Categorie
Bellezza & Salute

Cura del corpo e della pelle: i benefici del bicarbonato in 7 consigli

La cura del corpo è lo “sport” migliore per noi donne che miriamo ad essere perfette e belle in ogni periodo dell’anno; il detto latino “mens sana in corpore sano” è diventato il nostro credo e per il nostro benessere siamo pronte a spendere un mucchio di soldi. Vista la crisi è, però, arrivato il momento di mettere da parte il portafoglio abbracciando la filosofia dei trattamenti low cost e fai da te.

Il miglior alleato della nostra bellezza è certamente il bicarbonato, ottimo per la cura del corpo e per trattamenti completi dalla testa ai piedi.

Se ci si vuole rilassare dopo una lunga giornata di lavoro e ricaricare le energie la migliore soluzione è quella di aggiungere una mezza tazza di bicarbonato al bagno caldo, si otterrà così un effetto energizzante, tonificante e rinvigorente con una pelle che diventa ogni giorno più morbida e levigata. Se invece si desidera eliminare le cellule morte, le tossine e le impurità basta aggiungere al bicarbonato un po’ d’acqua per creare una sorta di scrub da massaggiare, con movimenti circolari, sulla pelle.

Il bicarbonato è un toccasana anche per l’igiene orale, è ideale come collutorio perché neutralizza gli acidi prevenendo le carie ma anche come sbiancate se utilizzato, sporadicamente, al eco bio cosmesi salute benessere viso corpo donnaposto del dentifricio. Grazie ai suoi microgranuli, infatti, garantisce un sorriso perfetto e un alito sempre fresco.

L’utilizzo del bicarbonato permette anche di contrastare i cattivi odori come quelli generati dal sudore, basta tamponarlo sotto le ascelle per ottenere lo stesso effetto del deodorante senza, però, il rischio di incorrere in irritazioni o reazioni allergiche; la nostra preparazione non contiene né alcool né profumi permettendo, così, di mantenere l’odore naturale della pelle.

Il carbonato monosodico è anche ideale per un trattamento dei piedi, delle mani e dei capelli; basta fare un pediluvio o aggiungerlo allo shampoo per avere pelle soffice e capelli setosi.

 

Categorie
Cucina

Cucinare con l’olio extra vergine d’oliva è uno “spreco di soldi”: perde i suoi benefici salutari

L’olio di oliva è rinomato e consigliato, per i suoi benefici salutari, nella dieta mediterranea. Ma gli acquirenti, che cucinano con l’olio extra vergine di oliva, potrebbero sprecare i loro soldi – perché l’olio perde la maggior parte dei suoi benefici quando viene riscaldato. L’olio di oliva ha più antiossidanti rispetto ad altri oli e contiene anche componenti bioattivi – chiamati composti fenolici – che contribuiscono a scongiurare il cancro ed altre malattie.

Tuttavia, i ricercatori dell’Università di Porto, Portogallo, affermano che quando gli oli vengono riscaldati, la loro qualità si degrada.
Hanno dichiarato sulla rivista Food Research International, che loro ricerca ha dimostrato che qualsiasi tipo di riscaldamento riduce i benefici dei composti fenolici nell’olio. Hanno spiegato: “ il consumo dell’olio vergine di oliva, come condimento o all’interno di cibi cotti, è in aumento in tutto il mondo, principalmente perCucinare, olio extra vergine d'oliva, spreco, benefici i suoi benefici nutrizionali riconosciuti. Tuttavia, diverse pratiche di cucina, dal friggere, alla cottura bollente e forno a microonde, senza dubbio modificano il profilo chimico dell’olio d’oliva”.

Perciò, potrebbe essere “economicamente vantaggioso” utilizzare l’olio di oliva standard, piuttosto che pagare di più per la varietà extravergine. Tuttavia, ci sono dei metodi da attuare, durante la cottura, per evitare che l’olio d’oliva si rovini.

Uno tra questi è mantenere il riscaldamento al minimo, mentre un altro è continuare ad aggiungere una spruzzata di olio, durante il processo di cottura, in modo che non diventi così caldo e perda le sue proprietà salutari.

