PinkDNA

Gossip

Selvaggia Lucarelli: Corona vende farfallina di Belen a Yamamay

Torniamo a parlare di uno dei personaggi più chiacchierati del momento, cioè di Fabrizio Corona, che come ben sappiamo da un po’ di tempo sta scontando in carcere la sua condanna a 7 anni di reclusione.

A quanto pare il senso degli affari dell’ex paparazzo continua a non deludere, ma anzi, per quel che è possibile. sta rendendo ancora di più proprio ora che Fabrizio è in prigione e a farcelo notare e la bella blogger Selvaggia Lucarelli.

Ricordate che Corona l’anno scorso, poco dopo Sanremo, ha registrato come marchio la “farfallina” di Belen? Come dimenticarlo! La cosa creò non poche polemiche e anche litigi tra Fabrizio e la sua ex compagna. Pare, però, che ora l’ex paparazzo ne stia godendo i benefici visto che avrebbe venduto il marchio a Yamamay per una cifra intorno ai 150 mila euro.

Fabrizio Corona farfallina BelenA rivelare l’indiscrezione, come già vi ho accennato, è stata la Lucarelli e, ancora una volta, tramite la sua pagina Facebook. La blogger ha postato:

“Io non vorrei dire nulla, ma da quando Corona è dentro, gli affari gli vanno meglio. La farfallina di Belen, il famoso marchio che lui registrò dopo il Festival di Sanremo e per cui litigò con Belen, è stato venduto a Yamamay. (la licenza) A una cifra, pare, intorno ai 150mila euro. Borse e forse costumi, testimonial Nargi, Caracciolo e Fioretti. Chissà che marchio registrerà in carcere. Mi aspetto il coltellino di Donato Bilancia sui boxer con elastico da un momento all’altro”.

Beh, se così fosse, non possiamo che darle ragione!

 

1 Comment

Lory Ronzoni

26 Maggio 2013

Ci vuole poco cervello e 0 sensibilità a fare l'uscita che ha fatto la Lucarelli…penso che Corona abbia, se non la sensibilità, almeno il cervello the non pensare neanche lontanamente ad arrivare a creare in marchio che riguardi Bilancia o altri pazzi criminali.Dalla farfallina arrivare a Bilancia! Fatti visitare Lucarelli..

Reply

Lascia un commento

Your email address will not be published.
*
*