Categorie
Lavoro

Inps: online gli incentivi per l’assunzione di donne e over 50

L’Inps, col il messaggio n. 12212 del 29 luglio 2013, informa che a decorrere da oggi, 30 luglio 2013, è disponibile online il modulo 92-2012 per la comunicazione finalizzata alla fruizione delle agevolazioni contributive su assunzioni di over 50 e donne di ogni età. Il modulo si trova nel Cassetto previdenziale aziende ed aziende agricole.

L’incentivo previsto è pari alla riduzione del 50% di contributi previdenziali dovuti all’Inps e assicurativi dovuti all’Inail dai datori di lavoro. Le assunzioni con contratto di lavoro subordinato, di lavoratori ultracinquantenni disoccupati da oltre dodici mesi, e di donne di qualsiasi età, disoccupate da almeno 24 mesi oppure da 6 mesi e residenti in aree svantaggiate.incentivo assunzione donne

Già la scorsa settimana, l’Inps aveva comunicato, con la circolare n. 111 del 24 Luglio, l’area di applicazione degli incentivi all’assunzione spettanti per coloro che assumono le seguenti categorie di lavoratori:

  • uomini o donne con almeno cinquant’anni di età e “disoccupati da oltre dodici mesi”;
  • donne di qualsiasi età, residenti in aree svantaggiate e “prive di un impiego regolarmente retribuito  da almeno sei mesi”;
  • donne di qualsiasi età, con una professione o di un settore economico caratterizzati da un’accentuata disparità occupazionale di genere e “prive di un impiego regolarmente retribuito  da almeno sei mesi”;
  • donne di qualsiasi età,  ovunque residenti e “prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno ventiquattro mesi”.

La nozione di lavoratore “privo di un impiego regolarmente retribuito” è stata  definita dal decreto del Ministero del lavoro  e delle politiche sociali del 20 marzo 2013 ed è stata ora chiarita – con particolare riferimento all’incentivo previsto dalla legge 92/2012 – dal Ministero stesso, mediante la circolare n. 34 del 25 luglio 2013

In sintesi – in conformità al decreto ed ai chiarimenti ministeriali – deve essere qualificata priva di impiego regolarmente retribuito la donna che, nel periodo considerato (sei o ventiquattro mesi):

  • non ha svolto attività lavorativa in attuazione di un rapporto di lavoro subordinato di durata pari o superiore a sei mesi;
  • né ha svolto attività lavorativa autonoma (compresa la collaborazione coordinata e continuativa  e a progetto) dalla quale derivi un reddito pari o superiore al reddito minimo personale annuale escluso da imposizione fiscale (Euro 8.000 per i redditi da lavoro dipendente o fiscalmente assimilati, Euro 4.800 per i redditi da impresa o derivanti dall’esercizio di professioni).
Categorie
Programmi TV

Assunzione in diretta a Domenica Live: tutto costruito a tavolino

Domenica scorsa vi abbiamo parlato della “carrambata” durante il programma condotto da Barbara D’Urso, Domenica Live, che ha riacceso la speranza in uomo di Padova, padre di 5 figli, che tramite una telefonata ha ricevuto un’assunzione da un “buon samaritano”; oggi, purtroppo, ci tocca dirvi che pare fosse stato costruito tutto a tavolino!

Ricapitoliamo un attimo la vicenda per chi non ha visto la puntata e non ha letto da nessuna parte la notizia. Massimo Amistà è un uomo di Padova, di 37 anni, con 5 figli e disoccupato da 3 anni e durante la diretta pomeridiana della domenica di Barbara D’Urso lamenta disperatamente la sua situazione, spiegando che non sa più come mandare avanti la sua famiglia.

Ad un certo punto il colpo di scena! Barbara annuncia una telefonata molto importante: a chiamare è Marco Maniero, un imprenditore delle provincia di Padova, che commosso dalla storia appena sentita in tv, dice a Massimo che il mattino seguente poteva recarsi direttamente a lavorare nella sua impresa.

Domenica Live assunzione in direttaPartono nello studio applausi, gioia, commenti, con un Liguori che sottolinea la bontà dell’uomo italiano. A distanza di qualche giorno, però, ecco che la genuinità dell’episodio si sgretola e si scopre che il tutto era già architettato (come tantissime persone avevano già immaginato).

Partiamo con il dirvi che i due signori protagonisti della vicenda non erano due attori, ma veramente un imprenditore e un uomo con 5 figli in cerca di lavoro; quello su cui c’è da ridire è infatti la “carrambata”. Sono stati proprio Massimo Amistà e Marco Maniero a lasciar trapelare la notizia; quest’ultimo, infatti, ha rivelato al Corriere del Veneto:

“Una troupe di Canale 5 insieme a Massimo è venuta a trovarmi in azienda mercoledì scorso. Noi avevano bisogno di manovalanza e allora ho pensato “perché no? Ho anche deciso di estendere il contratto iniziale da uno a tre mesi per dare fiducia a quest’uomo”.

Anche il signor Amistà avrebbe confermato le rivelazioni, spiegando:

“Sono entrato in contatto casualmente con Canale. Ho raccontato la mia storia e poi loro mi sono venuti a prendere a casa e mi hanno portato in giro per negozi e aziende della zona alla ricerca di lavoro. Dopo due ore avevo trovato questo impiego”.

Eh eh Barbara… non dirci che tu di tutto ciò non ne sapevi niente!