Categorie
Bellezza & Salute

Bere spesso bevande gassate e zuccherate altera il cervello?

Gli esperti temono che il consumo regolare di bevande gassate possa alterare “profondamente” il cervello. Uno studio ha scoperto che il consumo, a lungo termine, di una bevanda dolce ha provocato iperattività e l’alterazione di centinaia di proteine nel cervello. Le alterazioni cerebrali sono state osservate in malattie, che vanno dal tumore al morbo di Alzheimer.

La ricerca è stata condotta sui ratti, ma gli scienziati australiani hanno riferito che tale prova può indicare che una dieta, ricca di zuccheri, ha conseguenze, non solo sulla salute fisica, ma anche mentale.

La ricercatrice Jane Franklin, della Macquarie University a Sidney, ha dichiarato:

Nella maggior parte delle società occidentali, c’è un incremento preoccupante del consumo di bevande zuccherate. Per molti adulti, queste bevande rappresentano una percentuale rilevante del loro apporto calorico giornaliero. La nostra ricerca suggerisce che il consumo, a lungo termine, di bevande zuccherate, al bevande gassate depressione aumentoposto dell’acqua, può causare perenni cambiamenti sul comportamento e una profonda mutazione nella chimica del cervello. Se si ha sete, è meglio bere l’acqua. Le bevande analcoliche devono essere consumate con moderazione”.

La ricercatrice ha comparato i ratti, che avevano bevuto acqua zuccherata per un mese, con quelli, che invece avevano consumato acqua normale. I ratti, che avevano bevuto acqua zuccherata sono diventati iperattivi e l’esame del tessuto, prelevato da una sola parte del cervello, ha mostrato cambiamenti in 300 proteine diverse.

I ricercatori hanno dichiarato alla conferenza annuale della Society for Neuroscience: “Questo studio indica che una dieta ricca di saccarosio può cambiare in modo significativo la chimica e il comportamento del cervello”.

Categorie
Bellezza & Salute

Bibite gassate? Secondo uno studio ci spingono alla depressione

Le bibite gassate sono ormai diventate le nostre compagne di abbuffate, ci accompagnano durante pranzi, cene, feste, scampagnate. Da quando sono state messe sul mercato siamo diventati bibite gassate dipendenti e, secondo i più, portarle in tavola induce nei consumatori allegria e buon umore.

Ci dispiace però deludervi ma, secondo uno studio condotto dal National Institutes of Health, il consumo continuo e ripetuto di bevande gassate e zuccherate ci spinge alla depressione. Tali bevande, infatti, possono avere effetti importanti sia sul piano fisico che su quello mentale, in particolar modo negli adulti.

Lo studio, realizzato su 263.925 individui di età compresa tra i 50 e i 60 anni, ha dimostrato che le persone abituate ad accompagnare, spesso e volentieri, i propri pasti con bibite gassate e bevande gassate depressionezuccherate rischiano di sviluppare vari disturbi e, soprattutto, di avvicinarsi alla soglia della depressione con molta più facilità rispetto a chi, invece, non fa utilizzo di tali bevande.

Il consiglio è quello di sostituire tali bibite con il caffè o con altre bevande che non creano “dipendenza”, se poi non riuscite proprio a modificare le vostre abitudini cercate almeno di limitarne il consumo.