Categorie
Musica & Spettacolo

Nasce ad Eboli l’Accademia della Televisione e dello Spettacolo

Si terrà venerdì prossimo, 11 ottobre, in mattinata presso la Sala Giunta di Palazzo Sant’Agostino a Salerno la presentazione della sede di Eboli dell’Accademia della Televisione e dello Spettacolo.

L’istituto, meglio conosciuto come DEPSA, sotto la Direzione del Maestro Salvatore De Pasquale, accoglierà studenti da tutto il Sud Italia i quali avranno a disposizione, per il loro studi su tv e spettacolo, l’esperienza trentennale del loro Direttore.

A presiedere la conferenza stampa di presentazione del progetto ci saranno tutte le figure istituzionali della zona: il Presidente della Provincia di Salerno Antonio Iannone, , il Sindaco di Eboli Martino Melchionda, il Presidente della Commissione Provinciale Lavoro, Formazione e Pari opportunità Massimo Cariello, l’assessore alla Cultura del Comune di Eboli Liberato Martucciello, il direttore artistico dell’Evoli Festival e Presidente di Asso Music Art Claudio D’Eboli, il coordinatore dell’ Evoli Festival Tommaso Bergamo e il maestro Salvatore De Pasquale “DEPSA”.accademia televisione e spettacolo

Il Direttore del prossimo Istituto, De Pasquale, dichiara: “L’idea di una ‘accademia’ che raccoglie allievi del Sud Italia nasce dalla volontà di dare la possibilità ai tanti giovani che amano lo spettacolo di acquisire le giuste competenze per lavorare in televisione oppure dietro le quinte come redattore, addetto alla produzione e autore”.

L’iniziativa, oltre a creare competenze, potrebbe essere anche un interessante polo culturale per il Sud Italia, purtroppo (non è solo un luogo comune) ancora troppo lontano da uno sviluppo che possa consentire a tutti i giovani che vi nascono e i crescono di coltivare i propri sogni “in loco”. Della stessa opinione è il patron dell’Evoli Festival Claudio D’Eboli: “Si tratta di un progetto che intende porsi come un vero e proprio trampolino di lancio per i tanti giovani interessati seriamente a voler intraprendere e lavorare nel mondo dello spettacolo.”

Categorie
Musica & Spettacolo

Wind Music Awards 2013: ecco il programma completo con artisti e ospiti!

Anche quest’anno Carlo Conti e Vanessa Incontrada presenteranno la cerimonia di premiazione dei Wind Music Awards 2013. E’ stata resa nota oggi la scaletta dell’evento che si terrà il prossimo 3 giungo presso “Il Centrale Live” Foro Italico di Roma e sembra che quest’anno verranno accontentati i gusti di tutti.

Biagio Antonacc, Mario Biondi, Club Dogo, Francesco De Gregori, Tiziano Ferro, Max Gazzè, Gianna Nannini, Max Pezzali, Eros Ramazzotti e Antonello Venditti i nomi più “nobili”, ai quali si associano i tanti volti da talent che la nostra discografia ha imparato ad amare: Malika Ayane, Emis Killa, Emma, Fedez, Chiara Galiazzo (accompagnata dall’ospite d’eccezione Fiorella Mannoia), Marco Mengoni, Modà. Un parterre di ospiti davvero di prima scelta, al quale si aggiunge Ligabue, che ritirerà insieme ad altri colleghi, il premio per il quadruplo cd/doppio dvd “Italia Loves Emilia – Il Concerto”.

Presenti sul palco romano anche tre ospiti internazionali: Jamie Cullum e Olly Murs, vincitori di X Factor UK e apripista per il tour europeo di Robbie Williams, e i Bastille, che stanno spopolando in tutta Europa con il loro singolo Pompeii.

Oltre al concorso ufficiale però è partito anche , on line, wind music awards 2013il contest Wind Music Awards Next Generation, grazie al quale 10 giovani artisti potranno esibirsi sul palco insieme ai grandi. I 10 fortunati sono: Daniel Adomako, Niccolò Agliardi & Bianca Atzei, Caponord, Marco Castelluzzo, Arianna Cleri, Coez, Donatella, Erica Mou, Le Rivoltelle e Renzo Rubino. A decretare il vincitore tra di loro sarà il pubblico che potrà votare il suo giovane preferito su www.windmusicawards.it.

I Wind Music Awards sono promossi dalle Associazioni del Settore Discografico AFI, FIMI e PMI realizzati da F&P Group con la Ballandi Entertainment. La radio Rtl 102.5 è anche quest’anno partner ufficiale e trasmetterà la diretta radio dell’evento.

Categorie
Musica & Spettacolo

Concerto Primo Maggio: Geppi Cucciari la conduttrice. Nicola Piovani ospite d’onore

Uno degli eventi più attesi d’Italia, soprattutto da migliaia di giovani di tutta la Penisola, è senza ombra di dubbio il concertone del Primo Maggio, che rinnova il suo appuntamento a Roma ormai dal 1990.