Categorie
Bellezza & Salute

I benefici dell’esercizio fisico in piscina

Il nuoto è un’attività divertente, che offre benefici alla pari delle altre attività fisiche, senza il pericolo di logoramenti alle articolazioni. È anche un ottimo modo per mantenersi in allenamento, senza surriscaldamento, così come in inverno, quando l’esercizio all’aria aperta non è praticabile.

Quando si va al mare, o in piscina, si possono fare semplici esercizi, mentre si è in acqua, combinandoli con una nuotata.

È importante sapere che ci sono due benefici fisici fondamentali dell’allenamento in piscina. Per prima cosa, poiché la densità dell’acqua è simile alla densità del corpo umano, l’acqua sostiene il peso del corpo, eliminando lo stress sulle articolazioni. L’esercizio in acqua lavora tutto il corpo in una sola volta.

Le parti superiori e inferiori del corpo lavorano mentre ottengono benefici cardiovascolari dell’aerobica insieme alla tonificazione muscolare, per via della resistenza dell’acqua. Oltre ai vantaggi fisici dell’esercizio in piscina, ci sono altri benefici: poca o nessuna attrezzatura è richiesta, è poco costoso o gratis (se si va al mare).

Come per ogni attività fisica, è importante parlare nuotare piscina benefici fa benecon il medico di fiducia, per assicurarsi della propria forma o se si è abbastanza sani, per il rigoroso esercizio fisico. Bisogna procedere gradualmente nell’attività: iniziare a piccoli passi, fino a quando si aumenta la forza e la resistenza.

Ecco tre esempi di esercizi che si possono effettuare in piscina:

  1. tenersi al bordo della piscina e sforbiciare le gambe, per lavorare glutei e bicipeti femorali;
  2. posizionare la schiena contro il lato della piscina e sollevare le braccia fuori dall’acqua, mettendo i gomiti sul bordo della piscina. Portare le ginocchia il più possibile verso il petto e tenerle, nella posizione, per almeno dieci secondi, per lavorare gli addominali. Ripetere tante volte quanto è possibile;
  3. saltare, portando le ginocchia verso la superficie dell’acqua e poi scendere giù nella posizione originaria. Questo movimento dovrebbe imitare il salto della rana. Fare i salti per tre minuti.
Categorie
Bellezza & Salute

Cade un mito: gli Omega-3 non fanno bene al cuore!

Gli Omega-3, elementi benefici contenuti in particolar modo nei pesce, sono da sempre considerati un toccasana per i cardiopatici.

Eppure, recenti sviluppi dicono che in alcuni casi questi non bastano, o semplicemente non sono adeguati per quelle persone che soffrono di malattie cardiache. Una ricerca su dodicimila pazienti condotta dall’Istituto Mario Negri con la collaborazione del Consorzio Mario Negri Sud e di 860 medici dimostra il contrario.

omega 3Questa ricerca è stata condotta su pazienti con un’età media intorno ai 64 anni, che sono stati seguiti per 5 anni, per i quali era previsto un controllo giornaliero dell’assunzione di Omega-3, noti anche come acidi grassi polinsaturi. Lo studio, pubblicato poi sul  New England Journal of Medicine, mirava a rilevare se, all’assunzione giornaliera di un grammo di Omega-3, corrispondesse un blocco del peggioramento fisiologico al quale è soggetto in generale un malato di cuore.

I risultati, come si è intuito, sono stati negativi. L’assunzione di acidi grassi polinsaturi non aiuta affatto ad impedire la morte o arginare la malattie dei cardiopatici, i quali, pur seguendo una corretta alimentazione, devono sempre e comunque ricorrere a corrette cure mediche.

Categorie
Bellezza & Salute

Dormire giova alla salute: 10 sorprendenti benefici del sonno

Health magazine: Dormire giova alla salute, perché solleva il morale ed evita la comparsa di occhiaie. Un sonno regolare è parte integrante di uno stile di vita sano e porta benefici al cuore, al peso e alla mente.

