Categorie
Cinema

Le Iene: dopo la storia di Sara e l’anoressia, l’approfondimento con un esperto

Ieri, domenica 27 gennaio, nella puntata de Le Iene si è affrontato nuovamente un tema molto importante: quello dell’anoressia.

Dopo il servizio della scorsa settimana, in cui Silvia Toffa aveva affrontato l’argomento narrando la storia di Sara, morta di anoressia qualche mese fa, l’inviata ritorna su questo tema da un punto di vista più tecnico.

Con lei c’era il dottor Stefano Erzegovesi, psichiatra specializzato nei disturbi alimentari e responsabile al Centro disturbi alimentari Villa Turro. Ma come mai questo secondo servizio? L’approfondimento è derivato da una serie di domande arrivate alla redazione de Le Iene via mail, in cui molte persone chiedevano maggiori dettagli sulla malattia, su come individuarla e su quale sia il modo migliore per affrontarla.

Una dimostrazione di come, ancora una volta, sia fondamentale parlare di più di anoressia e di quanto sia grande la disinformazione a riguardo.

Noi ci sentiamo di fare davvero un grande anoressia le iene toffa 27 gennaio storia saraplauso a Silvia Toffa e alla trasmissione de Le Iene, perché questi servizi non solo portano alla luce storie che altrimenti rimarrebbero nel dimenticatoio (la storia di Sara), ma fanno anche il modo di far capire alle tante ragazze affette da questa complicata malattia quanto sia importante farsi aiutare e non restare da sole.

Di seguito vi inseriamo il link al video del servizio andato in onda ieri sera:

Le Iene: servizio di Silvia Toffa sull’anoressia

Categorie
Cinema

Falsa beneficenza per bambini: truffa svelata dalle Iene?

Ci sono servizi de Le Iene (trasmissione di Italia 1) che non si vorrebbero vedere. Non perchè Le Iene non siano brave, tutt’altro… ma probabilmente perchè lo sono così tanto da riuscire a svelare le truffe più assurde e che ci lasciano basiti e increduli.

E’ questo il caso di una falsa associazione, a quanto sembrerebbe, che davanti a dei parcheggi chiedeva soldi per aiutare bambini disabili.

Dopo le indagini e le insistenti domande della Iena che aveva condotto il servizio, le persone interessate (e che riprese dalle telecamere cercavano soldi per i presunti bambini disabili) hanno cominciato ad agitarsi e a reagire malamente. Pochi attimi e delle altre persone si vedono spuntare da dei cespugli per aggredire Le Iene.

Siamo davvero sconcertate nel vedere come le iene servizio truffa bambini 27 gennaiocerte persone possano inventare storie assurde per estorcere denaro ai passanti. Mettere in mezzo la salute dei bambini (o altre persone in generale) è davvero ignobile; e se davvero il caso indicato dalle Iene fosse comprovato da un’indagine delle forze dell’ordine, ci sarebbe da chiedersi in che posto viviamo.

Del resto, però, non sarebbe la prima volta. Già un anno fa Le Iene avevano smascherato una truffa simile.

Quindi grazie Iene e continuate così! Certe nefandezze vanno svelate e urlate ad alta voce!