close

Saldo IMU: lunedì 17 scade l’ultima rata. Berlusconi: “Pronto ddl per abolirla”

Domani, 17 dicembre, scade la seconda (o terza, nel caso in cui abbiano optato per questo ulteriore passaggio, i possessori di immobile adibito ad abitazione principale) rata dell’IMU, Imposta Municipale Unificata.

Ormai le aliquote sono chiare, la maggior parte dei Comuni ha pensato di innalzare le soglie per gli immobili a disposizione, alcuni dei quali hanno del tutto raddoppiato l’imposta. Per la prima casa, invece è rimasto tutto piuttosto stabile, anzi, ci sono casi in cui dall’iniziale 4% si è ridotto al 3,5%.

Il pagamento si effettua in Banca o in Posta (o per i possessori di conto online, è possibile saldare l’imposta anche tramite home banking) col modello F24. L’abitazione principale col codice tributo 3912, le altre case con i codici 3918 e 3919, quote per Municipio e Stato.

Ovviamente, se per il versamento dell’acconto, avvenuto nel mese di giugno scorso, le quote per Comune e Stato erano uguali, adesso, con l’adeguamento delle aliquote municipali, va effettuato il ricalcolo sull’intera rendita catastale, poi sottratta la parte già versata in sede di acconto per il codice 3918. Quindi riportare in F24 la quota statale uguale all’acconto già versato e la rimanente parte nelle casse del Comune in cui  è ubicato l’immobile.

Gli italiani hanno fatto un grosso sacrificio quest’anno, con la reintroduzione dell’imposta municipale hanno tolto parte del loro patrimonio per coprire questo debito, e sebbene sia stata necessaria visto il periodo di profonda crisi economica che ha investito l’Italia e l’Europa in generale, c’è qualcuno (più di uno) che non è affatto d’accordo. Uno per tutti, l’ex premier Silvio Berlusconi.

L’IMU va assolutamente abolita perché è una patrimoniale sulla prima casa“. Così ha esordito il presidente Berlusconi intervenendo a Domenica live, lo ha garantito davanti le telecamere e per rafforzare la sua tesi, ha detto di avere già pronto un disegno di legge atto ad eliminare l’IMU e a far ritrovare la stessa cifra che recupera l’imposta sugli immobili, attraverso altre strade meno gravose per le tasche degli italiani.

Tag:, , , , , ,

No Comments

Partecipa alla discussione

Story Page