Di seguito dieci sorprendenti benefici del sonno, che i ricercatori hanno scoperto recentemente: 

1. migliora la memoria: il sonno rafforza la memoria e “consolida” i ricordi. Dr. Rapoport, che è un professore associato al NYU Langone Medical Center, dichiara: “se si cerca di imparare qualcosa, si fa pratica, esercizio. Ma quando si dorme, si memorizza qualunque cosa meglio”;

2. vivere più a lungo? Dormire troppo o troppo poco è associato ad una vita meno longeva. Il direttore della medicina presso il St. Luke’s-Roosevelt Hospital Center, Raymonde Jean, afferma: “se si dorme meglio, si vive meglio”;

3. contrasta le infiammazioni: l’infiammazione benefici sonno dormire fa beneè legata alla malattia del cuore, ictus, diabete, artrite, invecchiamento precoce.  La ricerca indica che le persone che dormono poco – sei o meno ore a notte – hanno livelli sanguigni più alti di proteine infiammatorie di quelle normali;

4. migliora la creatività: prima di mettersi all’opera con pennarelli e pennelli, è consigliabile una bella dormita. Oltre a migliorare la memoria e a consolidare i ricordi, il cervello li riorganizza e li ristruttura, perfezionando anche la creatività;

5. aiuta ad essere un vincente: se sei un atleta, la miglior cosa da fare per migliorare la tua performance è dormire. Uno studio dell’università di Stanford ha scoperto che i giocatori di football, che dormivano almeno 10 ore a notte, per sette-otto settimane miglioravano la loro prestazione e mostravano meno fatica  e più robustezza;

6. migliora i voti: secondo uno studio del 2010, pubblicato sulla rivista Sleep, i bambini, da un’età compresa tra i 10 e i 16 anni, che avevano problemi di sonno, mostravano più probabilità di avere problemi di attenzione e apprendimento;

7. migliora l’attenzione: Dr. Rapoport afferma che la mancanza di sonno è uno dei sintomi nei bambini, che presentano la sindrome da deficit di attenzione e iperattività;

8. avere il giusto peso:  i ricercatori dell’università di Chicago hanno scoperto che chi fa dieta ed è ben riposato, riesce a perdere più grasso, rispetto a chi dorme poco, che perde più massa muscolare. Dr. Rapoport spiega: “il sonno e il metabolismo sono controllati dagli stessi settori del cervello. Quando si ha sonno, aumentano alcuni ormoni nel sangue, e quegli stessi ormoni guidano l’appetito”;

9. abbassa lo stress: come afferma Dr. Jean, il sonno riduce i livelli di stress, e si ha maggior controllo della pressione del sangue. È noto anche che il sonno influisca positivamente sui livelli di colesterolo;

10. evita incidenti: il sonno insufficiente, anche per una notte sola, può essere dannoso per la capacità di guida, così come l’alcol. Dr. Rapoport afferma: “la sonnolenza è spesso sottovalutata. Essa può influire sulla velocità di reazione e sul processo decisionale”.

 

Categorie
Bellezza & Salute

L’olio di menta ha benefici contro la sindrome dell’intestino irritabile

Studi hanno dimostrato che l’olio essenziale di menta ha benefici, contro la sindrome dell’intestino irritabile, un insieme di sintomi che includono dolori addominali, crampi allo stomaco, gonfiore, costipazione e diarrea, che colpisce il 20 % della popolazione.

Quando sentiamo parlare di menta, associamo subito il nome di questa pianta aromatica, dal tipico sapore pungente e piccante, al possibile gusto delle caramelle o di un gelato.

Ma non tutti sanno che la menta è anche un’erba medicinale, che è usata per trattare una vasta gamma di dolori addominali. L’olio estratto dalla pianta della menta contiene dei composti, ma il più abbondante e forse il più importante, dal punto di vista farmacologico, è il mentolo.

