Categorie
Arte e Cultura

Scoperto da un satellite italiano un acceleratore di particelle

L’Agenzia Spaziale Italiana (Asi), l’Istituto Nazionale di Astro Fisica (Inaf) e l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) riferiscono che il satellite italiano Agile (Astrorivelatore Gamma ad Immagini ultra Leggero) ha scoperto nella nostra galassia un acceleratore di particelle cosmico.

spazioI dati raccolti da Agile «risolvono il problema di identificare in modo chiaro una sorgente di raggi cosmici di alta energia». Questi raggi sono particelle di alta energia che colpiscono violentemente e costantemente il nostro pianeta dall’universo più profondo. Attraverso i dati forniti dal satellite italiano Agile relativi a numerose supernove (stelle morenti), i ricercatori hanno osservato che i dati relativi alla supernova W44 fondano l’ipotesi dell’acceleratore di particelle. «Da molto tempo si supponeva la generazione di protoni ad alte energie associati a questo tipo di fenomeni, ma non era mai stato osservato prima e oggi grazie a Agile ne abbiamo conferma», ha spiegato il responsabile scientifico dell’Asi, Enrico Flamini.

Ma gran parte del merito della scoperta va al satellite, esemplare eccelso di ingegneria aerospaziale a basso budget, che ha riconosciuto la “firma” inequivocabile dell’esistenza di protoni accelerati che impattano sulla materia circostante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *