Categorie
Bellezza & Salute

Frutta e verdura migliorano la vita: ci rendono più energiche e felici

Frutta e verdura, alimenti essenziali e preziosi per la salute umana.

Secondo quanto emerso da una ricerca condotta da alcuni ricercatori del Dipartimento di Nutrizione Umana di Otago, fare uso di frutta e ortaggi può apportare conseguenze positive sull’umore e lo stato d’animo degli individui. Contengono innumerevoli proprietà benefiche, le quali aiutano a mantenere un benessere generico della persona  e a prevenire diverse tipologie di malattie.

Le proprietà fondamentali, di cui sono in possesso questi indispensabili cibi, sono legate al loro grosso quantitativo di vitamine, alla grande percentuale di acqua e di fibre, alla loro freschezza. Lo studio, pubblicato sul British Journal of Healt Psycology, è stato fatto su un campione di 281 giovani, i quali per 21 giorni hanno compilato un questionario con i dettagli dell’età, sesso, etnia, peso e altezza.

Dal campionamento sono stati banditi coloro che hanno riscontrato disturbi alimentari. I ragazzi, a fine giornata, nel loro diario, hanno inoltre dovuto utilizzare nove aggettivi positivi e nove negativi per esprimere un giudizio di valutazione delle ultime 24 ore trascorse.

In seguito, attraverso cinque quesiti frutta verdure fa bene salute energia feliciè stato chiesto loro cosa avessero mangiato, enumerando con precisione le porzioni di frutta, verdura e pietanze meno salutari.

La ricerca, a questo punto, ha spezzato una lancia a favore del consumo di frutta e verdura dimostratosi realmente benefico sui soggetti che si sono rivelati  più energici e felici. In realtà, se medici e nutrizionisti affermano e consigliano, costantemente, di fare largo uso di questi alimenti un motivo ci sarà!

 

Maria Francesca Baratta

Categorie
Coaching for women

Investi su te stessa. Terzo passo: elimina le interferenze

Dopo avere attinto alla tua immaginazione e alla tua fantasia (vedi le prime due lezioni: decidi cosa vuoi e definisci i tuoi obiettivi), dovresti ora avere in mano una pagina scritta di tuo pugno in cui hai descritto in modo conciso e chiaro ciò che vuoi diventare, essere, ottenere.

Il passo successivo per creare la persona che vuoi diventare e manifestare la donna meravigliosa che risiede in te al 100%, è eliminare le interferenze.

Le interferenze possono essere di due tipi: esterne ed interne.

Investi su te stessa. Terzo passo: elimina le interferenze Quando parlo di interferenze esterne mi riferisco all’ambiente in cui vivi e alle persone che frequenti spesso. In alcuni casi l’ambiente potrebbe essere perfetto ed estremamente fertile per la buona riuscita del tuo obiettivo; ma in altri casi, invece, potrebbe ostacolarti o renderti difficile mettere in atto le azioni necessarie per portare a termine il tuo piano d’azione.

Pensaci un attimo. La città in cui abiti, il paese dove vivi, la casa o l’ufficio in cui lavori, sono in sintonia con gli obiettivi che hai scritto nella descrizione sul tuo foglio? Se la risposta è no, non disperare! Non sei costretta a traslocare di punto in bianco: ragiona piuttosto su alcuni cambiamenti che potresti apportare in termini di comodità e praticità. Ci vuole più luce? Più colore? Potresti mettere in ordine? Buttare via tutto ciò che è inutile? C’è un’attività che va molto di moda e che si chiama Decluttering e cioè eliminare tutto il superfluo e vivere in ambienti ordinati e ben organizzati per migliorare la propria produttività.

Se questo per te è arabo, corri ai ripari e documentati (leggendo il nostro articolo linkato sopra). Modificare e migliorare il tuo ambiente è un primo passo molto importante. E’ un po’ come dire: non vorrai mica iniziare un programma alimentare per perdere peso, con la dispensa zeppa di barattoli di cioccolato, zucchero e brioche?! O assumere una nuova collaboratrice senza avere pensato a dove creare una sua postazione?