Gli studi hanno dimostrato che l’olio di menta ha benefici nei pazienti, che soffrono della sindrome di intestino irritabile, un insieme di sintomi che includono dolore addominale, crampi allo stomaco, gonfiore, costipazione e diarrea. Una spiegazione è che l’olio di menta– nello specifico, il mentolo – blocca i olio di menta ibscanali del calcio, che ha l’effetto di rilassare i muscoli nelle pareti dell’intestino. Recentemente, Alex Ford, un ricercatore dell’Università McMaster, ha concluso che, invece dei medicinali popolari, l’olio di menta dovrebbe essere, in prima linea, per la difesa dell’intestino, contro l’IBS.

Inoltre, la menta può, temporaneamente, alleviare il prurito causato dalle punture degli insetti, eczema e altre lesioni, incluse eruzioni cutanee causate dall’edera.

Il tè alla menta può essere anche usato come colluttorio per i bambini, per contrastare il mughetto,  come mezzo, per ridurre la nausea durante la gravidanza, per le donne che vogliono evitare medicinali forti.

 

Categorie
Bellezza & Salute

Cioccolata fondente: fa bene ed ha molti benefici. Ma è sempre meglio non esagerare!

Per il piacere di tutti quelli che amano il cioccolato fondente, Health Magazine presenta i benefici di questa prelibatezza, raccomandando comunque di non esagerare per una dieta sana e con pochi grassi.

Di seguito le proprietà del cioccolato, che fanno bene alla nostra salute:

– il cioccolato fondente è carico di antiossidanti

il cioccolato fondente contiene grandi quantità di flavonoidi, alleati contro le infezioni e antiossidanti che si trovano anche nel vino rosso, in molti frutti e verdure;

– il cioccolato fondente allieva i sintomi premestruali

L’istruttrice Nathalie Lussier dichiara: “c’è una ragione, per cui abbiamo il desiderio di alcuni alimenti, come il cioccolato, in quel periodo del mese. Il cioccolato rilascia endorfine calmanti, che riducono l’ansia. In più, è un alto concentrato di magnesio” che solleva l’umore e riduce la ritenzione idrica;

– il cioccolato fondente potrebbe abbassare il colesterolo

Uno studio svolto all’Università di Urbana-Champaign ha scoperto che il consumo giornaliero di cioccolato fondente abbassa il colesterolo e migliora la pressione sanguigna;

– il cioccolato fondente potrebbe prevenire le complicazioni della gravidanza

Un nuovo studio attesta che una sostanza chimica (teobromina) trovata nel cioccolato potrebbe ridurre il rischio di preeclampsia, una delle maggiori complicazioni durante la gravidanza. Più la cioccolata è fondente, più ha maggiori benefici.

La preeclampsia è nota per l’alzamento della pressione sanguigna nelle donne incinte, e mangiare cioccolata aiuta a ridurre questo rischio del 69%. Tuttavia, nonostante i buoni risultati dello studio, i ricercatori hanno affermato, che hanno ancora bisogno di prove per dimostrare il legame tra
cioccolato e preeclampsia;

– il cioccolato fondente aiuta a prevenire le malattie cardiache

Un recente studio dimostra che le persone, che consumano regolarmente cioccolato fondente ( 20 g. al giorno) mostrano un netto miglioramento nel flusso sanguigno, mentre per chi mangia cioccolato “trattato” non c’è beneficio, perché vi è in esso poco cacao. Sembra che il cioccolato fondente abbia cioccolata fondente beneficieffetti positivi, per via dei suoi polifenoli, che rilasciano l’ossido nitrico, che incrementa la dilatazione arteriosa e, allo stesso tempo, migliora il flusso sanguigno e riduce l’aggregazione piastrinica. Inoltre, è importante notare che studi recenti hanno dimostrato che il latte impedisce l’assorbimento dei polifenoli del cioccolato fondente, neutralizzando i suoi benefici. Il latte contiene grandi quantità di caseina, una proteina che interagisce con i polifenoli e ostacola il loro assorbimento dall’intestino;

il cioccolato fondente potrebbe migliorare la tua pelle

I ricercatori dell’università tedesca Heinrich Heine hanno sottoposto i mangiatori di cioccolato ai raggi ultravioletti e hanno scoperto, che, dopo 6 settimane, avevano il 15 % in meno di pelle arrossata di chi non mangiava cioccolato. Il direttore dello studio Wilhelm Stahl afferma: “Crediamo che i composti del cioccolato agiscono come filtri UV”. Dopo 12 settimane, la pelle di chi mangiava cioccolato era più sana del 42% di chi aveva la pelle squamosa;

