ciò che qualsiasi uomo ha tra le gambe, allora cercate di scegliere un libro che possa in qualche modo dire qualcosa su ciò che voi siete o almeno sulle letture che preferite.

Essere se stesse, questa in fondo è la regola fondamentale, in spiaggia come altrove. E quando si è se stesse alla fine si attraggono sempre le persone giuste per noi, anche se non corrispondono a quelle che sono le nostre fantasie.

Le fantasie spesso deludono, quindi meglio sempre affidarci alla realtà delle cose e vedrete che alla lunga questa porta frutti migliori e più duraturi.

Categorie
Musica & Spettacolo

Emma Marrone in piena forma per il tour dell’estate

Sembra proprio che Emma Marrone, regina indiscussa della musica italiana, abbia decisamente smaltito tutte le tossine del caso scoppiato a ridosso della primavera, cioé del “tradimento” di Stefano De Martino, che fa ormai coppia fissa con Belen Rodriguez. Così, la cantante salentina pensa già al tour che animerà la sua estate, mentre si gode gli ultimi giorni di vacanza, corroborata dalla crescita della sua community online. Infatti, Emma dopo il successo di Sanremo non ha mai abbandonato la vetta delle classifiche nostrane e con questo ha conquistato moltissimi fan, che in parte affollano la sua pagina Facebook, che è ormai vicinissima al milione e mezzo di iscritti.

Intanto lei, tra possibili nuovi amori e relax, sfoggia in riva al mare un fisico e uno stile da pin-up. Fisico tornito e tonico, curve al posto giusto e un sorriso smagliante, che conferma la ritrovata voglia di andare avanti e dimenticare polemiche e brutte storie. Emma Marrone sembra finalmente tornare ad essere quella ragazza serena e raggiante che ha dato forza a tante ragazzine, che avevano inizialmente paura a seguire i propri sogni.

Ancora, non si conoscono tutte le date del tour estivo, ma sicuramente sarà un successo, perché ovunque vada c’è sempre un grande entusiasmo e un grande interesse per la sua musica.

Categorie
Bellezza & Salute

Sei una sportiva? Ecco i consigli per alimentazione, benessere e bellezza!

Le donne sportive sono più giovanili delle altre, su questo non ci piove! Ma che sia tutto frutto del movimento, non è affatto così.

Se pensate che una donna impegnata settimanalmente tra uno sport e l’altro, non debba badare ai consigli di bellezza perchè si sente giovane dentro è uno sbaglio. A partire dai capelli per finire all’alimentazione, tutto deve essere curato.

sports donne benessere salute forma fisica dieta prova costumeChi fa molta attività fisica ha bisogno di una dieta nutritiva per far in modo che il movimento bruci i grassi e non i muscoli! Solitamente i pasti di un atleta sono 5! La prima colazione proprio come quella della pubblicità della Kellog’s con latte, yogurt, cereali e frutta fresca; la merenda a metà mattina può essere composta da frutta, crackers o panino nel caso si salti il pranzo per fare allenamento.

Il pranzo leggero è ok per chi non ha molto tempo per la digestione, quindi carne o pesce con verdure sono più che adatti. Primo e secondo piatto sono suggeriti quando tra un’attività e l’altra ci sono  almeno un paio d’ore di distacco. A metà pomeriggio lo spuntino può essere un dolcetto, un frullato, un succo di frutta con dei biscotti, per reintegrare gli zuccheri persi durante la giornata. Durante la cena è consigliata la pasta per chi non l’ha mangiata a pranzo con un secondo piatto freddo, oppure solo pesce per chi ha fatto un pranzo completo.

A trarre i risultati dalla corretta alimentazione non è solo il vostro fisico, ma anche i capelli e la pelle. Chi ama la piscina ha difficoltà a mantenere capelli lucenti a causa del cloro, soprattutto se colorati.  I prodotti da utilizzare in questo caso sono quelli che mantengono la colorazione artificiale e non sono troppo aggressivi.

Chi pratica jogging va incontro a smog, sport donne benessere forma fisica dieta prova costume estatesudorazione e umidità atmosferica, che solo alcuni shampoo con ingredienti microattivi possono impedire di penetrare nei capelli. In generale, quindi, per qualsiasi tipo di sport sono consigliabili prodotti che non vanno ad appesantire il capello, già tendenzialmente bagnato dal sudore.

Altra attenzione si dovrebbe avere per il make up: ci si può truccare quando si fa sport? Certamente! L’ideale è applicare la crema o il fissatore prima del fondotinta leggero; pochissimo fard se siete chiare ci carnagione; del mascara waterproof e un ombretto compatto di un’unica tinta chiara sugli occhi. Il risultato sarà un viso luminoso, acqua e sapone e sempre ok per 24 ore. Se svolgete attività sportiva all’aperto e volete prender un pò di tintarella, lasciate spazio a solo ad una crema solare di media protezione per le pelli normali, più alta per quelle soggette a macchie e scottature.