L’altro elemento che può causare interferenza esterna Investi su te stessaè dato dalle persone che frequenti e che vivono attorno a te. Come sei messa a “buone o brutte compagnie”? Hai vicino persone che credono in te, che ti supportano, che ti stimano e ti fanno sentire bene, oppure no? Le persone da cui ricevi la maggior parte dei suggerimenti sono esperte nelle aree in cui ti offrono i loro consigli?

Se la risposta a queste domande ti farà capire che attorno a te le persone non sono la squadra adatta a supportarti positivamente per raggiungere quel che vuoi, allora creati un’altra squadra!

E non sto dicendo di tagliare i ponti con tutta la tua famiglia, se per caso fosse proprio la famiglia l’interferenza limitante: piuttosto stabilisci dei paletti oltre ai quali non permettere a chi ti crea negatività di passare. E valuta, sulla base dei tuoi obiettivi, che tipo di persone potrebbero esserti utili da frequentare per decidere come conoscerle.

Iscrivi ad un corso, oppure ad un circolo, ad un club, ad un gruppo – possibilmente dal vivo, ma eventualmente va bene anche online – frequenta raduni di persone che abbiano la mentalità simile alla tua, positiva, di supporto e che ti facciano sentire accettata e compresa. Perché anche se sei la donna più indipendente ed autonoma del mondo, non c’è nulla da fare; le frequentazioni, anche se indirettamente, influenzano i tuoi comportamenti e la tua vita.

E di conseguenza i tuoi obiettivi e risultati.

Le interferenze interne sono invece i tuoi conflitti interni, le tue convinzioni limitanti, i tuoi paradigmi ed i cliché che hai ereditato dalla tua educazione e cultura. Ne parliamo nel prossimo articolo…

 

Vale Giuffrè

Success & Styling Coach for Women

www.valegiuffre.it

Categorie
Bellezza & Salute

I chakra. Cosa sono e come equilibrarli

In anni in cui la medicina alternativa va di moda sicuramente molte di voi hanno già sentito parlare di chakra, magari in maniera superficiale, ma il termine difficilmente risulterà nuovo. La parola suona dolce e affascinante ma a cosa si riferisce? A una disciplina orientale? A posizioni yoga? Niente di tutto ciò. I chakra, fondamento della salute olistica, sono vortici di energia che ruotano (chakra in sanscrito significa ruota) nel nostro corpo fisico ed energetico.

chakraCorpo energetico? Sì, l’essere umano così come l’universo tutto è composto da energia che fluisce senza sosta. A seconda delle culture, questo flusso energetico viene definito con nomi differenti. Ad esempio, per gli induisti si tratta di “prana”, mentre per i cinesi è il “chi”. Nelle culture orientali esistono discipline antiche che aiutano la persona a prendere consapevolezza di questa energia, entrando in connessione con il suo flusso vitale: lo Yoga, il Reiki, lo Shiatsu, il Chi Kung, ecc.

I chakra, collocati lungo una linea immaginaria che va dalla base della spina dorsale alla parte superiore della testa, sono sette e ognuno ha un nome proprio, oltre a uno specifico colore. Vi riporto i nomi perché, secondo le pratiche olistiche, chiamarli risveglia la loro energia. Sono Muladara (rosso), Swadhisthana (arancione), Manipura (giallo), Anahata (verde), Vishuddhi (azzurro), Agya (blu) e Sahasrara (viola).

Poiché ogni chakra controlla le varie parti del corpo, quando l’energia scorre armoniosamente tra di essi, la nostra salute fisica e mentale sarà buona. Diversamente, ci saranno dei blocchi che possono manifestarsi con il tempo attraverso disturbi o malattie. Il chakra si blocca quando una delle sue due correnti, di ricezione e di espressione (in linea con i principi su cui si basa la nostra vita, cioè apprendere ed esprimere) viene alterata. Come? A causa di traumi infantili, abitudini restrittive, ferite emotive, ecc.