– il cioccolato fondente potrebbe ridurre il dolore

Uno studio recente pubblicato nel Journal of Neuroscience ha scoperto che i topi non rispondono velocemente al dolore, se non quando mangiano la cioccolata. I ricercatori dicono che l’effetto antidolorifico potrebbe essere nocivo per gli umani come potrebbe contribuire all’obesità. Perciò, è importante ricordare di mangiare il cioccolato con moderazione. Anche perché è stato notato che anche l’acqua riduce il dolore.

 

Categorie
Bellezza & Salute

Pet therapy: i benefici della compagnia di un animale

La compagnia di un animale ha molti vantaggi: gli animali amano incondizionatamente il loro padrone, non lo giudicano, sono pronti a seguirlo e non chiedono nulla in cambio.

La pet therapy non è una novità assoluta e neanche molto recente.

Difatti, già nel terzo millennio a. C., un medico greco diceva che per curare l’insonnia bisogna andare a cavallo.

Da sempre, insomma, l’uomo è consapevole del benefico effetto che la compagnia di un animale può portare alla psiche umana. Anche se le radici di questo tipo di intervento sono lontane nel tempo, la diffusione di questo tipo di terapia è recentissima.

E’ stato solo negli anni settanta che si è cominciato a considerare con attenzione il rapporto uomo animale, sia in campo psicologico che medico. Tutto è nato casualmente dall’incontro tra un cane di uno psichiatra ed un bambino autistico, che iniziando a giocare con l’animale, interruppe  il suo isolamento con il mondo esterno. Da allora la pet therapy ha visto aumentare ogni giorno di più i suoi sostenitori ed oggi è praticata in molti contesti ed in moltissime parti del mondo.

Pet terhapyQuesto tipo di approccio si è rivelato efficace soprattutto come sostegno alla cura della depressione e dell’ansia, ma è utile anche  nei casi di malattie psicologiche più  serie come la schizofrenia.

Gli studi condotti sulle persone sottoposte a questo tipo di trattamento ne hanno ampiamente dimostrato la sua efficacia.

La presenza di un animale, può svolgere la funzione di ammortizzatore in particolari condizioni di stress e di conflittualità e può rappresentare un valido aiuto per pazienti con problemi di comportamento sociale e di comunicazione, specie se bambini o anziani, ma anche per chi soffre di alcune forme di disabilità e di ritardo mentale e per pazienti psichiatrici.

Alcuni studi condotti hanno dimostrato che accarezzare un animale, oltre ad aumentare la coscienza della propria corporalità, essenziale nello sviluppo della personalità, si rivela utile per la riduzione della pressione arteriosa, contribuisce a regolare la frequenza cardiaca, calma la tensione muscolare, riduce l’ansia, attenua la depressione e aiuta a combattere lo stress.

L’animale più adatto per chi soffre di depressione è il  cane, per la sua fedeltà e per l’affetto che questo animale sa dare. Per una persona depressa prendersi cura di un cane, può contribuire a far vincere la sua sensazione di solitudine;è un modo per riempire le giornate vuote; offre spunti di gioco e di conversazione;  col tempo la relazione affettiva che si creerà tra uomo e animale, avrà effetti positivi su tutta l’emotività del paziente.

Categorie
Amore

Effetti benefici del naturismo-nudismo

Il naturismo è uno stile di vita a stretto contatto con la natura e con un modo naturale di rapportarsi agli altri esseri umani, agli animali e all’ambiente in generale. Esso si propone una vita sana, basata sui due pilastri fondamentali della salute: l’alimentazione e il movimento. Inoltre, adotta il nudismo come aspetto naturale della socialità.