L’evento organizzato ogni anno da Cgil, Cisl e Uil, tornerà tra poco meno di un mese, portando nella capitale italiana centinaia di migliaia di persone e iniziano a puntare i primi nomi presenti sul palco.

Svelato il nome della conduttrice del concerto, che sarà ancora una volta un personaggio proveniente dal mondo del cabaret, ovvero Geppi Cucciari. Dopo Claudio Bisio, Neri Marcorè, Paola Cortellesi, si continua, infatti, sulla scia dei comici/cabarettisti.  Sulla conduzione della Cucciari l’organizzatore Marco Godano ha espresso durante una conferenza  stampa il suo entusiasmo, dichiarando:

Concerto primo maggio“La conduzione di Geppi ci fa felici perché la volevamo da un po’ e perché ha in mente una conduzione molto virata al sociale, con ospiti che aiuteranno a parlare di vari temi caldi, a partire dal lavoro”.

Per quanto riguarda, invece, gli artisti che saliranno sul palco, molto è ancora da definire; a parte l’apertura dell’evento con l’Inno di Mameli suonato da un’orchestra di 100 violoncelli, è stata annunciata la presenza del rapper, disco d’oro con il suo ultimo album Guerra e Pace, Fabri Fibra.

Altra presenza certa è quella del pianista, compositore e direttore d’orchestra italiano, Nicola Piovani, vincitore del premio Oscar nel 1999 per le musiche di La vita è bella.

Il filo conduttore del concerto di quest’anno, ha spiegato Godano, sarà “Musica per il nuovo mondo. Spazi, radici, frontiere”. Garantito, inoltre, un tributo agli scomparsi Enzo Jannacci e Lucio Dalla e, crediamo, anche a Franco Califano.

Categorie
Cinema

Golden Globe 2013: ecco gli artisti e i film premiati

La chiamano season awards la stagione dei premi Oltreoceano e davvero quello che stiamo attraversando (il periodo tra dicembre e gennaio) è un tempo caldissimo per il mondo dello spettacolo.

In attesa della sua grande conclusione il prossimo 25 febbraio con la Notte degli Oscar, ecco che piano piano cominciano a fioccare i premi e infatti ieri si è tenuta la tradizionale cena di Gala dell’HFPA (Hollywood Foreign Press Association) che assegna i premi della stampa estera al mondo del cinema e della TV americana.

Il vincitore assoluto, e inaspettato, della serata è Ben Affleck che porta a casa due dei riconoscimenti più importanti, quello al miglior film Argo, e quello alla migliore regia, battendo nomi del calibro di Steven Spielberg, Katherine Bigelow, Quentin Tarantino e Ang Lee. Il buon Tarantino dal canto suo se ne torna a casa soddisfatto, avendo vinto invece il globo per la migliore sceneggiatura di Django Unchained, premio che mette d’accordo tutti.

A trionfare nella categoria miglior film commedia o musical è stato invece Les Misérables, una vittoria questa annunciata, che difficilmente si ripeterà agli Oscar ma che fa gioire chiunque abbia già visto e amato questo film epico.

Ma il vero cuore delle premiazioni sono golden globes 2012state le proclamazioni dei migliori attori, e così andiamo a vedere chi ha vinto e chi ha perso. Prima le signore, e prima Anne Hathaway che ha portato a casa uno scontato e strameritato golden globe per la miglior attrice non protagonista. Anne ha vinto per la sua straordinaria interpretazione di Fantine in Les Misérables, ruolo che anche sua madre aveva interpretato a teatro anni prima.

Per le categorie miglior attrice drammatica e in una commedia o musical hanno vinto invece Jessica Chastain e Jennifer Lawrence. Entrambi i premi erano annunciati: la Chastain ha attraversato due anni cinematografici in cui non ha sbagliato un film, regalando sempre ottime performance; la Lawrence conferma il suo talento con la promessa di diventare una grande attrice.

Anche per i migliori attori i giochi erano quasi fatti, se non fosse stato per Christoph Watls che ha strappato di mano il premio al miglior non protagonista a Tommy Lee Jones. L’attore ha vinto il suo secondo Golden Globe e ha portato a casa un grande successo.

Per i protagonisti invece le cose sono andate come dovevano: Daniel Day Lewis ha vinto per la categoria miglior attore drammatico per la sua immensa performance in Lincoln, mentre Hugh Jackman ha strameritato il premio per il miglior attore in un film comico o musical per Les Misérables, con un visibile disappunto da parte di Bradley Cooper, che era candidato nella stessa categoria per Il Lato Positivo – Silver Lining Playbook.

Scandalosamente ignorato, ancora una volta, Leonardo DiCaprio!

Per quanto riguarda invece i premiati del piccolo schermo trionfano Girls, Homeland e il film tv Game Change.