Per superare un stato mentale o fisico negativo i colori chakrachakra hanno bisogno di venire equilibrati. L’equilibrio dei centri energetici può essere apportato con i cristalli grazie alle loro vibrazioni; esistono determinati cristalli che, in base al loro colore, sono adatti a specifici chakra. Anche le essenze floreali, come i fiori di Bach, hanno potenti qualità di cura. Un’altra terapia per riportare equilibrio nei nostri chakra è quella del colore: scegliendo un colore corrispondente a quello del chakra “scarico”, riporteremo armonia al nostro campo energetico.

In realtà, senza esserne consapevoli, mettiamo in atto questa pratica tutte le volte che decidiamo di indossare un abito di una tinta piuttosto che di un’altra perchè in quel momento ci fa sentire inspiegabilmente meglio.

Altri rimedi al disequilibrio energetico sono: gli oli essenziali, la meditazione, i massaggi (shiatsu, riflessologia plantare, agopuntura, ecc.), il suono. E ancora: la visualizzazione – l’immaginazione ha un potere grandissimo sulla nostra mente – e lo yoga.

Categorie
Casa

Vita green: consigli per risparmiare sull’energia

Essere buoni cittadini non significa solo rispettare la legge, ma seguire una serie di norme di educazione civica nel rispetto del nostro vicino.

energia greenDa anni Legambiente si preoccupa di pubblicare guide all’insegna del risparmio a partire da piccole regole casalinghe, per finire al senso civico da tenere in qualsiasi luogo.

Alcuni elettrodomestici “intelligenti” ci aiutano a risparmiare sulla bolletta di casa. Rowenta, per esempio, ha ultimamente messo in commercio la Powerline Eco RH7765, una scopa elettrica realizzata all’80% con materiale riciclabile, dotata di tecnologia ciclonica che assicura una separazione della polvere dall’aria in modo da ridurre i tempi di aspirazione.

Un altro aspirapolvere, o meglio robottino tuttofare, è quello della LG/Hom-Bot Living con: doppia telecamera, sensori antiurto e anti-caduta ad ultrasuoni e infrarossi, il tutto alimentato da batteria ricaricabile a litio.

Per ripararci dal freddo dell’inverno c’è, invece, l’Olimpia Splendid/Caldo 24h: un termoventilatore in grado di rilevare la temperatura ambientale e, qualora questa fosse vicina a quella impostata, di attivare automaticamente la funzione “low power”.

Anche la cappa da cucina del marchio Elica ha uno speciale motore chiamato Synairgy che riduce del 50% il consumo di energia elettrica rispetto ai modelli tradizionali, garantendo massima silenziosità.

Per chi invece volesse ridurre le spese senza acquistare questi elettrodomestici, ci sono i consigli di www.viviconstile.org.

I miei consigli (appresi da un papà severo e attento) energia e risparmiosono semplicissimi: utilizzate lampadine a risparmio energetico nelle stanze che usate con meno frequenza (sono quelle che si accendono lentamente e non sono il massimo per quando si è di fretta). Non lasciate accese le spie delle ciabatte elettriche; spegnete la macchina del caffè espresso dopo averla utilizzata: è la più costosa in termini di consumi (quasi 2 kilowatt all’ora). Non lasciate luci accese di notte o quando uscite di casa, la legenda del ladro che si allontana vedendo la luce accesa è ormai obsoleta (i migliori furti sono proprio quelli fatti in presenza del proprietario di casa). Disponete i tavoli-studio vicino le finestre in modo da sfruttare il più possibile la luce del giorno. Quando guardate la TV fatelo a luce spenta o, se non volete peggiorare la vista, con la luce gialla di una piantana.

Ricordate, infine, di insegnare ai vostri figli queste piccole regole già dall’età di 5 anni in modo che diventino una routine giornaliera. Abituarsi a pensare “green” richiede tempo se in passato non si è mai fatto.