Il nudismo, in senso stretto, è la semplice pratica del nudo, solitamente in zone balneari, senza particolari convinzioni legate al rispetto della natura o ad una vita sana.

Ma vediamo in particolare cosa ci dice il naturismo-nudismo. Innanzitutto, spogliare il corpo degli abiti, in un ambiente aperto e naturale, significa automaticamente predisporlo a tre diversi “bagni” negli elementi atmosferici: il bagno d’aria, il bagno di luce e di sole, il bagno d’acqua dolce o marina.

E quali sono gli effetti benefici del nudo-naturista?
Vediamoli per punti:

1) Il corpo nudo preserva il sistema termo-regolatore del nostro corpo. Spesso ci copriamo troppo e questo impedisce la naturale capacità del corpo di adeguarsi alla temperatura esterna. Di conseguenza esso si indebolisce ed è più facile che soffra di raffreddore, mal di testa, sinusiti, bronchiti, reumatismi, ecc. La nudità, invece, favorisce l’autoproduzione del calore disperso distribuendolo in modo equilibrato in tutto corpo.

2) L’autoproduzione del calore regola anche il peso-forma, infatti, l’energia metabolica che serve per produrre calore andrà ad intaccare indirettamente le riserve di grasso e di conseguenza si verificherà una diminuzione di peso.

3) Fa bene alle pelle, poiché gli agenti atmosferici sono in grado di tonificarla e restituirle la giusta sensibilità. Inoltre, l’assenza di cosmetici nella pratica nudo-naturista favorisce la naturale vitalità della pelle. I “bagni d’aria e di sole” permettono l’eliminazione delle tossine, quali gli acidi urici, l’anidride carbonica, gli acidi organici, ecc.

4) Migliora la respirazione. La qualità dell’aria è importante, infatti i naturisti cercano luoghi possibilmente salubri per praticare il nudismo. Durante le vacanze salutari si eseguono esercizi fisici che potenziano la capacità respiratoria con conseguente ossigenazione di tutto l’organismo. Un maggiore apporto di ossigeno al sangue ha effetti benefici sulla pelle e sugli organi interni, nonché su tutto il sistema cardio-circolatorio. L’aeroterapia è la disciplina che studia i metodi più efficaci per beneficiare del cosiddetto “bagno d’aria”.

5) La talassoterapia è la cura attraverso l’acqua del mare. Il “bagno d’acqua” ha numerosi effetti positivi, dal forte massaggio sulla pelle, che stimola i vasi sanguigni e le innervazioni cutanee, all’improvvisa differenza di temperatura che agisce da tonificante generale, fino all’assorbimento cutaneo di minerali e oligoelementi. Inoltre produce un miglioramento generale del tono dell’umore.

6) Il “bagno di luce o di sole” è un altro elemento in grado di rinvigorire il nostro corpo e la nostra mente. Gli effetti benefici dei raggi solari sono più che conosciuti, e sono: la produzione di vitamina D nel nostro corpo, l’aumento di cellule anti-batteri (fagociti), il rafforzamento degli enzimi di difesa, l’aumento dell’attività degli ormoni, delle ghiandole surrenali e sessuali, ecc. Certamente è importante però seguire alcune regole fondamentali e precauzionali per evitare i danni del colpo di sole.

7) Infine, possiamo constatare gli effetti positivi dal punto di vista psicologico e sociale. Infatti, eliminato qualsiasi artificio e copertura, il nostro corpo si presenterà agli altri così come natura l’ha fatto; sarà inevitabile volerci “presentare bene”, il che significa curare il nostro corpo nel suo aspetto estetico-salutista (il giusto peso-forma, la cura dei dettagli, un portamento eretto ed elegante, una depilazione accurata, ecc.). Tutto ciò aumenterà l’autostima e ci permetterà di presentarci agli altri più sicure e sicuramente con meno inibizioni.

Spulciando il Web, potete trovare molti siti sul naturismo e sul nudismo.
Qui vorrei segnalarne due:  Associazione Naturistica Italiana  http://www.naturismoanita.it/ e Club Naturismo http://www.clubnaturismo.org/