Categorie
Musica & Spettacolo

Arriva il nuovo singolo di Adriano Celentano: Io non ricordo (da quel giorno tu)

E’ stata una bella sorpresa quella che Adriano Celentano ha fatto ai suoi fan il giorno di Ognissanti. Si intitola infatti “Io non ricordo (da quel giorno tu)” il suo nuovo singolo, inaspettato, che è da oggi in rotazione radiofonica e in vendita in tutti gli store digitali. Elemento ancora più sorprendente è la collaborazione che Celentano ha portato avanti con Giuliano Sangiorgi, autore del brano in questione eseguito per intero proprio dai Negramaro.

Questo passo suggella una collaborazione, e anche un’attestazione di stima, tra la band salentina e il Celentano nazionale, che un tempo amava farsi chiamare “il re degli ignoranti”. Il brano, un testo nebbioso, malinconico, triste per alcuni aspetti, con forti riferimenti all’attualità anticipa un box, “Adriano”, che sarà composto da quattro dischi, dei quali uno sarà un live, e tre saranno best of, corredati dallo Special Collection Book di 68 pagine.

Celentano quindi si prepara a tornare sotto i riflettori, complice anche uno speciale tv di Canale 5 che andrà in onda a dicembre, forse a metà mese, e sarà una sorta di rielaborazione di Rock Economy, il megashow che Celentano ha presentato in due sere all’Arena di Verona l’anno scorso con il tutto esaurito.

Ma non finisce qui. Adriano Celentano riecheggerà anche Adriano_Celentano_saluta_LittleTonynella splendida rielaborazione di “Svalutation” ad opera di Raphael Gualazzi nel suo nuovo “Rainbows”.

La scelta di Gualazzi è quanto meno coraggiosa, considerando che quel brano, negli anni Settanta, divenne uno slogan simbolico, oltre ad essere caratterizzante dello stile personalissimo di Celentano stesso. L’esito è decisamente interessante, perché Gualazzi lo ha fatto nel migliore dei modi, cioè nel suo modo, e così speriamo che anche Celentano ne possa essere soddisfatto.

 

Categorie
Musica & Spettacolo

Adriano Celentano saluta dal suo blog l’amico Little Tony

Domani a Roma si terranno i funerali di Little Tony, il cantante italiano ben noto nel mondo, scomparso tristemente lunedì scorso.

Si sono susseguiti i messaggi di cordoglio e di addio per l’amatissimo cantante che ha saputo nel tempo adattarsi anche alla musica che cambiava, ma oggi arriva forse il saluto più accorato, quello che si aspettava da subito e che forse ha richiesto grande forza da parte di chi, amico intimo di Tony, ne ha condiviso il successo e la notorietà.

Adriano_Celentano_saluta_LittleTonyAdriano Celentano ha scritto sul suo blog questa mattina, salutando il caro amico Antonio Ciacci, con cui condivise tanti anni fa quel secondo posto al Festival di Sanremo grazie a “Ventiquattromila baci”, una hit senza tempo che rivoluzionò per sempre la musica italiana. “Caro Tony, Siamo stati i primi a onorare il Rock in Italia”, esordisce così Celentano in un messaggio che, strano a dirsi, è colmo di gioia, colmo di fede e di una serenità che si ha solo quando si percepisce la morte come un passaggio ad altri “LIDI”, come li chiama l’Adriano nazionale. Un messaggio in cui il vero soggetto è la musica, quella compagna così possessiva e bella, emozionante e passionale, un amore che se ti lusinga per una volta continuerà ad averti schiavo per tutta la vita. Ecco il messaggio con cui Adriano Celentano ha salutato il suo amico Tony:

Caro Tony, Siamo stati i primi a onorare il Rock in Italia. E io invidiavo tuo fratello Enrico per la sua abilità nel suonare la chitarra e soprattutto per il Sound che ha sempre avuto nei suoi assoli, nulla da invidiare agli americani. Ma nei meravigliosi LIDI, dove ora stai scorrazzando avrai tutto il tempo, la GIOVINEZZA, che mai tramonta, e soprattutto la bellezza (di cui già qui sulla terra non scherzavi) per affinarti in un Rock superiore che fra le “tribolazioni terrene” non è dato ad alcuno di conoscere e che da LASSU’ invece, è tutta un’altra STORIA! Una storia che non si può raccontare perché, se dovessimo, anche solo per un attimo, vederne lo splendore, il nostro cuore, per quanto “matto”, non reggerebbe all’impatto di tale bellezza e ne moriremmo di GIOIA! Quella Gioia che si può conoscere solo dove ora vivi tu! Ciao Amico!