Ora siete pronte per affrontare la vostra lunga giornata, a presto pinkgirls!

Categorie
Bellezza & Salute

Prova costume? No grazie!

L’estate è quasi al termine e tutti possiamo dire finalmente di aver superato la tanto citata prova costume. Sembra che sia un argomento intramontabile proposto ogni fine maggio da giornalisti e blogger in maniera quasi stressante.

Facendo domande di qua e di là, forse questo 2011 ha visto meno prove costumi di tutti gli altri anni e, nel nostro caso non riguardano l’esposizione del proprio fisico sul bagnasciuga, ma vere e proprie prove in camerino quando si acquista il costume dei propri sogni.

“Dopo aver girato e rigirato tra negozi e boutique per trovare solo il modello adatto, arriva il momento di provarlo…Un piccolo brivido comincia a salire dietro la schiena della casalinghe e di tutte quelle donne che hanno un minimo di buon gusto perché entrando nel camerino eccolo là: il gomitolo di polvere che si annida negli angoli da una settimana o forse più…!

Improvvisamente anche il costume che ci piaceva tantissimo diventa stranamente difettato o non adatto al nostro corpo e, mentre voi lottate per non mettere i piedi (ovviamente nudi perché siete entrate con le infradito) sulla palla di pelo, la commessa vi stressa chiedendovi mille volte come vada la taglia. Difficile spiegare alla commessa che il problema non è la taglia, ma tutto ciò che c’è intorno.

Per non parlare poi dello specchio fatto in modo da sembrare più magra e slanciata a tal punto da non riconoscervi. Tra mille saltelli di qua e di là, alla fine, decidete di rivestirvi e inventate una scusa per non acquistare il costume. Uscite sconfortate dal negozio pensando di non trovare più ciò che vi serve, ma basta poco perché i vostri occhi s’illuminino di nuovo: è in vetrina l’ultimo costume di Blumarine a prezzo scontato. Parola d’ordine, non lasciarselo scappare!! Entrate nel camerino?!…no, stavolta no! Lo acquistate e basta, poi lo proverete a casa e se non va bene passerete a cambiarlo perché lo specchio di casa è molto più sincero”. Ecco i pensieri che le ragazze scambiano al mare mentre prendono la tintarella.

Chissà se per i maschietti ci sono le stesse difficoltà o se la loro nonchalance li porta a non accorgersi di nulla e a definire così noi donne: ESAGERATE!

Sorge così una domanda spontanea: forse la moda non è tutta lustrini e pailettes come ci fanno credere?! Forse la moda è ciò che noi vogliamo credere, una dolce e spensierata abitudine che ci fa apparire più belle prima ai nostri occhi e poi a quelli degli altri.

Sarebbe bello riuscire sempre a tenere a mente la  citazione che amava tanto ripetere Chanel: “La moda riflette sempre i tempi in cui vive, anche se, quando i tempi sono banali, preferiamo dimenticarlo.

Categorie
Moda

Scopri i colori dell’estate 2012 secondo Pantone

Pantone, marchio fornitore degli standard di colore di moda e design da oltre 18 anni, ha pubblicato il suo “Pantone Fashion Color Report”, ovvero l’insieme di colori che useremo di più durante la prossima estate. Il report è il risultato di interviste a stilisti, stylist e fornitori della moda, fatte durante la fashion week newyorkese.

I dieci colori che segneranno la estate 2012 saranno:

  • Tangerine Tango – pantone 17 – 1463″, ovvero un arancio mandarino vivace (ma non troppo chiaro) e fresco;
  • Solar Power – pantone 13 – 0759″, un giallo anche questo vivace, che tira su il
    morale;
  • Bellflower – pantone 18 – 3628″, viola chiaro che evoca unicità e creatività;
  • Cabaret – pantone 18 – 2140″, un fucsia sensuale e intenso; 
  • Sodalite Blue – pantone 19 – 3953″, che è un blu navy che si accorda bene con tutti gli altri colori elencati;
  • Margarita – pantone 14-0116”, un giallo-verde molto fresco e stimolante;
  • Sweet Lilac  – pantone 14-2808”, rosa che evoca i giardini in fiore dell’inizio della primavera;
  • Cockatoo – pantone 14-5420”, un ble-verde che solleva l’umore;
  • Driftwood – pantone 18-1210”, una nuance tra beige e grigio facilmente adattabile al resto del guardaroba;
  • Starfish – pantone 16-1120”, colore neutro e perfetto per le calde giornate estive.

I consumatori aspettano la primavera per ritrovare energia, ottimismo e giornate lunghe e piene di sole.“, dice Leatrice Eiseman, executive director del Pantone Color Institute®.
Insomma, una tavolozza di colori vivaci, com’è tipico della stagione calda, di cui potremo testare le previsioni anche con le fashion week in corso adesso nelle principali città della moda del pianeta.